Archivio della Categoria 'Lunario'

Paul Feyerabend ed il metodo “anarchico” nella ricerca scientifica

Lunario Paolo D'Arpini 28 settembre 2016

Paul Feyerabend filosofo austriaco, poi immigrato negli USA, già allievo di Karl Popper e vicino inizialmente alle tematiche della importante scuola filosofica, nota come Circolo di Vienna, sosteneva che nella ricerca scientifica deve valere il principio dell’anarchia del metodo di ricerca.

In altre parole: mentre i grandi scienziati dell’era moderna, come Galilei e Newton, avevano seguito il metodo sperimentale, indicato anche da filosofi empiristi come Bacone e Locke; mentre i filosofi francesi del ‘600, come Cartesio e Pascal, avevano indicato un metodo di tipo logico-matematico; mentre i moderni filosofi della corrente “empirista logica”, come Bertrand Russel, avevano indicato un metodo di indagine che privilegiasse la logica su una base sperimentale; mentre analoghe ricerche venivano fatte dai filosofi del Circolo di Vienna e Wittgenstein, Fayerabend indica la strada di una sostanziale mancanza di metodo.

Ne consegue che non vi alcun motivo per scartare a priori la fisica di Aristotele rispetto a quella di Galilei e Newton, che i miti e la teologia devono essere messi sullo stesso piano delle teorie definite “scientifiche”, che bisogna rinunciare a metodi basati esclusivamente sulla ragione.

Qualcosa di simile aveva detto anche il suo maestro Popper (anche se le posizioni dei due poi si allontanarono). Entrambi erano due liberali fortemente anticomunisti, e tentati da teorie tendenti all’irrazionalismo.

Forse l’affermazione che mi ha maggiormente colpito è quella secondo cui la teoria dell’evoluzione di Darwin va messa sullo stesso piano delle teorie religiose creazioniste, che dovrebbero anch’esse essere insegnate nelle scuole con pari dignità. Questo, in effetti, succede ancora nei “modernissimi” Stati Uniti d’America.

Chi scrive pensa che la fisica di Aristotele sia un cadavere ingombrante che ha rischiato di bloccare la ricerca scientifica per due millenni, e, a chi spaccia ancora teorie su un mitico “creatore” , citerebbe l’affermazione del grande filosofo naturalista della scuola di Mileto, Anassimandro, che già sei secoli prima di Cristo diceva che tutti i fenomeni naturali trovano la loro spiegazione nella natura stessa(1).

La rivoluzione scientifica attuata da Darwin è stata una di quelle che nella storia ha causato una delle più grandi rivoluzioni nel modo di pensare dell’umanità, dello stesso livello, o forse anche superiore, alla rivoluzione operata da Copernico, Galilei e Newton. Anche Marx se ne rese conto e si offrì di scrivere una dedica alla grande opera di Darwin, “L’Evoluzione della Specie”. Darwin, imbarazzato, preferì declinare l’offerta per la sua tranquillità e per non provocare ulteriori polemiche.

Era conscio del carattere rivoluzionario del Darwinismo anche un grande biologo come l’inglese Richard Dawkins, famoso per il discusso libro “Il Gene egoista”(2), in cui afferma che il corpo animale non è altro che una macchina ed un involucro che serve ad assicurare la conservazione e l’evoluzione dei geni che caratterizzano la specie umana e quelle animali. Non è casuale che Dawkins sia anche un razionalista ed un ateo militante, autore di un libro pieno di ironia e buon senso: “L’Illusione di Dio”(3), in cui ridicolizza i miti religiosi ed invita gli atei a non nascondersi e a lottare per le proprie idee.

Mauro Cristaldi, evoluzionista convinto, professore di Anatomia Comparata all’università La Sapienza di Roma, si pone anch’egli nella scia di Darwin e Dawkins, ed è stato anche lui un lucido ed irriducibile combattente a sostegno della ragione, del metodo scientifico, delle sue idee comuniste, della prospettiva di un mondo migliore, dove lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e la guerra non trovassero più spazio ed accoglienza. La sua militanza nel gruppo “Scienziati contro la Guerra”, il suo impegno contro le guerre imperialiste in Jugoslavia, Iraq, Afghanistan, Libia, Siria, già ricordata da molti altri prima di me, lo testimonia.
Onore a Mauro, alla sua lucidità, ed a tutti coloro che si sono battuti per la ragione ed un mondo nuovo.

Vincenzo Brandi

(1)Carlo Rovelli, “Cos’è la Scienza: la Rivoluzione di Anassimandro”, Mondadori
(2)Richard Dawkins, “Il Gene egoista”, Mondadori
(3)Richard Dawkins, “L’Illusione di Dio”, Mondadori

Commenti disabilitati

Viaggio nel Bardo… La morte è solo un’allucinazione

Lunario Paolo D'Arpini 23 settembre 2016

Un’esperienza psichedelica è un viaggio in nuovi reami della
coscienza. Lo scopo e il contenuto dell’esperienza sono illimitati, ma
le sue rappresentazioni caratteristiche sono la trascendenza dei
concetti verbali, delle dimensioni spazio-tempo, e dell’ego o
identità. Queste esperienze di coscienza espansa possono avvenire in
una varietà di modi: privazione sensoriale, esercizi yoga, discipline
di meditazione, estasi mistiche religiose o estetiche, oppure
spontaneamente. Più di recente, esse sono divenute disponibili a
chiunque, attraverso l’ingestione di certe sostanze psichedeliche come
LSD, psilocibina, mescalina, DMT, ecc. [Qui si asserisce una
situazione più o meno virtuale, e non reale, presente nel 1964. Negli
Stati Uniti le droghe psichedeliche sono classificate come droghe
"sperimentali". Cioè, esse non sono disponibili in base a
prescrizione, ma solamente per investigatori qualificati. La Federal
Food and Drug Administration ha definito come "investigatori
qualificati" quegli psichiatri che lavorano in una struttura
ospedaliera di cure mentali, la cui ricerca è patrocinata da agenzie
statali o federali.]

Naturalmente, una dose di droga non produce l’esperienza trascendente.
Essa agisce soltanto come una chiave chimica – apre la mente, libera
il sistema nervoso dalle sue strutture e modelli ordinari. La natura
dell’esperienza dipende quasi totalmente dalla quantità e dalla
disposizione. La disposizione denota la preparazione dell’individuo,
inclusa la sua struttura di personalità ed il suo umore del momento.
Poi, c’è l’ambientazione fisica – il tempo, l’atmosfera della stanza;
- le sensazioni sociali delle persone presenti, l’un verso l’altro; e
culturali – i prevalenti punti di vista riguardo a ciò che è reale. È
per questa ragione che i manuali o libri-guida sono necessari. Il loro
scopo è di abilitare una persona a capire le nuove realtà della
coscienza espansa, e servire come mappe per i nuovi territori
interiori che la scienza moderna ha reso accessibile.

Esploratori diversi disegnano mappe diverse. Tutti gli altri manuali
potranno essere scritti in base a modelli diversi – scientifico,
estetico, terapeutico. Il modello Tibetano su cui è basato questo
manuale, è progettato per istruire la persona a dirigere e controllare
la consapevolezza in modo tale da giungere a quel livello di
comprensione variamente chiamata liberazione, o anche illuminazione.
Se si legge il manuale diverse volte prima che sia tentata una
sessione, e se là vi è una persona fidata a ricordare e rinfrescare la
memoria del viaggiatore durante l’esperienza, la coscienza sarà
liberata dai giochi che comprendono la “personalità” e dalle
allucinazioni positivo-negative che spesso accompagnano gli stati di
consapevolezza espansa. Il Libro Tibetano dei Morti fu chiamato nella
sua propria lingua il ‘Bardo Thodrol’ che significa “La Liberazione
nell’Udire il Livello Dopo-la-Morte”. Il libro enfatizza continuamente
che la coscienza libera deve solo ascoltare e ricordare gli
insegnamenti per essere definitivamente liberata.

Il Libro Tibetano dei Morti è presumibilmente un libro che descrive le
esperienze che bisogna aspettarsi al momento della morte, durante una
fase intermedia che dura quaranta-nove (sette volte sette) giorni, e
durante la rinascita in un altra struttura corporea. Tuttavia questa è
solo la struttura essoterica che i Buddisti Tibetani usavano per
nascondere i loro insegnamenti mistico-esoterici. Il linguaggio e il
simbolismo dei rituali di morte del Bon, la tradizionale religione
pre-buddista Tibetana, furono abilmente mescolati con concezioni
buddiste. Il significato esoterico, come è stato interpretato in
questo manuale, è che la morte e la rinascita che è descritta non è
quella del corpo. Lama Govinda indica chiaramente questo nella sua
introduzione quando lui scrive: “È un libro per chi vive, tanto più
per chi muore”. Il significato esoterico del libro è spesso celato
sotto diversi strati di simbolismo. Non fu inteso per una lettura
generale. Esso fu progettato per essere compreso solo da chi doveva
essere iniziato personalmente da un guru nelle dottrine mistiche
buddiste, nell’esperienza ‘pre-mortem-morte-rinascita’. Queste
dottrine sono state tenute strettamente protette e segrete per molti
secoli, per tema che un’applicazione ingenua o spensierata facesse
danni. Nel tradurre tale testo esoterico, perciò vi sono due passi:
uno, la traduzione del testo originale in Inglese; e due,
l’interpretazione pratica del testo per il suo uso. Nel pubblicare
questa interpretazione per l’uso nella sessione di droghe
psichedeliche, noi stamo in un certo senso rompendo la tradizione
della segretezza, e quindi contravvenendo agli insegnamenti dei
Lama-guru.

Comunque, questo passo è giustificato dal fatto che il manuale non
sarà capito da chiunque non abbia avuto un’esperienza di
coscienza-espansa, e che vi sono segni che gli stessi Lama, dopo la
loro recente diaspora, desiderano rendere i loro insegnamenti
disponibili ad un pubblico più vasto. Seguendo poi il modello
Tibetano, noi distinguiamo tre fasi dell’esperienza psichedelica. La
prima fase (Chikhai Bardo) è quella della totale trascendenza – oltre
le parole, oltre lo spazio-tempo, oltre il sé. Non ci sono visioni,
nessun senso di sé, niente pensieri. C’è solamente pura consapevolezza
e la libertà estatica da ogni gioco e coinvolgimento biologico.
[Questi "Giochi" sono sequenze comportamentali definite da ruoli,
regole, rituali, mète, strategie, valori, lingua, caratteristiche
ubicazioni di spazio-tempo e caratteristici modelli di movimento.
Qualunque comportamento che non abbia queste nove caratteristiche è
non-gioco: questo include i riflessi fisiologici, l’essere spontanei e
la consapevolezza trascendente].

La seconda lunga fase riguarda il ‘sé’, o la realtà dei giochi esterni
(Chonyid Bardo) – nell’acuta e squisita chiarezza o sotto forma di
allucinazioni (apparizioni karmiche). Il periodo finale, o terza fase
(Sidpa Bardo) comporta il ritorno ai giochi di routine della realtà e
del ‘sé’. Per la maggior parte delle persone, il secondo stadio
(estetico o allucinatorio) è il più lungo. Per gli iniziati, il primo
stadio dell’illuminazione dura di più. Per i non-preparati, i
maldestri giocatori di ruolo, per coloro che si aggrappano
ansiosamente al loro ego e per coloro che prendono le droghe in
un’ambiente non idoneo, lo sforzo per riguadagnare la realtà comincia
presto prima e di solito dura fino alla fine della loro sessione.
Queste parole, tuttavia, sono statiche, mentre l’esperienza
psichedelica è fluida ed è sempre in mutamento. Tipicamente, la
coscienza del soggetto scatta con rapide oscillazioni dentro e fuori
questi tre livelli. Lo scopo di questo manuale è abilitare la persona
a riottenere la trascendenza del primo Bardo ed evitare prolungati
intrappolamenti in modelli di giochi allucinatori o dominati dall’ego.

Fondamentali Fiducia e Credenza. Voi dovete essere pronti ad
accettare la possibilità che vi sia una illimitata quantità di
consapevolezza per la quale ora non abbiamo termini con cui indicarla;
quella consapevolezza può espandersi oltre la portata del vostro ego,
il vostro ‘sé’, la vostra identità familiare, oltre tutto ciò che
avete imparato, oltre le vostre nozioni di spazio e tempo, oltre le
differenze che di solito separano le persone l’una dall’altra e dal
mondo circostante.

Dovete ricordare che in tutta la storia umana, milardi di individui
hanno già fatto questo viaggio. Alcuni (che noi chiamiamo mistici,
santi, o buddha) hanno fatto permanere questa esperienza e l’hanno
comunicata ad uomini loro amici. Dovete anche ricordare che
l’esperienza è sicura (al massimo, potrete smettere di essere la
stessa persona che cominciò l’esperienza), e che tutti i pericoli a
cui potrete andare incontro sono non-necessarie produzioni mentali. Se
sperimentate il paradiso o l’inferno, ricordate che è la vostra mente
a crearli entrambi. Evitate di attaccarvi al primo per abbandonare
l’altro. Evitate di imporre i giochi dell’ego sull’esperienza.

Voi dovete tentare di mantenere la fede ed avere fiducia nella
potenzialità del vostro cervello e nel processo della vita vecchio di
miliardi di anni. Lasciando dietro le spalle il vostro ego, voi ed il
vostro cervello non potrete sbagliare. Cercate di ricordarvi di un
amico fidato o di una persona rispettabile che possa servire come
vostra guida e protezione. Abbiate fiducia nella vostra parte divina,
abbiate fiducia nella vostra mente, abbiate fiducia nei vostri
compagni. Nel caso aveste dei dubbi, spegnete la vostra mente,
rilassatevi, siate calmi nel flusso.

Dopo aver letto questa guida, la persona preparata dovrebbe essere
capace, all’inizio della sua esperienza, di muoversi direttamente a un
stato di estasi e di rivelazione profonda di non-gioco. Ma se non
siete ben preparati, o se c’è una situazione di distrazione intorno a
voi, troverete che vi state lasciando di nuovo cadere. Se accade
questo, allora le istruzioni in Parte IV dovrebbero aiutarvi a
riguadagnare e mantenere la liberazione.

“Liberazione, in questo contesto, non implica necessariamente (specie
nel caso della persona media) la Liberazione del Nirvana, ma
principalmente la liberazione del ‘flusso-della-vita’ dall’ ego, in
modo tale che si permetterà la maggior consapevolezza coscienziale
possibile e la felice rinascita conseguente. Eppure, per la persona
esperta ed estremamente efficiente, il processo esoterico [stesso] di
Trasferimento della Coscienza può essere, secondo i Lama-guru,
impiegato per prevenire qualunque blocco nel flusso di coscienza, dal
momento della perdita dell’ego, al momento di una rinascita
consapevole (otto ore più tardi). A giudicare dalla traduzione fatta
dal Lama Kazi Dawa-Samdup di un vecchio manoscritto Tibetano che
contiene direzioni pratiche per gli stati dell’ego-perdita, la
capacità di mantenere un’estasi di non-gioco nell’intera esperienza è
posseduta solamente da persone addestrate nella concentrazione o
focalizzazione mentale, in tale alto grado di abilità da essere capaci
di controllare tutte le funzioni mentali ed escludere le distrazioni
del mondo esteriore.” (Evans-Wentz, p. 86, nota 2). [I lettori
interessati ad una più particolareggiata discussione del processo di
"Trasferimento" sono rinviati allo ‘Yoga Tibetano e le Dottrine
Segrete’, redatto da W. Y. Evans-Wentz, Oxford University Press,
1958.]

Questo manuale è diviso in quattro parti. La prima è la parte
introduttiva. La seconda è una descrizione passo-passo di
un’esperienza psichedelica basata direttamente sul Libro Tibetano dei
Morti. La terza parte contiene suggerimenti pratici su come potersi
preparare a condurre una sessione psichedelica. Infine, la quarta
parte contiene passaggi istruttivi adattati dal Bardo Thodrol, che
possono essere letti al viaggiatore durante questa sessione, per
facilitare il movi-mento della coscienza. Nel resto di questa sezione
introduttiva, mostriamo tre commentari sul Libro Tibetano dei Morti,
pubblicati nell’edizione di Evans-Wentz. Essi sono l’introduzione da
Evans-Wentz stesso, distinto traduttore-redattore di quattro trattati
sul misticismo Tibetano; il commentario di Carl Jung, il psicanalista
svizzero; e di Lama Govinda, iniziato di uno del principali ordini
Buddisti del Tibet.

UN TRIBUTO A W. Y. EVANS-WENTZ

“Il Dott. Evans-Wentz, che sedette letteralmente ai piedi di un Lama
Tibetano per anni, al fine di acquisire la sua saggezza… mostra non
solo un profondo e comprensibile interesse in quelle dottrine
esoteriche così caratteristiche del genio dell’Oriente, ma similmente
possiede la facoltà rara di renderle più o meno intelligibili al
laico”. [Citato in un libro-rivista di Antropologia, sul dorso
dell'Edizione del Libro Tibetano dei Morti, dell’Oxford University
Press.].

W. Y. Evans-Wentz è un grande studioso che dedicò la sua vita adulta
nel ruolo di ponte tra il Tibet e l’Occidente: come una molecola di
RNA che si attiva con il messaggio in codice dello stesso RNA. Nessun
tributo poteva essere maggiore per il lavoro di questo liberatore
accade-mico che quello di basare il nostro manuale psichedelico sui
suoi insight e citare direttamente i suoi commenti sul “messaggio di
questo libro”.

Il messaggio è, che l’Arte di Morire è totalmente importante come
l’Arte di Vivere (o di Venire a Nascere) di cui è il complemento e la
somma; che il futuro dell’essere è, forse, completamente dipendente da
una morte precisamente controllata, come enfatizza la seconda parte di
questo volume che espone l’Arte di Reincarnarsi.

L’Arte di Morire, come indicata dal rito della morte, associata con
l’iniziazione ai Misteri dell’Anti-chità, e riferita da Apuleius, il
filosofo Platonico che era egli stesso un iniziato, e da molti altri
illustri iniziati, e come anche Il Libro Egiziano dei Morti
suggerisce, sembra essere stata molto più nota ai popoli antichi che
abitavano i paesi del Mediterraneo, che non ora, dai loro moderni
discendenti di Europa e America. Per coloro che erano passati
attraverso la segreta esperienza di morte pre-mortem, il corretto
morire è l’iniziazione, poiché conferisce, come fa l’iniziatorio rito
della morte, il potere per controllare consapevolmente il processo di
morte e rigenerazione.

(Evans-Wentz, p. xiii-xiv)

Lo studioso di Oxford, come il suo grande predecessore Tibetano
dell’undicesimo secolo, Marpa (detto “Il Traduttore”), che tradusse i
testi buddisti Indiani in Tibetano preservandoli con ciò
dall’estinzione, vide l’importanza vitale di queste dottrine e le rese
accessibili a molti. In questo mkodo, il “segreto” non è più nascosto:
“l’arte di morire è totalmente importante come l’arte di vivere.”

UN TRIBUTO A CARL G. JUNG

La psicologia è il tentativo sistematico di descrivere e spiegare il
comportamento umano, sia consapevole che non-consapevole. Lo scopo
dello studio è vasto- poiché copre l’infinita varietà dell’attività e
dell’esperienza umana; ed è profondo- poiché va all’indietro
attraverso la storia dell’individuo, attraverso la storia dei suoi
antenati, indietro attraverso le vicissitudini evolutive e i trionfi
che hanno determinato lo status corrente della specie. Ancor più
difficile, lo scopo della psicologia è complesso, poiché tratta con
processi che sono sempre in cambiamento. Nessuna meraviglia quindi che
gli psicologi, di fronte a tale complessità, si rifugino in una
riservatezza e specializzazione quasi parrocchiale.

La psicologia è basata sui dati disponibili e sulla abilità e volontà
degli psicologi per utilizzarli. Il comportamentalismo e lo
sperimentalismo della psicologia occidentale del ventesimo-secolo sono
così accurati da essere quasi sempre perfino banali. La coscienza è
eliminata dal campo di indagine. L’applicazione ed il significato
sociale è trascurato grandemente. Un curioso ritualismo è messo in
atto da un contesto sacerdotale che cresce rapidamente in potere e in
quantità.

La psicologia orientale, per contrasto, ci offre una lunga storia di
particolareggiata e sistematica osservazione della coscienza umana
insieme con una vastissima letteratura di metodi pratici per
controllare e modificare la coscienza. Gli intellettuali occidentali
tentano di rifiutare la psicologia Orientale. Le teorie sulla
coscienza sono viste come occulte e misticheggianti. I metodi
investi-gativi dei cambiamenti della coscienza, come la meditazione,
lo yoga, il ritiro monastico, e la de-privazione sensoriale sono visti
come qualcosa di alieno all’investigazione scientifica. E agli occhi
degli studiosi Europei, più dannoso di tutto, è la presunta noncuranza
delle psicologie Orientali per gli aspetti comportamentali pratici e
sociali della vita. Tale critica tradisce i limitati concetti e
l’incapacità di trattare coi dati storici disponibili ad un livello
significativo. Le psicologie Orientali hanno sempre trovato
applicazioni pratiche nella gestione dello stato, nella gestione della
vita quotidiana e della famiglia. Esiste una ricchezza di guide e
manuali: il Libro del Tao, gli Annali di Confucio, la Bagavad-Gita,
l’I-Ching, Il Libro Tibetano dei Morti, per menzionare solamente i più
famosi.

La psicologia Orientale può essere giudicata in termini di uso
dell’evidenza disponibile. Studiosi ed osservatori di Cina, Tibet, e
India andarono così lontano quanto i loro dati lo permisero. Ad essi
mancarono le scoperte della scienza moderna e così le loro metafore
sembrano vaghe e poetiche. Però questo non nega il loro valore.
Infatti, le teorie filosofiche orientali datate di ben quattromila
anni all’indietro si adattano velocemente alle più recenti scoperte
della biochimica, della fisica nucleare, della genetica, e
dell’astronomia. Il compito maggiore di ogni psicologia del giorno
d’oggi – orientale od occidentale – è di costruire una struttura di
riferimenti abbastanza vasta da incorporare le recenti scoperte delle
scienze dell’energia, in un revisionato ritratto dell’uomo.

Giudicati contro il criterio di uso del fatto disponibile, i più
grandi psicologi del nostro secolo sono William James e Carl Jung.
[Per paragonare propriamente Carl Jung con Sigmund Freud dovremmo
guardare ai dati disponibili che ciascun uomo approntò per le sue
esplorazioni. Per Freud c’era Darwin, le termodinamiche classiche, il
Vecchio Testamento, la storia culturale del Rinascimento, e
maggiormente, la chiusa atmosfera surriscaldata della famiglia Ebrea.
Il più ampio spettro dei materiali di riferimento di Jung assicura che
le sue teorie troveranno una più grande congenialità coi recenti
sviluppi nelle scienze dell'energia e le scienze evolutive]. Però,
entrambi questi uomini evitarono gli stretti sentieri del
comportamentalismo e sperimentalismo. Entrambi lottarono per
preservare l’esperienza e la coscienza come area della ricerca
scientifica. Entrambi si aprirono alle anticipazioni della teoria
scientifica ed entrambi rifiutarono di chiudersi alla considerazione
della cultura Orientale.

Jung usò per la sua fonte di dati la sorgente più fertile – quella
interiore. Egli riconobbe il ricco significato del messaggio
orientale; reagì a quel grande test che è il Tao Te Ching, e scrisse
poi brillanti e percettive prefazioni all’I-Ching, al Segreto del
Fiore d’Oro, e si sforzò col significato di Il Libro Tibetano dei
Morti. “Per anni, mai pubblicato prima di allora, il Bardo Thodrol è
stato il mio continuo compagno, ed a lui io devo non solo molte mie
stimolanti idee e scoperte, ma anche molte intuizioni fondamentali…La
sua filosofia contiene la quintessenza della Critica psico-logica
Buddista; e, come tale, si può veramente dire che essa sia di una
superiorità inaudita.”

Il Bardo Thodrol è al più alto livello psicologico nella sua visione
prospettica; ma la filosofia e la teologia sono, per noi, ancora nello
stadio pre-psicologico medioevale, dove solo le asserzioni sono
ascoltate, spiegate, difese, criticate e disputate, mentre l’autorità
che le fa, per generale beneplacito, è stato posto fuori dallo scopo
della discussione.

Tuttavia, le asserzioni metafisiche sono asserzioni della psiche, e
perciò sono psicologiche. Per la mente Occidentale che compensa i suoi
ben-noti sentimenti di risentimento con un servile riguardo per le
spiegazioni “razionali”, questa ovvia verità sembra tutta perfino
troppo ovvia, altrimenti è vista come una inammissibile negazione
della “verità” metafisica. Ogni qualvolta l’Occidentale sente la
parola “psicologico”, a lui suona sempre come “solamente psicologico.”

Jung utilizza le concezioni Orientali della coscienza per ampliare il
concetto di “proiezione”:

Anche le divinità “pacifiche”, non solo quelle “irate”, sono concepite
come proiezioni samsariche della psiche umana, un’idea che sembra
anche troppo ovvia all’Europeo illuminato, perché gli ricordano le sue
stesse banali semplificazioni. Ma benché l’Europeo possa facilmente
spiegare queste divinità come proiezioni, allo stesso tempo egli
sarebbe alquanto incapace di impostarle come reali. Il Bardo Thodrol
può farlo, perché, in certe sue premesse metafisiche più essenziali,
l’Europeo illuminato così come il non-illuminato, ha uno svantaggio.
L’assunto onni-presente e non-detto del Bardo Thodrol è il carattere
anti-nominale di tutte le asserzioni metafisiche, ed anche l’idea
sulla differenza qualitativa dei vari livelli di coscienza e delle
realtà metafisiche da esse condizionate. Lo sfondo di questo insolito
libro non è il gretto “uno o l’altro” Europeo, ma un magnificamente
affermativo “l’uno e l’altro”. Questa asserzione può apparire
opinabile al filosofo Occidentale, perché l’Occidente ama la chiarezza
e la non-ambiguità; di conseguenza, un filosofo si aggrappa alla
posizione, “Dio c’è”, mentre un altro in modo ugualmente fervente si
aggrappa alla negazione, “Dio non c’è”.

Jung chiaramente vede il potere e la grandezza del modello Tibetano ma
occasionalmente non afferra il suo significato e applicazione.
Inoltre, Jung era limitato (come lo siamo tutti noi) dai modelli
sociali della sua tribù. Egli era uno psicanalista, il padre di una
scuola. Psicoterapia e diagnosi psichiatrica erano le due
specializzazioni che più naturalmente gli erano confacenti. Egli manca
il concetto centrale del libro Tibetano. Questo non è (come Lama
Govinda ci ricorda) un libro sui morti. È un libro sul morire; cioè a
dire, un libro per i vivi; è un libro sulla vita e come vivere. Il
concetto dell’effettiva morte fisica fu una facciata esoterica
adottata per adeguarsi in Tibet ai pregiudizi della tradizione Bon.
Lungi dall’essere la guida di un imbalsamatore, il libro è un
resoconto dettagliato di come perdere l’ego; come interrompere la
personalità in nuovi reami di coscienza; e come evitare gli
involontari limitanti processi dell’ego; come far durare l’espe-rienza
di espansione della coscienza – nella susseguente vita quotidiana.
Jung, su questo punto, ha qualche difficoltà. Egli vi arriva vicino,
ma non lo ribadisce mai in un modo completo. Nella sua struttura
concettuale, egli non aveva niente che poteva dare un senso pratico
all’esperienza della perdita dell’ego.

Il Libro Tibetano dei Morti, o ‘Bardo Thodrol’, è un libro di
istruzioni per il morto e il morente. Come Il Libro Egiziano dei
Morti, esso intende essere una guida per il morto durante il periodo
della sua esistenza nel Bardo… In questa citazione, Jung definisce
l’esoterico e però lo manca. In una citazione successiva, sembra
andargli più vicino:

“… l’istruzione data nel Bardo Thodrol serve per richiamare il morto
all’esperienza della sua iniziazione e agli insegnamenti del suo guru,
perchè quell’istruzione è, in fondo, nient’altro che un’iniziazione
del morto alla Vita di Bardo, proprio come l’iniziazione del vivente
non era che una preparazione per l’Aldilà. Tale era il caso, almeno,
con tutti i culti del mistero nelle antiche civiltà fin dai tempi dei
misteri dell’Egitto e di Eleusi. Nell’iniziazione del vivente,
comunque, questo “Aldilà” non è un mondo oltre la morte, ma
un’inversione delle intenzioni e della visione della mente, un “Oltre”
psicologico o, in termini Cristiani, una “redenzione” dalle pastoie
del mondo e del peccato. La ‘Redenzione’ è la separazione e la
liberazione da una precedente condizione di oscurità e
inconsapevolezza, che porta ad una condizione di illuminazione e
liberazione, cioè alla

vittoria e trascendenza su tutto ciò che è “determinato”.”

Questo è il Bardo Thodrol, così come anche il Dott. Evans-Wentz lo
sente, un processo iniziatico il cui scopo è ripristinare nell’anima
la divinità che essa perse alla nascita.

In un altro passaggio, Jung continua lo sforzo, ma di nuovo lui lo perde:

“…L’uso psicologico che facciamo di esso (il Libro Tibetano) non è una
cosa qualsiasi, ma una secondaria intenzione, benché uno sia
possibilmente sanzionato dal costume Lamaista. Il vero scopo di questo
singolare libro è il tentativo che, all’erudito Europeo del ventesimo
secolo, deve sembrare molto strano, di illuminare il morto nel suo
viaggio attraverso le regioni del Bardo. La Chiesa Cattolica è l’unico
luogo nel mondo dell’uomo bianco dove qualunque provvedimento è preso
per l’anima del trapassato”.

Nel sommario dei commenti di Lama Govinda che seguono, noi vedremo che
il commentatore Tibetano, liberato dai concetti Europei di Jung, puntò
direttamente al significato esoterico e pratico del libro Tibetano.
Nella sua autobiografia (del 1960) Jung si coinvolge completamente
nella visione interiore, la saggezza e la superiore realtà delle
percezioni interne. Egli si mosse finalmente in questa direzione nel
1938 (allorché scrisse il suo commentario Tibetano), ma in modo cauto
e con le ambivalenti riserve del psichiatra un po’ mistico.

Il moribondo deve disperatamente resistere ai dettami obbligati della
ragione, come li sentiamo noi, e rinunciare alla supremazia dell’ego,
considerata sacrosanta dalla ragione. Ciò che questo siggnifica in
pratica è la completa capitolazione agli obiettivi poteri della
psiche, con tutto ciò che questo comporta; un tipo di morte simbolica,
corrispondente al Giudizio del Morto nel Sidpa

Bardo. Significa la fine di tutta la consapevole, razionale,
moralmente responsabile, condotta di vita, ed una volontaria resa a
quello che il Bardo Thodrol chiama “illusione karmica”. L’illusione
Karmica sorge dal credere in un mondo visionario di una natura
estremamente irrazionale, che non si accorda con, né deriva dai nostri
giudizi razionali, ma è solamente l’esclusivo prodotto di una
disinibita immaginazione. È puro e semplicesogno o “fantasia”, ed ogni
ben-intesa persona ci metterà immediatamente in guardia contro di
essa; infatti uno a prima vista non può vedere qual’è la differenza
tra le fantasie di questo tipo e la fantasmagoria di un lunatico.
Molto spesso già soltanto un leggero livello di abbassamento mentale
fa aver bisogno di sguinzagliare questo mondo di illusione. Il terrore
e l’oscurità di quel momento ha il suo equivalente nelle esperienze
descritte nelle sezioni che aprono il Sidpa Bardo. Ma i contenuti di
questo Bardo rivelano anche gli archetipi, le immagini karmiche che
prima appaiono nella loro terrorizzante forma. Lo stato di Chonyid è
equivalente ad un lenta psicosi deliberatamente indotta… .

La transizione, poi, dallo stato di Sidpa allo stato di Chonyid, è una
pericolosa inversione degli scopi ed intenzioni della mente
consapevole. È un sacrificio della stabilità dell’ego ed una resa
all’estrema incertezza di ciò che deve sembrare come una caotica
insurrezione di fantasma-goriche forme. Quando Freud coniò la frase
che l’ego era “il vero posto dell’ansia”, stava dando voce ad un’assai
vera e profonda intuizione. La paura dell’auto-sacrificio è radicata
nel profondo di ogni ego, e questa paura spesso è solamente la
richiesta scarsamente controllata delle forze inconsce per scoppiare
fuori con piena forza. In questo pericoloso passaggio non è
risparmiato nessuno che lotti per il proprio ‘sé’ (l’individualità),
perchè ciò che è temuto appartiene anche all’interezza del ‘sé’ – il
sub-umano, o super-umano, mondo di “dominanti” psichici da cui l’ego
si è originalmente emancipato con enorme sforzo, e poi solo
parzialmente, per lo scopo di una più o meno illusoria libertà. Questa
liberazione è certamente un’impresa molto eroica e necessaria, ma non
rappresenta niente di finale: è semplicemente la creazione di un mero
soggetto che per trovare compimento, deve ancora essere confrontato
con un oggetto. Questo, a prima vista, sembrerebbe essere il mondo che
è gonfiò di proiezioni per quello stesso scopo. Qui cerchiamo e
troviamo le nostre difficoltà, qui noi cerchiamo e troviamo il nostro
nemico, qui noi cerchiamo e troviamo quello che ci è caro e prezioso;
ed è confortante sapere che tutto il male e tutto il bene sarà
scoperto là fuori, nell’oggetto visibile, dove può essere conquistato,
punito, distrutto o goduto. Ma poi la natura stessa non permette che
questi paradisiaci stati di purezza possano continuare per sempre. Vi
sono, e vi sono sempre stati, coloro che non possono dare aiuto ma
possono vedere che il mondo e le sue esperienze sono nella natura del
simbolo, e che riflette realmente qualcosa che giace nascosto nel
soggetto stesso, nella sua propria trans-soggettiva realtà. È da
questa profonda intuizione, secondo la dottrina Lamaista, che lo stato
del Chonyid deriva il suo vero significato, e così ecco perché il
Chonyid Bardo è intitolato “Il Bardo dello Sperimentare la Realtà.”

La realtà sperimentata nello stato di Chonyid è, come l’ultima sezione
del corrispondente Bardo insegna, la realtà del pensiero. Le
“forme-pensiero” appaiono come realtà, la fantasia assume la forma
reale, e poi comincia il terrificante sogno evocato dal karma e
proiettato dai “dominanti” dell’inconscio.

Jung non sarebbe stato sorpreso dall’antagonismo professionale ed
istituzionale alle droghe psichedeliche. Lui chiude il suo commentario
Tibetano con una acuta parte politica:

“Il Bardo Thodrol cominciò con l’essere un libro “chiuso”, e così è
rimasto, non importa che tipo di commentari possono essere stati
scritti su di esso. Perché è un libro che si aprirà solamente alla
comprensione spirituale, e questa è una capacità con cui nessun uomo è
nato, ma che si può acquisire solamente attraverso uno speciale
addestramento ed esperienza. È un bene che esistano tali libri
“inutili a tutte le intenzioni e scopi”. Essi hanno un significato per
quelle “strane persone” che non collezionano più gli usi, scopi, e
significati di questa attuale “civiltà.”

Offrire un “addestramento speciale” per la “esperienza speciale”
fornita dai materiali psichedelici è lo scopo di questa versione di Il
Libro Tibetano dei Morti.

UN TRIBUTO A LAMA ANAGARIKA GOVINDA

Nella sezione precedente fu fatto il punto che la filosofia e la
psicologia Orientale – poetica, indeterministica, esperienziale,
che-guarda-all’interno, del tutto libera e vagamente evolutiva,- è più
facilmente adatta alle scoperte della moderna scienza che non la
sillogistica, sperimentale, sicura, esteriorizzante logica della
psicologia occidentale. Quest’ultima imita gli irrilevanti rituali
delle scienze dell’energia, ma ignora i dati, significati e
implicazioni della fisica e della genetica.

Anche Carl Jung, il più penetrante degli psicologi occidentali, tardò
a capire la filosofia di base del Bardo Thodrol.

Del tutto in contrasto sono i commenti sul manuale Tibetano del Lama
Anagarika Govinda. La sua asserzione di apertura ad un primo sguardo
farebbe sbuffare di impazienza uno psicologo Giudaico-Cristiano. Ma
un’occhiata ravvicinata a queste frasi, rivela che esse sono
l’asserzione poetica della situazione genetica come descritto
attualmente dai biochimici e dai ricercatori del DNA. Si può disputare
che nessuno può parlare della morte con l’autorità che ha colui che è
non morto; e poiché nessuno apparentemente è mai ritornato dalla
morte, come potrebbe qualcuno sapere che cosa è la morte, o quello che
accade dopo di essa?

Il Tibetano risponderà: Non c’è nessuna persona, infatti, nessun
essere vivente, che non sia ritornato dalla morte. In effetti, noi
tutti siamo morti molte volte, prima di rientrare in questa
incarnazione. E quella che noi chiamiamo nascita è soltanto il lato
inverso della morte, come uno dei due lati di una moneta, o come una
porta che da fuori noi chiamiamo “ingresso”, e da dentro una stanza
“uscita”.” Il Lama prosegue poi col fare un secondo commento poetico
sulle potenzialità del sistema nervoso, sulla complessità del computer
corticale umano.

E’ invero assai più stupefacente che nessuno ricordi la sua morte
precedente; e molte persone, a causa di questa mancanza di memoria,
non credono che vi sia stata una morte precedente. Ma, similmente,
esse non ricordano neppure la loro recente nascita – eppure non
dubitano di essere recentemente venute al mondo. Esse dimenticano pure
che la memoria attiva è soltanto una piccola parte della nostra
normale coscienza, e che la nostra memoria subconscia registra e
conserva tutte le impressioni e l’esperienze passate che la nostra
mente di veglia non riesce a richiamare. Il Lama procede poi a
ritagliare direttamente il significato esoterico del Bardo Thodol -
quel significato centrale che infatti Jung e molti Orientalisti
Europei non sono riusciti ad afferrare.

Per questa ragione, il Bardo Thodol, il libro Tibetano che concede la
liberazione dallo stato intermedio tra la vita e ri-nascita, – che gli
uomini chiamano ‘morte’, – e che è stato messo giù in linguaggio
simbolico. È un libro che è sigillato coi sette sigilli del silenzio,
- ma solo perché la sua conoscenza sarebbe malinterpretata e, quindi,
tenderebbe a fuorviare e danneggiare quelli che non sono abilitati a
riceverlo. Ma è venuto il tempo per rompere i sigilli del silenzio;
perché la razza umana è arrivata alla giunzione in cui deve decidere
se contentarsi del soggiogamento al mondo materiale, o sforzarsi per
la conquista del mondo spirituale, liberandosi dei desideri egoistici
e trascendendo le limitazioni auto-imposte.

Il Lama successivamente descrive gli effetti delle tecniche di
espansione della coscienza. Egli qui sta parlando del metodo che
conosce lui– lo Yoga -ma le sue parole sono ugualmente applicabili
all’esperienza psichedelica. Vi sono quelli che, in virtù della
concentrazione ed altre pratiche yogiche, sono capaci di portare il
subconscio nel reame della coscienza discriminativa e, quindi, di
utilizzare il tesoro senza restrizioni della memoria subconscia, dove
non solo è immagazzinato la registrazione delle nostre vite passate ma
anche la registrazione passata della nostra razza, il passato
dell’umanità e di tutte le forme di vita pre-umane, se non della
stessa coscienza che rende possibile la vita in questo universo. Se,
attraverso qualche trucco della natura, le porte del subcosciente di
un individuo fossero improvvisamente aperte, la mente non preparata
può esserne sommersa e schiacciata. Perciò, le porte del subconscio
sono controllate, da tutti gli iniziati, e nascoste dietro al velo di
misteri e simboli.

In una sezione successiva della sua prefazione il Lama presenta una
più dettagliata elaborazione del significato interiore del Thodrol. Se
il Bardo Thodrol fosse considerato come basato soltanto sul mero
folclore o come consistente di religiosa speculazione sulla morte e su
un ipotetico stato di dopo-morte, avrebbe interesse solamente per gli
antropologi e studenti di religione. Ma il Bardo Thodrol è qualcosa di
più. Esso è una chiave ai più profondi recessi della mente umana, e
una guida per gli iniziati, e per quelli che stanno cercando il
sentiero spirituale della liberazione.

Anche se attualmente il Bardo Thodol è ampiamente usato in Tibet come
breviario, da leggere o recitare in occasione della morte, – ragione
per cui esso è stato propriamente chiamato “Il Libro Tibetano dei
Morti” – non si dovrebbe dimenticare che originalmente fu concepito
non solo per servire come guida per il moribondo ed il morto, ma
soprattutto per il vivente. E qui sta la giustificazione per aver reso
Il Libro Tibetano dei Morti accessibile ad un pubblico più vasto.

Nonostante gli usi e le credenze popolari che, sotto l’influenza delle
tradizioni di antica origine pre-buddista, sono cresciute intorno alle
profonde rivelazioni del Bardo Thodrol, esso ha valore solamente per
quelli che lo praticano e realizzano il suo insegnamento durante la
loro durata-di- vita. Ci sono due cose che hanno provocato dei
malintesi. Una è che gli insegnamenti sembrano essere indirizzati al
morto o al morire; l’altra che il titolo contenga l’espressione “La
Liberazione attraverso l’Udire” (in Tibetano, Thos-grol). Da ciò è
derivata la credenza che sia sufficiente una lettura o la recita del
Bardo Thodrol in presenza di una persona morente, o anche di una che
sia appena morta per effettuare la sua liberazione.

Tale malinteso poteva sorgere solamente fra quelli che non conoscono
che esso è una delle più antiche e più universali pratiche per
l’iniziato di superare l’esperienza della morte prima di poter essere
spiritualmente rinato. Simbolicamente, egli deve morire al suo
passato, ed al suo vecchio ego, prima di poter prendere il suo posto
nella nuova vita spirituale in cui egli è stato iniziato. Il morto, o
la persona morente, è indirizzato nel Bardo Thodrol principalmente per
tre ragioni: (1) il serio praticante di questi insegnamenti dovrebbe
considerare ogni momento della sua vita come se fosse l’ultimo; (2)
quando un seguace di questi insegnamenti sta davvero morendo, lui o
lei dovrebbe essere rammentato dell’esperienza al momento
dell’iniziazione, o delle parole (o mantra) del guru, specialmente se
la mente del morente manca di prontezza durante il critico momento; e
(3) uno che è ancora incarnato dovrebbe tentare di circondare la
persona morente, o appena morta, con amore e pensieri utili, durante i
primi stadi del nuovo stato di esistenza, o subito dopo la morte,
senza permettere che l’attaccamento emotivo interferisca o generi uno
stato di leggera depressione mentale. Di conseguenza, la funzione del
Bardo Thodrol appare più quella di aiutare coloro che devono adottare
il corretto atteggiamento verso il morto e verso il fatto della morte,
che non per assistere i morti i quali, secondo la credenza buddista,
non devieranno dal loro proprio sentiero karmico… Questo prova che
noi dobbiamo farlo qui con la vita stessa e non semplicemente con
tutti quei morti, a cui il Bardo Thodrol fu ridotto nei tempi
successivi… Sotto le sembianze di una scienza di morte, il Bardo
Thodrol rivela il segreto della vita; ed in ciò sta il suo valore
spirituale ed il suo appello universale.

Qui poi vi è la chiave di un mistero che è andato avanti per oltre
2,500 anni – l’esperienza di espansione della coscienza – la morte
pre-mortem ed il rito della rinascita. I grandi saggi Vedici
conoscevano il segreto; gli iniziati di Eleusi lo conoscevano; i
Tantrici lo conoscono. In tutti i loro scritti esoterici essi
suggeriscono il messaggio: è possibile andar oltre la coscienza
egoica, accordarsi sui processi neurologici che balenano alla velocità
di luce, e diventare consapevoli dell’enorme tesoro di conoscenza
dell’antica razza umana, saldata nel nucleo di ogni cellula del vostro
corpo.

I moderni prodotti chimici psichedelici offrono una chiave per questo
dimenticato reame della consapevolezza. Ma proprio come questo
manuale, senza la consapevolezza psichedelica, non è nient’altro che
un accademico esercizio in Tibetologia, così, anche la potente chiave
chimica è di poco valore senza la guida e gli insegnamenti.

Gli Occidentali non accettano l’esistenza di processi consapevoli per
i quali essi non hanno un termine operativo. L’atteggiamento più
comune è: – se non si può identificarlo, e se è oltre le nozioni
correnti di spazio-tempo e personalità, allora non è aperto per
l’investigazione. Così noi vediamo l’esperienza di perdita-dell’ego
confusa con la schizofrenia. Così noi vediamo gli attuali psichiatri
pronunciare solennemente che le chiavi psichedeliche producono
pericolose psicosi. -

I nuovi prodotti chimici visionari e l’esperienza di
pre-mortem-morte-rinascita possono ancora una volta essere spinti
nelle ombre della storia. Guardando indietro, noi ricordiamo che
durante gli ultimi tremila anni, ogni governante medio-orientale ed
europeo (con l’eccezione di certi periodi in Grecia e Persia), si è
affrettato a varare leggi contro qualunque emergente processo
trascendente, come la sessione di pre-mortem-morte-rinascita, i suoi
adepti, e qualunque nuovo metodo di espansione di coscienza.

Il momento presente nella storia umana (come Lama Govinda indica) è
assai critico. Noi, per la prima volta possediamo, ora, i mezzi per
procurare l’illuminazione a qualunque volontario che sia ben
npreparato. (ricordiamo che l’illuminazione viene sempre in forma di
un nuovo processo di energia, come evento fisico e neurologico). Per
queste ragioni noi abbiamo preparato questa versione psichedelica de
Il Libro Tibetano dei Morti. Il segreto ancora una volta è rilasciato,
in un nuovo dialetto, e noi ci mettiamo quietamente seduti ad
osservare se l’uomo è pronto a muoversi in avanti e ad avvalersi dei
nuovi strumenti procurati dalla scienza moderna.

(Fonte: Centro Nirvana)

Commenti disabilitati

Umani dormienti? E’ tutta colpa degli “arconti”…

Lunario Paolo D'Arpini 19 settembre 2016

“Credo che la Terra,con i suoi abitanti, sia proprietà di qualcuno….o di qualcosa” (Charles Fort)

“La Terra è un’immensa azienda agricola, e noi siamo il raccolto” (Ivan Sanderson)

Queste due celebri frasi sono state pronunciate rispettivamente negli anni ‘20 e ‘60 del secolo scorso da due autorità nel campo del bizzarro, dell’insolito, dell’inaspettato – uomini che avevano fatto della loro vita una ricerca continua negli archivi delle biblioteche, dei quotidiani, delle riviste scientifiche e dei vari bollettini astronomici per scovare tutte quelle notizie che, relegate in qualche trafiletto secondario oppure in pubblicazioni specializzate di settore, non attiravano l’occhio del vasto pubblico. Notizie di cronaca che,nondimeno, recavano informazioni straordinarie: piogge di pesci, di rane, di sangue, di carne umana, …sparizioni enigmatiche di persone, al limite dell’impossibile….e via dicendo. Notizie che oggi certamente non leggeremmo più, per via del controllo serrato sull’informazione da parte dei media,ormai ostaggio della finanza mondiale che li possiede e gestisce e che fa pubblicare solo ciò che “conviene”,ciò che è in linea con l’opinione pubblica o quello che vi si vuole dare in pasto (per lo più polpette contenenti sonnifero).

Per tornare alle frasi citate in apertura, ci ricordano quella ancor più celebre del film Matrix, quando Morpheus dice a Neo: “Gli uomini non nascono….sono coltivati” alludendo alle “macchine” che nel film utilizzano l’essere umano come riserva energetica, come una batteria.

Questa bella novità però non è affatto una novità, giacchè quasi duemila anni fa gli gnostici sostenevano la stessa idea di base, naturalmente senza chiamare in causa le macchine,che persino nel film Matrix sono solo simboliche di forze che trascendono la dimensione prettamente umana; certamente però per l’economia hollywodiana il concetto non poteva che essere espresso così.

Queste forze, dicevano gli gnostici (letteralmente “coloro che hanno la conoscenza”) sono gli “Arconti”, e cioè le potenze cosiddette “astrali” della dimensione psichica superiore a quella fisica a livello vibratorio, che di volta in volta nel corso delle epoche si sono sempre adattate e adeguate alle mentalità dell’uomo del tempo presentandosi via via come gli dèi dell’antichità, gli angeli e i demoni del cristianesimo (comprese le varie “apparizioni” mariane )i folletti e le fate del superstizioso medioevo, per arrivare agli UFO dell’era tecnologica di oggi. La cui “tecnologia” non è affatto tale, dato che si basano su di un meccanismo psicologico di tipo ipnotico per indurre stati di “trance” che fanno sì che le persone vivano (unicamente a livello psichico) esperienze di tipo allucinatorio che le rendono del tutto vulnerabili a una predazione energetica di cui questi signori si alimentano. Sempre coadiuvati a livello di massa dai loro “agenti segreti” umani….in particolare banchieri, politici, scienziati e giornalisti, ma più in generale tutti coloro che contribuiscono a formare il pensiero pubblico e a rinserrare sempre di più l’umanità dietro sbarre invisibili.

Simon Smeraldo

…………………………..

“Visto che siamo in tema ecco qui un bel video di “fanta-scienza” – https://www.youtube.com/watch?v=LnhUFYT_lfI

Commenti disabilitati

Sauditi bombardano fabbrica di pompe Caprari in Yemen, ma renzi tace perché impegnato in passerella mondana con i principi sauditi

Lunario Paolo D'Arpini 16 settembre 2016

DOPO IL CASO DEL BOMBARDAMENTO DELL’AZIENDA MODENESE CAPRARI, NELLO
YEMEN, DA PARTE DI TRUPPE SAUDITE (FONTE REUTERS)

STEFANO BARGI (LN): “UNA NOSTRA AZIENDA E’ STATA COLPITA, NEL CORSO DI
UNA GUERRA COMBATTUTA NEL PIU’ TOTALE SILENZIO DELLE ISTITUZIONI, CHE
COPRONO LA VERGOGNOSA VENDITA DI ARMI ALL’ARABIA SAUDITA (AVVENUTA
NONOSTANTE LE SANZIONI)”

Il caso costituisce certamente uno degli incidenti diplomatici più
gravi degli ultimi anni. Poiché il caso dello stabilimento
dell’azienda modenese Caprari Pumping Powers (una delle realtà
internazionali più importanti nello sviluppo di pompe ed elettropompe
centrifughe idrauliche; ndr) bombardato dalle forze saudite in Yemen,
alcuni giorni fa, è una delle più inquietanti vicende mai accadute.
Anche «se tutte le istituzioni – attacca il consigliere regionale
della Lega Nord, Stefano Bargi – finora, hanno taciuto. Questo
imbarazzante ed assordante silenzio sembra non casuale, e creato ad
arte per non disturbare le passerelle del premier Renzi – continua
Bargi – immortalato con il principe ereditario degli Emirati Arabi,
Sheikh Mohammed Bin Zayed Al Nahyan, ed alla Festa del Pd. Mentre
l’Italia continua a ignorare l’embargo per la vendita di armi (anche
questo passato in totale silenzio) chiesto ai paesi membri dall’Ue,
nei confronti dell’Arabia Saudita. In un contesto in cui si chiede
anche lo stop delle operazioni militari in Yemen.» Ma cosa è successo
esattamente ad inizio settimana? «Una coalizione araba – si apprende
dall’agenzia di stampa tedesca Reuters – ha bombardato un sito
industriale yemenita, nella capitale Sanaa. Tra gli edifici colpiti,
una fabbrica utilizzata dal Gruppo Alsonidar dello Yemen impegnata
nella produzione di pompe idrauliche, in partnership con l’azienda
italiana specializzata Caprari,» Sempre secondo la Reuters, l’incendio
che è divampato ha distrutto «la metà dei locali, causando danni per
diversi milioni di dollari, secondo l’amministratore delegato, Alberto
Caprari.» Il consigliere regionale della Lega Nord, Stefano Bargi,
avverte che la questione sarà portata ai massimi livelli
istituzionali, vista la sua gravità. «Interesseremo i nostri gruppi
parlamentari a Roma e Bruxelles – dice Bargi –. L’Italia è tra i paesi
che hanno venduto armi all’Arabia Saudita, recapitando nella penisola
arabica sistemi d’armamento avanzati, anche a conflitto in corso, ma
nel più totale e imbarazzante silenzio. La cosa forse più grave –
accusa Bargi – è che le istituzioni regionali e lo stesso Renzi non
abbiano detto una parola, venendo a Modena per la Festa del Pd,
giovedì sera. Ci auguriamo una presa di posizione forte e decisa da
parte del presidente della Regione, Stefano Bonaccini, in modo che
solleciti il premier Renzi ad occuparsi del destino delle nostre
aziende.»

MODENA, 16-09-2016. http://www.modenaindustria.it/caprari-lo-stabilimento-yemenita-di-sanaa-finisce-sotto-le-bombe/

Altre fonti:

http://news.trust.org/item/20160913165534-fuj2r/

http://it.sputniknews.com/politica/20160301/2192926/parlamento-europeo-arabia-saudita-embargo-armi.html

http://www.possibile.com/armi-allarabia-saudita-la-condanna-delleuropa-il-silenzio-di-renzi/

http://www.caprari.it/it/welcome.jsp

GOVERNO. RENZI RICEVE PRINCIPE EREDITARIO EMIRATI ARABI UNITI/FT
(DIRE) Roma, 15 set. – Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha
ricevuto oggi a Palazzo Chigi il Principe Ereditario degli Emirati
Arabi Uniti Sheikh Mohammed Bin Zayed Al Nahyan. (Vid/ Dire) 15:00
15-09-16

https://www.partitodemocratico.it/partito/renzi-alle-feste-de-lunita-modena-bologna/

Commenti disabilitati

Scambio epistolare tra madre Teresa di Calcutta (leggi Calcata) ed Osho

Lunario Paolo D'Arpini 12 settembre 2016

Nel dicembre del 1980 Madre Teresa scrive a Osho in replica a un suo commento sul premio Nobel conferito. Ecco la risposta di Osho:

Proprio l’altro giorno ho ricevuto una lettera da Madre Teresa. Ciò che ha scritto nella lettera è sincero, ma è privo di senso. Madre Teresa non sa ciò che scrive, perché ragiona in modo meccanico, come un robot. Scrive: “Ho appena saputo del suo discorso. Mi dispiace molto per lei, per ciò che ha detto a proposito del premio Nobel che mi hanno dato e per gli aggettivi che ha usato sul mio conto. La perdono con grande amore”.
Ho apprezzato la lettera, ma lei non ha capito gli aggettivi che ho usato. Se li avesse capiti si sarebbe dispiaciuta per se stessa. Gli aggettivi che ho usato sono: “imbrogliona”, “ciarlatana” e “ipocrita”.
Il premio Nobel viene dato a chi funziona in questa società come un lubrificante, così che le ruote dello sfruttamento e dell’oppressione possano girare senza problemi.
La persona veramente spirituale è ribelle. La società lo condanna, invece di premiarla. Gesù è stato condannato come un criminale e Madre Teresa è rispettata come una santa. I ciarlatani vengono sempre lodati dalla società perché sono utili a mantenere lo status quo.
Poco tempo fa c’è stato un disegno di legge al Parlamento indiano sulla libertà di religione. Questa legge avrebbe proibito la conversione a un’altra religione, nel caso non fosse frutto di una libera scelta. Madre Teresa è stata la prima ad opporsi. Ha scritto una lettera ai politici: “Il disegno di legge non deve passare perché va contro tutto il nostro lavoro. Siamo determinati a salvare la gente, e la gente può essere salvata solo se diventa cattolica”. La sua opposizione ha creato molto clamore in tutto il paese. Siccome i politici non volevano perdere i voti dei cristiani, il disegno di legge è stato abbandonato.
Personalmente, io non converto nessuno: sono le persone a venire da me. Io non impartisco catechismo o alcuna dottrina. Io aiuto gli altri a tacere. Il silenzio non è né cristiano né indù né musulmano. Il silenzio è silenzio. Io insegno ad amare, e l’amore non è né cristiano né indù né musulmano. Io insegno ad essere consapevoli, e la consapevolezza non appartiene a nessuno. Per me questa è la vera spiritualità.
Le persone come Madre Teresa sono ipocrite: dicono una cosa ma ne fanno un’altra. Per le cose che le ho detto lei “mi perdona con grande amore”. Per perdonare qualcuno prima devi essere arrabbiato. Si dice che il Buddha non perdonò mai nessuno per la semplice ragione che non si arrabbiò mai. Come si può perdonare senza rabbia? È impossibile. Per cui lei doveva essere arrabbiata. Questo è ciò che io chiamo incoscienza: lei non sa ciò che dice. Quale crimine avrei commesso per essere perdonato? Basta con questa idiozia che i cattolici continuano a perdonare. Non ho commesso alcun peccato, quindi perché mi perdoni? Ribadisco tutti gli aggettivi, e ne aggiungo un paio: è stolta e mediocre.
Se c’è qualcuno ha bisogno di essere perdonato è lei. Dice: io combatto il peccato dell’aborto. Se l’aborto è un peccato, i cattolici ne sono responsabili perché si oppongono ai metodi di controllo delle nascite. È questa la causa di tutti gli aborti, sono loro i responsabili. Per me sono dei grandi criminali. In questo mondo sovrappopolato, dove le persone sono affamate, opporsi ai contraccettivi è imperdonabile. I contraccettivi sono uno dei contributi più significativi della scienza moderna all’umanità, e potrebbero rendere questa terra un paradiso. I cattolici sono criminali, ma il loro crimine è tale che ci vuole grande intelligenza per capirlo.
Dice: “Possa la benedizione di Dio essere con lei e riempire il suo cuore con il suo amore.” Stupidaggini. Io non credo in nessun Dio come persona, quindi non c’è alcun Dio che mi può benedire. Dio è una realizzazione, non è qualcuno da incontrare. È la nostra coscienza purificata.
Lei scrive per mostrare quanto è religiosa, ma tutto ciò che vedo è una persona stolta e mediocre.

Osho

(Notizia riportata da Giuseppe Pili)

Commenti disabilitati