Archivio della Categoria 'Lettere inviate e ricevute'

Appello al Presidente della Repubblica per la sospensione della parata militare del 2 giugno

parata militare del 2 giugno

Egregio Presidente della Repubblica, Le scriviamo in merito alla Festa della Repubblica del 2 giugno che cade praticamente all’inizio del Suo settennato e per questo può tanto più assumere un valore simbolico di indirizzo e orientamento. Coloro che da tanti anni lottano perchè l’Italia ripudi la guerra hanno tante volte in questi anni protestato contro la parata militare sui Fori imperiali, strumento di propaganda per il riarmo e le missioni militari ed esibizione nefasta di armi e guerrieri, più appropriata per un paese in guerra ma assolutamente incongrua per una Repubblica che si dichiara “fondata sul lavoro”, che si voglia fare paladina della Pace e dei diritti umani.

Le chiediamo di sospendere la parata militare e di sostituirla con una Festa della Repubblica che celebri i lavoratori, il volontariato e la pace per dare un messaggio forte che indirizzi anche la nostra politica estera verso il ritiro dei contingenti militari italiani dai teatri di guerra e verso la diplomazia di pace e inoltre indirizzi la nostra politica di Difesa verso la drastica riduzione delle spese militari ( a cominciare dalle stesse spese per lo svolgimento della parata).

Argomenti forti a favore della sospensione della parata militare sono : il sentimento di lutto per le vittime di guerra prodotte nei teatri dove l’Italia è presente con le sue armi e i suoi soldati ; il cordoglio per i tanti immigrati annegati nel Mediterraneo nel tentativo di raggiungere un paese di pace ( quell’Italia che ha contribuito a provocare il loro esodo con la guerra in Libia e con la vendita di armi alle petromonarchie). Non ultimo è l’argomento della crisi economica e della vera e propria povertà diffusasi nel nostro paese : l’oscenità del rialzo delle spese militari non ha bisogno di commenti.
Le chiediamo un gesto coraggioso come quello fatto a suo tempo da Sandro Pertini: sospendere la parata militare per inaugurare una nuova stagione di pace.

RETE NOWAR – ROMA

Commenti disabilitati

Liberazione dal male “italicum”

italicum

Parliamo ora, adesso, subito sull’Italicum.
Quel Parlamento definito nella Costituzione va ripristinato; e va reso efficiente ed efficace, in quella Sede, il fondamentale rispetto della dignità, della funzione, della libertà e della uguaglianza di ogni membro del Parlamento che “rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”. Certi dubbi presenta la strutturazione del “nuovo” Senato della Repubblica”. Forti dubbi presenta la strutturazione della “nuova” Camera dei deputati.
Infatti, la “nuova” Camera dei deputati viene prodotta dalla legge c.d. Italicum, in votazione, nella quale diviene membro della Camera dei deputati chi occupa il primo posto della lista, cioè, il capolista. Alla scadenza della presentazione delle liste e con la conoscenza delle candidature delle singole liste – quindi, molto tempo prima di quanto faranno i circa 50 milioni di elettori – in 30 minuti, ogni cittadino, volendo, sarà in grado di conoscere le persone che occuperanno il seggio nella Camera dei deputati. Gli occupanti dei seggi rimasti “liberi” si conosceranno “dopo” le elezioni perchè gli occupanti saranno quei candidati che avranno ricevuto il voto di preferenza dagli elettori.
Pertanto, nella “nuova” Camera dei deputati siederanno accanto il nominato e l’eletto, così lontani per rispettare il citato dettato Costituzionale.
Ma, la Repubblica non ha il compito di rimuovere gli ostacoli (art. 3) che limitano l’uguaglianza e la libertà dei cittadini?
L’Anas ha pagato una liquidazione netta di 1 milione 398 mila 862 euro e molti chiedono :”Come si fa a lavorare 3 anni e 7 mesi per un’azienda di Stato e portarsi a casa tale somma?”
Lo Stato, nel 2002, pagò il rimborso elettorale ai partiti convertendo 200 lire con 1 euro (mentre le pensioni e gli stipendi convertivano 1.936,27 lire per 1 euro; mentre il mercato convertiva la merce 1.000,00 lire per 1 euro) e moltissimi tacquero.
Si tacque (e si votò per tre volte consecutive) col Porcellum.
Parliamone ora, adesso, subito sull’Italicum.
25 aprile 2015: Liberiamo l’Italia dall’Italicum.
Vito De Russis

“R-esistiamo – Erano tempi [ nemmeno troppo lontani] in cui si pensava che i comportamenti negativi fossero prerogativa animale, oggi si pensa il contrario, la saggezza forse risale a Fedro, chi era costui?” (pp)

Commenti disabilitati

Capire gli avvenimenti del nostro paese e della nostra storia

NPCI

Il mondo (e con esso l’Italia) può andare avanti solo andando verso il comunismo, come un bambino può andare avanti solo diventando uomo. Quelli che immaginano un avvenire diverso, di loro fantasia, fanno della fantascienza e infatti nella pratica non combinano niente (Tsipras ne farà la dimostrazione pratica, visto che difficilmente la potranno dare anche i Podemos, gli Iglesias, i Vasapollo e il resto della sinistra borghese europea che probabilmente non arriveranno neanche al governo). Dopo il capitalismo, per progredire gli uomini devono andare verso il comunismo. Dopo che un embrione si è sviluppato in un bambino, l’ulteriore progresso è il progresso di un bambino. Il progresso di un bambino può consistere solo nel diventare un adulto. Sembra banale, ma nel caso della società umana da millenni essa si sviluppa tramite la lotta tra le classi e le classi dominanti si oppongono con tutte le forze e risorse dell’intera società, di cui esse dispongono, all’ulteriore progresso della società, perché questo progresso è la negazione del loro mondo e di loro stesse. Tanto più si oppongono oggi, che il progresso del mondo comporta non la sostituzione di una classe dominante a un’altra (niente si opponeva, ad esempio, a che il feudatario, che ne aveva personalmente le attitudini, diventasse un capitalista), ma la fine di ogni classe dominante.

Marx e i comunisti suoi seguaci e successori hanno lanciato lo studio scientifico (1) dell’attività con cui gli uomini hanno fatto le loro società e la storia di ognuna di esse: in particolare di come si è formato il capitalismo e la società borghese. È una scienza a cui le classi dominanti non solo sono restie, ma vi si oppongono con determinazione.

Le classi dominanti dicevano vagamente che “la storia è maestra di vita”. Ma da quando Marx e i comunisti hanno tradotto questa espressione vaga nello studio della storia dell’umanità per trarne gli insegnamenti di come fare la storia, cioè trarne una scienza guida del movimento di trasformazione della società borghese nella società comunista, le classi dominanti non ne vogliono sapere (da qui il loro disprezzo per “l’ideologia”): a ragione, perché è la scienza della loro fine.

Il mondo attuale a prima vista sembra un gran marasma. In realtà c’è una logica nell’attività con cui gli uomini lo hanno fatto e lo gestiscono. Si tratta di capirla e poi usarla. Il compito è grande ma passo dopo passo, se ci si applica, si avanza.

Data la natura del capitalismo, gli uomini delle società capitaliste non possono progredire che dando vita al comunismo (2). Il comunismo è, nella storia dell’umanità, il primo sistema di relazioni sociali che deve essere pensato prima di essere realizzato, perché solo se lo pensi riesci a farlo. I precedenti sistemi di relazioni sociali con il relativo modo di produzione su cui ognuno di essi era fondato, sono stati formati dalle masse, ma senza che fossero consapevoli di quello che stavano facendo. Si sono, per così dire, formati alle loro spalle perché le masse erano dirette da una classe dominante.

Ma il comunismo è gestione della vita sociale da parte degli uomini associati in modo tale che il libero sviluppo di ogni individuo è la condizione del libero sviluppo di tutti gli individui. Quindi per sua natura non può che essere frutto di individui coscienti e organizzati. È il sistema di relazioni tra i membri di una popolazione cosciente e organizzata. Coscienza e organizzazione non possono però nascere nelle masse popolari finché sono soggette allo sfruttamento di una classe sfruttatrice che a ragion veduta sistematicamente le esclude dalle attività propriamente umane del pensare (quelle che il nostro Manifesto Programma indica nella nota 2 pag. 249-250 – www.nuovopci.it).

Come possono masse popolari a cui la classe dominante sistematicamente impedisce di accedere a coscienza e organizzazione, acquisire la coscienza e l’organizzazione di cui hanno bisogno per fare la rivoluzione socialista fino a costruire la società comunista?
La soluzione del paradosso è il partito comunista: esso è parte delle masse popolari ma è libero dalla classe dominante ed è organo dell’elaborazione della coscienza e della creazione dell’organizzazione del proletariato: coscienza e organizzazione che il partito trasfonde nelle masse tramite il suo legame con esse che il partito guida alla loro emancipazione. Nelle fondamentali opere Un passo avanti e due passi indietro (maggio 1904) e Due linee della socialdemocrazia nella rivoluzione democratica (luglio 1905), Lenin per primo spiegò che il partito comunista è distinto dalle masse popolari e dalla classe operaia, ma è nello stesso tempo parte integrante della classe operaia, suo reparto cosciente e organizzato, forma suprema di organizzazione della classe operaia nel senso che dirige tutte le altre sue organizzazioni, incarnazione del legame dell’avanguardia con le grandi masse che fanno parte del campo della rivoluzione, su cui la classe operaia esercita la propria egemonia e che dirige a emanciparsi da ogni classe dominante (3).

Il partito comunista così concepito e costruito è quello che Gramsci nei Quaderni del carcere chiamò l’intellettuale organico della classe operaia (4).

Mentre in tutta la storia dell’umanità divisa in classi, gli intellettuali erano individui singoli che costituivano una casta della classe dominante (preti, filosofi, scienziati e artisti di vario genere), nella nostra epoca, nell’epoca della rivoluzione proletaria, l’intellettuale della classe operaia è il suo partito comunista, un collettivo. È e deve essere un collettivo, cioè un insieme di individui legati l’uno all’altro da relazioni organizzative. Proprio perché è un collettivo, la scienza che elabora e di cui è depositario, via via diventa patrimonio di parti crescenti della popolazione: non è più dote personale di un individuo.

Consideriamo un guaritore e un medico. Una delle differenze tra i due è che il guaritore ha capacità e poteri che sono sua dote personale. Invece il medico ha appreso una scienza e compie attività che può insegnare ad altri. Il passaggio dagli intellettuali delle classi dominanti al Partito comunista è un passaggio analogo a quello dal guaritore al medico. Il Partito è portatore di una scienza a cui, in linea di massima, tutti a determinate condizioni possono accedere. Il socialismo è la fase transitoria in cui creeremo quelle condizioni per la massa della popolazione.

Oggi, sotto l’oppressione della borghesia, diventare comunista, membro del Partito comunista, richiede una volontà, un’ispirazione e una dedizione particolari che contrasta con le condizioni in cui la borghesia costringe le classi oppresse. Per questo solo un numero limitato di individui entra a far parte del Partito comunista che è l’intellettuale delle classi oppresse, in particolare della classe operaia.

Questo intellettuale collettivo elabora la scienza che serve a trasformare la società, la impiega e guida le masse a impiegarla. Così come, ad esempio, la scienza ingegneristica serve a costruire ponti, questa scienza nuova, che è la concezione comunista del mondo, serve a fare la rivoluzione socialista e costruire la società comunista.
Instaurare il socialismo è possibile e anche necessario. Ma per farlo ci vuole un partito comunista che lo voglia fare e che lo sappia fare, quindi un partito moralmente e intellettualmente all’altezza del suo ruolo. Instaurare il socialismo in Italia è possibile. Ma ci vuole un gruppo dirigente moralmente determinato a farlo e intellettualmente capace di pensare.

Il primo PCI non l’ha fatto perché il suo gruppo dirigente, una volta scomparso Gramsci, non è stato moralmente e intellettualmente all’altezza dell’opera. Nelle storie del PCI si trovano tante cose, ma non si trova un piano per instaurare il socialismo in Italia; non si trova il piano di una rivoluzione che parte dal “triste presente” e attraverso una concatenazione di eventi e passaggi, arriva al socialismo; non si trova l’indicazione di un percorso che si fonda sulle condizioni presenti e traccia anche solo a grandi linee il percorso da compiere per arrivare a instaurare il socialismo. Il socialismo è l’orizzonte che negli scritti e nei discorsi del PCI viene descritto, proclamato e invocato. Ma la strada, i passi da fare a partire dal “triste presente” per arrivare all’orizzonte, non sono indicati neanche a grandi linee. La cima della montagna è meravigliosa, ma della strada per arrivarci manca l’idea. È sottinteso che prima o poi ci ritroveremo in cima. Nella storia del PCI trovi le lotte per resistere ai soprusi e alle angherie dei padroni, per strappare loro qualcosa: non trovi il progetto e la condotta di una guerra per rovesciare il fascismo e instaurare il socialismo. Ma la lotta contro le difficoltà e ristrettezze del presente, per attenuarle, non era di per sé lotta che poneva fine al sistema.

Il PCI non si era dato i mezzi nemmeno per continuare dopo la vittoria della Resistenza. Anche nella Resistenza si gettò spinto dall’URSS, dal movimento comunista internazionale e dalle circostanze (l’armistizio dell’8 settembre 1943 e la vergognosa fuga della Corte dei Savoia, del suo governo e dello Stato Maggiore delle sue forze armate). La Resistenza non fu una lotta che il PCI aveva ideato, benché non fosse impossibile capire che il fascismo non era eterno. Lo stesso PCI lo diceva che il fascismo non era eterno, come lo dicevano anche il clero e ogni persona capace di un pensiero strategico. La Resistenza non fu una guerra che il PCI aveva ideato, di cui il PCI aveva costruito le premesse, a cui si era preparato e che aveva concepito e scatenato come passaggio a una fase superiore. La Resistenza non fu l’attuazione di una sua propria linea.
Il PCI fu sorpreso dagli eventi dell’8 settembre 1943 e si gettò nella Resistenza senza avere un’idea di dove la Resistenza avrebbe portato, di cosa fare dopo per svilupparne i risultati, come uno che fa coraggiosamente fronte ad un evento imprevisto e improvviso. Si gettò nella Resistenza con una coscienza di poco superiore a quella con cui vi si gettarono migliaia di soldati sbandati e di persone perseguitate dai fascisti. Non aveva chiaro che anche il clero e la borghesia vi avrebbero partecipato per avere voce in capitolo nell’assetto del paese nel dopoguerra. Quindi il PCI doveva e poteva approfittare della loro partecipazione e prepararsi a regolare i conti.

L’eroismo di decine di migliaia di militanti non è bastato a colmare questa lacuna. Al contrario le classi dominanti e in particolare il clero cattolico (il Vaticano, la Corte Pontificia) e i gruppi imperialisti americani sapevano cosa fare nel limite consentito dalla loro natura, avevano un pensiero strategico per quanto la loro natura lo consente: mentre la buriana della Resistenza ancora soffiava, pezzo dopo pezzo restaurarono il loro sistema di relazioni sociali innovandolo quanto necessario per adattarlo alla situazione.

Noi non siamo andati avanti perché il PCI non aveva concepito, elaborato la strada per andare avanti: c’era il socialismo all’orizzonte, ma il PCI non aveva idea della strada per arrivare all’orizzonte. Quindi siamo ritornati indietro con i cambiamenti che quanto successo comportava.
Il nuovo PCI ha imparato questa amara lezione. Mai più ripeteremo l’errore di non darci i mezzi per raggiungere gli obiettivi che indichiamo e di non elaborare un progetto per valorizzare il risultato delle lotte in cui ci lanciamo. Per questo abbiamo elaborato una strategia per instaurare il socialismo, la Guerra Popolare Rivoluzionaria. Per questo abbiamo una tattica (un “preciso piano d’azione”) che parte dallo stato presente delle cose: la linea della costituzione del Governo di Blocco Popolare che aprirà una fase superiore della GPR. Per questo abbiamo fatto un bilancio dell’esperienza dei primi paesi socialisti ed esso ci ha insegnato come continuare nelle nuove condizioni la lotta di classe sulle sette grandi contraddizioni per impedire che risorgano in nuova veste i vecchi rapporti di oppressione (la nuova borghesia dei paesi socialisti) e invece avanzare verso il comunismo. Per questo diciamo con fermezza e sentimento ai compagni che vogliono ripercorrere oggi la strada del vecchio eroico PCI: compagni, non basta l’eroismo, ci vogliono la concezione comunista del mondo, la riforma morale e intellettuale dei comunisti, il marxismo-leninismo-maoismo.
La costituzione dell’Unione Sovietica e la sua opera avevano impresso un grande slancio di attività e di progresso alle classi e ai popoli oppressi di ogni angolo del mondo, a milioni di uomini di ogni paese. Ad essi avevano indicato un obiettivo da perseguire, un obiettivo che per ognuno risolveva le difficoltà specifiche in cui si dibatteva e lo univa agli altri in vista di un’opera concorde. Ma i partiti comunisti dei paesi imperialisti non seppero sfuggire alla trappola delle lotte rivendicative e della partecipazione alle procedure e alle istituzioni della democrazia borghese in cui prima di loro erano naufragati i partiti socialisti. Quello slancio si esaurì quindi senza raggiungere un risultato definitivo. A seguito di questo l’umanità è caduta in un periodo di grande attivismo e di continue innovazioni (per questo aspetto il periodo attuale non è un ritorno al passato), ma di un attivismo e di innovazioni di cui non è compreso il senso, caotici, di cui la classe dominante confonde e travisa il senso in mille modi contrastanti tra loro (per questo aspetto il periodo attuale è analogo ad altri del passato). Diceva Fourier che a forza di rifiutarsi a fare quello che gli avvenimenti ci richiedono, finiamo per non capirli neanche più. È una massima che si applica al periodo attuale: a quelli che sono malcontenti del presente. Ma riusciremo a riprendere la strada, perché ne abbiamo bisogno. È una questione di sopravvivenza.
Questa è l’opera a cui è dedito il (n)PCI.

E l’Italia è un paese imperialista abbastanza importante, anche perché sede del Papato, perché l’instaurazione del socialismo nel nostro paese faccia scuola a livello internazionale. Il nostro prossimo 25 aprile sarà la costituzione del Governo di Blocco Popolare.

Nuovo Partito Comunista Italiano – nuovopci@autistici.org

Note
1. Intendiamo “scientifico” nel senso di capire come funziona un processo e confermare la verità della nostra comprensione facendolo funzionare: come si fa per ogni scienza, dalla chimica alla pediatria.

2. Chiamiamo “socialismo” lo stadio iniziale del comunismo, quando le tracce della divisione in classi propria del capitalismo sono ancora evidenti: la massa della popolazione non è ancora organizzata e cosciente al punto da dirigersi con le istituzioni in cui consiste la sua propria organizzazione.

3. Un’efficace sintesi della concezione esposta da Lenin nelle due opere citate, la si trova nel cap. 2 punto 4 e cap. 3 punto 3 di Stalin, Storia del Partito comunista (bolscevico) dell’URSS, Edizioni Rapporti Sociali – www.nuovopci.it/classic/stalin/pcburss.html.

4. Gramsci, Quaderni del carcere, (Quaderno 8, § 21 www.nilalienum.com/Gramsci/Q8fnote.html, Quaderno 11, § 12, in www.nilalienum.com/Gramsci/Q11fnote.html, Quaderno 12, § 1 in www.nilalienum.com/Gramsci/Q12fnote.html.

Commenti disabilitati

Palau (Sassari) – Abbattute mucche colpevoli di libertà

mucche abbattute a Palau

Il 20 aprile 2015 è stato commesso a Palau (Sassari) un fatto di violenza estrema contro gli animali: il Sindaco di Palau ha emesso un’ordinanza per far uccidere un gruppo di bovini che da 19 anni vivevano nella zona allo stato brado (dopo la morte del loro proprietario), dando l’incarico a un gruppo di cacciatori (definiti “selecontrollori”) di ammazzarli a fucilate.

Quel che è successo era prevedibile: atti di estrema violenza contro gli
animali, due vitellini sgozzati e lasciati ad agonizzare.

Agire Ora

agire ora

Ecco una testimonianza:

—————-
Nei loro occhi l’orrore del sangue. Nelle orecchie i lamenti delle
mucche e dei vitelli colpiti dai colpi di fucile. Cristina Morosini e il
compagno Thomas sono sotto choc. Vivono a Porto Pollo da 25 anni. Alle 7 escono a portare i cani per la solita passeggiata e sentono gli spari che vanno avanti per 15 minuti. Riportano i cani a casa e Thomas va a vedere cosa succede. Ci sono sei jeep parcheggiate, una sotto casa sua.
E una decina di uomini con il fucile. «Sulla strada per l’hotel Le Dune
vedo una traccia di sangue, poi guardo giù, sotto la baia e a 150 metri
da me vedo due vitellini a terra. Nel frattempo arrivano due uomini
senza fucile, si chinano sugli animali, li sgozzano e vanno via. Io ho
urlato e sono corso verso l’animale. Era ancora vivo, soffriva. Gli ho
urlato “non potete fare questo, uccidetelo, non potete lasciarlo così,
agonizzante”. E se ne sono andati via». Thomas racconta con rabbia e
disperazione. «Posso dire di avere visto ogni giorno quegli animali, non
hanno mai fatto male a nessuno – dice –. Come è possibile una barbarie
di questo tipo? Non è un paese civile quello in cui si autorizzano
azioni così crudeli e barbare. Mi vergogno di vivere qui».

Fonte:
http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2015/04/21/news/le-hanno-sgozzate-sono-senza-pieta-1.11280598

Ed ecco il video che mostra i poveri animali (ATTENZIONE video cruento
che mostra i vitellini agonizzanti con la gola tagliata):
https://vimeo.com/125457083

Secondo un altro articolo, ora il Sindaco di Palau annuncia una
“inchiesta interna”:
http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2015/04/21/news/il-sindaco-ordina-sterminate-le-mucche-1.11277395

Un po’ tardi, bisognava evitare di dare l’ordine ai cacciatori di sparare!
Nello stesso articolo dicono:
“Ora le carabine si spostano a Santa Teresa. Da ieri mattina l’ordinanza
gemella a quella di Palau è sulla scrivania del sindaco Stefano
Pisciottu per la firma finale.”

Diverse associazioni stanno effettuando denunce, per procedere per vie
legali. Intanto, scriviamo in molti ai due Comuni per protestare e per chiedere di trovare una soluzione non cruenta.

Le mail a cui scrivere sono:

stampa@palau.it, info@palau.it, segretariogenerale@palau.it,
urp@comunestg.it, sindaco@comunestg.it

Messaggio-tipo (copiate solo la parte inclusa tra le due linee
tratteggiate):

—————
Al Sindaco di Palau
Al Sindaco di Santa Teresa Gallura

Buongiorno,

scrivo per unirmi alle tante proteste da cittadini da ogni parte
d’Italia per la violenza su animali avvenuta il 20 aprile nel Comune di
Palau, su mandato di una ordinanza dello stesso sindaco.
Chiedo che l’ordinanza di uccisione a fucilate dei bovini allo stato
brado, oltretutto da parte di individui che agiscono con una ferocia
estrema, venga subito annullata e vengano perseguiti gli atti di
violenza compiuti.
Chiedo al Sindaco di Santa Teresa di non firmare un’ordinanza analoga:
le istituzioni non possono e non devono essere mandanti di atti di
maltrattamento estremo verso gli animali!

Si trovi una soluzione civile: gli animali non hanno nessuna colpa. E
sono sicuramente molto meno pericolosi di individui che girano armati
sparando in giro.

In attesa di riscontro, porgo distinti saluti,
… nome cognome …

Commenti disabilitati

Lingua madre e “forma mentis”

forma mentis

La lingua-madre conferisce all’individuo una «forma mentis» unica e specifica che lo dota di capacità particolari legate alla lingua, il Dr. Alfred Tomatis spiega molto bene il ruolo che svolge la lingua-madre, in quest’ambito, nel suo libro « L’oreille et la vie ». Come spiegare altrimenti il fatto che i più grandi musicisti di musica classica siano tutti di lingua tedesca, che l’Italia disponga di un così grande patrimonio culturale, se non con il ruolo della lingua, la quale opera nei circuiti cerebrali, sin dal concepimento dell’essere, disponendo ad una particolare e specifica forma di creatività ?

Questa specifica forma di creatività, conferita dalla lingua-madre, non è in grado di esprimersi qualora l’individuo si trovi nella necessità di concepire le sue idee in una lingua diversa dalla lingua-madre, la qual cosa vuol dire che la colonizzazione linguistica e culturale in atto, della quale sono vittima tutti i popoli europei, inibisce la loro creatività e rischia di creare, a termine, degli individui formatizzati e handicappati mentali. Purtroppo, tutto ciò è totalmente ignorato dalle istituzioni europee, dai nostri Governi, e accuratamente occultato da coloro che sono impegnati nella realizzazione di una globalizzazione sterile, assassina e, soprattutto, stereotipata, senz’anima, sprovvista di ideali.

A mio parere, c’è da aggiungere che, se si sono decisi ad agire i Paesi Nordici, con la Svezia come capofila, da decenni sotto il dominio dell’inglese e genuflessi nei confronti della cultura anglo-americana, vuol dire che la situazione in Europa è veramente molto grave e rischia di diventare irreparabile. Non dobbiamo dimenticare che in seno alla istituzioni europee l’inglese ha cominciato a voler giocare il ruolo di lingua unica con l’arrivo dei Paesi Nordici ed è tuttora sostenuto a spada tratta dagli stessi.

Anna Maria Campogrande

athena@swift.lu

Commenti disabilitati