Archivio della Categoria 'Comunicazioni di servizio'

Gandhi e la disobbedienza civile, allora è vero quel che si dice di Roma?, piove ad Hong Kong, Valdo Vaccaro infortunato, religioni astratte

Gandhi

Il Giornaletto di Saul del 2 ottobre 2014 – Gandhi e la disobbedienza civile, allora è vero quel che si dice di Roma?, piove ad Hong Kong, Valdo Vaccaro infortunato, religioni astratte

Care, cari, il 2 ottobre ricorre la giornata mondiale della Nonviolenza ed il compleanno di Gandhi….. grande uomo politico e spirituale, che propugnò la disobbedienza civile come metodo rivoluzionario per cambiare la società, due parole su di lui non guasteranno.. – Continua con programma celebrazioni a Treia: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/10/gandhi-la-disobbedienza-civile-e-la.html

Roma. Allora è tutto vero!? Ecco la conferma – Scrive Doriana Goracci: “Sono tornata (giocoforza si dice alle volte…) dalla Francia dove ho lasciato i miei figli, passo veloce sull’arrivo all’aeroporto di Ciampino, con la selvaggia storia dei bus che portano a Termini e poi quello per la metro Anagnina, senza un orario scritto decentemente con quel rozzo modo di farsi clienti, 10 minuti e saltano le corse per rientrare nel proprio paese, ho deciso di prendere il treno e alla stazione di valle Aurelia, a Roma, non c’ era modo di fare un biglietto poi sono stata accerchiata da 4 rom che hanno tentato di rapinarmi ma ho gridato e minacciato con una forza che non pensavo di avere dal momento che ero già abbastanza provata e disfatta. Nel treno ho poi trovato un ragazzo che ha chiesto aiuto al controllore per uno che si era calato le brache e stava molestando una giovane donna, poi è scappato. I vagoni puzzavano indecentemente per via del bagno che da qualche parte era scoppiato. E’ accaduto alle ore 21, a Roma. io non ho la patente e ho preso per tutta la vita i mezzi pubblici. E’ accaduto anche questo e scusate se l’ho raccontato. Sono stata fortunata perché non ho perso niente, né le cose che avevo con me né la salute (mentale oltretutto…). Stamattina mi sono riconciliata con i miei gatti e l’orto, sta per piovere…”

Hong Kong. Piove sotto l’ombrello – Scrive Vincenzo Mannello: “Volete che Obama possa e voglia far qualcosa di serio per una “esportazione” di democrazia ad Hong Kong? Dai, mica parliamo di Saddam Hussein o di Gheddafi. E neppure di Mubarak o, ancor peggio di Assad. Le “primavere arabe” erano una cosa, Hong Kong è un’altra…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/10/01/hong-kong-piove-sul-bagnato-la-primavera-colorata-puo-attendere/

Mio commentino: “L’ombrello è nato in India come riparo dai fieri raggi del sole, e non come parapioggia. Lo dimostra la sua stessa etimologia “ombrello”, ovvero: che fa ombra”

Siria. Bombe USA cieche – Scrive V.M.: “23 civili ammazzati dalle bombe americane in Siria. Non c’entravano nulla con il Califfo. Nessun video, nessun articolo. “Vittime collaterali”, ovvero “figli di puttana” per i crociati occidentali.”

INPS. Aspettando il tracollo – Scrive Franca Oberti a commento dell’articolo http://paolodarpini.blogspot.it/2014/09/inps-pronti-al-tracollo-troppe-le-super.html -: “INPS eroga con due mani, una destra ai “grandi nomi” a quelli che devono rimanere a galla e una sinistra ai piccoli, ma la sinistra non funziona bene, come tutte le sinistre oggi in Italia, e quindi eroga a singhiozzo, finché rimarrà paralizzata. Mio marito ed io, che abbiamo lavorato una vita intera per riuscire a ritirarci e zappare un orto, ci troviamo tra…” – Continua in calce al link segnalato

Sradicamento e omogeneizzazione – Scrive Sebastiano Caputo: “…in un Paese colonizzato integralmente da marchi e prodotti-spazzatura statunitensi (dalla ristorazione al vestiario, dal Mc Donald ai jeans)… i guardiani della pensée unique lo chiamano “multiculturalismo” (convivenza di culture diverse), ma in realtà questi due elementi (le grand remplacement e la colonizzazione economica) sono perfettamente complementari e finalizzati all’americanizzazione dell’immigrazione che è in fondo sinonimo di sradicamento. Diremo noi con un sillogismo: il multiculturalismo porta allo sradicamento e lo sradicamento conduce all’americanizzazione dei costumi…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/10/omogeneizzazione-culturale-e.html

Porto Recanati. Disdetto l’incontro – Scrive Mario Foglia: “Valdo Vaccaro l’altro ieri ha fatto una brutta caduta riportando rottura costole, braccio, contusione alla testa e dolore immobilizzante all’anca. È stato portato via con il lettino dell’ambulanza ieri a Pietrasanta vicino Lucca. Ora è immobilizzato a letto in attesa che i familiari lo raggiungano. Ne avrà per più di un mese. Ha dovuto annullare tutta una serie di eventi tra cui il nostro che avrebbe dovuto tenersi il 3 ottobre ore 21 15 a Porto Recanati. Siamo molto dispiaciuti, nell’augurare una pronta guarigione a Valdo, attendiamo per poter sapere quando si potrà riproporre l’evento”

Sant’Andrea di Conza. Il luogo della Parola – Scrive il Priore: “All’incontro che si tiene dal 6 all’8 marzo 2015, a S. Andrea di Conza, ogni relatore che partecipa può interpretare come desidera: rapporto tra la propria scrittura e il proprio territorio natale e/o di vita; tra parola e paesaggio; tra immaginazione e luoghi reali, letterari o virtuali in cui trova il suo humus; contesti nei quali la parola diventa particolarmente pregnante e significativa; la scrittura può essere considerata un luogo importante per la parola?; esiste una relazione fra la parola quotidiana e quella con la P maiuscola?..” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/10/santandrea-di-conza-dal-6-all8-marzo.html

Commento di Franca: “Il Priore di Fonte Avellana è una persona che adoro. Pur rimanendo fedele alla Chiesa, contempla tanti aspetti che esulano dal contesto cattolico dello zoccolo duro e per questo mi piace ascoltarlo. Ci sono anche sacerdoti e padri missionari che partecipano, ma anche laici che contestano.,,”

Mal comune mezzo gaudio e soluzioni alternative – Scrive Fabrizio Belloni: “Il mugugno al bar o nei salotti: scarica momentaneamente i nervi, ma è sterile come le dune del deserto. Tutti hanno in tasca la propria soluzione, che, a ben guardare, si risolve quasi sempre nella rivendicazione di interessi personali, senza una visione d’insieme e strategica. Legittima polluzione, che conta però come il due di picche. Poi ci sono i cosiddetti “addetti ai lavori”: politici, imprenditori (?), giornalisti asserviti; pochi hanno la dignità ed il coraggio virile, di affrancare la propria umanità dal volere dell’editore. La riprova? Gli arrugginiti talk show necessitano di auto pubblicità martellante perché la gente li diserta: sentire la Casta che si dice brava da sola annoia e non ci crede più nessuno…” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/10/laltra-soluzione-al-mal-comune-mezzo.html

Roma. Pro elefanti – Scrive Walter Caporale: “Roma. 4 OTTOBRE DEDICHIAMO QUALCHE ORA AD UNA CAUSA MERAVIGLIOSA: AIUTARE I CUCCIOLI DI ELEFANTE E DI RINOCERONTE RIMASTI ORFANI! Ore 17: PANTHEON – Ore 20: CHIESA METODISTA in Via XX SETTEMBRE 123, per Concerto Gospel di Beneficenza…. – Info. walter.caporale@gmail.com”

Giornaletto e commenti – Scrive Arrigo: “Ma perché poi escludi i commenti dal sito del Circolo? non sarebbero utili?”

Mia rispostina: “Ho dovuto escludere l’opzione da quel sito perché attraverso i commenti si inserivano malware e altri accidenti, ed io non ero in grado di controllarli, sugli altri blog del Giornaletto, comunque, i commenti sono abilitati”

Uomo/donna – A commento dell’articolo
https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2014/09/30/integrazione-spirituale-dei-generi-nellunica-specie-senza-obliterare-le-differenze/ scrive V.F.: “Saul, io sono una persona molto pratica e schietta, ho letto quello che mi hai scritto, ma non ci trovo nulla di concreto, scusa se non comprendo cosa vuoi dirmi, quando leggo sto attento ad ogni parola per trarne il contenuto, ma se vuoi puoi spiegarmi in due righe cosa volevi dire?”

Mia rispostina: “Se il messaggio non è stato chiaro in venti righe come potrebbe esserlo in due? Beh, l’uomo e la donna fanno parte della specie umana, non sono entità separate. Come all’interno di ognuno di noi, spesso, si manifesta una lotta, un antagonismo, altrettanto succede all’esterno. Tutto è funzionale alla crescita: tentativi ed errori”

Religioni patriarcali astratte e Saggezza matristica concreta – Insistere troppo su valori astratti “teisti” non aiuta la mente umana al superamento del pensiero patriarcale. Dobbiamo -secondo me- abbandonare la speculazione religiosa e ritornare ad una spiritualità priva di dogmi e non specificatamente legata al genere…. (…). Ormai è certo che ci fu una “prima donna”, un’Eva primordiale. L’analisi del patrimonio genetico femminile mitocondriale lo dimostra inequivocabilmente. Mi sono così immaginato una donna, la prima donna, che avendo raggiunto l’auto-consapevolezza ed avendo a disposizione solo “scimmioni” dovette compiere una opera di selezione certosina per decidere con chi accoppiarsi in modo da poter avere le migliori chance di trasmissione genetica di quell’aspetto evolutivo. E così avvenne conseguentemente nelle generazioni successive ed è in questo modo che pian piano dalla cernita nell’accoppiamento sono divenute rilevanti qualità come: la sensibilità verso l’habitat, l’empatia, la pazienza, la capacità di adattamento e di gentilezza del maschio verso la prole e la comunità, etc. etc. – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/10/religioni-patriarcali-astratte-e.html

Si sa che la donna ne sa sempre una più del diavolo… Ciao, Saul/Paolo

…………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Dobbiamo cambiare il nostro modo di vedere e di agire, creare più energia meditativa, sviluppare più amore ed armonia. Per farlo dobbiamo distruggere il vecchio, la sua bruttura, le sue putride ideologie, le sue stupide emarginazioni, le superstizioni idiote e creare un nuovo essere umano dagli occhi limpidi…” (Osho)

Commenti disabilitati

L’invidia del grembo, andazzo renziano, sionisti e terroristi, prostituzione e droga nel PIL, tracollo INPS, l’inganno del credere

Giuditta

Il Giornaletto di Saul del 1 ottobre 2014 – L’invidia del grembo, andazzo renziano, sionisti e terroristi, prostituzione e droga nel PIL, tracollo INPS, l’inganno del credere

Care, cari – ho dialogato con un amico telematico sul tema dell’emarginazione e della umiliazione subite dalla donna e descritte nel libro di Carlo Flamigni “Casanova e l’invidia del grembo”. Che prende spunto da una polemica letteraria di altri tempi (tra Giacomo Casanova e due professori dell’Università…) in cui l’autore si inoltra in un percorso tortuoso, che sfiora i confini della biologia, della filosofia, della letteratura, della mitologia e della religione, cercando ovunque riferimenti a un comune denominatore: l’accanirsi dell’uomo, nel corso dei secoli contro la donna, negando in particolare tanto le sue capacità cognitive quanto le ragioni e i misteri del suo grembo (…). Sì, tutto vero, ma andando oltre… Occorre “inquadrare” le culture di genere, sia femminista che maschilista, in un panorama più ampio, osservando anche i passi fatti in tal senso nelle antiche civiltà d’oriente e d’occidente e nella società presente, superando i canoni legati al genere, il femminile ed il maschile. Ho una mia opinione sul cambiamento di pensiero avvenuto durante il neolitico riguardo alla “valenza” del femminile, sfociato poi nel patriarcato. Che il patriarcato maschilista abbia causato danni all’umanità è verissimo. Ma la soluzione non sta nel ritorno al matrismo o nella cancellazione delle differenze (in forma unisex)…. – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2014/09/30/integrazione-spirituale-dei-generi-nellunica-specie-senza-obliterare-le-differenze/

Milano. Visita di Putin – Scrive Ass. Lombardia Russia: “Il Presidente della Federazione Russia Vladimir Putin‬ sarà a Milano‬ e parteciperà al Vertice ASEM‬ (Asia Europe Meeting) il prossimo 16 e 17 Ottobre 2014. Benvenuto Presidente!”

Andazzo italico renziano – Scrive A.K.: “Come stanno andando le cose, soprattutto nel nostro Paese, ci sembra diverse dalle affermazioni trionfalistiche e ottimistiche di Renzi. Non crediamo più ai miracoli, visto che gli investimenti internazionali verso l’Italia non esistono più. Da questi investimenti esteri poteva venire la speranza di superare la crisi. Su un noto giornale inglese giorni fa è apparso un articolo in cui si chiedeva alle grandi imprese se c’erano ancora spazi d’investimento in Europa. Questa la sintesi del servizio: “…si ci sono ancora possibilità d’investimento, in particolare nei Paesi dell’Est Europa, possibili investimenti anche nella Spagna che sta superando la crisi e anche in Grecia, porta chiusa invece per l’Italia che con le sue leggi, la sua burocrazia e la sua corruzione si è già scavata la fossa….” – Continua:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/09/renzie-e-iniziata-la-vendita.html

Commento di G.M.: “La logica di Renzi è la stessa di quella applicata da Berlusconi. 1) NOMINATI – quindi i senz’anima e senza mestiere daranno sempre il proprio consenso al “padrone” (ecco perché la falsa democrazia di Renzi è inaccettabile) – il risultato della votazione di stasera fa schifo ! non ha nulla a che vedere con nessuna socialdemocrazia al mondo! 2) Si viaggia sul filo dell’assurdo, facendo notare che c’è una pozzanghera e che va evitata per non bagnarsi, e facendo finta di non sapere che si sta proponendo di entrare direttamente nel fiume!”

Miglianico. Permacultura – Scrive Campo Letizia: “Dal pomeriggio di venerdì 10 ottobre al pranzo di domenica 12 ottobre si svolgerà la Plenaria dell’Accademia Italiana di Permacultura. Domenica 12 Ottobre l’Agriturismo Campoletizia sarà sede di una giornata di Scambio di Semi durante il quale saranno presentate alcune realtà abruzzesi che operano per la cura e valorizzazione della biodiversità locale. Sarà possibile scambiare semi di antiche varietà abruzzesi…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/09/miglianico-chieti-settimana-della.html

Sionisti e terroristi crescono – Scrive V.M.: “Netanyahu ha sparato un sacco di balle all’Onu: “Iran peggio di Isis per l’atomica, Hamas ha provocato la morte dei bimbi di Gaza, Israele presidio di pace nel mondo..” Queste baggianate le sentirete e risentirete dalla propaganda dei suoi amici occidentali. Per primi in Italia. Intanto per la famigerata Aiea (quella dei controlli atomici) non è possibile controllare l’arsenale atomico di Tel Aviv perché BombObama e servi vari (Renzi in testa) non lo permettono. E poi ci si chiede come e perché nascano Califfi e terroristi”

Siria. Intervista a padre Georges Abou Khazen: “..il petrolio dell’ISIS lo comprano le grandi compagnie petrolifere, a dieci dollari al barile invece che a cento…” Ormai il 60% della popolazione ha abbandonato Aleppo, la città siriana che sta diventando il simbolo di questa guerra. Simbolo perché la presenza cristiana è più numerosa che altrove in Siria, anche se ora è ridotta a un piccolo gregge. E perché ormai da anni resta in un tragico stallo che vede metà città occupata dai tagliagole anti-Assad che rendono impossibile la vita nei quartieri non occupati. I cosiddetti ribelli vi imperversano con bombardamenti continui, giorno e notte, e nei mesi scorsi hanno tagliato per ben due volte le tubature che rifornivano di acqua la popolazione civile..” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/09/30/il-vescovo-di-aleppo-lintervento-armato-contro-lisis-portera-altro-caos/

Udine. Piano Energetico – Scrive Direzione Ambiente: “6 ottobre 2014, ore 9,30 – Incontro “Verso il Piano Energetico Regionale” – 15 ottobre 2014, ore 14,30 – Incontro “VAS del Piano Energetico Regionale”. Gli eventi si terranno presso il Palazzo della Regione di Udine. Parteciperà agli incontri l’Assessore regionale all’ambiente ed energia, Sara Vito. Info. 800-943242″

PIL. Ci entrano pure i vizi – Vivendo nella società malsana in cui viviamo gli ottimizzatori finanziari ed i politici europei considerano la prostituzione una voce del PIL, quindi per essi se la prostituzione esiste è meglio regolamentarla per un suo miglioramento utilizzativo, esattamente e coerentemente come stanno cercando di fare per il consumo di droga, e cioè: se il tabacco e l’alcol vengono regolarmente venduti e tassati per quale motivo accettare questi e non legalizzare l’altra? Perché mantenere sacche incontrollate di mercato abusivo, di cui si avvantaggia solo la mafia? Meglio che sia tutto legale e controllato… Ma questa è una visione “utilizzativa” che posso comprendere ma non condividere…. A questo punto alla “legalizzazione” preferirei la “liberalizzazione” tout court… – Continua:
http://retedellereti.blogspot.it/2014/09/prostituzione-e-droga-pratiche-malsane.html

Castelfranco Emilia. Pesticidi – Scrive Elena: “Mercoledì 22 ottobre 2014, ore 21, Biblioteca Comunale “Lea Garofalo” sala Gabriella Degli Esposti Castelfranco Emilia. Pesticidi: che male c’è?. Con una relazione fra le malattie dell’infanzia, anche tumorali ed i pesticidi che finiscono nel nostro piatto. Dialoghi e riflessioni con Giovanni Palazzi e Marco Vinceti. Info. elena@danieleventurelli.it”

Tracollo INPS – Scrive NO Censura: “L’INPS sull’orlo del fallimento? Parlarne costringerebbe i politici ad affrontare immediatamente la situazione:che preferiscono affrontare in seguito, quando i conti dell’INPS saranno al totale dissesto, in modo da avere la possibilità di giustificare “misure drastiche”. Quando la situazione sarà degenerata, daranno vita ad una campagna di “terrore mediatico” per giustificare il taglio delle pensioni: diranno che non ci sono soldi e che l’INPS potrebbe non erogare gli assegni, seminando il panico tra coloro che sopravvivono con l’assegno, e che saranno disposti a vederselo tagliare purché continui ad arrivare….” – Continua:
http://paolodarpini.blogspot.it/2014/09/inps-pronti-al-tracollo-troppe-le-super.html

Gaza e Siria. Qualcuno ci pensa – Scrive IRIB: “Tre soldati israeliani che avevano preso parte alla recente guerra di Tel Aviv contro la Striscia di Gaza si sono tolti la vita a causa di problemi psicologici. Lo scrive il quotidiano israeliano Maariv precisando che i soldati soffrivano dei problemi psicologici” in relazione alla loro partecipazione alla guerra israeliana a Gaza di 50 giorni. Nel frattempo il Cremlino afferma che dietro l’intervento della coalizione in Siria contro lo Stato Islamico (Isis) ci sia l’intenzione di Washington di rovesciare Bashar Assad e così Mosca recapita un avvertimento alla Casa Bianca. «Se le forze della coalizione dovessero colpire quelle del governo siriano, siamo pronti a fornire armamenti aerei a Damasco» afferma un alto funzionario del Cremlino alla tv libanese «Al Maydin».”

L’inganno del credere. Non c’è vita in perenne apnea! – Basarsi su un credo (in positivo od in negativo) per descrivere la verità è voler dare alle parole un valore che non hanno… Ed in buona sostanza come nasce la parola? Il linguaggio attraverso il quale osiamo affermare “questa è la verità” è molto lontano dalla pura coscienza. Infatti all’inizio esiste una consapevolezza astratta, una coscienza intelligente e non qualificata, da questa sorge il senso dell’io, l’ego, il quale a sua volta dà origine ai pensieri, ai concetti, ed infine questi diventano parole e scrittura. Quindi il linguaggio è di molto successivo alla conoscenza. Come è possibile che attraverso la parola si possa esprimere la verità, cos’è questo se non cieca arroganza?..” – Continua:
http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/09/il-credere-e-nella-mente-il-vivere-e.html

Credi di esistere o lo sai per esperienza diretta? Ciao, Paolo/Saul

……………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“La dea augusta dalla corona d’oro io canterò, la bella Afrodite che ha in suo dominio le mura di tutta Cipro circondata dal mare, dove la forza di Zefiro che umido soffia la portò sull’onda del mare risonante tra la soffice spuma: e le Ore dall’aureo diadema l’accolsero lietamente; la vestirono con vesti divine, sul capo immortale posero una ben lavorata corona, bella, d’oro, e ai lobi traforati fiori di oricalco e di oro prezioso; intorno al delicato collo e al petto fulgente l’adornarono coi monili d’oro di cui anch’esse, le Ore dall’aureo diadema, si adornano quando vanno all’amabile danza degli dei, e alla dimora del padre. E quando le ebbero fatto indossare tutti gli ornamenti, la condussero presso gli immortali: al vederla, essi le davano il benvenuto e la salutavano levando le mani; e ognuno desiderava che fosse sua legittima sposa, e di condurla alla propria casa, e ammiravano l’aspetto di Citerea coronata di viole. Salve, o dea dagli occhi neri e dal dolce sorriso!” (Inni Omerici – VI, Ad Afrodite)

Commenti disabilitati

Santu gabbatu a Treia, P10, la fortuna di De Magistris, ecologia ed affari, cosette siriane, Russia d’oro, antiche civiltà morte

Paolo scrivano treiano

Il Giornaletto di Saul del 30 settembre 2014 – Santu gabbatu a Treia, P10, la fortuna di De Magistris, ecologia ed affari, cosette siriane, Russia d’oro, antiche civiltà morte

Care, cari – ”Passata la festa, gabbatu lu santu” recita il proverbio, stavolta confermato anche a Treia. Dopo il grande fermento dell’altra sera, dopo la visita del vescovo, con la piazza piena di avventori alla mensa comunitaria allestita sotto i portici dell’ex mercato coperto, le luci accese nel baretto pieno di giovani e meno giovani intenti a sorbire aperitivi e stuzzichini, i dialoghi ed i convenevoli diffusi da un gruppo all’altro come succede ad una festa grande in famiglia, eccoci alla svuotatura. La vasca piena ora è vuota. Ieri sera durante la passeggiata attorno alle mura me ne sono accorto. Ho incontrato solo una ragazza che faceva finta di fare jogging (muovendo più le braccia che le gambe), il solito filippino che andava a spasso con un barboncino (non ho mai capito se il barboncino è il suo o di chi), un paio di coppiette tutte prese dai loro affari, una silenziosa donna di mezza età.
Giunto al bar di Porta Cassero mi son fermato a bere un cappuccino ed a leggere i giornali, c’ero solo io, dopo un po’ è entrato un giovane e si è messo a giocare alle macchinette mangiasoldi. Lì fuori, vicino all’Hotel Grimaldi, nella pizzeria, nessun andirivieni, solo una signora con quattro pizze in braccio da portare a casa per la cena. E la piazza? Proprio come l’ha descritta Dolores Prato, nemmeno un’anima… ”Giù la piazza non c’è nessuno”. Il baretto sigillato e spento con la scritta “siamo in ferie riapriamo il 4 ottobre, alle h. 13”, nemmeno la mattina, no alle 13.. Mah, chissà perché? E così mi sono reso conto di quanto questa piazza di Treia, così bella, così romantica, sia solo architettura, quasi priva del senso di comunità. Ricordate la distinzione che facevano i romani fra Urbs e Civitas? Però, ora, mi sovviene una promessa elettorale fatta dal sindaco Franco Capponi, durante uno degli incontri con la popolazione organizzati all’ex Trea (una vecchia manifattura di abiti alla moda poi decaduta e fallita un po’ di anni fa). Egli promise, come progetto di sviluppo per il paese, che avrebbe reso la piazza viva, spostando gli uffici comunali del piano terra, sotto i portici del Comune, e adibendo quegli stessi spazi ad uso sociale od artistico-artigianale, magari affittandoli o concedendoli gratuitamente ad associazioni che si impegnassero a svolgervi attività culturali continuative. Ed effettivamente quegli spazi comunali, gestiti in modo diverso, potrebbero dinamizzare la piazza e la stessa Treia, e non soltanto per la vivacità e comodità di un solo baretto aperto… – Continua: http://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2014/09/29/treia-passata-la-festa-gabbatu-lu-santu-quadretto-del-giorno-29-settembre-2014/

Giornaletto. Messaggio anonimo – Scrive un tal sedicente Paolo: “Non ci ho capito nulla del tuo sito, davvero! Mi pare di aver capito che gli altri (a tuo dire) sono brutti, sporchi e cattivi.. tutti tranne te. Si usa il metodo del denigrare gli altri per mettersi in mostra e nulla più. Un po’ di modestia no eh?!”

Art. 18 – Scrive D.C.: “Mi appello al popolo delle primarie. Lo scout massone che si rifaceva a Mandela, nel suo programma aveva previsto la cancellazione dell’art. 18 e la consultazione permanente con Berlusconi? Rioccupate le sedi e se non vi ascoltano prepariamoci a creare un fronte di Sinistra Unito senza se e senza ma contro questa barbarie. Insieme possiamo fermarlo, disuniti possiamo soltanto subirlo!”

P10. Ed altre massonerie – Scrive Anthony Ceresa: “In Svizzera sono depositati presso le Banche ventisei mila miliardi di fondi neri dei quali la maggior parte provenienti dall’Italia, in barba a quelli che parlano di angeliche visioni uscendo dall’Euro e dalla Comunità Europea. Mi sono iscritto alla P10 dopo una lunga meditazione, tentando di uscire da quella trappola che incatena l’essere esclusivamente su parametri di interesse, pensando che il progresso avanza mentre nel Paese di Arlecchino e Pulcinella i problemi si fossilizzano, lasciando dietro a se scelte di vita irrisolte che ci fanno retrocedere intellettualmente ed Economicamente quali: l’essere o l’avere, credere o sperare, rubare o donare, andare o rimanere, parlare o tacere, lavorare o oziare, mangiare o digiunare, accettare o ribellarsi ai tradizionali grandi furti Istituzionalizzati senza colpevoli…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/09/29/loggia-p10-inchiesta-poseidone-il-caso-luigi-de-magistris-la-mafia-la-camorra-e-la-massoneria-in-italia/

Germania e USA. Il gioco dei bussolotti – Scrive Formiche: “Dal 2008, la Germania ha accumulato attivi sull’estero per 1.695 miliardi di dollari: è un riarmo finanziario che non crea solo difficoltà alla ripresa economica globale. Ormai incute timore. Con un comunicato ufficiale di insolita brevità, due pagine appena, si sono conclusi i lavori del G20 tenutosi in Australia, a Cairns. Tanta stringatezza cela lo scontro tra Usa e Germania, mai tanto profondo, al punto da lasciare nell’ombra anche le preoccupazioni per la crescita cinese che vacilla e per le manovre adottate per sostenerne il sistema bancario…”

La fortuna di De Magistris – Scrive NPCI: “Le vicende dell’Amministrazione Comunale di Napoli hanno dato un’ulteriore dimostrazione che la marcia nelle istituzioni logora i marciatori che non usano ruoli e risorse per promuovere mobilitazione e organizzazione delle masse popolari. Ora i vertici della Repubblica Pontificia rigettano De Magistris. Non sono però in grado di annullare quanto resta del suo prestigio presso le masse popolari: questo solo lui può farlo. Sta a lui cogliere invece l’occasione e fare quello che non ha fatto finora…” Continua:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/09/una-fortunata-occasione-per-luigi-de.html

Stornelli infernali. Teatro a casa tua – Scrive Teatro Trabagai: “A casa tua, due menestrelli raccontano, in maniera comica ma fedele, il rocambolesco viaggio di Dante e Virgilio, intervallando la narrativa con versi della DIVINA COMMEDIA cantati su arie popolari. Un originale intreccio tra teatro, letteratura, cultura popolare e comicità. Voce e chitarra Elena Farulli, voce e mandolino Giorgio Monteleone. Info. info@teatrotrabagai.it”

Arcevia. Gestione del paesaggio – Scrive Loris Asoli: “Cari Paolo e Caterina ed amici tutti, siete caldamente invitati a partecipare, il 5 ottobre 2014 Al convegno che si tiene a Piticchio di Arcevia sul tema della gestione comunitaria del territorio e del paesaggio. Una giornata di cultura, di alta politica, nel senso nobile del termine, e di festa. Un evento di valore anche pratico, in cui discuteremo sul modo di essere e funzionare di una nuova società e civiltà italiana più evoluta e sul modo di realizzarla…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/09/piticchio-di-arcevia-5-ottobre-2014.html

Rispostina di Caterina: “Caro Loris, grazie per l’invito. Mi pare un bellissimo incontro. Io purtroppo in quei giorni sono in Emilia e Paolo, che verrebbe molto volentieri, è “appiedato” e non riesce a fare certi spostamenti, se non accompagnato. Comunque ci farebbe piacere venirti a trovare in uno dei nostri avanti e indietro da o per le Marche. Un caro saluto e speriamo di incontrarci presto, magari il 31 ottobre a Treia, per la presentazione al Comune del libro di Paolo “Riciclaggio della Memoria” su ecologia profonda, bioregionalismo e spiritualità laica”

Inquinamento, ecologia ed affari – Scrive Filippo Mariani: “ I big della finanza mondiale hanno deciso di ”convertirsi” all’ambientalismo, anche in Canada e Giappone altri magnati dell’industria che inquina hanno deciso di voltar pagina a favore dell’ambiente. Sono diventati tutti improvvisamente bravi? O sotto sotto c’è qualche nuova strategia per far più quattrini? Questi signori che fino a l’altro giorno hanno contribuito ad immettere nell’atmosfera gas climalteranti, hanno capito che se la barca affonda alla fine anche loro affonderanno? Oppure la loro considerazione è legata al solito miraggio: quello di un maggior profitto economico….” – Continua:
http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/09/nuove-strategie-ecologiche-per-far.html

Poesiafestival a Spilamberto – Scrive Franca Oberti a commento dell’articolo http://retedellereti.blogspot.it/2014/09/spilamberto-settembrino-in.html -: “Anche la tua è poesia, carissima Caterina, tutto è poesia. Il sole del mattino, il tramonto, le gocce di pioggia che scivolano sui vetri… i tuoi fiorellini di prima pagina… e tu, con il tuo umile e delicato contributo!”

Siria. Alcune cosette tenute segrete – Scrive Maurizio Murelli : “Le sapevate queste cose sulla Siria? 1. in Siria, non c’ è nessuna banca centrale Rothschild. 2. la Siria ha vietato gli alimenti geneticamente modificati e la coltivazione e l’importazione degli stessi. 3. la Siria è l’unico paese arabo che non ha debiti con il fondo monetario internazionale, né con la Banca mondiale, né con chiunque altro…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/09/29/siria-alcune-cosette-che-debbono-essere-rivelate/

Commento di P.B.: “La cosa che non si capisce dei tanti macellai scatenati nelle primavere arabe, festeggiate dai filosofi in camicia bianca e forfora chic: perché quando scannano, sparano, sproloquiano e si fanno i selfie sono sempre incappucciati, mascherati, imbacuccati e non stanno a volto nudo? Fossero veri combattenti, veri ribelli o macellai finanche, se ne starebbero a viso aperto, forti di una convinzione fatta di barba e parola. Invece la macabra messa in scena è tutta risolta nello spavento, senza dire che l’unica cosa, adesso, è capire cosa succederà quando tutti questi simil-Hemingway ritorneranno in Europa”

Brutte notizie per l’impero USAsraele – Scrive Fernando Rossi: “Per USraele continuano ad arrivare brutte notizie. In Yemen, ‘i ribelli’ stavolta sono patrioti veri e non gestiti dalla NATO, e incalzano i salafiti, tenuti al potere da Arabia Saudita e USraele, che vanno di sconfitta in sconfitta. La Siria non solo resiste, a dispetto di USraele e dei suoi tirapiedi sorosiani in Italia , ma via, via, scalza i terroristi inviati da Turchia, Arabia Saudita e NATO, dai centri abitati che avevano occupato. In Palestina, i massacri e le manovre per far interrompere i rapporti tra Al Fatah e le altre componenti della resistenza, hanno ottenuto l’effetto esattamente contrario…”

USA. Decadenza inevitabile – Scrive V. Z.: “..la potenza relativa quasi incontrastata degli Usa sta attraversando una lunga lenta fase di declino (si noti che la parabola discendente di un macrosistema è lunga, quindi non scompariranno di scena da un momento all’altro, ma conteranno sempre di meno). Il risultato è che culturalmente gli statunitensi ragionano ed agiscono ancora come se fossero i padroni del mondo, in modo arrogante, violento e prepotente. Ma non possono impedire la propria lenta decadenza, e naturalmente nel presuntuoso tentativo di impedirla diventano anche molto cattivi, ma, tempo al tempo, il decorso dei fatti oggettivi li costringerà a rassegnarsi, perché i loro vecchi metodi di dominio funzioneranno sempre meno…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/09/gli-usa-si-preparino-alla-loro.html

Roma. In bicicletta – Scrive Zappata Romana: “5 ottobre 2014, ore 11, primo appuntamento domenicale all’aria aperta dedicato ai bambini, presso l’ex Cartiera Latina a via Appia Antica 42/50 con ELLIOTT LA MITOVELÓ, a cura dell’ass. Ersilio M., una bicicletta/biblioteca per ascoltare storie nel verde. L’Hortus Urbis è un posto privilegiato per i bambini. Info. zappataromana@gmail.com”

La Russia si prepara ad ereditare il mondo – Scrive Sorcha Faal: “In una delle sue relazioni più scioccanti dall’inizio della crisi ucraina, il Ministero degli Affari Esteri (MoFA) avverte che il presidente Putin ha ordinato l’immediata attuazione del “Progetto Doppia Aquila”. Il progetto prevede che la Banca Centrale della Federazione Russa (CBR) inizi la produzione di monete da 5 Rubli d’oro contenenti 0,1244 once troy di Oro puro, con un diametro di 18 millimetri, decorate con una doppia aquila schermata e coronata, le quali diventeranno l’alternativa mondiale sia al dollaro che all’euro…” – Continua con intervento di Vincenzo Zamboni: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/09/29/progetto-natalka-la-russia-si-prepara-ad-ereditare-il-mondo/

Artico. Petrolio russo – Scrive M.T.: “Per l’ambiente dispiace senz’altro ma che bel carotone nel cul del diversamente colorato! Un drammatico colpo di fortuna per il Cremlino, la mattina del 28 settembre 2014 non vi era persona al mondo più felice del Presidente Vladimir Putin, perché durante la notte l’OAO Rosneft ha annunciato di aver scoperto nella regione del Mare di Kara quello che potrebbe essere il tesoro dell’oro nero che amplierebbe le casse della Russia per centinaia di miliardi….”

Antiche civiltà – Scrive Il Navigatore Curioso: “Il dottor Semir Osmanagich, antropologo di Houston, scopritore delle possibili piramide bosniache di Visoko e fondatore del Bosnian Archaeology Park, in una recente dichiarazione ha ribadito con granitica certezza che le prove scientifiche confermano che nel passato della Terra è esistita una civiltà altamente tecnologica che costringe a riscrivere i libri di storia. Da un esame delle strutture individuate da Osmanagich, e su altri siti altrettanto interessanti, il ricercatore stima che tale civiltà avanzata sia esistita oltre 29 mila anni fa.” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/09/antiche-civilta-insediamenti-umani.html

Scienza e fantascienza. Archeologia e fantarcheologia. Però qualcosa rimane, ciao, Paolo/Saul

……………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“La realtà dell’altra persona non sta in quello che ti rivela, ma in quello che non ti rivela. Tuttavia, se vuoi capirlo, non ascoltare ciò che dice, ma piuttosto presta attenzione a ciò che non ti dice.” (Kahlil Gibran)

Commenti disabilitati

Progetto Natalka – La Russia si prepara ad ereditare il mondo…

Progetto Natalka

In Russia il progetto Natalka ha già iniziato la emissione della “doppia aquila”, moneta d’oro che sarà impiegata nelle compravendite internazionali di energia, con la adesione già dichiarata di Cina, India, Brasile, Sudafrica.

La Russia possiede la seconda riserva aurea mondiale (12.500 tonnellate) ed enormi giacimenti naturali cui attingere ancora (2.000 tonnellate stimate nella regione di Magadan), senza dimenticare che pure le riserve auree cinesi sono abbondanti, e i cinesi hanno aderito al progetto di costituzione di un fondo monetario comune.

Sostanzialmente, i Brics stanno costituendo un fondo monetario indipendente dall’Fmi, e i cinque paesi costituiscono il 40% della popolazione mondiale, con una crescita molto rapida del loro pil, a differenza delle economie europee ed americana (nel quinquennio 2005-2010 la Cina è avanzata del 70%, raggiungendo un pil complessivo pari a 8/10 di quello Usa, l’India, nello stesso periodo, è cresciuta per il 55%).

In queste condizioni, il mondo monopolare del “secolo americano” sognato e propagandato da Bush continua ineluttabilmente a naufragare.

E’ evidente che la politica di scontro che gli Usa hanno costruito quest’anno contro la Russia non ha speranze.

La guerra militare è fuori discussione, contro una potenza nucleare alleata di altre tre potenze nucleari. Ma ora anche la guerra economica diventa insostenibile, dal momento che la finanza Brics si rende indipendente dal circuito Fmi-dollaro, anzi, ne diverrà inevitabilmente concorrente.

Sorprende che gli analisti di regime non ne abbiano tenuto conto, ma le iniziative della Casa Bianca (bianca di nome ma rossa di sangue) assomigliano alle mosse disperate di chi sta tentando affannosamente il tutto per tutto mentre viene messo nell’angolo da problemi oggettivamente irrisolvibili.

Le autolesioniste “sanzioni commerciali” non hanno potuto sortire alcun effetto positivo, salvo che mettere in difficoltà l’economia di import-export russoeuropea, tant’è vero che molti commercianti stanno organizzando i nuovi flussi di scambio attraverso paesi neutrali. A conferma di ciò, l’altro ieri a Verona ci sono stati incontri ufficiali con importatori russi sia nella sede della Provincia che alla Camera di commercio, e di certo non si tratta di una anomalia locale: i commercianti non sono disposti a rinunciare ai loro volumi di affari per i capricci dell’abbronzato Oblablama Bin Barak, che ormai delira dalla stanza ovale di Washington.

E’ pacifico che la presidenza degli Stati Uniti sia ostaggio dei plutocrati delle grandi banche e multinazionali, che hanno imposto guerre devastanti per impedire la realizzazione dell’indipendenza finanziaria di Iraq e Libia, così come vorrebbero farlo con la Siria. Ma non si può ripetere lo stesso copione contro una alleanza politica, militare ed economica come i Brics, per impossibilità materiale.

Il pianeta viaggia ormai con il vento in poppa verso il nuovo assetto completamente bipolare, mentre l’impero Usa-Ue-Nato ha toccato i confini invalicabili oltre i quali non può più proseguire alcuna mira espansionistica.

L’occidente è sempre in tempo a limitare i danni assumendo un atteggiamento razionale e realistico per gestire la transizione, senza più cedere ai deliranti progetti irrealizzabili della presidenza Usa.
Siamo al Game Over: si tratta solo di riconoscerlo e trarne le debite conseguenze.

Non tutti ne sono capaci, è vero.

Valga allora ricordare che Hitler fu incapace di ammettere la sconfitta fino all’ultimo: l’esito che ottenne tramite tale miopia politica fu il suicidio nel bunker di Berlino, circondato da una Germania distrutta e devastata.

E’ sperabile che la leadership statunitense sia capace di ricordarsene, evitando di trascinarsi lungo il baratro che conduce ad un inutile stupido suicidio, che coinvolgerebbe le sorti di milioni di cittadini europei e nordamericani.

Il vero combattente sa quando è giunto il momento della resa, l’idiota no.

Ebbene, è giunto il momento della verità: abbiamo visto che i leader statunitensi sono dei delinquenti, si tratta ora di scoprire se sono anche deficienti.

Si fa presto a strillare fanfaronescamente e spavaldamente di “pensiero unico”, ma il mondo è assai più vasto e complesso della pubblicità hollywoodiana yankee.

Naturalmente, una spinta nella direzione giusta potrebbe darla una popolazione cosciente e organizzata, ripudiando, rifiutando e boicottando la classe dirigente più demenziale che europei ed americani abbiano visto in azione nel dopoguerra, isolandola come si fa con i provocatori, fino ad estrometterla dal potere che essa gestisce in modo non solo criminale ma anche stupido.

Vincenzo Zamboni

Integrazione dell’autore:

Islanda, Ecuador, Argentina, Russia, Ungheria, sono paesi che hanno espulso dal proprio territorio e dalla propria vita l’Fmi e il suo circuito di banche predatorie della moneta debito e dei prestiti fraudolenti.
Si tratta di esempi lodevoli, che mostrano come sia di fatto possibile riconquistare la propria sovranità senza più cederla ai parassiti economici.
Si noti che la breve collezione di esempi citati riguarda popolazioni nazionali che vanno da 1 a 150 mln di cittadini, tre di esse europee: così tagliamo corto con le obiezioni insensate del genere “Può permetterselo perché è un piccolo paese mentre noi siamo troppo grandi, può permetterselo perché è un grande paese, noi siamo troppo piccoli (sic), non sono europei quindi è un altro mondo (razzismo)”: se lo sono potuto permettere perché hanno voluto farlo.
Rimane da vedere se vorranno farlo anche gli italiani, oppure se continueranno a credere all’ “esportatore di democrazia” bombarola Romano Prodi che annunciava “Con l’euro guadagneremo come se lavorassimo un giorno di più, lavorando un giorno di meno”, prima di avviare la manovra della nuova moneta con cui l’Italia intera si è impoverita e bisogna lavorare sempre di puù per raggiungere la pensione. Recentemente il ribaldo ha annunciato che “Uscire dall’euro sarebbe un suicidio”, ma non risultano aumenti di suicidi in Ungheria, mentre abbondano in Italia quelli di artigiani e piccoli imprenditori rovinati dalla moneta debito e dalla consequenziale catastrofe che essa ha abbattuto su di loro. Prodi farebbe bene a dare il buon esempio suicidandosi subito e togliendosi dai piedi, ma disgraziatamente rimarrebbero gli altri vampiri, che sono una folla, e riescono ad essere persino peggio.
E’ meglio mandarli via tutti: si tratta di personaggi dei quali non si può credere una sola parola, né condividere un solo progetto.
Non un uomo, non un voto, non un soldo alla partitocrazia secondorepubblichina di guerra e rapina contro i popoli, senza se né ma o però.

…………………

Notizia integrativa: Scrive Sorcha Faal: “In una delle sue relazioni più scioccanti dall’inizio della crisi ucraina, il Ministero degli Affari Esteri (MoFA) avverte che il presidente Putin ha ordinato l’immediata attuazione del “Progetto Doppia Aquila”. Il progetto prevede che la Banca Centrale della Federazione Russa (CBR) inizi la produzione di monete da 5 Rubli d’oro contenenti 0,1244 once troy di Oro puro, con un diametro di 18 millimetri, decorate con una doppia aquila schermata e coronata, le quali diventeranno l’alternativa mondiale sia al dollaro USA che all’euro per l’acquisto di forniture energetiche.”

Commenti disabilitati

Poesiafestival a Spilamberto, Nazzareno Marconi a Treia, bombardamenti sofisticati in Siria, uscire dal circolo (vizioso), un milione di euro per santa Rosa

Poesia Festival a Spilamberto

Il Giornaletto di Saul del 29 settembre 2014 – Poesiafestival a Spilamberto, Nazzareno Marconi a Treia, bombardamenti sofisticati in Siria, uscire dal circolo (vizioso), un milione di euro per santa Rosa

Care, cari – Scrive Caterina: “…ieri mi sono decisa ad uscire dal torpore che mi aveva avvolto nei giorni scorsi. C’è il Poesiafestival tra Spilamberto ed i Comuni limitrofi in questi giorni, ma io, un po’ poco portata per la poesia scritta, un po’ pigra di natura e non troppo amante degli assembramenti, me n’ero rimasta a casa, non senza aver fatto le mie passeggiate quotidiane, in solitudine, accompagnata solo dalla fida Magò. Così mi sono alzata con le migliori intenzioni e dopo aver sbrigato alcune faccende domestiche, mi sono incamminata in direzione della Rocca Rangoni…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/09/spilamberto-settembrino-in.html

Il mio ieri – Mentre Caterina andava a sentire i poeti, la mattina, ed il pomeriggio a visitare le chiese di Spilamberto con un gruppo archeologico, io a Treia ho partecipato ad un evento “religioso”. E due parole sugli accadimenti del 28 settembre, giorno in cui si sono concluse le celebrazione del bicentenario del duomo a Treia, debbo dirle. Il pomeriggio, al tramonto, ho partecipato alla cerimonia di accoglienza al vescovo Nazzareno Marconi. Avendo indovinato che il prelato sarebbe arrivato dalla Porta Cassero lì mi sono recato in avanscoperta. Infatti dopo un po’ giungeva la macchina del comune con dentro tutti gli assessori ed il sindaco, che si è fermata fuori porta, seguita da quella del vescovo che è entrata dentro porta ma si è fermata poco dopo, davanti al teatro, poi il prelato, seguito dalle autorità, si è avviato a piedi verso la piazza, dove l’aspettava la banda con i gonfaloni dei quartieri schierati. Un palco montato sotto la statua di Pio VI era pronto per gli ospiti: i sindaci di Treia ed Appignano, il presidente della Provincia, il parroco di Treia ed altri… La folla non era numerosissima, però l’atmosfera generale era gioiosa e non pretenziosa. Nazzareno Marconi ha tenuto un discorsetto breve, ricordando le sue origini contadine umbre e la povertà patita durante l’infanzia, in quanto orfano di padre. Ha detto che da lì imparò, attraverso la fede, ad avere fiducia nella provvidenza…- Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2014/09/28/visita-pastorale-di-nazzareno-marconi-vescovo-di-macerata-alla-con-cattedrale-di-treia/

Montelabate. Coabitazione – Scrive Luisa: “Siamo una famiglia di 5 persone (3 bimbe di 4, 8 anni e una di 4 mesi) più un ragazzo single. La nostra casa è aperta alla ricerca di nuove persone che vogliano condividere con noi una vita di campagna semplice e genuina! Camere private, locali in condivisione, orto, forno, spazio per bambini. Siamo a Montelabate a 15 km da Perugia. Chiamateci: 340-2394132”

Treia. Ricordando Gandhi – Anche quest’anno il Circolo Vegetariano VV.TT. ricorda la nascita di Gandhi, apostolo della Verità e maestro della Nonviolenza. Nella sala di meditazione del Circolo, alle h 12.30, si tiene un “Arati” in suo memoria. Non si pensi che Gandhi, un indiano, avesse poco a che fare con noi, in realtà il fondatore della Associazione Vegetariana Italiana, Aldo Capitini, si ispirò a Gandhi per fondare il sodalizio. E non solo questo è il collegamento… infatti Gandhi nella sua minuscola stanzetta dell’ashram da lui fondato teneva alle pareti solo due ritratti, quello di Giuseppe Mazzini e quello di San Francesco d’Assisi…. – Continua:
https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2014/09/28/treia-un-2-ottobre-vegetariano-e-gandhiano/

Orte. Giornata Mondiale Nonviolenta – Scrive Auser: “L’iniziativa si svolge presso la Sala delle Bandiere del Comune di Orte, ore 17,30; durante l’incontro verrà anche presentato il Corso di educazione alla pace, alla nonviolenza e al volontariato”

Bologna. Canti popolari – Scrive Rete Ivan Ilich : “29 settembre 2014, ore 20, Hub – via Luigi Serra 2/f – Bologna (zona Bolognina). Report di Salvatore Panu sulla musica popolare delle Università Popolari in Francia e confronto fra alcune esperienze in Francia, Germania, Portogallo e Italia. Info. torepanu@tiscali.it”

Siria. Bombardamenti sofisticati – Scrive Rustam Chehayed : “Quali sono le armi che la coalizione a guida Usa sta utilizzando in Siria? Per la prima volta, Washington ha usato bombardieri caccia stealth F-22 Raptor, il più sofisticato arsenale aereo americano. Secondo il quotidiano libanese Assafir, che cita la CNN, gli Usa hanno scelto un insieme di dispositivi avanzati e di armi sofisticate di estrema precisione…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/09/28/siria-bombardamenti-usa-con-armi-sofisticate-per-dimostrazione-bellica/

Dove vanno gli USA? – Scrive Libre: “Mille miliardi in nuove bombe atomiche. E’ l’inferno nucleare appena finanziato da Barack Obama, Premio Nobel per la Pace, fino all’altro ieri sostenitore del disarmo. Ora siamo all’inversione di rotta, verso lo spettro dell’apocalisse: il “New York Times” rivela che gli Usa hanno deciso di investire 335 miliardi di dollari nei prossimi dieci anni, che salirebbero a mille nei prossimi trenta, per realizzare ordigni atomici più moderni, 12 nuovi sottomarini nucleari, 100 bombardieri atomici e 400 silos di lancio di Icbm. Nessuno, come è noto, minaccia gli Stati Uniti. Il nuovo arsenale sarebbe quindi un immenso dispositivo intimidatorio nei confronti del resto del mondo, in primo luogo la Cina, massimo creditore degli Usa…”

Proposte per uscire dal circolo vizioso – Scrive Michele Meomartino: “Caro Paolo, converrai che occorre tirare fuori qualche ideuzza condivisa per uscire fuori da questa deriva mortale…. Il prossimo 31 Ottobre a Treia, in occasione della presentazione del tuo libro (Riciclaggio della Memoria), non tanto occorre soffermarsi sull’analisi dei disastri, su cui possiamo convenire, tranne le multinazionali e i loro accoliti, quanto sulle proposte. Sulle tante iniziative di buone pratiche e comportamenti virtuosi e sui nuovi stili di vita che oggi rappresentano la vera alternativa ad un modello di sviluppo iniquo e insostenibile. Dopo tanti egoismi imperanti, c’è bisogno che nel cuore degli uomini sgorgano desideri di condivisione…..” – Continua in calce: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/09/sfruttamento-del-pianeta-e-la-fine-dei.html

Commento di F.O.: ”…come ci racconta Anthony De Mello: “Stava per arrivare la stagione dei monsoni e uno vide che il suo vicino, un uomo di età molto avanzata, scavava dei buchi profondi nel suo giardino. “Che cosa fate?”, chiese. “Pianto alberi di mango”, fu la risposta. “Volete mangiare i frutti di questi alberi?”. “No”, replicò il vecchio, “non vivrò così a lungo. Ma lo faranno altri. Tempo fa mi è venuto in mente che per tutta la vita ho mangiato i manghi piantati da altri. In questo modo desidero dimostrare loro la mia gratitudine..“ – Continua in calce al link sopra segnalato

Non sprecare il cibo. Primo passo – Ogni anno il cibo che viene prodotto, ma non consumato, sperpera un volume di acqua pari al flusso annuo di un fiume come il Volga, utilizza 1,4 miliardi di ettari di terreno – quasi il 30 per cento della superficie agricola mondiale – ed è responsabile della produzione di 3,3 miliardi di tonnellate di gas serra. La lotta alla fame si combatte anche intervenendo con una più attenta gestione e distribuzione della produzione agricola ed alimentare… – Continua:
http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/09/non-sprecare-il-cibo-e-la-prima-forma.html

Campofilone. Baratto – Scrive Carlos: “Son Carlos dalle Marche, Campofilone, vivo in campagna, sto cercando varie piante da frutto di qualsiasi anno, meli, peschi, sopratutto.. ecc, in cambio offro marmellate naturali di albicocche, con o senza zucchero (integrale), pere o fichi, oleoliti vari, etc. carlofedericoni@hotmail.it”

Il piano di Satana – Scrive Norina: “Dietro la crisi che ci strangola c’è un raffinatissimo piano di Satana? Quirino Salomone, padre francescano direttore de “La Perdonanza”, segue da anni i problemi relativi all’economia. Definisce il sistema monetario (signoraggio bancario) una colossale truffa, concepita in maniera talmente sofisticata da far pensare che ad elaborarla sia sta… un’intelligenza non umana…”

La tomba è pronta? – Scrive Fabio Castellucci: “Crolliamo TUTTI noi entro DUE MESI. Garantito. MES, fiscal compact, TTIP, ERP e EuroGendFor ci ammazzano in MENO di due mesi. Ci ammazzano in senso REALE. MA LO CAPIRETE SOLO QUANDO SUCCEDERÀ A VOI? Fra due mesi metà italiani senza lavoro, servizi, prospettive, cibo e casa. MA POSSIAMO ANCORA SALVARCI… SE SOLO COMINCIAMO A STUDIARE PER CAPIRE…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/09/mes-fiscal-compact-erp-e-eurogendfor-ci.html

Commento di Giacomo Leopardi: “Quando tutto il mondo fu cittadino Romano, Roma non ebbe più cittadini; e quando cittadino Romano fu lo stesso che cosmopolita, non si amò né Roma né il mondo: l’amor patrio di Roma divenuto cosmopolita, divenne indifferente, inattivo e nullo: e quando Roma fu lo stesso che il mondo, non fu più patria di nessuno, e i cittadini romani, avendo per patria il mondo, non ebbero nessuna patria, e lo mostrarono col fatto”.

Expo. Alberi tagliati per la Via dell’Acqua (morta) – Scrive Luigi Caroli: “Nel giro di un paio di giorni sul viale del Cimitero Maggiore hanno massacrato 70 alberi. Per proseguire nei lavori della VIA D’ACQUA utili solo ai corruttori e ai corrotti che non vogliono restituire la pattuita mercede (non è detto che sia denaro contante, potrebbe essere la promessa di una carica di sindaco). Cantone non ha colpito o fermato la corruzione. Il ritornello di corruttori e corrotti è: “SE CANTONE NON INTERVIENE, VUOL DIRE CHE TUTTO VA BENE”. Cantone dichiara ai giornali:Ho ricevuto la rassicurazione che non ruberanno” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/09/28/milano-cimitero-maggiore-70-alberi-deceduti-per-la-via-dellacqua-morta/

Cles. Prove di R-fid – Scrive G.F.: “Ci siamo. Il microchip R-fid è sbarcato nella scuola italiana. In una scuola di Cles (un piccolo comune in provincia di Trento) è stato introdotto per il controllo degli ingressi degli studenti, per monitorare i ritardi. Per ora il microchip NON è impiantato sottopelle, ma la direzione intrapresa è inequivocabile. Già da un paio d’anni negli Stati Uniti molte scuole hanno introdotto il microchip R-Fid, sanzionando chi lo rifiuta.”

Viterbo. Un milione di euro per santa Rosa? – Scrive Michele Bonatesta: “Una pazzia, mentre c’è chi a Viterbo ‘litiga‘ sulla TASI. Una pazzia, mentre i viterbesi si lamentano perché la città è sporca e per le strade groviera, al centro ed in periferia. Una pazzia, mentre il volontariato fa presente di non potersi più sostituire alle istituzioni. Sì, non è forse una ‘folle idea‘ quella di spendere circa un milione di euro per Santa Rosa? Epproprio: un milione di euro, carissimi consiglieri comunali di Viterbo…” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/09/laltra-viterbo-e-laltra-santa-rosa-che.html

Beh, dai… Mi pare proprio esagerato spendere un milione di euro per un’immaginetta. Ciao, Paolo/Saul

…………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Fino a quando non avrai reso conscio l’inconscio, quest’ultimo dirigerà la tua vita e tu lo chiamerai destino” (Carl Jung)

Commenti disabilitati