Archivio della Categoria 'Lettere inviate e ricevute'

USA. Back to Far West – Donald Trump and the wild ride…

I watched Donald Trump’s inaugural speech with three other housemates and none of us were impressed. He’s living in another age – I see Trump trying to hang on to the long passed time of American military supremacy and economic domination. One last gasp before the US empire crashes under the weight of its own hypocrisy and contradictions.

He said a few things that were decent but one must question them as pure political rhetoric as just a quick review of his cabinet appointments (full of corporate operatives) strongly undercuts his claims that he will return the power to the people that the ‘elites in Washington’ have unfairly taken from them.

Trump blames other nations (especially China) for ’stealing our jobs’ but we all know that it was the absolute greed of the corporations that drove them to close production plants across America and move jobs to places overseas where labor was cheaper and environmental regulations were virtually non-existent. Just look at the air quality in India and China for example. Now in order to ‘bring those jobs home’ Trump, and the right-wing dominated Congress, want to finish turning the US into a third-world dictatorship where ‘regulations on the job creators’ are a thing of the past.

Trump will likely finish off what little good will might still exist toward America around the globe. The inevitable collapse of the US imperial project will now accelerate.

Obama often fooled many people overseas (and at home) with his slick talk and friendly demeanor – even while he was dropping bombs on Libya as he did just the day before Trump took his oath of office. Donald Trump won’t be able to pull off that magic trick so easily.

I believe the key organizing strategy in the coming four years on an international level will be to utterly reject US leadership on virtually every issue – from climate change to NATO and beyond. The world must isolate the US as a reactionary and undemocratic rogue state. Protests around the world should not just focus on Trump but on the US imperial project that is now totally committed to global domination for the benefit of corporate interests. Concern for the people of the world or the environment is off the table in Washington. Democracy is a meaningless word now.

The people of the world must demand that their leaders completely reject the US as a role model or a voice of reason.

This corporate take over of the US government runs far deeper than Trump. He is not an aberration from the norm – Trump represents the norm in Washington. We are now ruled by Christian fundamentalism (the American Taliban), an economic expansion ideology that has no concern for the planet, and a military ethic that carries with it strong Puritan evangelical strains. Greatness only means domination – of everything.

For those of us living here in America we must not restrict our protests to calling out Trump. We must recognize how the Democrats regularly collaborate with the right-wing reactionary corporate forces. Just days ago in the US Senate 12 Democrats joined with Republicans to kill a bill that would have allowed American citizens to purchase cheaper medicines from Canada. The Democrats support swung the vote to satisfy the interests of big pharma. In the US we must see that we don’t have a legislative solution to our problems as the corporations have the government under lock down and they have the key$.

Public protest and non-violent civil resistance in the tradition of Gandhi, ML King, and Dorothy Day are where we must move now – collectively as a nation.

In Washington we now have the classic definition of fascism – the wedding of government and corporations. It would have been the same story if Hillary Clinton had been elected. She would have been more ’sophisticated’ and not come across quite as brash and impolite as Trump does. That would have been enough for many Americans – to them it is no problem that we rule the world just as long as we do it with a reassuring smile. Trump has broken that mold.

Folks had better hang on because this is going to be a wild ride. Victory will not come to those who think that building support for their single-issue agenda is the way out of this dark moment. The old business model of every organization fending for itself won’t work any more.

Only by connecting all the dots and working to build a broad and unified movement across the nation – linked with our friends internationally – can we put the brakes on this fall over the cliff that the new corporate government in Washington is pushing us toward.

We need to create a unified positive vision such as converting the military industrial complex to build solar, wind turbines, commuter rail systems and more. This would serve the interests of labor, environmental groups, the unemployed, and the peace movement. A win-win for all.

Bruce K. Gagnon
Coordinator
Global Network Against Weapons & Nuclear Power in Space
PO Box 652
Brunswick, ME 04011
(207) 443-9502
globalnet@mindspring.com
www.space4peace.org
http://space4peace.blogspot.com/

……………….

Commento di Jure Ellero: “Per essere interni USA non mi sembrano niente male. Buone critiche a Trump, non risparmiando niente a Obama – Clinton-s, opposizione al Sistema USA nel suo complesso. Se a loro avviso l’intenzione trumpista è riportare a casa il lavoro decentrato nel ‘terzo mondo’ pagando il tutto con la schiavizzazione del proprio proletariato, è compito loro affrontare la questione, come del resto dichiarano di voler fare”

Commenti disabilitati

Consigli per restare “con i piedi per terra” di Radici nel Cielo

“Nelle campagne italiane esistono persone che hanno scelto di radicarsi sul territorio per coltivarlo in maniera autonoma, efficiente, rispettosa dell’ambiente. Sembra una favola sbarazzarsi dei metodi agroindustriali eppure oggi in Italia c’è chi vive questa favola tutti i giorni. Chi sono? Come fanno reddito? Quali tecniche adottano? E perché il loro lavoro è necessario?

Nell’autunno 2015 iniziano le riprese del documentario indipendente “Con i piedi per terra”, durante un viaggio per l’Italia intrapreso per intervistare contadini, ricercatori, medici e docenti universitari. Compiuto con lo spirito della ricerca, è un’indagine realizzata riprendendo in presa diretta le attività quotidiane nei campi, nei boschi, nelle case e nei mercati. Con il ritmo sostenuto dell’avanscoperta, e valorizzato da musiche originali, il documentario racconta attraverso decine di storie personali come fare reddito in maniera sostenibile, onorando il senso di appartenenza al territorio e la cultura dei saperi millenari. Testimonianze che smascherando l’inganno ideologico operato dell’agro-industria lasciano affiorare un paesaggio finemente lavorato, come un pizzo fatto di attività agricole all’opera “Con i piedi per terra“.

“Con i piedi per terra” è una tappa del “Viaggio Tra Terra e Cielo“: un percorso che procedendo dal web al video arriverà in teatro.”

Radici nel Cielo

Video e pagine correlate: https://www.facebook.com/radicinelcielo/

Commenti disabilitati

Le associazioni ambientaliste italiane raccomandano “moderazione” a Donald Trump

La mattina del 20 gennaio 2017 a Roma in piazza Barberini si sono incontrati in una manifestazione pacifica presidenti delle principali associazioni ambientaliste italiane, da Accademia Kronos, a Lega Ambiente, dalla Lipu, ad Earth Day, fino al WWF. Lo scopo era rendere pubblica alla stampa la lettera che ogni associazione ha condiviso e inviato oggi stesso al presidente USA Donald Trump. Il contenuto di tutte le lettere è quello di ricordare a Trump che se ha a cuore la vita e la salute degli americani e non solo, deve rivedere profondamente quanto affermato nella sua campagna elettorale e cioè: l’uscita dall’accordo di Parigi sul clima, il ridimensionamento delle politiche sul risparmio energetico e sull’uso delle rinnovabili a favore invece dei combustibili fossili.

La lettera – appello a Trump è stata sottoscritta da circa 200 tra associazioni, intellettuali, scienziati e politici. Dopo che ogni responsabile delle associazioni ambientaliste presenti ha spiegato il perché della adesione all’iniziativa, si è proceduto alla scelta della delegazione incaricata di recarsi presso la vicina ambasciata USA per consegnare il documento. Al termine della manifestazione tutti i presenti si sono recati ad imbucare le lettere alle cassette delle poste site nella piazza, generando, ma solo per qualche minuto, il blocco del traffico veicolare.

L’Iniziativa dal titolo: “Surprice Us, President Trump!” è stata pensata e organizzata dalle sezioni di Accademia Roma e Ronciglione cui successivamente si sono aggiunte tutte le altre organizzazioni ambientali più importanti.

SURPRISE US PRESIDENT TRUMP!

Le maggiori associazioni ambientaliste italiane hanno aderito alla campagna “Surprise us, President Trump!”, in occasione della investitura del nuovo Presidente statunitense.
E’ evidente che l’iniziativa nasce dalla preoccupazione derivante dalle dichiarazioni di Trump in campagna elettorale sulle questioni ambientali, che se dovessero avere un seguito, porterebbero indietro di decenni la comunità internazionale rispetto alla lotta ai cambiamenti climatici.
Venerdì 20 gennaio 2017 alle 11 i Presidenti delle Associazioni partecipanti alla campagna e noti ambientalisti si sono riuniti a Piazza Barberini a Roma per “imbucare” la loro lettera al nuovo capo della Casa Bianca. Nell’occasione ogni partecipante dichiarato i motivi dell’adesione alla campagna, in una sorta di anomala conferenza stampa all’aperto.
Una loro delegazione quindi si è recata all’Ambasciata americana di Via Veneto per consegnare copia della lettera firmata dai Presidenti delle Associazioni.

Filippo Mariani, Ufficio Stampa di Accademia Kronos

Lettera on line: www.surpriseuspresidenttrum.com

Commenti disabilitati

Salvare il Venezuela dal golpe fascista – Lettera alla Commissione Esteri del Senato

Ciao, mi permetto di suggerirvi un gesto concreto (un gesto che prende due minuti due): scrivere ai membri della Commissione esteri del Senato, come ho già fatto io, per denunciare PRIMA del 24 gennaio 2017 il comportamento inqualificabile di Casini Pierferdinando, presidente della Commissione stessa.

Dopo essere andato in Venezuela a incontrare esponenti della destra golpista, Casini pretende di ottenere l’appoggio della Commissione Esteri per i suoi protetti. Il 24 gennaio la cosa sarà di nuovo discussa al Senato.
Qui sotto vi metto l’elenco da me compilato dei membri della Commissione (così non dovete cercarlo sul sito, basta fare copia incolla) e una bozza di messaggio che segue.

IMPORTANTE METTERE VENEZUELA NELL’OGGETTO, sarà il denominatore comune

Marinella Correggia

TESTO POSSIBILE

Oggetto: Sul Venezuela, schieratevi con il papa non con i golpisti!

Gentili senatori, avendo ascoltato alla radio il dibattito in Commissione Esteri, voluto dal presidente della Commissione stessa, P.F. Casini, in merito alla Repubblica bolivariana del Venezuela, vi scrivo per esprimere il mio sconcerto.

Mentre papa Francesco si sta adoperando per favorire i negoziati fra governo e l’opposizione, alcuni esponenti del Parlamento italiano al contrario, e dovrei citare in primis il senatore Casini, sfidano l’indipendenza e la sovranità del Venezuela per schierarsi con (o piuttosto, consegnarsi mani e piedi a) esponenti dell’opposizione venezuelana di matrice fascista e golpista.

Il fatto che alcuni di questi oppositori e loro simpatizzanti siano di origine italiana, se permettete, non è una scusante. Mi auguro che martedì 24 la Commissione Esteri del Senato arrivi a operare, in maniera costruttiva e rispettosa della democrazia.

Firma e data

……………………………………

Integrazione:

Ricevo dai 5 stelle della Commissione Esteri del Senato questa prima presa di posizione in forma di mozione. Martedì prossimo ci sarà un dibattito probabilmente molto acceso con, dall’altra parte, gli sguatteri di Obama.
Evidente che in questo contesto si faccia uso del formale atteggiamento del Vaticano pro conciliazione.
Penso che sarebbe bene se diffondessimo dove possiamo il testo della mozione al link qui sotto. Creerà interesse e partecipazione a sostegno della mozione e del Venezuela in genere. Sono convinto che i 5 Stelle nella Commissione Esteri, per come li conosco, sapranno adeguatamente reagire alla manovraccia mercenaria di Casini.
Fulvio

Senato: Venezuela; mozione M5S, tutelare comunità italiana

(ANSA) – ROMA, 19 GEN – “Il presidente della Commissione esteri Pierferdinando Casini, nonostante le sollecitazioni da parte del Gruppo M5S a partecipare ad una missione in Venezuela, ha deciso di partire in solitaria alla fine dell’anno. Una missione che, contrariamente alle abitudini della Commissione Esteri, ha portato il solo presidente, in rappresentanza di un’unica parte politica, oltre che della maggioranza di governo, a recarsi in un Paese nel quale la situazione non è quella dipinta nelle premesse e nelle considerazioni della mozione presentata da Casini stesso”. Lo afferma in una nota la senatrice M5s Ornella Bertorotta, capogruppo dei pentastellati in commissione Esteri, intervenendo nell’Aula di Palazzo Madama che alla fine ha deciso di rinviare alla prossima settimana l’esame della mozione sul Venezuela. “La nostra mozione – spiega – impegna il governo ad avviare un dialogo con il governo venezuelano, nel pieno rispetto del principio di non ingerenza negli affari interni di altri Stati, al fine di tutelare la sicurezza e il benessere dei cittadini venezuelani e in particolare degli Italo-Venezuelani”. “Chiediamo inoltre a Caracas di aumentare le misure di sicurezza a protezione della comunità italiana, predisponendo quanto necessario a garantire una vita tranquilla agli italo-venezuelani nel Paese. Mentre l’opposizione venezuelana dovrebbe fare quanto possibile per isolare i violenti e ripristinare le condizioni di dialogo nell’interesse del popolo venezuelano. + necessario avviare una contrattazione per ripristinare i voli aerei da e per Caracas dal nostro Paese, agevolando i nostri concittadini nel Paese latino americano, anche con tariffe scontate”, prosegue. “Chiediamo anche di sostenere procedure di pagamento dei crediti vantati dalle imprese italiane, anche attraverso contropartite in petrolio, di cui il Paese è particolarmente ricco e i cui prezzi sono in ripresa, permettendo così il recupero delle ingenti somme vantate dalle nostre imprese in tempi più rapidi”, conclude. (ANSA). BSA-COM 19-GEN-17 19:31 NNN

Qui l’intervento del M5S al Senato:

https://www.facebook.com/ornellabertorottam5s/videos/1187451894643635/

…………………….

Integrazione:

Martedì in aula la discussione sulle mozioni di Casini e Co. e della senatrice 5 Stelle Ornella Bertarotta

Senatore Casini preso in flagranza di menzogna

Sbugiardato Casini, diffusore di fake news di alto calibro. Per diffamare il Venezuela non va tanto per il sottile. Soccombe al tentativo di spacciare una giovane -presunta attivista dei “diritti umani”- coinvolta nell’arresto di esponenti di una formazione estremista, accusata per possesso di armi da guerra. La foga accusatoria del Casini gli ha giocato un brutto scherzo. La signorina Stacy Brigitte Escalona Mendoza, era sì reduce da un viaggio a Bruxelles per alimentare la campagna contro le autorità del suo Paese. Al suo ritorno a Caracas, però, è stata fermata in compagnia del deputato di Voluntad Popular, Gilber Caro, trovato in possesso di un fucile FAL calibro 7,62 mm, di proprietà delle Forza Armata Nazionale Bolivariana con il numero di serie cancellato; un caricatore con 20 cartucce; 3 stecche di esplosivo C4.

Non sono certo strumenti adeguati alla difesa dei “diritti umani”. Più adatti a quelle attività illegali, paramilitari, su cui la magistratura del Venezuela indaga quella formazione politica e il suo leader Leopoldo Lopez, condannato a 14 anni di reclusione come responsabile di moti sediziosi (guarimbas) che costarono la vita a 14 cittadini. Prima di parlare, meglio documentarsi, altrimenti si fiancheggia il terrorismo reale.

Commenti disabilitati

Hacker contro hacker… Guerra all’ultimo bit(e) per la conquista del dominio globale

Cambio della guardia alla Casa Bianca. Anche se il clima negli States sembra più quello di una guerra civile strisciante. Tanti gli episodi: non soltanto gli ultimi lampi di guerra del più immeritato Premio Nobel per la Pace che la storia ricordi; ma anche il ridicolo boicottaggio canoro dell’insediamento di Trump, decretato dalla cupola del mondo dello spettacolo statunitense, notamente impegnata a sinistra, come tutti i miliardari che si rispettino; ed anche, probabilmente, la multa miliardaria alla Fiat-Chrysler, giunta all’indomani della dichiarazione di Marchionne di sostanziale sostegno alle misure protezionistiche annunziate dal nuovo Presidente.

Ma il piatto forte di quest’ultima tragicommedia a stelle e strisce resta innegabilmente il polverone alzato dallo sfigatissimo (e portatore di sfiga) Barack Obama sul tema degli hacker. Gli hacker – secondo la definizione che ne dà Wikipedia – sono «esperti di sistemi informatici in grado di introdursi in reti informatiche protette (…) per poi essere in grado di accedervi o adattarle alle proprie esigenze». Ovvero – mi permetto di semplificare – degli spioni elettronici.

Anche quella degli hacker – come tanti dei malanni della nostra società – è un’invenzione americana. Dapprincipio, negli anni ’60 del secolo scorso, l’attività di hacking fu poco più di un gioco: vi si dedicavano alcuni geniali studenti universitari nel campus del MIT, il celebre Massachusetts Institute of Technology, per violare, per hackerare i rudimentali sistemi di protezione dei primi mastodontici “cervelli elettronici”.
Ma il progresso – si sa – viaggia a passo veloce: ben presto i computer iniziarono a diffondersi a macchia d’olio, e la loro enormi capacità di elaborazione e catalogazione spinsero non soltanto le industrie di tutto il mondo, ma anche le istituzioni politiche, economiche, militari a farvi ricorso massicciamente, fino alla trasformazione di ogni supporto cartaceo in dati digitalizzati. E non era tutto, perché quegli stessi vertici istituzionali non sapevano resistere ad un’altra tentacolare tentazione, quella offerta da internet, dalla possibilità di collegarsi ad una “rete” che metteva in contatto i loro apparati informatici con quelli dell’intero globo, dando modo di accedere all’universo delle informazioni senza confini.

Era a quel punto che i tanti servizi segreti statunitensi (soltanto quelli ufficiali sono una ventina) iniziavano ad interessarsi seriamente alla cosa, arruolando gli hacker più capaci ed impegnandoli nella attività di spionaggio e controspionaggio, sia all’interno che all’estero. Non svelo certo un segreto dicendo che i servizi americani hanno iniziato ad hackerare regolarmente apparati informatici in paesi stranieri, parallelamente ad altre attività di spionaggio elettronico, con intercettazioni ambientali e telefoniche oramai giunte a livelli tecnologici impensabili fino a pochi anni prima.

La CIA, in particolare, prendeva ad hackerare e ad intercettare un po’ tutti, violando comunicazioni, archivi, apparati di paesi amici e nemici. Anche le conversazioni (e talora la vita privata) di capi di stato e di governo venivano impudentemente violate, ascoltate, registrate, analizzate con un cinismo assoluto. E se qualche volta gli spioni erano pescati con le mani nel sacco (come recentemente avvenuto con le intercettazioni alla Cancelliera dell’alleata Germania) si rimediava con scuse di prammatica e solenni promesse di non farlo più, cui nessuno credeva.

Naturalmente, pure gli altri paesi (Russia compresa, bella scoperta!) hanno iniziato a fare altrettanto, anche se non hanno certo raggiunto le vette di perfezione dello spionaggio elettronico statunitense. A quale scopo? Per cercare di acquisire dati e informazioni che consentissero di proteggere i propri interessi e, se possibile, anche di influire sui comportamenti degli altri paesi, a prescindere dal fatto che si trattasse di amici, di nemici o di non schierati.

Orbene, se questo è il quadro di riferimento – e sfido chiunque a dimostrare il contrario – quando Obama, per ostacolare il suo successore, dice che la Russia ha hackerato i sistemi informatici americani, dice una banalità.
Il fatto è certamente vero, così come è vero che gli USA hanno hackerato i sistemi russi. I servizi del Cremlino hanno agito anche per tentare di influenzare le elezioni negli USA? Molto probabilmente, si. Esattamente come CIA e assimilati hanno fatto per condizionare le elezioni in Russia e altrove, forse anche in Italia. La cosa grave è che queste banalità vengano utilizzate per creare un clima di scontro senza esclusione di colpi, utilizzando anche la servizievole cassa di risonanza di testate giornalistiche e televisive “autorevoli”.

La verità è che negli Stati Uniti è in corso una battaglia al calor bianco fra l’apparato spionistico che fa capo alla cordata Obama-Clinton ed i pochissimi elementi dei servizi che sono sopravvissuti all’azione epuratrice dell’intelligence “democratica”, con alcuni di questi “resistenti” che sono riusciti a barricarsi negli uffici dell’FBI. Il quale FBI, peraltro, non è stricto sensu un servizio segreto, ma un’agenzia federale di polizia.
Si ricordi – tanto per entrare un po’ nel dettaglio – che è stata proprio l’FBI ad aprire un’inchiesta sulle mail scottanti di Hillary Clinton; che invece è stata difesa a spada tratta dalla CIA, sua fiancheggiatrice nell’opera di destabilizzazione internazionale portata avanti quando l’acida signora ricopriva la carica di Segretario di Stato.

E adesso – per venire ai fatti di casa nostra – apprendiamo che è stata l’FBI a mettere la polizia italiana sulle tracce di quei fratelli Occhionero che avrebbero hackerato i computer di tutta la Roma “che conta”. E apprendiamo, ancora, che le informazioni così ottenute non sono state archiviate in Italia, ma dirottate su capienti server, allocati – indovinate un po’? – negli Stati Uniti d’America. Non mi stupirei – a questo punto – se domani venisse fuori che gli Occhionero fossero utilizzati direttamente o indirettamente dalla CIA, e che la loro scoperta sia stato un colpo basso del Bureau ai cugini della Agency.

Ma sono tutte ipotesi, prive di riscontri oggettivi. Almeno al momento.

Quel che è certo è che il generale Michael Flynn (capofila degli oppositori alla politica di armamento della Jihad siriana portata avanti dalla CIA) sia stato defenestrato nel 2013 dal suo incarico di capo dello spionaggio militare (la DIA, Defense Intelligence Agency). E che adesso lo stesso Flynn sia stato designato da Trump a Consigliere per la Sicurezza Nazionale, con il compito di sovrintendere ad un radicale repulisti al vertice dei servizi di informazione e sicurezza.

A Washington cadranno molte teste. A incominciare da quelle di certi personaggi che tanto si agitano per propagare notiziole e notiziacce delle quali – per loro stessa ammissione – non è possibile fornire alcun riscontro oggettivo.

Presto – ci scommetto – il Regime Change USA farà sentire i suoi effetti anche qui da noi, non solo fra gli agenti segreti (che ufficialmente non ci sono), ma anche fra diplomatici, incaricati d’affari e “consiglieri” con funzioni speciali. Il primo a togliere il disturbo dovrebbe essere quell’ambasciatore John Phillips che – certamente non per condizionare l’esito della consultazione! – si è segnalato per la sua adesione alla causa del “si” nel recente referendum italiano.

Michele Rallo

Commenti disabilitati