Archivio della Categoria 'Comunicazioni di servizio'

Italia controvento, l’ultimo messaggio di Luis, trama oscura, riconversione ecologica e sociale, alchimia: nuovo paradigma

controvento

Il Giornaletto di Saul del 28 novembre 2014 – Italia controvento, l’ultimo messaggio di Luis, trama oscura, riconversione ecologica e sociale, alchimia e nuovo paradigma

Care, cari – Scrive Anthony Ceresa: “L’esperienza mi preclude di appartenere a particolari tendenze politiche poiché sono fermamente convinto che il successo di uno Stato non dipende dall’ideologia Politica o Religiosa di destra o di sinistra, ma dalla coscienza e lealtà della prima donna nel guidare con capacità ed onesta la Nazione, servendosi della collaborazione dei propri cittadini e dei mezzi di informazione. Purtroppo, l’Italia è paragonabile ad una nave che viaggia da sempre contro vento, mantenendosi a metà fra il galleggiamento e l’affondo, con centinaia di Comandanti che mirano ai propri interessi….” – Continua:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/11/27/italia-a-mollo-contro-vento-tra-il-galleggiamento-e-laffondo/

Commento di Franca: “Sono una donna e continuo a pensare, come del resto pensi tu, che il genere femminile sia il più adatto a “mettere pace”, ad amministrare un luogo pubblico come sa fare con una casa. L’emulazione mi terrorizza e quindi rifuggo dalle tante Femen e Femministe di mia memoria. Ho fatto delle scelte nella vita che hanno massacrato le mie ambizioni di carriera, ma ora vedo il prodotto e mi sento felice…” – Continua in calce al link sopra segnalato

Pistoia. Uso indebito di pesticidi – Scrive Giuseppe Altieri: “Una sentenza del tribunale di Pistoia ha stabilito che chi usa la chimica non può contaminare il vicino biologico o le case e i giardini dei privati. Con una bella e congrua multa per il viticoltore chimico e l’imposizione di trattamenti verso l’interno sui terreni di confine, al fine di annullare la deriva di prodotti chimici, con tolleranza zero pesticidi nella proprietà dei vicini. Ma in questa seconda parte della sentenza, a mio parere, sussistono lacune in quanto le precauzioni imposte dal giudice, su indicazioni del Consulente Tecnico d’Ufficio, non credo saranno sufficienti a garantire l’assenza di deriva di pesticidi…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/11/pistoia-luso-di-pesticidi-costa-caro.html

Pensiero positivo? – Scriveva Osho: “La tecnica del pensare in positivo non è una tecnica che ti trasforma: si limita a reprimere gli aspetti negativi della tua personalità. E’ una tecnica basata sulla scelta. Non può giovare alla consapevolezza: va contro la consapevolezza. La consapevolezza è sempre senza scelta. Pensare in positivo, significa semplicemente forzare il negativo ad andare nell’inconscio, e condizionare con pensieri positivi la mente cosciente…”

Roma. Ultimo messaggio di Luis Miguel Chiasso (prima del “suicidio” in caserma): “….essi (le istituzioni ndr) potrebbero dire che uomini onesti non possono opporsi a briganti e pirati, per il fatto che ciò può dar occasione a disordini o versamenti di sangue. Se in tali occasioni avviene qualche male, esso non deve essere imputato a chi difende il proprio diritto, ma a chi viola il diritto dei vicini. Se l’uomo innocente e onesto deve, per amor di pace, cedere passivamente tutto ciò che possiede a colui che vi attenta con la violenza, vorrei che si pensasse che razza di pace vi sarebbe al mondo, se la pace non consistesse che in violenza e rapine, e non dovesse essere conservata che per il vantaggio di briganti e oppressori…“ – Continua:
http://paolodarpini.blogspot.it/2014/11/il-mistero-di-adam-kadmon-ed-il-mistero.html

Roma. Difesa dal cemento – Scrive Antonio Castronovi: “28 novembre ore 17.30 Assemblea sullo Stadio della Roma, indetta dal “Comitato difendiamo Tor di Valle dal Cemento” insieme alla Federconsumatori. Info. acastronovi@lazio.cgil.it”

Roma. Esperenziale sperimentale – Scrive Isabella Pilenga: “Vi è mai capitato di pensare di avere delle “buone soluzioni” per facilitare la vita nel paese? O di pensare a quanto sarebbe facile applicare il buon senso al di là dei differenti punti di vista? Bene, il 30 novembre a Roma è arrivato finalmente il momento di esprimerle! Una giornata di soluzioni a risonanza positiva, una giornata per riconsiderare i nostri punti d vista e per andare oltre gli schemi, espandere la rete, risvegliare la coscienza..” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/11/27/roma-amor-il-%E2%80%9Cfestival-delle-buone-soluzioni/

Treia. Armonia e fluidità – Scrive Mario Foglia: “Attraverso la pratica dello Yoga Flow sperimenteremo il Fluire, agendo sul l secondo chakra, Svadistana, mentre le sacre vibrazioni dei Gong Planetari riaccorderanno il nostro corpo fisico, emotivo e mentale. 29 novembre 2014, ore 9,30. Conducono: Mario Foglia e Alison Anandi Francis. Attività riservata ai soci. Info: info@lalunaeilsole.com”

Ronciglione. Trama oscura – Scrive Filippo Mariani: “…c’è da capire se esiste una sottile e ben congegnata regia protesa ad eliminare il nostro Paese dai mercati internazionali e, quindi, dalle esportazioni di prodotti più variegati: da quelli agroalimentari a quelli industriali, oppure è solo il risultato di incapacità, presappochismo, incoscienza e complicità di chi ci governa? Forse è giunto il momento di capire. Tutto questo verrà affrontato il 4 dicembre 2014, a Ronciglione, con l’economista Nino Galloni..” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/11/ronciglione-conferenza-di-nino-galloni.html

Viterbo. Italia/Nicaragua – Scrive Giulio Vittorangeli: “Aperto il tesseramento per l’ass. Italia/Nicaragua. Le parole se le porta il vento, i gesti rimangono! Fai la TESSERA del 2015 contribuirai alle attività dell’Associazione e promuoverai una cultura di pace & solidarietà internazionale tra i popoli. Una solidarietà che non riconosce la paura e la sofferenza di tutti i popoli e che non riconosce e contrasta la violenza dell’imperialismo non aiuta la pace. Info. itanicaviterbo@gmail.com”

Roma. Riconversione ecologica e sociale– Scrive Marica Di Pierri: “L’emergenza ambientale sempre più grave e diffusa tanto a livello regionale e nazionale quanto a livello globale, unita alle criticità del panorama economico attuale, è tale da spingere istituzioni, soggetti economici, forze sindacali e sociali verso il disegno di strategie complessive che facciano della conversione ecologica delle produzioni e dei consumi l’obiettivo di lungo corso dell’agire politico e dell’iniziativa economica. Se ne parla a Roma il 2 dicembre 2014…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/11/2-dicembre-2014-proposta-di-conversione.html

Ravenna. I daini possono morire – Scrive Doriana Goracci: “La Provincia di Ravenna ha varato un piano quinquennale 2014-2018 che prevede, in questo primo anno, la morte di 67 daini del Parco pubblico di Classe lungo la statale Adriatica. Sono troppi. La signora Eleonora Schonwald, romagnola d’azione, ha saputo di questa probabile “non dolce fine”, e ha presentato formalmente agli uffici della Provincia di Ravenna, l’offerta di accoglimento nella sua azienda degli animali, a Castiglione di Ravenna. Ma.. la risposta è negativa: i daini non possono essere spostati perché si tratta di “patrimonio indisponibile dello Stato”. Quindi possono essere solo uccisi…”

Alchimia. Un nuovo paradigma – Scrive Giorgio Vitali: “La riunione dell’anima col corpo (del soffio vitale con la struttura terrena) è comune a tutti gli esseri viventi. La raffigurazione del demonio, divinità delle tenebre, è più o meno sempre la stessa. Derivato da una figura di fauno, si è nel tempo leggermente trasformato, mantenendo gli zoccoli alle estremità delle zampe. Con le corna in testa, con un forcone in mano, avvolto nel fumo (che dicono di zolfo). In realtà si tratta di una figurazione campestre. La trasformazione mitica da fauno ad un bue, che maneggia o produce il letame, che posto sopra ai chicchi (di grano o di qualsiasi altra vegetazione) li concima e ne facilità la resurrezione sotto forma di pianta alimentare. Ecco perché si dice che Gesù chicco di cereale soggiace, sotterra, al demonio….” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/11/primavera-alchemica-nuovo-paradigma.html

………………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Tutte le profezie raccontano
che l’uomo creerà la propria distruzione.
Ma i secoli e la vita che sempre si rinnova
hanno anche generato una stirpe di amatori e sognatori;
uomini e donne che non sognano la distruzione del mondo,
ma la costruzione di un mondo pieno di farfalle e usignoli.
Li hanno chiamati illusi, romantici, pensatori di utopie,
hanno detto che le loro parole sono vecchie
e in effetti lo sono,
perché la memoria del paradiso è antica
nel cuore dell’uomo….”
(Gioconda Belli)

Commenti disabilitati

ER ai lanzichenecchi, Libia ai tempi di Gheddafi, nuove province antidemocratiche, signoraggio letale, lo spettro del TTIP, l’intelligenza è femmina

una finestra sul cielo

Il Giornaletto di Saul del 27 novembre 2014 – ER ai lanzichenecchi, Libia ai tempi di Gheddafi, nuove province antidemocratiche, signoraggio letale, lo spettro del TTIP, l’intelligenza è femmina

Care, cari – Non abbiatemene a male se le notizie pubblicate non sono belle. Piove e tira vento, quando piove e tira vento, e non si può dire che c’è il sereno e l’aria è dolce. Ma si può dire che dietro le nubi c’è il sereno e che prima o poi tornerà a splendere il sole. Questo è un giornaletto “meteorologico”……

I lanzichenecchi vincono ancora – Scrive Fernando Rossi: “Contando su 535.109 componenti delle varie bande, i Landsknecht, cioè servi della regione, hanno espugnato l’Emilia -Romagna, abitata da 4.446.354 persone, di cui 3.460.402 in ‘armi’ (ma non tutti hanno combattuto). In base alla legge dell’antico Mona Arca, Na Pollytainer, ora i Landsknecht, sono padroni assoluti della regione e, pur servendo l’Imperatore tedesco, ne disporranno a loro totale piacere, riducendola ancor peggio dei precedenti occupanti. L’ Imperatore Federeuro II, aveva criticato il comandante felsineo, Von Schulz, per avergli procurato un esercito poco nutrito, rispetto a quello allestito dal precedente comandante malatestiano, Erranmeister che sfiorava il milione di fanti, ma il giullare di Von Schulz, tal Reinzen Bugiarden, da poco acquisito dalla corte medicea, durante le feste per la vittoria, saltellandogli intorno aveva sostenuto che il suo comandante era stato più bravo di quello malatestiano, avendo vinto con la metà degli uomini. Nei prossimi giorni comincerà il saccheggio e l’assegnazione delle rendite agli Oberst, Quartiermeister, Hurelweiber, Pfenningmeister e Feldartz. Messer Guicciardini, annota che, stranamente, tra le fila dei Landsknecht, erano quasi assenti le bande dei Tumbular, dei Frizun e dei Landin Truppen…”

La “matteoranza” della democrazia – Scrive Adriano Colafrancesco: “E’ drammatico dirlo ma è proprio così: a sinistra la diaspora con aggravanti tragicomiche di un partito che oscilla tra il demenziale e il delinquenziale, proponendo fotocopie di quello del caimano, spacciate per il nuovo che avanza: la Picierno al posto della De Girolamo, la Bonafè al posto della Santanchè, Moretti-Carfagna, Boschi-Gelmini, e così via, solo per fare alcuni esempi….. per non parlare, per “parità di genere”, del duo Speranza-Capezzone, massimo dello sballo masochista di un carrozzone allo sbando, per il quale grida vendetta dall’oltretomba il padre della direttrice del TG3, impegnatissima a ricordare agli italiani che… ” – Continua:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/11/tempo-di-matteoranza-della-democrazia.html

Commento di G.M.: “La stragrande maggioranza degli elettori non vuole la scissione, vuole un partito ex novo. I motivi sono tanti: 1) la collusione tra parlamentari e politicanti del PD con tutti e tutto è sotto gli occhi di tutti ed è una garanzia di insuccesso 2) la corruzione è enorme e preoccupante a tutti i livelli (leggasi una intervista a Barca dopo la sua visita alle sedi del PD in Italia) 3) l’incompetenza dei politicanti del PD è oramai insostenibile. Probabilmente un partito retto da inetti e incapaci esperti di chiacchiere non può valorizzare nessuna persona valida…”

Libia – Colonnelli si muore – Scrive Siovhan Cleo Crombie: “Prima della caduta di Tripoli e della sua prematura scomparsa, Gheddafi stava cercando di introdurre un’unica moneta africana legata all’oro. Seguendo le orme del defunto grande pioniere Marcus Garvey, che per primo coniò il termine di ”Stati Uniti d’Africa”, Gheddafi voleva iniziare il commercio con il solo dinaro d’oro – una mossa che avrebbe gettato nel caos l’economia mondiale. Il dinaro è stato ampiamente osteggiato dalle ‘élites’ della società odierna. Le nazioni africane con esso avrebbero finalmente avuto il potere di uscire dal debito e dalla povertà per commerciare solo con questa moneta. Avrebbero potuto finalmente dire “no” allo sfruttamento esterno e pagare quanto ritenevano giusto per le risorse preziose. Si è detto che il dinaro d’oro è stata la vera ragione per la ribellione guidata dalla NATO, nel tentativo di rovesciare un leader dal linguaggio molto chiaro. Dunque, Muammar Gheddafi era un terrorista?” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/11/libia-colonnelli-si-muore-alcune-cose.html

Bologna conviviale – Scrive Salvatore Panu: “Sabato 29 novembre dalle ore 15 e domenica 30 novembre dalle ore 10, commemorazione di Ivan Illich. Centro di Documentazione delle Donne, Via del Piombo 7, Bologna. La partecipazione al convivio è libera. I partecipanti sono invitati a portare qualcosa da mangiare e da bere da condividere (probabilmente intorno alle 19). Info. torepanu@tiscali.it”

Chi tocca il signoraggio muore – Scrive Piero Puschiavo: “Wim Duisenberg, fu il primo governatore della Banca Centrale Europea, il suo decesso risale al 31 luglio 2005. Le cause rimangono ancora oscure e nessuno, a quanto pare, si è preoccupato di indagare…. Duisenberg osò pronunciare una parola che, unitamente ad altre posizioni assunte, gli risultò fatale: osò parlare di signoraggio…” – Continua:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/11/26/la-strana-morte-di-wim-duisenberg-deceduto-in-piscina-a-causa-del-signoraggio-bancario/

Bologna. Salute libertaria – Scrive Barbara: “3 dicembre 2014, ore 21, corso su ERBE ED ACQUA, come prepararsi tisane, pediluvi, vapori, bagni, etc. con erbe, ortaggi e sale, che si svolge presso il centro sociale LA’BAS occupato in via Orfeo 46 a Bologna (vicino al baraccano). Info. 3248395063″

Tutela ambientale e nuove professioni – Scrive Gabriele La Malfa: “Nel contesto nazionale i Contratti di Fiume (CdF), anche sotto forma di Contratti di Lago, Falda, Foce, Costa, Paesaggio Fluviale, rappresentano il manifestarsi di una risposta che nasce dal basso per fronteggiare il continuo diffondersi del dissesto idrogeologico e della precarietà di un territorio reso sempre più vulnerabile dall’eccessiva antropizzazione e dalla carenza di manutenzione del territorio. Ma oltre ciò i CdF hanno la valenza di valorizzare aree naturali usufruibili da un turismo responsabile.” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/11/contratti-di-fiume-tutela-ambientale-e.html

Francesco, ora spogliati… – Scrive Ettore Stella a commento dell’articolo http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/11/appello-papa-francesco-di-spogliarsi.html -: “Infatti, è quello che avrebbe voluto Gesù, ma il Papone Francesco I mi sa tanto che non la pensa come lui. Forse ci vorrebbe un Paolo VII. A proposito non ricordo un Papa con i baffi! Comunque la mitra ti dona…”

Mia rispostina: “..quello è un fotomontaggio realizzato tempo fa il giornale La Tua Voce di Viterbo, quando andai lì per la visita antipapale (nel 2010)… Il pavone Francesco ha bisogno di un po’ di sale sulla coda.. il suo turno di spapamento è prossimo (comunque sia)..”

TTIP, lo spettro ammazza tutti – Scrive Fabio Balocco: “Uno spettro si aggira fra Europa e Stati Uniti. È lo spettro del Ttip. Trattati di questo genere vanno nella direzione esattamente opposta a quella che il movimento ambientalista richiede, e cioè tutela del territorio, tutela delle varietà locali in agricoltura, bioregione, chilometri zero, risparmio energetico. Ovviamente a noi cittadini italiani il trattato lo spacciano come una grande rivoluzione che permetterà alle Pmi italiane di aprire sedi negli Usa in un giorno. Ci trattano come se fossimo degli imbecilli. Le imprese italiane chiudono sempre più di frequente e, se possono, delocalizzano. Anche “senza” il Ttip, come insegna Fiat,…. figuriamoci “con”!..” – Continua:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/11/ttip-lo-spettro-ammazza-tutti.html

Carrara. Sostegno alla lotta popolare – Scrive NPCI: “Che Carrara sia di esempio per tutta l’Italia! Sostenere la lotta delle masse popolari di Carrara per cacciare la giunta Zubbani. Il degrado dell’economia, la disgregazione della società, il dissesto del territorio, le epidemie e la crisi ambientale non sono fatalità. Ogni “disastro naturale” mette in luce che l’incuria, l’irresponsabilità, la speculazione e la criminalità presiedono all’attività delle Pubbliche Autorità del paese.”

Nuove province antidemocratiche – Scrive Orazio Fergnani: “… chi fosse interessato e volesse partecipare sottoscrivendo la querela è il benvenuto …. giovedì mattina, 27 novembre 2014, alle 11,00/11,30 saremo alla solita Stazione dei Carabinieri in via Cassia 1781 (loc. La Storta – ROMA) a depositare la quarta querela in merito alla INCOSTITUZIONALE, ILLEGALE ED ILLECITA SOTTRAZIONE DEL DIRITTO ELETTORALE A VENTICINQUE MILIONI DI CITTADINI DELLE PROVINCE RIDENOMINATE “AREE METROPOLITANE” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/11/26/denuncia-querela-agli-organi-preposti-per-lillegale-ed-illecita-sottrazione-del-diritto-elettorale-a-venticinque-milioni-di-cittadini-delle-province-ridenominate-%E2%80%9Caree-metropolitane/

Pirenei. Auberta è morta – Scrive Doriana: “Sono rimasti circa trenta orsi sui Pirenei, e lei, Auberta, orsetta di 10 mesi, è stata trovata senza vita in un recinto di 5.000 metri quadrati dove era custodita in un posto immerso nella natura, dopo che era stata trovata il 16 aprile, sola e disorientata fra le montagne, nel piccolo paese di Aubert in val d’Aran da cui le era stato dato il nome. Tra alcuni mesi sarebbe stata libera di unirsi agli altri orsi dei Pirenei, rimasti in pochissimi ma è stata trovata morta su quel versante spagnolo dei Pirenei, sembra per la riapertura di una cicatrice sull’addome, dove le era stato applicato un apparecchio trasmettitore per seguirla..”

L’intelligenza è femminile – ….Le religioni monoteiste sono sostenute da una comune “fobia” della donna, che viene vestita di nero, coperta su tutta la superficie del corpo, ridotta a lavori servili, esclusa dal sacerdozio e denigrata come oggetto impuro. Nelle organizzazioni sociali del lavoro viene costretta ad assumere caratteri virili per competere con l’uomo. Eppure, allo stesso tempo i movimenti ecologisti riscoprono una “natura-madre” da difendere dall’assalto dell’industria e della produzione di energia e dalla forzata antropizzazione; la psicoanalisi elabora linee di ricerca in cui la relazione madre-bambino è quella centrale per lo sviluppo e la salute futura dell’adulto; energici movimenti culturali cercano di valorizzare le differenze di genere… – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/11/la-donna-scrigno-di-consapevolezza-e-di.html

Ma per fortuna fra noi ci sono molte donne libere…. Ciao, Paolo/Saul

………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“….l’azione è integralmente soggettiva. L’azione equivale ad una forza che si avventa su un obiettivo formando un luogo geometrico, e può essere bella come la corsa di un cervo, che tuttavia è assolutamente ignaro della propria grazia. Generalmente la bellezza non ha il tempo di cogliere il proprio fascino. Si potrebbe persino affermare che proprio in questa assoluta non coscienza di sé, la bellezza assume la sua forma più pura ed essenziale” (Yukio Mishima)

Commenti disabilitati

Papa Francesco “spogliati”, USA/ISIS, Sposetti ferma renzie, nondum matura, pseudo democrazia, libertà nella spiritualità laica

Francesco si denuda

Il Giornaletto di Saul del 26 novembre 2014 – Papa Francesco “spogliati”, USA/ISIS, Sposetti ferma renzie, nondum matura, pseudo democrazia, libertà nella spiritualità laica

Care, cari – Proposta a Papa Francesco – Personalmente non sono un rivoluzionario e non voglio inneggiare ai “cosacchi che vengono ad abbeverare i loro cavalli nella piazza San Pietro” (come scherzosamente propose Stefano Disegni in un suo fumetto di vent’anni fa..), sono uno spiritualista ironico, laico e metaforico, perciò “allegoricamente” continuerò a denunciare vizi e soprusi della chiesa cattolica, allo stesso tempo proponendo alternative e suggerendo un emendamento. Questa vuole perciò essere una proposizione d’intenti e non di “belligeranza”. Spero che il papa Francesco possa cogliere il consiglio che gli offro, quello di divenire partecipe di una rivoluzione spirituale e di pensiero che conduca alla vera “ecclesia”, quella della comunità di tutti gli esseri umani, conviventi in una unica basilica sincretica ed universale! Sia la chiesa cattolica, per prima,  a dare il buon esempio abbandonando ogni formalismo religioso. Forse questo servirà  a scuotere le convinzioni fideistiche della altre religioni ed a convincere i vari rabbini, mullah, bramini e monaci che l’uomo esiste prima di ogni etichetta religiosa. E che se c’è un Dio non può essere partigiano… non può avere figli o popoli prediletti. Ma per ottenere un risultato credibile è necessario che papa Francesco prima di tutto si spogli delle vesti di papa. – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/11/appello-papa-francesco-di-spogliarsi.html

USA. Cambio di strategia – Scrive G.Q.: “Siamo al preludio di un cambio di strategia in Medio Oriente ed in Ucraina. Le dimissioni del ministro della Difesa americano Chuck Hagel annunciate nel pomeriggio del 24 novembre 2014 aprono una serie di interrogativi sulle prossime mosse di politica estera di Barack Obama. Le dimissioni sono ovviamente un pretesto, per il cambio di strategia e per il quale si ha bisogno di un personaggio nuovo. Da ora in poi la politica estera americana sarà più aggressiva. Il recente provvedimento varato dalla Commissione Esteri della Camera dei Rappresentanti USA, (la risoluzione HR 5121) proibisce alle agenzie federali di assumere una qualunque azione che implichi il riconoscimento della sovranità della Federazione Russa sulla Crimea, il suo spazio aereo, o le sue acque territoriali. Un deputato della Duma ebbe a dire che questo 2014 sarà l’ultimo capodanno che possiamo vivere ancora in pace. Attendiamo il discorso di Putin, previsto per il 18 Dicembre, nel quale sarà annunciato la nuova strategia di difesa della Russia, per contrastare la continua aggressività militare, economica e geopolitica, nei suoi confronti, dettata dagli Usa e dalla vassalla Europa…”

Diritti Umani. Voto ONU. Chiarimento – Scrive Ubaldo: “Vorrei chiarire il senso dell’articolo http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/11/onu-il-nazismo-piace-soprattutto-agli.html – Il riferimento è sul voto all’ONU, relativo alla proposta della Russia di condanna del nazismo. Al quale Ucraina, USA e Canada hanno votato contro. L’Italia astenuta, assieme all’Europa. L’Italia – nella sua qualità di presidente di turno dell’Unione Europea – ha dichiarato la propria astensione, trascinandosi dietro tutti i paesi europei…”

USA/ISIS – Scrive L’Antidiplomatico: “La guerra al terrore è in realtà un supporto all’Islam radicale. Un professore emerito dell’Università di Ottawa, in Canada, ha spiegato in 26 concetti perché lo Stato islamico è un importante alleato degli Stati Uniti e come la “guerra al terrore” è in realtà un supporto all’Islam radicale. Michel Cossudovsky, un economista canadese, scrittore e professore dell’Università di Ottawa, in Canada, dopo aver analizzato centinaia di documenti, giunge ad una serie di conclusioni che..” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/11/la-grande-bugia-i-26-punti-che-svelano.html

Commento di G.V.: “Le previsioni più consistenti sul futuro davano e danno il PRIMO CRAK negli USA. Il paese più in crisi del mondo, più incoerente, meno omologato, con differenze eclatanti di condizioni di vita e di legislazione sociale fra Stato e Stato, con una forte immigrazione dal sud, che sta fallendo la politica egemonica mondiale come già profetizzato dai suoi massimi esperti di Geopolitica. E quando la sua classe dirigente fallisce, come insegna la storia romana, parte la rivolta che coinvolge all’inizio le categorie più sfruttate, ma poi si allarga ai ceti borghesi. (Ricordare la Rivoluzione Francese: tutti massoni ma, al momento culminante, l’un contro l’altro armati)”

L’avanzata di renzie la ferma Sposetti – Scrive Stefano Filippi: “Un passo alla volta, la scalata di Matteo Renzi al Partito democratico è arrivata a un momento chiave. Ha conquistato rapidissimamente le primarie, la segreteria, Palazzo Chigi e sta per piazzare un amico suo al Quirinale. Gli manca un ultimo obiettivo, determinante: i beni, il patrimonio, il tesoro degli ex comunisti. Soldi, edifici, terreni, società immobiliari, opere d’arte per un valore che supera il mezzo miliardo di euro.  Il compagno Ugo Sposetti, vecchia scuola Pci, ha chiuso tutto in 70 fondazioni-cassaforte sparse per l’Italia, intitolate alla nomenclatura comunista (Longo, Berlinguer, Natta, Chiaromonte, Quercioli, Vittorio Foa e altri minori) o a simboli come il Tricolore, Bella ciao, la Quercia, Rinascita. Enti morali senza scopo di lucro, proliferati grazie a una leggina del 2006 (governo Prodi), affidati ad amministratori di provata fede e soprattutto separati dal partito. Riuscirà il nostro eroe a metterci le mani sopra?”

Pseudo democrazia in pseudo repubblica – Scrive Vincenzo Zamboni: “Gli uomini e le donne che occupano il parlamento non sono stati eletti da nessuno: nessun cittadino, votando, ha scelto uno solo di quei nomi (mancando il voto di preferenza). Quelle 945 persone, dunque, non rappresentano semplicemente niente. Le loro leggi non hanno alcun valore, poiché nessun elettore ha nominato, votando, quei figuri, delegandoli a scriverle. Si tratta semplicemente di una banale colossale truffa per gonzi, distratti e/o illusi. In Italia non esiste alcuna Repubblica, solo una finzione mal fatta, invalida (il termine “invalido” include un significato di genere patologico)..” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/11/25/pseudo-democrazia-in-pseudo-repubblica-che-scricchiola/

Giornaletto. Elezioni. Scrive Giorgio a commento dell’editoriale di ieri http://saul-arpino.blogspot.it/2014/11/il-giornaletto-di-saul-del-25-novembre.html -: “Si deve partire dalla partecipazione degli anni 50-60. Allora il popolo CREDEVA nella rappresentatività del voto e della classe dirigente. CREDEVA pertanto nella DEMOCRAZIA (questa democrazia)…. questa democrazia inventata al di là dell’Atlantico, dove NON si è mai concretizzata, anche a scapito di una popolazione, mi riferisco comunque a minoranze acculturate, abituate a farsi rispettare singolarmente e come gruppi ( ma mai collettivamente) soltanto per trovare un espediente propagandistico per la propria espansione colonialista e globalista.  (Vedi: Stéphane Hessel-Edgar Morin: Il cammino della speranza, Chiare Lettere.). OGGI questa democrazia ha dimostrato esattamente cos’è: un sistema di tipo coloniale…” – Continua in calce al link segnalato

Regioni. Non si voterà più – Marco Bracci commenta il mio commento di ieri, sul non voto programmato: “Caro Paolo, come sempre hai colto nel segno. Per fare quello che fa, chi comanda ha bisogno di essere legittimato e quindi si preoccupa di fare in modo che il popolo dei comandati sia consenziente verso le sue azioni. Il portarci verso l’astensionismo è appunto un modo per giustificare (“L’avete voluto voi” ci diranno poi) il fare ancor di più quel che vogliono senza che noi possiamo metterci becco, proprio perché NOI li abbiamo legittimati ad agire come agiscono e come agiranno…”

Nondum Matura – Scrive Fabrizio Belloni: “Esopo, Fedro….. la saggezza dei narratori antichi! Spacciandole e contrabbandandole per fiabe per bimbi, si erano trasformati in macchine fotografiche viventi e scriventi, tramandandoci, attraverso i racconti, verità e saggezza al di là del tempo e della cultura. Forse, anzi, di sicuro, ha ragione Massimo Fini che afferma che dopo i Greci, ad esempio, in filosofia si è fatta solo confusione. Iperbole, ma nel pensiero antico vi era già tutto. In egual misura le polluzioni, le miserie, le grandezze dell’animo umano vengono da secoli racchiuse nelle fiabe, nei racconti. In quelli classici, greci e soprattutto latini…” – Continua:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/11/nondum-matura-la-democrazia-e-matura.html

Roma. Predazione organi – Scrive Britesco: “Segnaliamo un vero e proprio abuso denunciato dalla “Lega Nazionale contro la predazione organi e la morte a cuore battente” che si sta verificando in diverse città italiane. Un escamotage vile, propagandato ad arte dalla stampa, contro i cittadini italiani, sempre più mandria senza una propria volontà. Al momento del rinnovo della Carta d’identità, a Roma (e non solo), ti fanno firmare un modulo di consenso all’espianto degli organi. Per non cadere nella trappola “burocratico-satanica” sappiate che vi potrebbe accadere che all’ufficio anagrafe l’impiegato ti presenti un modulo prestampato ingannevole. E’ una dichiarazione facoltativa, non obbligatoria, che è possibile rifiutare…”

Modena. Scie chimiche – Scrive Leda: “Sabato 29 Novembre 2014, alle ore 21.00, presso Polisportiva Madonnina in Via Don Pasquino Fiorenzi 135, Conferenza pubblica sul tema: “Scie chimiche – geoingegneria” Relatore: Massimo Rodolfi. A cura di Riprendiamoci il Pianeta, ass. impegnata nella corretta informazione su aspetti di vitale importanza per l’ambiente e la collettività. Durante la serata sarà possibile firmare la petizione contro le scie chimiche. Info. fontana.leda@libero.it”

Hortus Urbis. Le mani in pasta. Scrive Zappata Romana: “Siamo lieti di invitarvi, Domenica 30 novembre, alle ore 11, alle attività autunnali all’aria aperta per grandi e piccini dell’Hortus Urbis, l’orto antico romano nel Parco dell’Appia Antica. Sarà l’ultimo appuntamento stagionale. MANI IN PASTA: PANE AZZIMO. Laboratorio per bambini. Con farina, acqua, olio, sale e molta fantasia i bambini impasteranno per realizzare con le mani il proprio pane azzimo che verrà cotto nel forno dell’orto..” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/11/roma-hortus-urbis-30-novembre-2014-le.html

Roma e Milano chiedono mano libera – Scrive Resistenza: “Pisapia e Marino stanno lasciando Milano e Roma in mano a chi specula sulla miseria e alimenta la guerra fra poveri. Con il loro “lasciateci lavorare” hanno assecondato per anni tutte le misure antipopolari del governo Renzi-Berlusconi e oggi, costretti dal degrado e dalla miseria che essi stessi hanno alimentato, inseguono la destra sul suo terreno, alimentando la guerra tra poveri. Sono i degni burattini della Repubblica Pontificia e gli utili idioti al servizio dei finanzieri, degli speculatori e della destra reazionaria.”

L’immortalità del “Natale” – Scrive Anthony Ceresa: “..Natale che desta tenerezza, rappresentato da un bambino nato in una mangiatoia in assoluta povertà, riscaldata dal bue e dall’asinello, un gallo, qualche gallina e tre pecorelle. L’unico regalo concesso dalla Natura “la Mamma” che addolcisce tutte le pene. Il Bambinello Natalino cresce sano ed intelligente, con l’idea sin da giovanissimo di cambiare il mondo, discute con Re e Regine, Dottori e Politici mostrandosi all’altezza dei suoi saggi insegnamenti, ma il mondo del male lo ferma e lo perseguita sino alla condanna alla crocefissione…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/11/panettone-pandoro-panforte-panpepato-e.html

Commento di V.Z.: “U-topia (gr: u – tòpos) significa semplicemente “luogo che non c’è”, ovvero ancora da costruire: come casa vostra, prima che qualcuno la realizzasse. Naturalmente, una abitazione, come qualunque altro tòpos, prima di esistere deve essere realizzata, e prima di realizzarla bisogna progettarla, analizzando i problemi costruttivi. Che è esattamente quanto si sta facendo qui, relativamente alla casa comune sociale. Quanto allo “sradicare dalla mente della gente” devo ricordare che non fu affatto facile, proprio per niente, sradicare l’idea che “non può volare il più pesante dell’aria” (riferito alle macchine artificiali, visto che uccelli e insetti già lo facevano), ma alla fine gli aerei sono stati costruiti. Utopia o no, non bisognerebbe mai intralciare chi cerca di progettare qualcosa di nuovo, perché potrebbe anche essere quello che ci riuscirà. C’è sempre una prima volta. C’è differenza, però, tra chi ha fiducia nelle capacità umane e chi no: il secondo tipo di persona sarà sempre solo un rassegnato destinato a subire ciò che viene scelto da altri, condizione che non è entusiasmante…”

Libertà espressiva nella spiritualità laica – Prima ancora di essere giudei, cristiani, maomettani, buddisti etc, noi siamo “coscienza” ma tale consapevolezza è talmente offuscata che le nostre intrinseche qualità  vengono sommerse da una pletora di idee, costrizioni e strutturazioni precostituite da vari credo. Un recinto che impedisce la libertà espressiva in termini di spiritualità naturale dell’uomo. Basti vedere – ad esempio – l’uso improprio che viene fatto  del termine “laico” dalla religione cattolica, sottintendendo si tratti di persona non appartenente alla classe sacerdotale ma membro della religione. Cosa assurda dal punto di vista  etimologico e glottologico. Ma questo misuso viene portato sfacciatamente avanti nelle menzioni fatte dal vaticano in riferimento ai cosiddetti credenti “laici” della chiesa (intendendo persone comuni non ordinate nella casta sacerdotale ma appartenenti alla religione)…. – Continua: http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Liberarsi-dalla-gabbia-religiosa-e-ideologica

Mi esprimo liberamente.. e tu? Ciao, Paolo/Saul

……………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto: ”

“Smetti di aspettare che gli altri ti rendano felice. Sono tutti troppo impegnati a rendere felici se stessi. Aspetteresti per tutta la vita. Lasciali in pace e scopri la felicità naturale che tu sei, quel naturale, insito appagamento che non dipende da nulla” (Jeff Foster)

Commenti disabilitati

Regioni: non si voterà più, compendio bioregionale, discarica di Cupinoro, il caso Moro, mai più vivisezione, ONU diritti umani

elezioni regionali

Il Giornaletto di Saul del 25 novembre 2014 – Regioni: non si voterà più, compendio bioregionale, discarica di Cupinoro, il caso Moro, mai più vivisezione, ONU diritti umani

Care, cari – Analisi del voto regionale. Scrive Vincenzo Mannello: “La valanga inarrestabile dell’astensionismo ha travolto Emilia e Calabria e, con esse, istituzioni, partiti politici e media di questo regime partitocratico… So bene che il tono sembra a molti eccessivo e che il “nonvotare” viene confuso con il venir meno ad un “diritto civile” ma in politica contano i fatti ed i fatti dicono che NON ha votato il 63% di elettori… quindi gli “eletti” sono soltanto “usurpatori” di una volontà popolare opposta! Se fossero persone perbene e veramente “democratiche” si dimetterebbero immediatamente per andare a nuove elezioni… ma non lo sono…( dal punto di vista politico). Fatto è che tutti i componenti la tribù della partitocrazia “democratica” non si vogliono rendere conto che il “loro” tempo va in scadenza… o meglio fanno i tonti perché lo sanno benissimo e sperano avvenga il piú tardi possibile. Come, quando…? Non ancora, il fronte sempre piú vasto del malcontento è estremamente variegato e pure diviso in mille rivoli ma decisamente esplosivo….

Commento di Viv: “L’ex presidente E.R. Errani condannato per falso ideologico, 5 “consiglieri” regionali indagati per peculato nell’inchiesta “spese pazze” ricandidati con l’ammucchiata pdselcentro, 6 indagati per peculato più 1 per corruzione con l’ammucchiata legafarsaitagliasurelliditaglia, 1 indagato per peculato per udcncd… Un successone per il partito unico di centrodestrasinistra”

Commento di M.M.: “In Emilia Romagna hanno un sistema clientelare difficile da battere. Quando in un comune come Cesena dove ho lavorato, hai: Hera luce, Hera gas, Hera illuminazione, Hera fossi, Hera spazzatura ECC ECC. ogni ente ha una propria sede, ogni sede ha minimo 50 dipendenti con le rispettive famiglie… Quindi di cosa parliamo, di partito o di sistema clientelare? In Calabria si paga per i voti..”

Commento di C.M.: “Il calo dei votanti conferma lo scollamento reale del paese con la classe politica. Ma se anche andassero a votare in tre i partiti si dividerebbero quei tre voti. E’ chiaro che c’è necessità immediata di alternative valide..”

Commento di Living Spirit: “E’ desolante il primo dato che emerge dopo la chiusura dei seggi. I numeri parlano chiaro: nel complesso, si sono recati alle urne 4 votanti su 10. E’ già polemica: in Emilia Romagna affluenza al 37,37%, in Calabria al 44,07%.”

Commento di B.G.: “In Emilia Romagna ha vinto l’astensionismo, il rigetto del cittadino per la politica. In una regione in cui chi compra con i soldi pubblici un vibratore (o si fa spesare lo scontrino per andare a pisciare in un Autogrill e non se ne vergogna) dove si torna a votare perchè il presidente di Regione Errani è stato condannato, votare, anche turandosi il naso, è dura. La puzza è troppa, in particolare quella piddina. Ora c’è il solito gioco di chi ha vinto e di chi ha perso. Si può dire tranquillamente che con questo livello di astensionismo ha perso la democrazia…”

Commento di A.M.: “Attribuire, come vedo fare e scrivere da molti in questi giorni, la responsabilità dell’enorme astensionismo alle recenti elezioni regionali di Emilia-Romagna e Calabria, alla crisi, al governo nazionale e in specie all’attuale presidente del Consiglio dei Ministri Renzi, è, a mio avviso, la reazione tipica degli struzzi al pericolo di aggressione (ficcare la testa sotto la sabbia per non vedere). ..”

Commento di V.Z.: “…l’affluenza elettorale rimane pur sempre un indice del livello di consenso, gradimento, accettazione da parte del popolo, e le attuali circostanze suonano visibilmente come una bocciatura o almeno parziale consistente rifiuto della classe politica esistente. Gli italiani considerano distanti i politici, e non mostrano di approvarli. Del resto, allo stato attuale delle cose, come potrebbe essere altrimenti?”

Mio commentino: “Regioni: non si voterà più! Stamattina al baretto in piazza a Spilamberto, durante il rito del cappuccino bollente, ho letto sui giornalacci del potere i commenti politici che lasciano presagire le prossime mosse governative: “Bisogna ripensare le regioni…”. Dal che si intuisce che queste istituzioni faranno la fine delle Province, ovvero il popolo non sarà più chiamato ad esprimere i suoi rappresentanti, ci penseranno direttamente i partiti nazionali (al governo od alla finta opposizione), in un grande inciucio, a decidere chi comanderà a livello regionale. Così pian piano ogni rappresentanza democratica verrà cancellata e i governanti non dovranno più giustificarsi di usurpare il potere… La gente non va più a votare? Niente paura non servirà più votare, ci saranno solo amministrazioni stabilite dalla governabilità….”

Pensieri positivi per continuare – Scrive Sara Stella: “Fare ciò che va fatto, indipendentemente dai risultati… perché non c’è garanzia che qualsiasi risultato, successo o vittoria arrivi …. o duri per sempre … ma se lo “scopo” non è raggiunto e se il “per sempre” non è garantito e si smette di “fare” per questo …allora ecco lo smarrirsi nella ricerca di un senso, l’ignavia, la rassegnazione, la depressione, il percepire la vita come un peso, la fuga dalla vita così com’è …” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/11/pensieri-positivi-per-continuare-fare.html

Lombardia ammazzasuolo – Scrive Salviamo il Paesaggio: “il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato la legge ‘ammazzasuolo’, con una serie di modifiche concordate tra maggioranza e opposizioni che hanno portato ad una limitazione del danno. La legge non fissa alcun limite al consumo di suolo e rinuncia a spingere l’industria delle costruzioni verso la riqualificazione urbana: nessuna agevolazione fiscale e nessuna semplificazione normativa è prevista per la rigenerazione urbana, pertanto i campi agricoli continueranno ad essere il terreno privilegiato per gli investimenti immobiliari. Infine, il legislatore lombardo ha consacrato tutte le scelte di espansione dei piani urbanistici comunali, senza nemmeno imporne una revisione alla luce delle situazioni di criticità rese evidenti dai recenti disastri climatici.”

Cupinoro. Mai più discarica? – Scrive Comitato: “Con atto pubblicato il 18 novembre 2014 la Regione Lazio ritira la VIA, già approvata, relativa al progetto di costruzione di una nuova discarica per un quantitativo utile di 450.000 metri cubi, denominata Vaira 1. Dopo più di un anno, dopo il nostro ricorso al Tar…” – Continua:
http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/11/la-regione-lazio-rinuncia-alla.html

Commento integrativo: “Se la revoca della V.I.A. per VAIRA UNO, dopo mesi di lotta ed allarme e preoccupazione diffusa, ci rende tutti felici, come Comitati Uniti per la chiusura definitiva di questa montagna di rifiuti, che si può scorgere per kilometri, abbiamo il dovere di mettere un po’ d’ordine nella comprensibile confusione creata tra due cose diverse e due diverse autorizzazioni per lotti diversi…” – Continua in calce al link soprastante

Piumazzo. Racconti – Scrive Almo: “28 novembre 2014, ore 21,  Via dei Mille, 167, Piumazzo (MO). Appenninia. Viaggio nella terra di domani di Riccardo Finelli. Un viaggio su due ruote lungo il crinale, da Nord a Sud, dove scoprire gente straordinaria che vive tra montagne di meraviglia. Luoghi sconosciuti, storie, racconti, ricordi trovati con un viaggio dove non è guardato solo in alto per sfuggire alla pioggia, e nemmeno sempre in basso per schivare strade malridotte, ma che ha attraversato strane comunità, conosciuto personaggi inimmaginabili che tentano di sopravvivere ancora oggi dove non si direbbe mai. Info. 333 3210 581″

Avanti con la ricerca scientifica etica – Scrive Stop Vivisection: “A seguito dell’iniziativa dei Cittadini Europei promossa da STOP VIVISECTION, sono state raccolte 1.170.326 firme, che saranno presentate, con una Conferenza Stampa, alla Commissione europea di Strasburgo, mercoledì 26 novembre 2014, per discutere degli efficaci metodi scientifici alternativi alla vivisezione. Le firme, certificate dalle Autorità nazionali di tutti gli Stati membri dell’UE, sono la testimonianza della forte volontà dei cittadini europei, e di molti dei loro dirigenti politici, di porre fine alla sperimentazione animale e sostituirla con una ricerca biomedica che abbia base scientifica, al fine di affrontare con efficacia, su scala globale, le urgenti necessità di tutela della salute umana, in relazione ai rischi derivanti dalle sostanze chimiche…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/11/stop-vivisection-al-parlamento-europeo.html

Macerata. In famiglia – Scrive Circolo Aldo Moro: “28 novembre 2014, h. 21, Domus San Giuliano Via Cincinelli 4 – Macerata. Dialogo pubblico: “Sentinella quanto resta della notte – La famiglia come risorsa. Con Angelo Sciapichetti e Antonio Sciortino. Info. 0733/202456″

Orizzontarsi su Moro – Scrive Maurizio Barozzi: “Ricordiamo che Moro per aver fatto liberare gli attentatori palestinesi di Fiumicino scatenò la vendetta sionista che fece cadere l’aereo Argo con tutto l’equipaggio. Era l’aereo che aveva portato i palestinesi in Libia liberandoli. Moro inoltre nel 1973 aveva negato gli scali e le basi agli americani per rifornire Israele nella guerra del Kippur. fu la sua condanna a morte..” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/11/24/orizzontarsi-sul-caso-moro-alcune-novita-editoriali/

Commento di Giorgio Vitali: “NON CREDO CHE PER NOI SUSSISTANO DUBBI. L’UNICA COSA CHE DOBBIAMO FARE è FAR CAPIRE CHE MANI PULITE NON è STATA PRODOTTA DAL SINGOLO CASO-SIGONELLA, MA DA UNA POLITICA FILO-ARABA CHE L’ITALIA HA PERSEGUITO FIN DAL DOPOGUERRA. PERTANTO, I TASSELLI DI QUESTO PROCESSO SONO MOLTISSIMI. UNO STORICO EBREO ITALIANO (mi pare Molinari) HA SCRITTO UN LIBRO INTITOLATO “LA SINISTRA E LA QUESTIONE PALESTINESE” nel quale elenca ben 10 anni di atti governativi a favore dell’Islam. (governi Craxi-Andreotti). Infine ricordiamo che Gardini e Cagliari furono assassinati, mentre Garofano salvò la pelle perché membro dell’OPUS).”

ONU. Diritti dell’Uomo – Scrive Vito De Russis: “…la notizia che riporto di seguito è passata sotto il silenzio generale della stampa, per quanto mi risulta. Nei Paesi che nella classifica mondiale della “libertà di stampa” rientrano nei Paesi “liberi” o “parzialmente liberi” (Italia), quel silenzio generale può/deve definirsi “autocensura”. Per noi, persone legate alla “Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo”, è CENSURA, molto più pericolosa di quella “imposta dai governanti” perché – come avviene in Italia – viene sovvenzionata dallo Stato, cioè da tutti noi contribuenti “tassati alla fonte” (lavoratori dipendenti e pensionati)…..” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/11/onu-il-nazismo-piace-soprattutto-agli.html

Commento di V.Z. “Il losco figuro di turno che occupa Palazzo Chigi continua a firmare la voragine di spesa per il finanziamento delle criminali sanguinarie guerre di aggressione e occupazione coloniale contro Afghanistan e Libia, etc. E’ un controsenso così pazzesco che solo dei minus quam habens possono credergli, o far finta di credergli. Non ha senso credere a un bugiardo in flagranza di menzogna, ed è sbalorditivo che simili individui patibolari riescano ad impossessarsi di certi palazzi… Tutto questo la dice lunga sullo stato della salute mentale nel nostro paese. “L’Occidente ha perso la testa”, dice Vladimir Putin, e c’è di peggio: è proprio vero…”

Compendio bioregionale e di spiritualità laica – Scrive Olivier Turquet: “Paolo D’Arpini è il portavoce della Rete Bioregionale e presidente del Circolo Vegetariano VV.TT.. L’ho conosciuto grazie al suo infaticabile “Giornaletto di Saul”, bollettino giornaliero del Circolo Vegetariano ove diffonde notizie e commenti su numerosi argomenti avvalendosi di una rete immensa di collaboratori; gli scrivo ogni tanto anch’io i miei commenti ma soprattutto siamo diventati amici. Così ho pensato di intervistarlo e questo è il risultato di uno scambio di email e conversazioni…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/11/compendio-di-informazioni-su.html

Resistere sempre… Ciao, Paolo/Saul

………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

«E’ arrivato il momento di mettere al rogo tutte le vecchie religioni ormai logore e di lasciar emergere un nuovo concetto di religiosità che affermi la vita, una religione basata sull’amore non sulle leggi, una religione della natura non della disciplina, una religione della totalità non della perfezione, una religione del sentire non del pensare. Il cuore dovrebbe essere il capo, allora tutto si sistemerebbe spontaneamente. Se riesci a fidarti della natura, a poco a poco diventerai quieto, silenzioso, felice, gioioso, festoso, perché la natura è in festa. La natura è una festa.» (Osho)

…………………………

Commento di Giorgio Vitali:
“E’ FACILE NOTARE COME QUESTO SISTEMA SIA FINITO NELLA SPAZZATURA DA DOVE è STATO TRATTO PER ESSERE IMPOSTO AGLI ITALICI. L’Iter è semplicissimo. Si deve partire dalla partecipazione degli anni 50-60. Allora il popolo CREDEVA nella rappresentatività del voto e della classe dirigente. CREDEVA pertanto nella DEMOCRAZIA (questa democrazia)…. questa democrazia inventata al di là dell’Atlantico, dove NON si è mai concretizzata, anche a scapito di una popolazione, mi riferisco comunque a minoranze acculturate, abituate a farsi rispettare singolarmente e come gruppi ( ma mai collettivamente) soltanto per trovare un espediente propagandistico per la propria espansione colonialista e globalista. (Vedi: Stéphane Hessel-Edgar Morin: Il cammino della speranza, Chiare Lettere.) OGGI questa democrazia ha dimostrato esattamente cos’è: un sistema di tipo coloniale dove gli eletti sono solo MANDATARI di Lorsignori. Stanno in quei posti SOLAMENTE PERCHé OBBEDISCONO SENZA FIATARE AGLI ORDINI CHE PROVENGONO ALLE CENTRALI DEL POTERE: banksters, AMBASCIATE usa-gb-israel. IL RE NON è ANCORA NUDO MA COMINCIA A SPOGLIARSI e pertanto la popolazione comincia a reagire. Negli USA è iniziata la rivolta dei negri e NON finirà mai più, malgrado le prevedibili reazioni del potere finanziario e industriale che sta già cominciando ad esalare i primi rantoli. In Italia, dove la popolazione è lenta a muoversi, comincia a reagire NON andando a votare. Ma Lorsignori, che sono CRETINI come lo era l’aristocrazia francese nel 1790, NON sanno vedere il NUOVO che avanza, già rappresentato dal successo del M5S e da quello della Lega, e pensano di avere alcuni margini di manovra. CRETINI, LADRI, DELINQUENTI, E TRUFFATORI. Non ingannate più nessuno. MA DA COSA NASCE COSA, COLORO CHE erano restii a muoversi oggi hanno la possibilità di constatare che altri la pensano come loro e si fanno forza. Il nuovo si avvicina e con esso tutte le idee che NOI abbiamo coltivato da decenni. COSì PROCEDE LA STORIA DELL’UOMO! gv”

Commenti disabilitati

Fa.Vo.La a Spilamberto, antipapa a Viterbo, tasse (in)decenti, paura degli stranieri, Osimo e benessere olistico, epistemologia ed informazione…

Sala Famigli di Spilamberto

Il Giornaletto di Saul del 24 novembre 2014 – Fa.Vo.La a Spilamberto, antipapa a Viterbo, tasse (in)decenti, paura degli stranieri, Osimo e benessere olistico, epistemologia ed informazione…

Care, cari, ieri, domenica 23 novembre, dopo il riposino pomeridiano, io e Paolo ce ne siamo andati alla Sala Famigli di Spilamberto, dove era in programma un pomeriggio con l’Associazione “Fa.Vo.La.”, Famiglie e Volontari per l’Accoglienza (favola@associazionefavola.it). E’ un’associazione che ha sede proprio a Spilamberto, che si occupa di diffondere con l’esempio e l’informazione, la pratica dell’affido familiare, cioè dell’ospitalità, presso normali famiglie che si rendono disponibili, seguendo sicuramente un percorso non proprio semplice e di grande generosità, ad ospitare, come in una vera famiglia, bambini o ragazzi che vivono situazioni familiari di disagio. Conoscevo già questa associazione perché la sua presidente, Daniela, era venuta a presentarla da Aria di Stelle di Mara Lenzi che con la sua grande generosità aveva voluto organizzare una serata presso il circolo Paradisi, con canti e un rinfresco, per raccogliere fondi che, come ha spiegato Daniela anche oggi, servono per le costose cure mediche e psicologiche che talvolta necessitano a questi figli sfortunati. E’ stato proiettato un film molto commovente: “The blind side”, che riporta la storia vera di un ragazzo di colore (in America), che dopo 17 anni di vita d’inferno in un ghetto di una qualsiasi città americana, viene “raccolto” dalla strada dove vagava senza meta da una facoltosa famiglia grazie alla quale riesce a dare una svolta alla sua vita diventando un campione di football americano. Il film si conclude con immagini di altri ragazzi che vivevano nelle stesse condizioni di Michael e che fanno una brutta fine: i casi della vita a volte fanno scherzi belli o brutti ma, almeno in questo caso, uno si è potuto salvare. Dopo il film c’è stato un buon rinfresco, quasi tutto era casalingo e ottimo, crostate, dolcetti, pizze e torte salate. C’erano parecchie persone e credo che in diversi fossero interessati a saperne di più. Sembrava quasi di stare tutti in una grande famiglia in una serena giornata di festa. (Caterina Regazzi)

L’ “onesto” antipapa. Forse a qualcuno sarà rimasta la curiosità di sapere come andò a finire la mia prima visita “antipapale” a Viterbo.. e qui di seguito c’è la relazione del 18 luglio 2010: “Felicemente portata a termine la visita antipapale di Paolo D’Arpini, il quale è giunto a Viterbo Bagnaia in mattinata ed ha potuto incontrare tre amici al bar, raggiungendo in tal modo il totale di quattro, numero perfetto per una riunione laica “altra” (odi la canzone “eravamo quattro amici al bar che volevano cambiare il mondo..”). Sono state così gettate le basi per una società veramente laica nella città dei papi (e degli antipapi). “Andiamo oltre la religione e l’ideologia!” Ha affermato il D’Arpini, confortato e coadiuvato nell’intento dall’avvocato Vittorio Marinelli di European Consumers e dagli altri due amici presenti all’incontro semiclandestino in un baretto di Bagnaia, davanti ad una birretta, due caffè ed un cappuccino..- Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2009/07/18-luglio-2009-lantipapa-paolo-darpini.html

Dell’onestà mi giunge vaghezza – Scrive V.Z.: “..”Onesto” è uno di quei termini, come “progresso” (verso dove?), “sviluppo” (di che cosa?), così generici e vaghi da non significare niente di certo, perché può indicare tutto e il contrario di tutto, quindi un termine semplicemente da bandire, quale diversivo distrattivo.. Infatti “onesto” significa “coerente con un codice etico dato”, il che implica la previa scelta di un sistema di valori di riferimento, senza specificare il quale la parola perde senso.”

Tasse e proposte (in)decenti – Scrive Claudio Mazzocoli: “…Devo ammettere con estrema tristezza che, in questo momento, la gran parte delle persone che incontro per strada, SEMBRA ESSERE PRONTA A DARE IL PROPRIO VOTO A CHI PROMETTERÀ IL VALORE PIU’ BASSO DI TASSE… Le prossime elezioni politiche (ammesso che ne faremo ancora, cosa di cui qualcuno comincia a dubitare..) potrebbero quindi somigliare ad una gara di appalto al ribasso…” – Continua:
http://paolodarpini.blogspot.it/2014/11/tasse-e-politica-economica-interna.html

Giornaletto e progetto euro d’oro – Scrive Luigi Crocco a commento del Giornaletto di ieri: “Grazie paolo, trovo il Giornaletto molto interessante ma sui miei 1+5 progetti globali finanziario e fiscale  nessuno dei massimi responsabili della politica al governo nessuno vuole rispondere sul tema della crisi e del occupazione sulla Risoluzione europa 6 luglio 2011, neppure la Laura Boldrini specializzata sul giornalismo social meno ancora il primo ministro Renzi, berlusconi e l’ultimo sindacalista Lancino della Fiom. Comunque prosieguo la battaglia con l aiuto di sant Antonio di Padova a cui ho imbucato a lato della sua tomba copia del mio progetto anche per l ‘attenzione al Papa Francesco e al suo consigliere in pensione Papa Benedetto, due monarchic assoluti sulla Cristianità del mondo..”

Paura dello straniero – Tutti i nodi vengono al pettine – Scrive Michele Rallo: “Ricordo, negli anni ‘70, un mio fugace e superficiale interesse per la sociologia in quanto materia scientifica; e non – come certamente a me più congeniale – in quanto «strumento di azione sociale» (Comte). Ricordo di aver sfogliato un paio di testi – non di più – e di averli trovati noiosissimi, cervellotici, indisponenti per il loro voler tradurre in scienza esatta l’insieme di azioni, reazioni, sentimenti, pulsioni che – secondo me – sono l’anima della politica. Di quelle svogliatissime letture non ricordo quasi più nulla, ad eccezione di una “regola” sulla xenofobia, cioè sulla “paura dello straniero”: una delle categorie che, oggi, una cultura politica approssimativa e pasticciona riconduce al “razzismo” (che invece è un’altra cosa)….” – Continua:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/11/23/%E2%80%9Cpaura-dello-straniero%E2%80%9D-e-politica-pasticciona-secondo-michele-rallo/

Terni. Vegetariani – Scrive Ruggero: “Salve. Ho mio figlio al 4° anno dell’alberghiero di Terni ed è diventato vegetariano da oltre un anno. Vorrebbe fare lo stage scolastico con specialità vegetariana/vegana, di norma sono 3 settimane attaccate a periodi di vacanza scolastica, potete indicarci uno chef/cuoco dove poter fare lo stage gratuito?”

Mia rispostina: “Conviene rivolgersi a Roma, in Umbria non so se esistono ristoranti vegetariani. Prenda contatto con Franco Libero Manco dell’AVA”

Il bacio di Giuda – Scrive Alex Zanotelli: “Non è concepibile che una potenza economica come la UE non abbia una seria politica estera verso i paesi più impoveriti, soprattutto verso il continente a noi più vicino, l’Africa, oggi il continente più schiacciato. Ci appelliamo a tutti quei gruppi, associazioni, reti, istituti missionari che hanno già lavorato contro gli EPA a riprendere a martellare i nostri deputati a Bruxelles. Non possiamo non ascoltare l’immenso grido dei poveri…” – Continua:
http://retedellereti.blogspot.it/2014/11/europa-africa-il-bacio-di-giuda.html

Vitorchiano dimenticata – Scrive Emiliano Cesaretti: “La raccolta dei rifiuti a Vitorchiano è stata effettuata a singhiozzo e in orari completamente anomali in tutto il territorio comunale, a causa di problematiche legate alla ditta incaricata di questa raccolta, la Gest.A. La situazione di disagio che si è venuta a creare per tutti i cittadini è assolutamente insostenibile, ed inoltre la presenza di rifiutiche permangono in strada è fortemente debilitante per il decoro del paese. Pertanto chiediamo al Comune di valutare la possibilità di tornare ad una gestione pubblica dei rifiuti…”

Osimo. Olismo e benessere – Scrive ROA: “Domenica 30 Novembre 2014 presso l’elegante teatro “La Nuova Fenice” di Osimo (An) si svolgerà il convegno nazionale dedicato a: “Il Benessere Olistico”. Per tutta la giornata si alterneranno sul palco diversi relatori, tutti molto noti e autorevoli, che cercheranno di affrontare un argomento vasto e complesso, come la salute e il benessere, da molteplici punti di vista, in modo da offrire una panoramica il più possibile esaustiva…” – Continua:
http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/11/osimo-30-novembre-2014-roa-il-benessere.html

Roma. Sonetti – Scrive L’Universale: “29 novembre 2014, ore 20,30, Libreria Galleria delle Arti L’Universale via Francesco Caracciolo 12 – Roma. Serata romana: musiche, canzoni e sonetti. Info. librerialuniversale@tiscali.it”

Epistemologia ed informazione nulla – Scrive Vincenzo Zamboni: “La progressiva diffusione di internet ha provocato una crescente condivisione dell’informazione, che appare destinata a crescere ulteriormente, fino all’eventuale limite del raggiungimento di saturazione fisiologica oltre il quale gli esseri umani non possano procedere….” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/11/epistemologia-eccesso-dinformazione.html

Lo dice anche il proverbio “Il troppo stroppia”. Ciao, Paolo/Saul
…………………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Emotional reactions, born of ignorance or inadvertence, are never justified. Seek a clear mind and a clean heart. All you need is to keep quietly alert, enquiring into the real nature of yourself. This is the only way to peace.” (Nisargadatta Maharaj)

………………..

P.S.
Due parole sulle Regionali dell’Emilia Romagna mi tocca dirle, visto che in questo momento son qui. Ieri mattina Caterina è partita da casa per andare al seggio di Spilamberto a compiere il suo dovere di cittadina… Dopo pochi minuti era già di ritorno: “Cosa è successo hai dimenticato qualcosa?” – “No, ho già finito..” – “Come, così presto?” – “Sì, in fila non c’era nessuno, ero la sola presente…”.
Se il buongiorno si vede dal mattino, ci siamo detti, evidentemente queste regionali hanno avuto poco successo. Infatti stamattina ho saputo che a Spilamberto hanno votato meno del 50% degli aventi diritto. Di questi una metà hanno continuato a votare per il partito di renzie, il secondo partito più votato è stato quello della Lega, terzium (ancora) non datur. Insomma la disaffezione politica avanza ma lo zoccolo duro dei perbenisti resiste. Più tardi avremo notizie più particolaggiate sull’andamneto elettorale nel resto della Regione, intanto godiamoci questo assaggio.

Commenti disabilitati