Archivio della Categoria 'Comunicazioni di servizio'

Vignola “stupefacente”, corpo umano brevettato, così non voglio, donne nella storia del cibo, riconversione ecologica, saggezza estemporanea zen

cartellone

Il Giornaletto di Saul del 18 dicembre 2014 – Vignola “stupefacente”, corpo umano brevettato, così non voglio, donne nella storia del cibo, riconversione ecologica, saggezza estemporanea zen

Care, cari – Mercatino “stupefacente” a Vignola e concerto di chitarra a Spilamberto. A volte i miracoli esistono… Caterina ieri sera era uggiata per certe noie avute sul lavoro, per via di un problema con una colonia di gatti randagi a Montese, così era un po’ scoraggiata all’idea di dover preparare la pizza con patata che ci aveva promesso. Ma poi si è ripresa stabilendo che la pizza l’avrebbe fatta, visto che l’impasto era già pronto, ma prima saremmo andati a Vignola, dove era previsto un mercatino estemporaneo dei nostri amici “contadini dietro casa”. Così, armati di sacchetta rosa d’ordinanza, alle 17.15 siamo partiti. In macchina abbiamo fatto in tempo a sentire la notizia radiofonica.. – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/12/mercatino-di-natale-stupefacente-vignola.html

Corpo umano brevettato da Microsoft – Scrive Salvatore Santoru: “La Microsoft ha brevettato nientemeno che il corpo umano, registrandolo come “apparato per trasmettere corrente elettrica e dati”. Della vicenda ha parlato recentemente Massimo Rodolfi in un recente articolo, ma la notizia risale al 2004, e di essa hanno parlato anche alcuni dei quotidiani più importanti italiani, tra cui “Repubblica” e il “Corriere della Sera”. Come riportato da quest’ultimo articolo, con ciò il corpo umano diventa “una risorsa per collegare tutti quei gadget tecnologici che oggi ci portiamo dietro: telefono cellulare, computer palmare, lettore di musica Mp3, orologi in grado di connettersi a Internet e così via, e “per riuscire a parlarsi, questi strumenti hanno bisogno di cavi, oppure di tecnologie «senza fili» come gli infrarossi o il Bluetooth. Un domani ne potranno fare a meno: basterà che siano a contatto con il corpo….”

Così non voglio – Scrive Cecilia Kellermann: “Talvolta, almeno nel mondo occidentale, la vittima sopravvive e conosce lo stupratore, ma non è detto che lo denunci, magari perché è un membro della famiglia o perché non vuole finire sui giornali, altre volte perché, in un angolino della sua mente, pensa che sia stata un po’ colpa sua. C’è anche chi affronta il processo, ma non è un percorso facile. Comunque al di là del processo, al di là delle eventuali condanne, cosa succede nell’animo della vittima?..” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/12/gli-stupri-avvengono-cosi-non-voglio-di.html

Stati Uniti: è ora di porre fine all’era post 11 settembre! – Scrive EIR: “La pubblicazione da parte della senatrice Dianne Feinstein di una parte del rapporto della Commissione di Inchiesta del Senato sul programma di torture commesse dal 2001 al 2006 sotto l’amministrazione Bush-Cheney indica che la dinamica post 11 settembre sta giungendo alla fine. Il prossimo passo dovrà essere il rilascio delle informazioni sul ruolo svolto dall’Arabia Saudita negli attacchi dell’11 settembre..”

Roma. Olimpiadi del malaffare – Scrive Adriano Colafrancesco: “Visto che siamo titolari nel mondo delle OLIMPIADI DEL MALAFFARE, come insegnano le esperienze di quelle invernali di Torino e quelle estive della Capitale – di cui il viandante dell’A1, al casello autostradale di Roma sud, è sempre più attonito spettatore per la monumentalità tanto inutile quanto dispendiosa di opere, portate a compimento solo sulla carta e quel tanto che basta per rimpinguare le casse della malaimpresa organizzata…” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/12/roma-2024-le-olimpiadi-del-malaffare.html

Guido Barilla (poverino) è “guarito” – Scrive tempi.it: ” Come spiega Sandhya Somashekhar, la «social change reporter» del Washington Post, la rieducazione di Guido Barilla può considerarsi conclusa. L’azienda, «è passata da paria a testimonial dei diritti gay», e infatti ieri ha ricevuto «un punteggio perfetto», 100 punti su 100, nel Corporate Equality Index, la classifica delle imprese gay friendly stilata dalla Human Rights Campaign, una delle più importanti organizzazioni Lgbt. Si tratta, scrive la Somashekhar, di «una giravolta che mette in luce come le aziende, che in genere evitano le controversie, sono sempre più costrette a prendere posizione nella battaglia culturale sui diritti gay e sul matrimonio tra persone dello stesso sesso – e come le forze pro-gay siano decisamente in vantaggio»…”

Petizione eterofila – Scrive Antonio Brandi: “….petizione propositiva al Ministro dell’Istruzione, al Presidente della Repubblica e al Presidente del Consiglio, affinché i nostri figli possano trovare nella scuola, non ideologie destabilizzanti come l’ideologia gender, ma progetti, corsi e strategie educative che permettano uno sviluppo sano della loro personalità, in armonia con la famiglia e con le istanze etiche, rispettosi di tutti ed in primis della natura umana…..” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/12/eterofilia-laltra-faccia-della.html

Solidarietà antimafia – Scrive M5S: ” Il PM Antonino Di Matteo, come molti sanno, non ha più una vita sua e vive blindato circondato da angeli silenziosi che ne proteggono l’esistenza. Toccare gli interessi della mafia è pericoloso e indagare sui contatti fra mafia e istituzioni fa tremar le vene ai polsi. Recentemente, come riportato da alcuni giornali, il boss latitante Messina Denaro ha chiesto ai boss palermitani di uccidere Nino Di Matteo. Al PM vogliamo perciò esprimere il nostro grazie di cittadini per il lavoro che sta portando avanti con tanta fermezza e fatica ed esprimergli il nostro sostegno e la nostra vicinanza”

Rapportarsi con il cibo nel giusto modo – Scrive Franca Oberti: “Caro Paolo, ti mando un testo che ho spedito l’estate scorsa ad un concorso a Bologna. Si tratta del “Gruppo di lettura San Vitale”, magaari lo conosci o lo conosce Caterina. So che sono principalmente donne e già alcuni anni or sono mi avevano premiata. Il tema era “Le donne nella storia del cibo”. Anche quest’anno sono stata premiata con l’inserimento del testo in un’antologia che sarà consegnata giovedì 18 dicembre 2014 alle 16 alla Sala Cappella Farnese di Palazzo d’Accursio, in piazza Maggiore 6 a Bologna” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/12/17/rapportarsi-con-il-cibo-e-la-cucina-meditata-di-franca-oberti/

Isis ed israele amici per la pelle – Scrive Ansa: “Israele intrattiene da mesi costanti e regolari contatti con gruppi militanti di ribelli siriani che combattono contro il regime del presidente Bashar al Assad. Lo afferma un recente rapporto delle Nazioni Unite, ripreso oggi da numerosi siti online, compreso quello del quotidiano israeliano Haaretz. Le Forze di Disimpegno degli Osservatori delle Nazioni Unite (Undof) spiegano che ufficiali israeliani e terroristi sostenuti dall’estero “hanno collaborato direttamente” lungo il confine siriano negli ultimi 18 mesi…”

Ri-conversione ecologica. Proposte ambientaliste – Scrive AK: “L’11 dicembre 2014 16 associazioni ambientaliste riconosciute hanno presentato al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio l’Agenda ambientalista per la riconversione ecologica del Paese, e hanno chiesto al governo «La giusta considerazione della dimensione ecologica nelle scelte di politica economica deve dar vita ad un nuovo Patto sociale basato sulla qualità, l’efficienza e la sostenibilità..” – Continua:
http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/12/ri-conversione-ecologica-proposte.html

Antibiotici inutili -Scrive Genfranco: “…è dal 1992 che non ho avuto più bisogno di alcun FARMACO CHIMICO, tantomeno di questi ANTIBIOTICI poichè sopratutto la FEBBRE è solo un lontano ricordo. Naturalmente GRAZIE all’ACIDO ASCORBICO che per gli animali è un METABOLITA…”

Zen. Saggezza estemporanea – Un giorno in un tempio buddista c’era stata una solenne cerimonia che aveva visti impegnati tutti i monaci. Terminati i riti il monaco che fungeva da cuoco si precipitò nell’orto e tagliata un po’ di verdura cucinò una veloce zuppa. Malgrado l’estemporaneità della preparazione tutti la trovarono particolarmente saporita ma ad un tratto il capo del monastero chiamò il cuoco e mostrandogli la sua ciotola, con dentro la testa di un serpente, gli chiese irato: “Cos’è questa..?” Al che il monaco senza perdersi d’animo prontamente rispose….. – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/12/la-saggezza-estemporanea-dello-zen.html

Zen o non zen la saggezza è una cosa semplice… Ciao, Paolo/Saul

……………………………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Un essere umano che si adegua, che subisce, che si fa comandare, non è un essere umano.” (Oriana Fallaci)

Commenti disabilitati

TTIP a Spilamberto, rivolta possibile, Italia alla fame, OGM e veleni agricoli, musica a Pineto, fermezza ultima ratio….

ttip

Il Giornaletto di Saul del 17 dicembre 2014 – TTIP a Spilamberto, rivolta possibile, Italia alla fame, OGM e veleni agricoli, musica a Pineto, fermezza ultima ratio….

Care, cari – Ieri sera siamo andati alla Sala Famigli di Spilamberto dove si teneva un Consiglio Comunale. Ogni tanto, da quando son qui, andiamo a presenziare a questi consigli per capire come procedono le cose nell’amministrazione comunale. Ieri -tra l’altro- è stata discussa una mozione presentata da una consigliera di opposizione, della Sinistra, in cui si chiedeva al Consiglio di prendere posizione (nelle sedi istituzionali) relativamente al rischio per l’economia locale dell’imminente approvazione del famigerato TTIP, un trattato di “liberalizzazione” commerciale fra EU, USA, Messico e Canada, di cui spesso ci siamo occupati…. – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/12/ttip-brics-ed-altri-trattati-spilamberto.html

Mio commentino: “Secondo me il TTIP è un tentativo di salvataggio del dollaro/euro fatto dalle “denarocrazie” occidentali per contrastare i BRICS e l’alleanza economica Russia/Cina basata sulle transazioni in valuta propria. Il vantaggio del TTIP va tutto alle multinazionali ed al grande business ed alla finanza bancaria”

Altra azione propedeutica all’avvento del TTIP. Eliminazione del luogo di produzione sui prodotti alimentari – Scrive Franza Oberti a commento dell’articolo http://retedellereti.blogspot.it/2014/12/sparisce-lorigine-del-cibo-dalle.html -: “…stanno affossando ogni iniziativa italiana. Stiamo diventando una colonia, dove i suoi abitanti hanno meno diritti di chi ci invade. Si potrebbe cominciare a boicottare certe aziende. Riprendere a cucinare in casa, farsi il pane, i biscotti, dimenticare i sapori di certi cibi, volutamente alterati per creare dipendenza… seminare l’insalata in un vaso e cibarsi di quella, cercare nei campi il tarassaco e usarlo. Purtroppo alla fine entrano le ragioni di tanti che si ammazzano di lavoro tutto il giorno e poi fanno il giro col carrello al supermercato e nemmeno sanno quello che ci mettono dentro….”

Tenetevi forte – Scrive Dmitry Kalinichenko: “Tradizionalmente, l’Occidente utilizza due metodi per eliminare la minaccia all’egemonia mondiale del modello fondato sul petrodollaro e ai conseguenti eccessivi privilegi occidentali. Uno di questi metodi è costituito dalle “rivoluzioni colorate”. Il secondo metodo, di solito applicato dall’Occidente se il primo fallisce, sono le aggressioni militari e i bombardamenti. Ma nel caso della Russia entrambi questi metodi sono impossibili o inaccettabili per l’Occidente. Intanto, tutta la popolazione russa è con Putin: impossibile fabbricare una “rivoluzione colorata” per eliminare il capo del Cremlino. Restano le armi, cioè i missili. Ma la Russia non è la Jugoslavia, né l’Iraq, né la Libia. In ogni operazione militare non-nucleare contro la Russia, sul territorio della Russia, l’Occidente guidato dagli Stati Uniti è destinato alla disfatta. E i generali del Pentagono che esercitano la vera guida delle forze della Nato ne sono consapevoli». Una guerra nucleare? Sarebbe egualmente senza speranza, perché la Nato non è tecnicamente in grado di infliggere un colpo che disarmi completamente la Russia del potenziale nucleare. La rappresaglia equivarrebbe all’apocalisse: sarebbe la nota finale e l’ultimo punto dell’esistenza della Storia, cioè la fine della vita sul pianeta, fatta eccezione per i batteri….” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/12/tenetevi-forte-cosa-vale-di-piu-loro.html

Bologna. Donne e cibo – Scrive Maria Rosa Damiani: “Giovedì 18 dicembre 2014, ore 16:00. Antologia e premiazione: Le donne nella storia del cibo. Sala Cappella Farnese Palazzo d’Accursio Piazza Maggiore, 6 – Bologna. Info. 339.2048416″

Italia. Rivolta possibile – Scrive Irib: “Allo stato attuale tutto lascia presagire un pessimo futuro per gli Italiani. Sono troppi gli avvenimenti quotidiani di protesta sociale registrati in più occasioni in alcune città italiane, anche del Nord, dove fino a qualche tempo fa regnava il benessere e una classe politica decente che si preoccupava con particolare interesse dello sviluppo economico del territorio e di amministrare nel migliore dei modi, fornendo servizi adeguati alle necessità dei cittadini. Sono anche troppi gli scandali legati alla politica o meglio alla “mala politica” che si è integrata o almeno è scesa a patti con le associazioni per delinquere, al fine di gestire in maniera più efficiente ed efficace i loschi affari che nulla hanno a che fare con la buona e trasparente gestione della cosa pubblica…” – Continua:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/12/16/italia-una-rivolta-e-possibile/

Uomo e denaro – Scrive A.M.: “La corruzione non è altro che la logica, seppure esasperata, conseguenza di quel mondo, di quel modo di pensare e di vivere..! Quando però si antepone il denaro all’Uomo, anche le regole etiche, la morale, il senso di appartenenza ad una comunità con  i doveri di comportamento che questo comporta, si affievoliscono o addirittura scompaiono assieme all’importanza dell’Uomo e la corruzione diventa la logica ed inevitabile conseguenza di questa situazione!”

Trieste. Mais ogm e veleni agricoli – Scrive Lino: “il Dipartimento di Geoscienze dell’Università di Trieste, che ha elaborato lo studio sul quale si basa il Piano Regionale di Tutela delle Acque, a indicare nei “fertilizzanti usati nei campi” la causa principale dell’inquinamento delle falde acquifere. Invece il rimedio proposto dalle grandi multinazionali agroalimentari è, per esempio, l’uso del mais OGM Mon810. Spacciato per miracolosa coltura che non ha bisogno di pesticidi, questo mais, geneticamente modificato, produce continuamente una tossina che colpisce alcuni (e non tutti) parassiti e la cui innocuità sull’uomo non è stata dimostrata..” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/12/lotta-contro-il-mais-ogm-come-parte.html

USA. Mais OGM contraccettivo – Scrive G.A.: “Ecco una breve panoramica tratta dal Guardian firmata da Robin McKie: “Gli scienziati hanno creato l’OGM definitivo: il mais contraccettivo. Seminare i campi di mais potrebbe un giorno salvare il mondo dal sovrappopolamento. Le piante contraccettive sono opera di Epicyte, società biotecnologica di San Diego, dove i ricercatori hanno scoperto una classe rara di anticorpi umani che attaccano gli spermatozoi. Isolando i geni che regolano la produzione di questi anticorpi, ed inserendoli nelle piante di mais, l’azienda ha creato minuscole fabbriche di contraccettivi sotto forma di coltivazioni…”

Pineto. In musica – Scrive Ferdinando: “io..io..io..tu..tu..tu sempre noi, voi, essi… sempre di più, quaggiu, lulù. Ieri sono andato a suonare a una festa privata in una villa liberty a Pineto, piccolo paese a 30 chilometri sulla costa. Una specie di session collettiva, prima di me hanno suonato due ragazzi che hanno fatto una jazz and poetry session voce sax soprano, poi una ragazza alla arpa, due sassofoni be bop, un trombone ta-pu. Una session di tamburi, una performance solo voce, un ragazzo con tromba e flicorno campionato alla fresu. E mentre ero presu tra un discorso e l’altro mi hanno detto: blu tocca a te!” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/12/piove-musica-pineto-in-delirio.html

Ronco Scrivia. Semi – Scrive Massimo Angelini: “18 gennaio 2015, ore 10 / 17 – teatro e oratorio parrocchiale di San Martino: MANDILLO DEI SEMI, organizzato da CONSORZIO DELLA QUARANTINA e RETE SEMI RURALI, festa dello scambio ed esposizione di semi autoriprodotti, lieviti di casa, antichi cereali e frutta tradizionale dedicata ai contadini, agli ortolani per mestiere e per diletto, ai raccoglitori di semi e a tutti gli appassionati del mondo e della cultura rurale. INGRESSO LIBERO – Info. 347.9534511 – scrivi@quarantina.it

Russia Today scomoda – Scrive Margarita Simonyan, capo redattore di RT: “Ero appena ritornata da Londra quando la Camera dei Rappresentanti statunitense approvava a grande maggioranza una risoluzione che, tra le altre cose, impegnava i funzionari USA in Europa a “valutare l’influenza politica, economica e culturale dei mezzi di informazione russi e finanziati dalla Russia e a coordinarsi con i governi ospitanti circa le adeguate contromosse.” In altre parole, gli Stati Uniti spingerebbero l’Europa a sbatterci fuori. E ciò che sta già succedendo.…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/12/16/russia-today-assange-ed-altre-verita-opposte/

Tallinn. Rilascio – Scrive Giulietto Chiesa: “Sono stato rilasciato ieri alle 10 (ora locale). Grazie anche all’intervento deciso del nostro ambasciatore a Tallinn, Marco Clemente, che ringrazio e con cui mi complimento per la maestria professionale. Ringrazio tutti insieme – non potrei fare altrimenti – tutte le centinaia di persone che mi hanno scritto esprimendomi solidarietà. Davvero centinaia. Dall’Italia, dall’Europa, dalla Russia. L’episodio è sicuramente grave. Ma è anche una lezione da imparare. Ci aiuta a capire che razza di Europa è quella che ci troviamo davanti ora. E che battaglia dovremo fare per cambiarla, per rovesciarla come un calzino. Se non vogliamo che questa gente rovesci noi…”

Test di idoneità politica – Come per svolgere servizi pubblici, sia a livello impiegatizio che dirigenziale, è necessario partecipare a concorsi e fornire prove concrete della propria capacità lavorativa altrettanto dovrebbe avvenire per le persone che si candidano al governo ed alla amministrazione del bene comunitario…. Ritengo quanto mai necessario entrare nell’ordine di idee che i politici che intendono ricoprire cariche pubbliche di un certo rilievo siano sottoposti preventivamente a test psico-attitudinali per verificare se il loro corredo morale e mentale sia compatibile a ricoprire l’incarico…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/12/test-di-idoneita-per-adire-alla.html

Italia alla fame – Scrive G.V.: “Quattro milioni e 68.250 persone, in Italia, costrette a chiedere aiuto per mangiare nel 2013, e se vi sembrano poche sono il 7% della popolazione italiana. Solo la più sanguinosa delle guerre, quella combattuta dal 1939 al 1945, è stata capace di produrre qualcosa di simile. Gli autori della restaurazione iper-capitalistica e della conseguente macelleria sociale oggi in atto sono come nazisti e moderni Mengele, Ma i “nazisti” di oggi si riparano dietro al “frame” della persuasione occulta: il sangue non si vede, la strage non viene percepita subito…”

Discussione filosofica – Scrive Franca Oberti a commento dell’articolo http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/12/corrispondenza-bioregionale-e.html -: “…Pochi giorni fa ho postato ad amici cattolici una frase di Osho che ritenevo da analizzare, le risposte (..acce) che mi sono arrivate e devo dire che qualcuno riesce ancora a farti sentire “sporca” e pronta per il rogo! E questo, a mio avviso, perché non hanno abbastanza umiltà per dire che non sanno tutto quello che dovrebbero sapere su tanti, lontani dal loro pensiero quotidiano…” – Continua in calce al link segnalato

Esercitare la fermezza – Scrive Sara Stella: “Esercitare la fermezza (la capacità di imporsi quando è necessario) è importante per ristabilire ordine, rispetto e armonia, laddove ci sono forze psicologiche ed emotive che proiettano disvalore, disarmonia e conflittualità. La fermezza è autorevolezza amorevole e nulla a che vedere con il comportamento autoritario e dominante. La fermezza è forza consapevole, indispensabile per correggere quegli stili educativi deboli, permissivi o eccessivamente accondiscendenti da cui poi originano aspetti caratteriali di chiusura, testardaggine, incapacità di “ascoltare” e tendenza alla manipolazione nelle relazioni sociali…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/12/la-fermezza-come-dote-di-forza-femminile.html

Fermezza non significa fermarsi, significa procedere con costanza sulla propria via. Ciao, Saul/Paolo

…………………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Dopo tanta
nebbia
a una
a una
si svelano
le stelle
Respiro
il fresco
che mi lascia
il colore del cielo
Mi riconosco
immagine
passeggera
Presa in un giro
Immortale”

(Giuseppe Ungaretti)

Commenti disabilitati

Habitat originario, iris a dicembre, attenti al renzie, l’origine del cibo, reddito di cittadinanza e sovranità monetaria, preghiera sincretica ed universale

habitat originario

Il Giornaletto di Saul del 16 dicembre 2014 – Habitat originario, iris a dicembre, attenti al renzie, l’origine del cibo, reddito di cittadinanza e sovranità monetaria, preghiera sincretica ed universale

Care, cari – Ritorno all’habitat originario? Gli interventi dell’uomo nel tentativo di “aggiustare” le presenze del mondo animale sono diventati talmente pesanti da mettere a rischio la stessa esistenza umana. Infatti il controllo sulle altre specie coinvolge anche l’uomo, che non è separato dal mondo animale. Le regole della vita sono molto semplici, ogni specie sia vegetale che animale ha una interrelazione mutualistica con il suo habitat e con tutte le specie che lo condividono. Le piante hanno bisogno degli animali per la loro riproduzione e propagazione, gli erbivori sono controllati dai carnivori e così si mantiene un equilibrio fra ambiente e suoi abitanti. Ma dove l’uomo è intervento immediatamente questo equilibrio è andato perso…. – Continua: http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Ritorno-all-habitat-originario

Asso. Iris nati a dicembre – Scrive Teodoro Margarita: “Sono iris viola, molto belli. La pioggia fine di questo dicembre li impreziosisce ed ogni goccia è una perla colorata. Sono iris e si trovano sulla strada che ogni giorno percorro per andare a scuola. Si trovano nella aiuola sopraelevata alla curva del Sironi ad Asso. Ho donato io quelle iris al gestore della autorimessa, ne avevo in abbondanza ed ho pensato, donandone, di far più bella la via. Così come ne ho donati anche alla signora farmacista. Sono piccoli gesti che incidono profondamente e silenziosamente nel micropaesaggio urbano. Quei fiori, quelle iris, non c’erano prima ed ora si stanno espandendo e coprono tutta l’aiuola, nella stessa vi sono delle belle altee e delle margherite. Le margherite fioriscono in primavera ed ora sono quiescenti. In dicembre, mese insolito, stanno fiorendo e sbocciando le iris. Colpa del clima umido e non freddo, parlando con una signora, in panetteria, ci ha confidato che a lei son fiorite le calle sul balcone. Evviva, oltre una certa generazione, noi siamo ancora attenti alle cose vere e pensiamo a ciò che ci circonda…”

L’origine del cibo scompare dall’etichetta – Scrive Stefano Vergine: “La Mozzarella Santa Lucia fino a oggi è stata prodotta in Italia. Lo si può leggere chiaramente sull’etichetta: realizzata nello «stabilimento di Corteolona, Pavia». Tra pochi giorni le cose potrebbero però cambiare. Un regolamento europeo cancella infatti l’obbligo di indicare sulla confezione il luogo di produzione degli alimenti. In teoria ci sono due eccezioni: carne e latticini, per i quali bisognerà ancora segnalare lo stabilimento, ma non più come avviene oggi: basterà un numero a rappresentare la fabbrica…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/12/sparisce-lorigine-del-cibo-dalle.html

Pavia. Concerto – Scrive Corte dei Miracoli: “Venerdì 19 dicembre 2014, tra le mura amiche dello storico music club Spaziomusica di Pavia, Via Faruffini, 5, ore 22.30, festeggeremo il Natale che si avvicina con un concerto molto speciale e per dedicare un brindisi a Santa Claus. Info. info@cortedeimiracoli.net”

Il merito dell’antipolitica – Scrive Vincenzo Zamboni – “M5s, Sel, e gli altri movimenti minori sorti in questa epoca (forconi, 9 dicembre, indignandos, e tanti altri) sono certamente suscettibili di ogni critica, secondo opinioni progetti ed aspettative di ognuno. Tuttavia una qualche importanza concreta devono certamente pur avere, altrimenti non sarebbe spiegabile come mai gli uomini delle istituzioni abbiano sentito il bisogno di coniare e divulgare il pessimo termine propagandistico denigratorio “antipolitica”; che non significa assolutamente nulla, ma serve a gettare emotivo discredito gratuito contro ogni forma di alternativa, critica e opposizione..” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/12/il-merito-dellantipolitica-eversiva.html

Monterazzano. Stracolma in due anni – Scrive M5S di Viterbo: “La discarica di Monterazzano sarà colma nel giro di due anni… Non possiamo credere che il Sindaco non sia a conoscenza di un dato così importante! Ma il Sindaco non ha ancora dato seguito al nostro ordine del giorno, approvato in Consiglio Comunale, che gli dava mandato di adire anche le vie legali per fermare il conferimento dei rifiuti da altre province, come prevede la legge, qualora la discarica fosse in procinto di esaurirsi”

Reddito di cittadinanza e sovranità – Scrive V.Z.: “Eticamente: un individuo deve mangiare perché è vivo, altrimenti per un po’ continua ad esserlo, ma alla fine muore. E’ vero che ciò accadrà comunque, prima o dopo, ma non ci sono motivi validi per affrettare l’esito, salvo nel caso poco frequente dei suicidi. Economicamente: il denaro non produce merci, produce circolazione. Ma nella società del lavoro differenziato la circolazione è indispensabile. Ergo, fornire una capacità di spesa a tutti è vantaggioso per il globale….” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/12/reddito-di-cittadinanza-e-sovranita.html

Estonia illiberale – Scrive Massimo Caruso: “Ieri sera Giulietto Chiesa è stato arrestato a Tallin (Estonia) dove nel pomeriggio avrebbe dovuto tenere una conferenza sulla crisi ucraina. La polizia si è presentata nella sua stanza d’albergo dove è stato prelevato. Secondo quanto comunica la moglie , la giornalista Fiammetta Cucurnia, si tratta di un fermo di 48 ore che anticipa l’espulsione dal Paese baltico…”

Attenti al renzie – Scrive Adriano Colafrancesco: “Anziché tamponare le emorragie imprenditoriali e finanziarie, illegali e immorali, che ci vedono decrescere in un mondo sempre più preda di schiavismi e usurpazioni, mette mano ai diritti acquisiti e sanciti dalla Costituzione – col beneplacito di plurindagati e plurinquisiti Padri Prostituenti. Anziché perseguire i delinquenti corruttori e fraudolenti con leggi e provvedimenti seri e adeguati alla gravità degli scandali planetari che si inseguono dal nord al sud e dal sud al nord, col comune denominatore della mala vita organizzata che ne fa da filo conduttore, perseguono i più deboli con privazioni di servizi e malversazioni tributarie, goffamente camuffate dietro sigle che si moltiplicano nel grottesco tentativo di nascondere la truffa nel calderone…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/12/15/attenti-al-renzie-appello-a-rosy-bindi-pierluigi-bersani-stefano-fassina-gianni-cuperlo-e-pippo-civati/

Ostia. Concerto gratuito – Scrive Un Ponte sul Tevere: “Con l’occasione degli auguri per le Feste, grazie al rapporto instaurato con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, …… dalle prossimità del Tevere nel cuore di Roma (Parco della Musica – Auditorium di Roma) Vi portiamo – per così dire – presso la Foce e il Litorale, per uno speciale concerto gratuito dell’Orchestra da Camera, mercoledì 17 sera, alla Chiesa di Santa Monica ad Ostia. Info. info@unpontesultevere.com”

Femen sataniche e reazione papale – Scrive Franca Oberti a commento dell’articolo http://paolodarpini.blogspot.it/2014/12/femen-show-satanico-in-piazza-san-pietro.html?showComment=1418634251073#c7666870812081290677 -: “Chi male pensa, male fa…. lo diceva Forrest Gump, il personaggio di quel film, che era anche considerato poco intelligente… ma le anime semplici di solito ci azzeccano! (…) …devo dire che il primo impatto è stato di disgusto, poi è subentrata la rassegnazione, poi la razionalità, infine il distacco. Credo che Papa Francesco, ignorando questi gesti stia facendo un grande gesto, stia soffocando ciò che, senza il buon senso, uscirebbe fuori, proprio come nel Vangelo: non è quello che entra nell’uomo, ma ciò che esce… Capisco l’esternazione e la condivido, ma anch’io taccio, pur essendo una donna.” – Continua in calce al link segnalato

Vicenza. Genuino Clandestino e dialogo ecologista – Scrivono Anna e Chiara: “Domenica 21 dicembre 2014, per chi vuole, la mattina vi invitiamo al mercato dei produttori che organizziamo davanti all’ingresso dell’ex aeroporto Dal Molin. Il mercato si svolge dalle 9.30 (per i produttori l’allestimento è alle ore 9.00) alle 13.00, in viale Sant’Antonino 59 – Vicenza nord. Poi per proseguire nella costruzione dell’incontro nazionale, ci troviamo alle 14.00 al Cs Bocciodromo di via Rossi 198 – Vicenza ovest (quartiere dei Ferrovieri). Abbiamo pensato, per …” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/12/21-dicembre-2014-genuino-clandestino-e.html

Natale nell’Uno e fisica quantistica – Scrive Elia Menta a commento dell’articolo
http://retedellereti.blogspot.it/2014/12/per-un-natale-sincretico-nelluno.html?showComment=1418632442709#c6467618439778124695 -: “Quelle della cosiddetta fisica quantistica non possono definirsi correttamente teorie essendo delle pure ipotesi. Ciascuno può tirar fuori dal clindro un’ipotesi, rivestirla di apparente scientificità, divulgarla attraverso i canali che il Potere gli mette a disposizione. Ovviamente dev’essere ipotesi funzionale al Potere..” – Continua in calce al link

Musulmani in crescita – Scrive F.O.: “Più si da peso alle questioni e più ci troviamo immersi nella melma. Sono i “credenti” che stanno avendo il sopravvento… perché non abbiamo la forza di sostenere le nostre ragioni. Eppure noi siamo in via di estinzione, ci manca la forza di sopravvivere. Antropologicamente parlando, siamo destinati a soccombere…”

Mio commentino: “…in realtà le fedi monoteistiche stanno esaurendosi. In questo momento sembra che l’islam sia più forte, ma solo perché i musulmani sono ancora “addietrati” nel pensiero, anche quel credo è destinato a scomparire, se si vuole che la specie umana si salvi…(e tra i credo inserisco anche le ideologie neoliberiste e materialiste)”

Roma. Sanit – Scrive Giorgio Vitali: “Caro paolo, ti comunico che al SANIT, Forum internazionale della salute (www.sanit.org), Palazzo dei Congressi all’EUR di Roma, è aperta la mostra della sanità contemporanea. Mentre fino a qualche anno fa gli stands erano occupati SOLO dall’Industria farmaceutica, oggi vi si trova molta produzione naturale, alimentazione BIO, fitoterapie e terapie non convenzionali. Si tratta di un salto di qualità notevolissimo. Colgo l’occasione per aggiungere che la cosa era stata da me profetizzata in un convegno sulla fitoterapia presso l’Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria ad inizio degli anni ‘80 del secolo scorso. Invito tutti a farci un salto. Ingresso gratuito. Conferenze interessanti ogni giorno.

Preghiera sincretica universale – Ricordo una divertente storiella zen in cui si narra di un contadino che chiamò un prete per svolgere una cerimonia di benedizioni alla sua famiglia. Il monaco stava per iniziare il rito quando l’uomo gli chiese se ne avrebbe avuto beneficio anche la sua consorte che era deceduta qualche tempo prima.. “Certamente –assicurò il prete- tutti gli esseri senzienti vivi o morti ne trarranno beneficio” – “Tutti .. proprio tutti?” Indagò ancora il contadino, ed il monaco: “Tutti gli esseri condividono la natura di Buddha e quindi tutti saranno beneficiati e ricordati nella funzione” – Ed il contadino: Ma.. veramente vorrei che… – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/12/preghiera-sincretica-ed-universale.html

Meditiamo sullo splendore eccelso della divina energia Vivificante, possa Ella illuminare le nostre menti. Ciao, Paolo/Saul

………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Sembra che sia un peccato meditare, soprattutto andare a meditare; invece la meditazione succede da sé; si è vero, quando hai già in te il silenzio, quando la tua vita è tutta una meditazione attiva che parte da quel silenzio. Non non c’è dono più grande che puoi fare a chi è nell’agitazione di indicargli gli strumenti per assaggiare il nettare più profondo di sé. Sedendosi solo con se stesso o danzando, un piccolissimo sforzo e il miracolo del silenzio succede, e quando l’hai gustato una volta, ne sei sempre piu goloso. Certo il silenzio è già lì che aspetta ma come si può assaggiare quel sapore quando la mente ancora attacca. Quando sei silenzio è bellissimo ancora andare verso altri individui, lo spazio ci accoglie allegramente nell’incontro di esseri” (Dorjelhi Pecci)

Commenti disabilitati

Sparisce l’origine del cibo dalle etichette…. Ce lo impone l’Unione europea

mozzarelle sconosciute

LA Mozzarella Santa Lucia fino a oggi è stata prodotta in Italia. Lo si può leggere chiaramente sull’etichetta: realizzata nello «stabilimento di Corteolona, Pavia». Tra pochi giorni le cose potrebbero però cambiare. Un regolamento europeo cancella infatti l’obbligo di indicare sulla confezione il luogo di produzione degli alimenti. In teoria ci sono due eccezioni: carne e latticini, per i quali bisognerà ancora segnalare lo stabilimento, ma non più come avviene oggi: basterà un numero a rappresentare la fabbrica. Per comprendere le conseguenze del cambiamento vale la pena di restare sull’esempio della Santa Lucia, marchio controllato dalla multinazionale francese Lactalis che, oltre a quelli italiani, ha impianti sparsi per il mondo. Ebbene, se per ipotesi la Lactalis decidesse di non realizzare più la mozzarella in provincia di Pavia, ma di spostare la manifattura all’estero, per il consumatore sarebbe praticamente impossibile saperlo. Un ragionamento applicabile a tutto il cibo.

CE LO CHIEDE BRUXELLES
Il regolamento in questione porta il numero 1169 ed entra in vigore in tutti i Paesi dell’Unione europea il 13 dicembre. L’obiettivo ufficiale è quello di «migliorare il livello di informazione e di protezione dei consumatori», si legge sul sito dell’Ue. In effetti, nelle 46 pagine del documento ci sono parecchi articoli che dovrebbero renderci la vita più facile. Per esempio, sulle etichette dei cibi non troveremo più la scritta “sodio” ma il più comprensibile “sale”. Oppure – altro esempio – dovranno esserci informazioni più chiare sulle sostanze a cui i consumatori possono essere allergici, dal glutine alle uova. Gli esperti concordano: ci sarà finalmente più trasparenza sugli ingredienti e regole uguali per tutti. Peccato solo che non sarà più garantita la conoscenza dello stabilimento di produzione. Un’informazione che in Italia, finora, è stato obbligatorio indicare: lo prevede la legge 109 del 1992. Con il nuovo regolamento europeo la norma nazionale decadrà. E scrivere sull’etichetta il luogo in cui è stato lavorato l’alimento diventerà facoltativo. «È un regalo alle multinazionali, che potranno così spostare le produzioni in Paesi dove la manodopera costa meno senza che il consumatore se ne accorga», sostiene Dario Dongo, avvocato esperto di diritto alimentare.

IL MISTERO S’INFITTISCE
Già oggi, in realtà, parecchi prodotti provenienti da altre nazioni non riportano sulla confezione il luogo di lavorazione. Basta fare un giro al supermercato per rendersene conto. Capire dove sono stati realizzati i cereali Fitness, ad esempio, è impossibile. Sulla scatola l’unica informazione comprensibile è questa: «Distribuito da Nestlé Italia Spa», la multinazionale svizzera con ramificazioni in tutto il mondo. In quale Paese sono stati lavorati i cereali? Mistero. Dal 13 dicembre sarà così anche per le produzioni italiane. Il regolamento comunitario prescrive infatti di riportare sulla confezione solo il nome del proprietario del marchio. E sono in molti a credere che il cambiamento risulterà svantaggioso per chi va a fare la spesa.

IL GOVERNO CHE FA?
Il Movimento 5 Stelle ha presentato un’interrogazione al ministero dello Sviluppo economico per chiedere di mantenere l’obbligo d’indicare sull’etichetta il luogo di produzione. «Per operare in tal senso occorre una specifica norma di legge o una delega al governo in materia di etichettatura», ha risposto il viceministro Claudio De Vincenti, aggiungendo però che al momento «non appare possibile adottare i provvedimenti richiesti per assenza di una fonte primaria che li preveda». Insomma, per ora niente da fare, in futuro si vedrà. Intanto nel settore alimentare le preoccupazioni aumentano. Questione economica, soprattutto. L’indicazione dello stabilimento, si legge infatti nell’interrogazione dei Cinque Stelle, «serve ai singoli consumatori per scegliere un alimento rispetto a un altro anche in considerazione del Paese o della regione dove è prodotto». Traduzione: se voglio premiare le aziende che non delocalizzano, come faccio se non conosco il luogo di produzione?

RISCHI PER IL MADE IN ITALY
La questione suscita i malumori di parecchie imprese nostrane. Alla Sterilgarda, 280 dipendenti, tra i maggiori produttori di latte in Italia, la paura è di perdere quote di esportazioni. Ferdinando Sarzi, titolare dell’azienda mantovana, dice di essere appena tornato da un viaggio di lavoro negli Stati Uniti: «Lì il made in Italy continua ad andare fortissimo, ma adesso che non sarà più obbligatorio indicare lo stabilimento di produzione qualcuno, per esempio chi ha sede legale da noi ma fabbriche all’estero, potrebbe approfittarne per vendere come italiano ciò che in realtà viene lavorato fuori». Insomma, le nuove regole potrebbero agevolare i prodotti “italian sounding”, quelli che attraverso nomi o simboli stampati sulla confezione rimandano a una presunta italianità. Un fenomeno che, secondo le ultime stime del governo, vale già oggi circa 55 miliardi di euro, quasi il doppio delle esportazioni alimentari nostrane.

CHI CI GUADAGNA
Sterilgarda è solo una delle tante imprese ad aver firmato la petizione per opporsi all’entrata in vigore del regolamento europeo. L’idea è stata di Raffaele Brogna, 32enne fondatore di ioleggoletichetta.it , un sito che cerca di aiutare chi fa la spesa con informazioni sull’origine dei prodotti. Brogna ha avviato una raccolta di firme che finora ha raccolto circa 20 mila adesioni tra cittadini privati e gruppi dell’agroalimentare. «Dalla nostra parte stanno le aziende che producono tutto in Italia», dice Brogna, «non certo colossi come Unilever, Nestlé o Carrefour che hanno stabilimenti in tanti Paesi e possono beneficiare del nuovo regolamento». Le imprese che hanno firmato la petizione si sono impegnate a mantenere l’indicazione dello stabilimento di produzione. Tra queste ci sono pure alcune catene di supermercati, visto che negli ultimi anni anche in Italia si sono sviluppate parecchio le cosiddette private label, cibi marchiati con lo stesso simbolo della catena distributiva. «Noi continueremo a chiedere ai nostri fornitori d’indicare lo stabilimento, così che il consumatore possa essere certo che quel cibo ha creato lavoro in Italia», assicura ad esempio Giuseppe Zuliani, direttore marketing della Conad.

MOZZARELLA LITUANA
Se è vero che le nuove regole europee renderanno difficile, se non impossibile, capire dove è stato lavorato un alimento, già oggi l’origine del cibo è abbastanza misteriosa. Secondo i calcoli della Coldiretti, il 33 per cento dei prodotti agroalimentari “made in Italy” contiene infatti materie prime straniere. Già, perché in parecchi casi non è obbligatorio indicarne la nazione di provenienza. Qualche esempio? Basta dare un’occhiata al grafico riportato nelle pagine precedenti. Due prosciutti su tre, venduti come italiani, sono frutto di maiali allevati all’estero, soprattutto in Germania. Un terzo del grano usato per fare la pasta arriva dal Canada. E la metà delle mozzarelle che compriamo è prodotta con latte straniero, per lo più tedesco e lituano. Il nuovo regolamento europeo, in realtà, qualche miglioramento in questo senso dovrebbe portarlo. «Sarà obbligatorio indicare sulla confezione il Paese d’origine della carne di maiale, capra e pollo», dicono dal ministero dell’Agricoltura, precisando che questo risultato è frutto delle pressioni dell’Italia in sede europea. Altre nazioni, evidentemente, hanno spinto affinché l’Ue togliesse l’obbligo di indicare sulle confezioni lo stabilimento di produzione. E così, dal 13 dicembre, sapere dove è stato lavorato ciò che stiamo mangiando diventerà ancora più difficile. A meno che il governo, alla fine, decida di fare una nuova legge in difesa del made in Italy.

STEFANO VERGINE – http://spilamberto5stelle.blogspot.it/

Commenti disabilitati

Natale nell’Uno, South Stream, Olimpiade 2024, femen diaboliche, gas serra a Lima, Colle (eversivo), l’assassinio di Cristo….

inizio e fine

Il Giornaletto del 15 dicembre 2014 – Natale nell’Uno, South Stream, Olimpiade 2024, femen diaboliche, gas serra a Lima, Colle (eversivo), l’assassinio di Cristo….

Care, cari – “Per un Natale sincretico, nell’Uno” – Scrive Marco Bracci a commento dell’articolo http://retedellereti.blogspot.it/2014/12/per-un-natale-sincretico-nelluno.html -: “Caro Paolo, condivido in pieno le tue osservazioni. Aggiungo solo che la frase “Il Padre ed Io siamo UNO” non è altro che una sintetizzazione estrema della quantistica, altrove espressa con l’affermazione “Dio è ovunque e in ogni luogo”. Quando finalmente la teoria quantistica sarà divenuta di dominio pubblico, allora si vedrà con occhi diversi la figura di Gesù il Cristo, il cui vero nome era Emmanuele. Continua in calce al link segnalato

Commento di Giorgio Vitali: “La non esistenza fisica di Gesù non comporta alcun cambiamento nella sostanza del messaggio sincretico cristiano. Anzi, è proprio la PERFEZIONE INTRINSECA DEL PERSONAGGIO che ci fa pensare ad una figura mitica costruita secondo i canoni dei miti classici…” – Continua in calce al link segnalato

Femen. Figlie del demonio – Scrive P.G.: “Le figlie del demonio, le Femen, già note per loro ignobili “proteste” a seno nudo in giro per mezzo mondo, dove hanno oltraggiato chiese, luoghi pubblici e proprio a pochi passi dalla Basilica Petrina hanno oltrepassato un ulteriore limite, simulando un atto sessuale con dei crocifissi in mano. ” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/12/femen-show-satanico-in-piazza-san-pietro.html

Bergamo. Presepe negato – Scrive Adimaro degli Adimari: “I nostri figli, visto che questa società vuol far crescere tolleranti e attenti a non offendere mussulmani, vengono privati nelle scuole, com’è accaduto a Bergamo ad opera di un sinistro preside, del Presepe e di altri simboli del Natale che è per noi la festa più tradizionale e suggestiva…”

South Stream – Conseguenze dell’abbandono – Scrive Valentin Vasilescu: “Il 3 dicembre 2014, il Presidente Vladimir Putin annunciava che la Russia era costretta ad abbandonare la costruzione del gasdotto South Stream, che doveva rifornire i Balcani e l’Europa centrale. La decisione era conseguenza della continua ostruzione dell’Unione europea, con Bruxelles che costringeva la Bulgaria a rifiutare il transito del gasdotto South Stream nel suo territorio. Il ruolo dell’Ucraina come Paese di transito è finito, i russi useranno i gasdotti in Ucraina solo per la quantità necessaria per il suo consumo interno. Gazprom consente all’UE di rifornirsi di gas da due sole linee della rete dei gasdotti Druzhba: North Stream e Blue Stream…” – Continua:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/12/14/south-stream-abbandonato-e-leuropa-ci-rimette-per-far-contenti-gli-usa/

Giornaletto. Foto – Scrive Ferdinando Renzetti a commento della foto del 13 dicembre http://saul-arpino.blogspot.it/2014/12/il-giornaletto-di-saul-del-13-dicembre.html – : “..che belle queste luminarie sul melograno, specie di dimensione fantastica, come gia detto funziona anche al contrario che tutta l’energia fluisce dal retro attraverso la testolina di paolo che si affaccia sulla rassicurante figura di Caterina e veniamo investiti in pieno da questa energia spirituale laica e psicocibernetica, perché proprio di questo si tratta, psicocibernetica applicata alla fotografia, bravi, bravi, bravi! ..” – Continua in calce al link segnalato

Lazio. Teatro criptico – Scrivono Uri e Debora: “Come state? Speriamo tutto OK! Vi ricordiamo che Martedì 16 Dicembre 2014 ci sarà l’incontro del Teatro Dell’Oppresso alle ore 17,30 alla UILDM Lazio. L’incontro si terrà nella sala al 3° piano. Si pensava inoltre, visto che sarà anche hanukkah, prima candela, di fare una festicciola Ogni uno può portare da mangiare o da bere. Info. tdouildmlazio@gmail.com”

Roma. Olimpiade 2024? – Scrive Vito De Russis: “Mentre continua la TRAGEDIA della metro C. Mentre continua la solita vita con la Magistratura che cerca di alleviare la cancrena politica; mentre si susseguono le azioni volontarie (e volenterose) volte a mitigare e/o raddrizzare la barca alla deriva; mentre si aprono altri scenari che impongono rapidi interventi. Olimpiade 2024: lasciamo che si candidi la gattopardesca Roma delle auto, delle emergenze, della mafia capitale?..” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/12/roma-candidata-allolimpiade-2024.html

Commento di P.E.: ” Ma come è possibile che con questi “chiari di luna” ci sia ancora qualche politico così scriteriato da volere continuare a buttare soldi in un progetto folle come quello della Metro C ?..”

Mio commentino: “Secondo i calcoli del Nuovo Messia non ci arriviamo nemmeno al 2024, la specie umana si estingue prima, leggete sul tema questo interessante articolo: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/09/la-terra-e-la-nostra-casa-e-umanita-e.html

UE. Dubbi su nuova legge OGM – Scrive Giovanna: “…é in cantiere una nuova Legge dell’Ue sugli OGM che verrà brevissimamente approvata e che in teoria dovrebbe lasciare gli Stati liberi di decidere in argomento di OGM nel proprio territorio. La materia è difficile da stabilire e un pò tuttii caschiamo nel tranello quando si parla con un linguaggio politico; in realtà l’inganno è presente e quasi sicuramente questa legge creerà ancora maggiori difficoltà alla contrarietà di un paese agli OGM e farà sentire la mano pesante delle multinazionali…”

Lima. Accordo su limitazioni gas serra – Scrive AK: “Domenica 14 dicembre 2014. Dopo una nottata di discussioni e di stressanti negoziati è arrivato finalmente il via libera dalla conferenza Onu a Lima sul cambiamento climatico ad un documento da approvare al vertice di Parigi in programma nel 2015. (…) L’inviato americano ha sottolineato comunque che Washington, pur appoggiando il documento, non è d’accordo con molti punti del compromesso. A dichiarare finalmente approvato il testo è stato Manuel Pulgar Vidal, ministro peruviano dell’Ambiente e presidente della conferenza, davanti alla plenaria delle delegazioni rimaste di 145 paesi presenti all’incontro..” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/12/lima-approvato-documento-sulla.html

Giornaletto. Giulio Cesare Vanini martire – Scrive Giorgio Vitali a commento del “Ad Memoriam” http://saul-arpino.blogspot.it/2014/12/il-giornaletto-di-saul-del-11-dicembre.html -: “Giulio Cesare Vanini, martire della FILOSOFIA ITALICA, morì bruciato a fuoco lento nella kattolicissima TOLOSA, località ove qualche annuccio precedente furono arsi gli ultimi esponenti di una filosofia religiosa, i catari, che si erano rifugiati in quelle vicinanze e specificatamente nel castello di Montségur, I Catari, come dice il loro nome, predicavano e VIVEVANO una vita PULITA, PURA, santificata dal comportamento immacolato” – Continua in calce al link segnalato

Dal Colle (eversivo). Critica agli “eversivi” – Scrive Massimo Fini: “…perché mai il movimento di Grillo sarebbe “eversivo”? Perché ”nel biennio alle nostre spalle hanno fatto la loro comparsa metodi e atti concreti di intimidazione fisica, di minaccia, di rifiuto di ogni regola e autorità”. Nessuno meglio di Napolitano può sapere, perché c’era, che quando in Parlamento sedevano i comunisti le botte e le scazzottature, con il capintesta Pajetta, erano all’ordine del giorno. Ma l’affermazione più inquietante di Giorgio Napolitano è quando dice che di questa situazione “eversiva” portano “pesanti responsabilità anche alcuni mass media e opinionisti senza scrupoli”. Qui siamo in pieno regime fascista o, peggio, stalinista quando ogni critica era considerata “un’attività oggettivamente antipartito” e quindi meritevole di purga…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/12/dal-colle-eversivo-critiche-agli.html

Radio Uno. Da ridere – Scrive Vincenzo Mannello: “…segnalo, a quanti non lo abbiano seguito, come ci sia a Radio Uno Rai il programma di Fiorello intitolato Fuori Programma, in onda la mattina alle 8,30, con numerose repliche flash giornaliere. Una vera oasi ove poter sorridere per diversi minuti abbeverandosi alla fonte della migliore satira politica e di costume, mai travalicando buon gusto ed educazione. Fiorello, Gabriella Germani e altri artisti, riescono a “rendere l’idea” di ciò che trattano mediante la reinterpretazione di personaggi che, spessissimo, non sono sicuramente simpatici. Basti ascoltare la fantastica Boldrini della Germani ed il Marino di Fiorello per riprender coraggio con un sorriso…”

L’assassinio di Cristo – Scriveva Wilhelm Reich: “È Pilato che impartisce l’ordine di crocifiggere Gesù, ma è il popolo che lo spinge a farlo. [...] La favola dei grandi sacerdoti che aizzano il popolo contro Cristo è un’invenzione degli spacciatori di libertà. Come potrebbe una decina di sacerdoti aizzare le masse contro qualunque cosa se quel che può essere aizzato contro Cristo non esistesse già dentro l’anima del popolo? Smettete di scusare il popolo e ciò che fa. [...] Per la prima volta Cristo si rende conto dell’abisso che lo separa dai suoi concittadini e dalla sua epoca….” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/12/lassassinio-di-cristo-di-wilhelm-reich.html

Si scusa sempre il popolo con la scusa di qualche cattivo “capo”, ma chi vuol vedere può vedere e chi vuol sentire può sentire. Ciao Saul/Paolo

……………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“L’essenziale è saper vedere
saper vedere senza stare a pensare,
saper vedere quando si vede
e non pensare quando si vede,
né vedere quando si pensa.
Ma questo esige uno studio profondo
un imparare a disimparare.”
(Fernando Pessoa)

Commenti disabilitati