Archivio della Categoria 'Lettere inviate e ricevute'

Norman Finkelstein: “Russia has the historical right to invade Ukraine…”

Ante Scriptum – Qui Finkelstein si scatena a favore dell’intervento russo, e la motivazione della sua appassionata difesa si può riassumere in una domanda, ovviamente retorica: può un paese per la cui liberazione dai nazisti hanno perso la vita trenta milioni di cittadini, tollerare che ai propri confini popolazioni russe siano di nuovo nel mirino di formazioni neonazi che operano impunemente con l’obiettivo della pulizia etnica?

Norman Finkelstein: Okay. On the question of the Ukraine, the thing that’s troubled me about the public conversation of the Ukraine or hysteria —it’s not even a conversation, it’s hysteria about the Ukraine— is the following: those who are not totally immersed in the mainstream propaganda, some of the people you’ve had on your program and people who are not especially of the left, they have no particular left-wing allegiance, like John Mearsheimer at University of Chicago, or before he passed away Stephen F. Cohen who predicted that if you keep up with this NATO expansion in the Ukraine, there’s going to be a war.
He said that in Democracy Now in 2014, and he was right. And other people, Professor Chomsky. I would include in that group several others, and they’ll all say the following thing:

Number one, the Russians were promised that there would be no NATO expansion to the East, that was the quid pro quo for the reunification of Germany after the decomposition of the Soviet Union. The Russians were promised that but the West went ahead.
We’re talking about the 1990s: the promises were given, but the West then went ahead and started to expand NATO once, as John Mearsheimer likes to put it there was the first tranche, then the second tranche of expansion… Then NATO starts expanding in Georgia and in the Ukraine. The Soviet Union says it’s a red line.

To stop this, the Soviet Union offers a perfectly reasonable resolution: just neutralize Ukraine like we neutralized Austria after World War II, neither aligned with an Eastern bloc nor aligned with a Western bloc. That seemed to me perfectly reasonable.
And the people I mentioned, Mearsheimer, Cohen passed away since but Professor Chomsky and a number of others, they’ll all agree on the reasonableness of Putin’s demands.

And then the reasonableness of those demands, those demands have to, as Briahna says in her paper and as she said this evening, they have to always be seen in context. So what’s the context? The context is the Soviet Union, the former Russia, it lost… the estimates are about 30 million people during World War II.
The United States which, if you watch American movies, you would think the US won World War II, it lost about two hundred thousand people.
The UK was the second candidate for winning World War II, they lost about four hundred thousand people.
The Soviet Union lost 30 million people.
Even those who didn’t take courses in the hard sciences can reckon the difference between several hundred thousand and thirty million.
Now that’s not an ancient memory for the Russians. If you… I remember Stephen F. Cohen saying “when I grew up in little America —he was from Kentucky— we used to celebrate…”
I forgot what was called here Victory Day, V-something, he said “but you know now as adults we don’t celebrate that anymore in the United States, Victory in World War II”, he said, but Russia, he said, they still celebrate V-Day, they still celebrate it.
I live in the Coney Island section of Brooklyn. A large part is Russian Jews, a large part is Russian Jews.

You go out in May, you go out on the V-Day, and you can see that Russians up to 80 and 90 year olds, they’re wearing medals, they’re medals from World War II. That memory is alive.

And now there’s this Ukraine, where Nazis are playing an outsized role. I’m not saying they’re a majority, but in the political and military life, they play an outsized —disproportionate let’s call it— role.
This Ukraine where Nazis are playing an outsized role, are aligned with a formidable military bloc called NATO, NATO keeps advancing and advancing and advancing, closing on Russia, trying to suffocate it…
And beginning around 2016, under Trump, begins to arm the Ukraine, pouring in weapons, engaging in military exercises with NATO, behaving very provocatively. And then the Foreign Minister Lavrov finally says we’ve reached the boiling point.

Now everything I just told you, Professor Chomsky, John Mearsheimer and others will acknowledge it. The mainstream press won’t even acknowledge that but people who call themselves just, legitimately call themselves dissidents, although Mearsheimer wouldn’t call himself a dissident, he just calls himself a realist.
Nice guy, I consider him a friend, I like him. They’ll acknowledge all that. But then they say the invasion was criminal. Criminal invasion, criminal, criminal, criminal.
And my question which I’ve constantly been putting in correspondence is a very simple one: if you agree that for 20 years—more than 20 years, more than two decades—, Russia has tried to engage in diplomacy; if you agree that the Russian demand to neutralize Ukraine —not occupy it, not determine its government, its form of economy, just neutralize it like Austria after World War II—, if you agree that was a legitimate demand; if you agree that the West was expanding and expanding NATO; if you agree that Ukraine de facto had become a member of NATO, weapons pouring in, engaging in military exercises in NATO; and if you agree…
You know, Russia lost 30 million people during World War II because of the Nazi invasion, so there’s a legitimate concern by Russia with all of these —if you excuse my language— Nazis floating around in the Ukraine, then the simple question is: What was Russia to do?

I’m not saying I agree with the invasion, I’m not saying it went right, but I think one thing: the invasion showed… you know what the one thing the invasion showed, Briahna, was that Russia is kind of weak militarily, which is why all the more they may have been fearful of a NATO-backed Ukraine filled with Nazis, and probably at some point positioning nuclear missiles on its border.
And I think 30 million, 30 million people… Listen to this: I think 30 million people is 30 million arguments in favor of Russia. Now I’m not going to say, because I’m not a general and I’m not a diplomat, so I’m not going… I’m not a military strategist so I’m not going to say it was the wisest thing to do. I’m not going to say it was the most prudent thing to do.
But I will say —and I’m not afraid to say it because it would dishonor the memory of my parents if i didn’t say it—, I will say that they had the right to do it. And I’m not taking that back.
They had the right to do it. They had if I can call it the historic right to do it. 30 million people (killed during WW2), and now you’re starting again, you’re starting again.
No, no, you know I can’t go for it, I can’t go for those who acknowledge the legitimacy of the arguments made by Putin but then call the invasion criminal. I don’t see that.

Now you could say the way they executed it may have had criminal elements. However I don’t know… Well, you went to Harvard Law School, I don’t know if you studied the laws of war, but the laws of war make a very big distinction between ‘jus ad bellum’ and ‘jus in bello’, namely whether the launching of the war was legitimate or whether it was an act of aggression versus the way you conduct the war, ‘jus in bello’.
Maybe the conduct, targeting of civilians and so forth, that probably violates the laws of war, but that’s a separate issue under law from “did they have the right to attack”. I think they did. I’m not going to back off from that.

You know, these are for me… even at my age, these are acts of deference to the suffering of my parents. My parents felt a very deep love for the Russian people, because they felt the Russian people understood war.
They understood what my parents went through [in the Warsaw Ghetto & Auschwitz] during World War II, so there was a very deep affection… My father even, at the end of his life, he learned fluent Russian because neighborhood is all Russian.
And you know, Polish to Russian is not a huge leap but also he liked the Russian people. So in my family growing up, the worst curse (insult)… there were two curses, two curses: curse number one was “parasite”.
You have to work. My parents had a very… they had a work ethic. Believe me, I could have lived without the idea of pleasure, it didn’t exist in my house: you had to work.
And the second word, the second curse, the second epithet was “traitor”.
A traitor. And I know my parents would regard me as a traitor if I denounced what the Russians were doing now. How they’re doing it, as they say, probably there are violations and maybe egregious violations of the laws of war, we’ll have to wait to see the evidence, but their right to protect their homeland from this relentless juggernaut, this relentless pressing on their throats, when there was such an easy way to resolve it…

You know, if you read War and peace, and I suspect you did because you’re quite a gifted writer, obviously you were a reader…

Briahna: I confess, there was a copy on my shelf that I have started many times, but I haven’t… I’ve never finished it.

Norman Finkelstein: I’m surprised… In any case, War and peace is about the invasion of Russia, the war of 1812, and Tolstoy, the centerpiece of War and peace is the great battle of Borodino, and he describes it in this kind of terrifying detail. In the battle of Borodino, 25 000 Russians were killed, or maybe it was all together 25 000, I can’t remember, I think was 25 000 Russians were killed.
Why do I mention it?
So for Russians the seminal event of the 19th century was the war of 1812 and the invasion of Russia. For the 20th century, it’s World War II, and just in the battle of Leningrad, just Leningrad, not Saint-Petersburg, just Leningrad, a million Russians were killed. There was cannibalism! This is serious, World War II for the Russians.
And you want me to just forget about that? That’s just a trivial fact? A trivial fact? No! Now you’ll ask yourself: in all the coverage that you’ve heard about your Russian attack on Ukraine, all the coverage you’ve read and listened to, how many times have you heard that 30 million Russians were killed during World War II? How many times?

Briahna Very infrequently. It’s never stated in this context.

Norman Finkelstein: Absolutely. And Stephen F. Cohen… You know, he was my Professor at Princeton and for a while he was my advisor. He… I didn’t know him well and at the end we had a falling down over my whole dissertation catastrophe, debacle, but Cohen had a genuine affection for the Russian people.
He did. He loved the Russians. He loved the Russian people. And so when he begins his presentation… There is a Youtube of him debating the former US Ambassador, Mc Faul I think, Michael Mc Faul. How does he begin? He begins with how Russians remember the V-day.
You know, that’s the starting point for me, it’s a starting point.

http://www.twitter.com/caitoz/status/1525620613980643328

Now you might say well, doesn’t your whole argument then justify what Israel does because of what happened to Jews during World War II? It’s an interesting question because the most moving, the most moving speech in support of the founding of the State of Israel, by far the most moving speech, you know who it was given by at the UN?
It was given by the Soviet foreign minister Gromyko. And he said it was another act of generosity. Remember I mentioned to you earlier the boy’s act of generosity where he looks past what Trichka says about Black people, and as a student I thought it was a very generous act. So now the Russians lost 30 million people in World War II, but Gromyko says the suffering of the Jews, it was different, it was horrible. Here is a Russian saying that.
And he said if a binational State is not possible, they earned their right to a State. So I say I applied the same standard. Now the way Israel carried out its right to establish a State by expelling the indigenous population, appropriating their land and creating havoc and misery for generation after generation, decade after decade, no I’m not going there.
But yes I do believe… in recent correspondence with some friends I use the expression “I think Russia has the historic right to protect itself”, not by violating somebody else’s right to self-determination but neutralization, I think that’s legitimate.

Briahna: So I want to ask you this because you know it wouldn’t be right for me to put this question to Ro Khanna and not put this question to you.
You are speaking so compellingly about the kind of moral valences of who’s entitled to feeling insecure as a nation, who’s entitled because of the historical cost it has paid to defend itself and to defend whatever you want to call it, you know, democracy in fascism, all of these kinds of words, has paid in terms of the number of human lives and kind of an unmatched price, and I think that’s…

Norman Finkelstein: The Chinese lost about 26 million to the Japanese, so it was close.

Briahna: It’s close but still… And yet when I was talking to Ro Khanna and he was saying well, ultimately he’s arguing on the other side that America is 100% right, Russia’s 100% wrong and this is a just war regardless of the substance.
I would push him on this idea, of even if you believe it to be just kind of morally, the act I’m going to have to as a leftist is pushback against the idea that the preemptiveness of the war is okay, and that war is a solution.
It is something that we should be tacitly or implicitly condoning. And I wonder what you make of that question.

Norman Finkelstein: Look, Briahna, not to flatter you but you always ask the right questions, and that’s why I was careful in what I said. You referred to the pre-emptiveness. Russia tried for 22 years. That’s giving a lot of time to diplomacy! 22 years is a lot of time!

And the question is: at what point, at what point does Russia get to act? When there are nuclear-tipped missiles on its border? Is that when it gets to act? I don’t agree with that. I think of course you have to give maximum time to see if diplomacy is going to work, absolutely…

Briahna: And then you start fighting? And then you send in troops? Because Norm, this is the… whether or not you believe…

Norman Finkelstein: I’m very happy, I’m very happy to take to heart your question. And that leads me again with the same question that I returned to you and I’ve returned to all of my correspondents over the past six weeks. If it’s clear that all the negotiations are in bad faith, if it’s clear that Ukraine had become de facto a member of NATO, what was Russia supposed to do? You say “don’t send in troops”. Fine. I come from a family that was completely anti-war.
My mother used to say “better a hundred years of evolution than one year of revolution”. She had enough of war. I have no problem with your recoiling at the process. But what I’m saying is what was Russia supposed to do?

Briahna: What I’m asking is how you distinguish between your feelings that this is a moral war, this is a justified act, fine, and someone like Ro Khanna’s belief that US intervention, continued support of NATO, Western powers, sending weapons into Ukraine, arming the Azov battalion, is as he puts it a just war.
The fact that you are both making these arguments, regardless… I’m not making an equivalent between the value of your arguments but obviously Ro Khanna thinks what he thinks and my point to him was you using vague terms like “just war” is exactly what’s allowed the kind of jingoistic parade to lead us into so many other incursions. So how principally do you distinguish?
I understand your feeling and I understand the historical citations and the loss of life that leads you to the conclusions that you’ve been led to, but someone on the other side will say the same thing, someone else said “Well Marshall well this is how many Ukrainians have suffered and this is…”

Norman Finkelstein: But you’re canceling, if I may use that word, you’re canceling the context.
You see I began my whole discussion with you, not with the position of Biden or the position of lunatics like Judy Woodruff, you know, and PBS. I said my quarrel is with people on the left who agree with all of my context but then make the leap and say it’s a criminal invasion. And I say to Professor Meirsheimer, Professor Chomsky and many others who acknowledge everything I just said, I say then what was… if you agree with everything I said, what was Putin supposed to do?
I don’t see what he was supposed to do. I’m lost. It’s an impasse. I don’t see what…

Source: https://thesaker.is/norman-finkelstein-russia-has-the-historical-right-to-invade-ukraine-updated-with-transcript/

Commenti disabilitati

Flagelli d’Italia (tratti da Il Gran Pandemonio di Adriano Colafrancesco)

Letta per episodi, almeno quelli salienti e più rilevanti dal dopoguerra a oggi, la storia d’Italia è nota più o meno a tutti. Quello che spesso sfugge però – ed è possibile cogliere solo zoomando alla rovescia per vedere nell’insieme la cronologia degli eventi – è l’invisibile filo conduttore che accomuna i fatti nella sorte tragica toccata a non poche autorevoli personalità del nostro paese.

Soprassedendo per brevità sul più ampio quadro di stragi e attentati che hanno percorso in lungo e in largo tutto lo stivale, ci soffermeremo, sia pur brevemente, sulle vicende di Enrico Mattei, Aldo Moro, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Enrico Mattei (Acqualagna, 29 aprile 2906 – Bascapè, 27 ottobre 1962)
Sotto la sua presidenza l’Eni negoziò rilevanti concessioni petrolifere in Medio Oriente oltre a un importante accordo commerciale con l’Unione Sovietica, grazie all’intermediazione di Luigi Longo, suo amico durante la guerra partigiana e più tardi segretario del Partito Comunista Italiano.

In tale scenario introdusse il principio per il quale i Paesi proprietari delle riserve dovevano ricevere il 75% dei profitti derivanti dallo sfruttamento dei giacimenti. Iniziative tutte che contribuirono a rompere l’oligopolio delle Sette Sorelle, che allora dominavano l’industria petrolifera mondiale.

Morì nel 1962 in un misterioso incidente occorso al suo aereo personale, nei pressi di Bascapè. Le indagini svolte dall’Aeronautica Militare Italiana e dalla Procura di Pavia sull’ipotesi di attentato, si chiusero inizialmente con un’archiviazione “perché il fatto non sussiste”. In seguito, nel 1997, il ritrovamento di reperti che potevano ora essere analizzati con nuove tecnologie, fece riaprire le indagini giudiziarie. Queste stavolta si chiusero con l’ammissione che l’aereo “venne dolosamente abbattuto”, senza però poterne scoprire né i mandanti, né gli esecutori.

Nel 2012 una sentenza di un processo collegato, quella sulla scomparsa del giornalista Mauro de Mauro che indagava sul fatto, ha riconosciuto ufficialmente che Mattei fu vittima di un attentato. Chiunque sia stato il mandante, pare ormai alquanto probabile che l’esecuzione sia stata affidata a esperti locali, e che la casalinga mafia abbia quindi prestato il suo braccio.

Vale la pena chiudere questa breve scheda con parole dello stesso Mattei, tratte da un documento televisivo, dunque dalla sua viva voce, in una intervista televisiva del dicembre 1959:
“Un giorno a dicembre (1950, ndr) fui chiamato a incontrarmi con uno dei sette grandi (Mr Arnold, Holland della Shell, ndr) – uno dei grandi: hanno un bilancio che è quasi pari al bilancio dello stato italiano – a Montecarlo, dove mi chiamò.

Tutta la collaborazione riguardava l’Italia, tenere sui prezzi, “guadagniamo tutti di più”, che è proprio il contrario di quello che devo fare io. Io sono l’esponente di un’azienda di stato e devo cercare di portare al consumatore tutto quello che è possibile.

E io gli dissi: “Ma sa, in Italia avete finito di poter fare la politica vostra, d’ora in avanti la faremo noi”. Mi disse: “Che cosa vuol fare in Tunisia?”. “Guardi in Tunisia noi vogliamo costruire una raffineria”. Dice: “Voi non farete la raffineria, perché la faremo noi. Noi con una delle grandi società del cartello, un’altra delle sette sorelle”.

E io molto umilmente gli chiesi: “Cosa ne pensa se invece di farla in due, la si facesse in tre?”. “No”, mi rispose! E allora io: “Da questo momento – tirai fuori dalla tasca la matita, avevo altri argomenti da discutere, lo guardai, li cancellai – ho l’impressione che non abbiamo più niente da dirci. Però lei il colloquio di oggi se lo ricorderà per tutta la vita”.

Aldo Moro (Maglie, 23 settembre 1916 – Roma, 9 maggio 1978)
Negli anni settanta e soprattutto dopo le elezioni del 1976, Moro concepì l’esigenza di dar vita a governi di “solidarietà nazionale”, con una base parlamentare più ampia comprendente anche il PCI. Ciò rese Moro oggetto di aspre contestazioni: i critici lo accusarono di volersi rendere artefice di un secondo “compromesso storico”, più clamoroso di quello con Nenni, in quanto prevedeva una collaborazione di governo con il Partito Comunista di Enrico Berlinguer, che ancora faceva parte della sfera d’influenza sovietica.

Aldo Moro fu rapito il 16 marzo ’78 e assassinato il successivo 9 maggio dalle Brigate Rosse. Il 16 marzo 1978, giorno della presentazione del nuovo governo, il quarto guidato da Giulio Andreotti, la Fiat 130 che trasportava Moro dalla sua abitazione nel quartiere Trionfale zona Monte Mario di Roma alla Camera dei deputati, fu intercettata da un commando delle Brigate Rosse all’incrocio tra via Mario Fani e via Stresa.

Gli uomini delle Brigate Rosse uccisero, in pochi secondi, i cinque uomini della scorta e sequestrarono il presidente della Democrazia Cristiana. Dopo una prigionia di 55 giorni in un covo di via Camillo Montalcini 8, le Brigate Rosse decisero di concludere il sequestro uccidendo Moro. Il corpo di Aldo Moro fu ritrovato dentro il portabagagli di una Renault 4 rossa – rubata il 2 marzo 1978 a un imprenditore (Filippo Bartoli) nel quartiere Prati, due settimane prima dell’eccidio di via Fani – il 9 maggio a Roma, in via Caetani, emblematicamente vicina sia a piazza del Gesù (dov’era la sede nazionale della Democrazia Cristiana), sia a via delle Botteghe Oscure (dove era la sede nazionale del Partito Comunista Italiano).

Papa Paolo VI, il successivo 13 maggio, officiò una solenne commemorazione funebre pubblica per la scomparsa di Aldo Moro, amico da sempre e suo alleato, a cui parteciparono numerose personalità politiche italiane e che venne trasmessa in televisione. Questa cerimonia funebre venne celebrata senza il corpo dello statista, per esplicito volere della famiglia, che non vi partecipò, rifiutando il funerale di Stato e scegliendo di svolgere le esequie in forma privata presso la chiesa di San Tommaso di Torrita Tiberina

Su tutto questo, senza formulare altri giudizi e volendo fondarci solo sull’autorevolezza delle fonti, vale la pena di dare spazio alle dichiarazioni dell’onorevole Gero Grassi, parlamentare membro della Commissione d’Inchiesta sul Caso Moro.

“Le relazioni della Commissione Moro, approvate da Camera e Senato, ribaltano la verità giudiziaria e storica affermata in questi anni. In primo luogo la ricostruzione dell’eccidio di via Fani vede almeno 20 persone impegnate sulla scena del delitto mentre le Brigate Rosse, nelle evoluzioni delle loro bugie, sono arrivate al massimo a 9… Nel novembre del 2014 il Procuratore alla Repubblica di Roma Ciampoli ha scritto che è ormai certo che in Via Fani, insieme alle Brigate Rosse, vi fossero elementi dei servizi segreti deviati dello Stato, uomini della mafia romana (Banda della Magliana) e uomini dei servizi segreti europei che avevano interesse per lo meno a creare caos in Italia (…)

Tutto ciò ci induce a ritenere che in via Fani vi fossero “anche” le Brigate Rosse. Il termine “anche” è usato in maniera ironica e significa che per 39 anni una parte di classe politica, magistratura, forze dell’ordine e del mondo del giornalismo italiano, ha sostenuto, sbagliando, che gli unici responsabili erano stati i brigatisti rossi.

Giovanni Falcone, Palermo, 18 maggio 1939 – Palermo, 23 maggio 1992
Giovanni Falcone venne assassinato in quella che comunemente è detta strage di Capaci, il 23 maggio 1992, mentre stava tornando, come era solito fare nei fine settimana, da Roma, insieme alla moglie Francesca Morvillo, che morì con lui nella circostanza, insieme a tre agenti di scorta.

I punti oscuri della Strage di Capaci.
Così in un’intervista il pm Nino Di Matteo:
“La verità che è stata accertata, mi sento di dirlo con cognizione di causa, è ancora una verità parziale (…) La lettura analitica delle sentenze che sono state emesse ci porta a ritenere che è stato possibile – ma mi sento di dire altamente probabile – che insieme agli uomini di Cosa nostra abbiano partecipato alla strage, nel momento del mandato stragista, organizzazione ed esecuzione, anche altri uomini estranei alla mafia”.

Domande senza risposta:
·         il pentito Gioacchino La Barbera dice: “C’era un uomo, durante la preparazione della strage di Capaci, che non avevo mai visto prima. Non era dei nostri”. Chi era quell’uomo?

·         come facevano i boss a conoscere con precisione l’arrivo di Falcone a Punta Raisi?

·         chi c’era a bordo dell’aereo misterioso che sorvolava il tratto Palermo – Punta Raisi nel giorno della strage? (Testimoni lo raccontano in più fasi processuali),

·         perché uomini in mimetica si trovavano sul tetto della Mobiluxor, il mobilificio a ridosso dell’autostrada A29. C’è anche questo nei racconti, resi in più fasi processuali, di alcuni testimoni.

·         che fine hanno fatto le due agende e il computer di Falcone che si trovavano nella macchina?

·         come mai le foto scattate da Antonio Vassallo, assessore comunale a Capaci, subito dopo l’esplosione, furono immediatamente sequestrate da due agenti e non arrivarono mai ai pubblici ministeri? (chi aveva ritratto in quelle immagini?)

 
Paolo Borsellino, Palermo, 19 gennaio 1940 -Palermo, 19 luglio 1992.
Il 19 luglio 1992, dopo aver pranzato con la moglie Agnese e i figli Manfredi e Lucia, Paolo Borsellino si recò insieme alla sua scorta in via D’Amelio, dove vivevano sua madre e sua sorella Rita. Alle 16:58 una Fiat 126 imbottita di tritolo, che era parcheggiata sotto l’abitazione della madre, detonò al passaggio del giudice, uccidendo oltre a Borsellino anche i cinque agenti di scorta.

I punti oscuri della strage di via D’Amelio.
Antonino Caponnetto che subito dopo la strage ebbe a dire, sconfortato, “tutto è finito…”, intervistato anni dopo da Gianni Minà, ricordò che:
 
“…Paolo aveva chiesto alla questura – già venti giorni prima dell’attentato – di disporre la rimozione dei veicoli nella zona antistante l’abitazione della madre. Ma la domanda era rimasta inevasa. Ancora oggi aspetto di sapere chi fosse il funzionario responsabile della sicurezza di Paolo, se si sia proceduto disciplinarmente nei suoi confronti e con quali conseguenze”.

Salvatore Borsellino, fratello di Paolo Borsellino, parla esplicitamente di “strage di Stato”.
“Perché quello che è stato fatto è proprio cercare di fare passare l’assassinio di Paolo e di quei ragazzi che sono morti in via D’Amelio come una strage di mafia. (…) Hanno messo in galera un po’ di persone – tra l’altro condannate per altri motivi e per altre stragi – e in questa maniera ritengono di avere messo una pietra tombale sull’argomento. Devo dire che purtroppo una buona parte dell’opinione pubblica, cioè quella parte che assume le proprie informazioni semplicemente dai canali di massa – televisione e giornali – è caduta in questa chiamiamola “trappola (…) Quello che noi invece cerchiamo in tutti i modi di far capire alla gente (…) è che questa è una strage di stato, nient’altro che una strage di stato. E vogliamo far capire anche che esiste un disegno ben preciso che non fa andare avanti certe indagini, non fa andare avanti questi processi, che mira a coprire di oblio agli occhi dell’opinione pubblica questa verità, una verità tragica perché mina i fondamenti di questa nostra repubblica. Oggi questa nostra seconda repubblica è una diretta conseguenza delle stragi del ’92”.

Tratto da Il Gran Pandemonio di Adriano Colafrancesco

Commenti disabilitati

Claudia Rainville e la Metamedicina

Lettera aperta di Claudia Rainville – 5 ottobre 2009

“Caro amico e cara amica, in passato ho supposto che i vaccini potessero essere pericolosi. Oggi ne sono più che convinta.
Recentemente ho effettuato una ricerca sulla sindrome di Miofascite Macrofagica. Che sorpresa nello scoprire la similitudine con una malattia che ho incontrato spesso in persone in consulto e cioè la Fibromialgia.
La Fibromialgia é una malattia molto dolorosa. Circa una decina di anni fa, mentre ero in Québec, avevo sentito dire che c’erano sempre più persone affette da Fibromialgia. Non ne capivo il motivo, finché recentemente ho scoperto che la Fibromialgia era molto simile alla sindrome di Miofascite Macrofagica.
La Miofascite Macrofagica é caratterizzata da dolori muscolari, articolari, un’astenia importante e molto invalidante, periodi di febbre, rallentamento delle funzioni cerebrali, delle funzioni cognitive e uno stato di debolezza importante accompagnato da tanti altri sintomi che non permettono di svolgere i normali compiti quotidiani (occuparsi della casa, guidare una macchina) né di continuare a lavorare.
Questi malati hanno pochissima energia e, nel corso della giornata, sono spesso obbligati a riposare per recuperare l’energia che manca loro per terminarla. L’evoluzione porta alla cronicità, responsabile di una debolezza muscolare associata ad una stanchezza generale della tensione muscolare. I pazienti interessati erano spesso persone molto attive prima di questa sindrome.
Ricerche fatte su persone colpite da questa sindrome di Miofascite Macrofagica hanno rivelato la presenza di idrossido di alluminio nei macrofagi di queste persone. I macrofagi sono una varietà di globuli bianchi di grande dimensione che intervengono nei processi immunitari fagocitando (imprigionando e digerendo) batteri, lieviti, rifiuti cellulari o sostanze estranee.
Ora, si può ritrovare l’idrossido di alluminio anche in gran parte dei vaccini. L’idrossido di alluminio é utilizzato come additivo. Un additivo é una sostanza chimica che permette di stimolare l’immunità dell’organismo al fine di aumentare la risposta immunitaria.
Da Pasteur ci hanno fatto credere che i vaccini proteggessero, senza rivelare che invece era l’additivo che faceva il lavoro di far aumentare la risposta immunitaria e non il vaccino.
Ma quello che ignoravamo all’epoca sui pericoli di questi additivi oggi non può più essere ignorato. Questo additivo era presente nel vaccino contro l’epatite B che é stato dato a molte persone tra cui diverse infermiere. E molte di loro hanno sviluppato la Sclerosi Multipla o Fibromialgia (probabilmente la Miofascite Macrofagica).
Recentemente chiedevo ad una di loro se era stata vaccinata contro l’Epatite B. Ecco cosa mi ha risposto : «Si, ero stata vaccinata contro l’epatite e ad un certo punto ho presentato gravi sintomi di epatite tanto che ho dovuto essere portata al pronto soccorso. Gli enzimi del mio fegato erano talmente aumentati che il medico non sapeva come ne sarei uscita. In seguito ho presentato i sintomi della Fibromialgia al punto da dover lasciare il mio lavoro».
Più vado avanti nel mio nuovo libro : «Il grande dizionario della Metamedicina» che sto terminando e che deve uscire nel mese di dicembre 2009, più scopro il numero di malattie cosiddette idiopatiche o autoimmuni legate ai vaccini e la cosa più sorprendente è che la maggior parte dei medici non sembra rendersene conto.
Di cosa avremo bisogno per fare in modo che si risveglino? E tu che leggi queste righe, aspetterai di aver perso la salute per renderti conto del pericolo dei vaccini?
«Moltiplicando le vaccinazioni aumentiamo il rischio di introdurre degli antigeni imparentati con molecole dell’organismo in cui sono stati iniettati creando così malattie autoimmuni la cui frequenza é in continuo aumento». Prof. Louis-Claude Vincent.
Il Dr.Moulden da parte sua ha messo a punto una nuova tecnologia in immagini mediche per evidenziare i disturbi e i danni neurologici prodotti in seguito alle vaccinazioni. Il Dr.Moulden spiega che i vaccini provocano una iper-reattività del sistema immunitario nel corso del quale i leucociti si precipitano ad attaccare i prodotti estranei iniettati nel flusso sanguigno. Dato che questi ultimi sono troppo grandi per penetrare i piccoli capillari dove ci sono i prodotti estranei, i leucociti finiscono per ostruire, bloccare e deteriorare questi capillari.
La strada viene quindi interrotta dai globuli rossi più piccoli che devono portare l’ossigeno ai diversi organi che si trovano vicino ai capillari ostruiti dalle sostanze estranee.
Queste particelle che raggiungono il cervello, disturbano o impedendo la circolazione sanguigna, possono provocare l’autismo, la morte improvvisa dei neonati o molte altre malattie del bambino o dell’adulto. Proprio come succede con attacco cardiaco, ogni volta che i tessuti hanno carenza di ossigeno, é possibile subire un attacco cerebrale, problemi al fegato o ai reni. Si tratta qui di una grande scoperta di cui però si nega l’informazione a favore della disinformazione.
Ci sono così tanti bravi medici come loro che si sono resi conto dei pericoli dei vaccini per la salute, ma non gli si dà voce, non hanno un palco per farsi ascoltare. Al contrario, questi medici vengono minacciati di perdere il loro diritto ad esercitare la professione, i ricercatori che osano rivelare questi fatti vengono privati delle loro sovvenzioni …
Per un momento mi sono scoraggiata e mi sono chiesta cosa potessi fare per le mie possibilità. Ma grazie a Jean-Jacques Crèvecoeur un brillante collega che stimo molto e che ha consacrato come me una gran parte della sua vita a risvegliare i suoi simili ho capito che insieme si poteva fare qualcosa.
Potevamo dire: STOP! Non toccate più la nostra salute e la salute dei nostri bambini.
Un prossimo vaccino più pericoloso di tutti quelli presentati finora é sul punto di essere iniettato a oltre la metà del pianeta. Tu puoi pensare : «Ah io non mi farò vaccinare!» , molto bene. Anch’io penso la stessa cosa. Ma occorre pensare un po’ più in là. Hai pensato ai milioni di persone che riceveranno questo vaccino? Dove elimineranno questi virus e questi prodotti tossici che gli vengono iniettati ? Quello che verrà eliminato dalle vie urinarie e digestive avrà come effetto di contaminare tutto il nostro ambiente, quindi anche se non ti fai vaccinare, potrai essere toccato da questa contaminazione.
Allora vedi che anche questo ti riguarda! Non restare indifferente o distaccato dal problema perché ti riguarda. Aiutaci a risvegliare quelli a cui si mente, a cui si raccontano storie per manipolarli meglio. Perché solo insieme saremo sufficientemente forti per opporci al piano di vaccinazione obbligatoria.
E la buona notizia é che un’opposizione seria si sta già formando. Ti invito a entrare in Internet e a cliccare su “Opposizione al vaccino dell’influenza H1N1”.
Anche se l’opposizione si organizza, non bisogna mollare la presa, ma invece occorre sostenerla. Perché il nostro unico potere sta nell’unità. Coloro che vogliono prendere il controllo mondiale possiedono tutto il resto e cioè l’economia (controllo dei soldi e del loro valore) la politica ( i politici sono alla loro mercé) i media ( radio, televisioni, giornali, pubblicità occulta) a noi resta solo internet (per ora! ndr).
Sai che solo negli Stati Uniti hanno appena creato una legge passata al senato del Massachusetts (USA) che mette una multa fino a 1.000 dollari al giorno e fino a 3 mesi di prigione per rifiuto di obbedire alle autorità mediche (cioè rifiuto di farsi vaccinare) in caso di emergenza in materia di sanità pubblica?
Sai che il segretario di stato degli USA Kathleen Sebelius ha accettato di firmare un decreto che conferisce l’immunità totale ai fabbricanti di questi vaccini contro l’influenza H1N1 ?
Questo vuol dire che se una persona in seguito al vaccino sviluppasse la sindrome di Guillain-Barré (e il rischio è che ce ne saranno tantissime) non potrà perseguire chi lo ha fabbricato.
Ti invito ad andare su internet a vedere questo video: “L’influenza suina del 1976”.
Sai che ancora prima del primo caso di influenza suina la più grande casa farmaceutica Baxter, aveva già depositato un brevetto per la fabbricazione del vaccino contro l’influenza H1N1? Richiedendo quello che c’é nel brevetto stesso si legge: “Additivi appropriati sono l’Idrossido di Alluminio, lisolecitina, Polioli, ecc…”
Sai che da anni si cercano mezzi per ridurre la popolazione del pianeta? Sono stati utilizzati diversi metodi che però si sono dimostrati insufficienti. La sovrappopolazione é diventata una grande preoccupazione per i sistemi della sanità pubblica che rischiano le crisi sociali peggiori mai viste.
Per porre rimedio a questa situazione, l’OMS e il Nuovo Ordine Mondiale diretto da un gruppo di famiglie (Rockfeller, Rothchild etc.) che detengono molto potere da molte generazioni, hanno concordato un piano per ridurre la popolazione della Terra da 3 a 5 miliardi di abitanti entro i prossimi dieci anni.
“Secondo le informazioni americane, da qui al 2015, quasi 3 miliardi di persone saranno di troppo”, il nostro pianeta si aspetta dunque una sovrappopolazione. “L’attivazione” dei diversi virus che potrebbero portare ad una morte di massa é una strategia destinata a “ridurre la popolazione del pianeta”, ha dichiarato M. Ivachov.
Sai che una giornalista di nome Jane Burgermeister messa al corrente di questo piano ha recentemente fatto ricorso contro l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), l’ONU, Barack Obama (Presidente degli Stati Uniti), David de Rothschild (banchiere), David Rockefeller (banchiere), George Soros (banchiere), Werner Faymann (Cancelliere d’Austria) ed altri, accusandoli di volere commettere un genocidio di massa?
Questa accusa fa seguito ad un’altra procedura giudiziaria che la giornalista aveva intentato nell’aprile 2009 contro le società farmaceutiche Baxter e Avir Green Hills Technology, che ritiene responsabili di aver prodotto un vaccino contro l’influenza aviaria, per provocare deliberatamente una pandemia e arricchirsi allo stesso tempo.

Jane Burgermeister presenta le prove di atti di bioterrorismo in cui sono implicate le persone e gli organismi precedentemente citati. Li accusa di far parte di un sindacato internazionale di imprese criminali che ha messo a punto, fabbricato e stoccato delle armi biologiche in previsione di eliminare la popolazione degli Stati Uniti e di altri paesi a scopi di profitti politici e finanziari. Usando l’influenza suina come pretesto, li accusa di aver pianificato l’assassinio di intere popolazioni tramite la vaccinazione forzata.
Lei ha le prove che questi vaccini saranno volontariamente contaminati per provocare malattie mortali. Queste azioni si iscrivono in violazione diretta della Legge antiterrorista relativa all’impiego di armi biotecnologiche.
E’ vero che il nostro mondo si trova di fronte ad una sovrappopolazione. Ma non credi che ci siano altre soluzioni che dobbiamo cercare? Oltre la metà di quello che la terra produce viene gettato. Come si possono spendere solo negli Stati Uniti 7 miliardi di dollari per acquistare dei vaccini quando non c’erano soldi per aiutare le persone che perdono la loro casa, i senzatetto …E’ possibile che le risorse della terra e i soldi siano mal gestiti?
Non credi che sia arrivato il momento di unirci, di smettere di agire come caproni ? Abbiamo una responsabilità individuale ma anche collettiva e planetaria.
Se la tua risposta é si, puoi scrivere a lidiavit@libero.it o luca@pcinfo.it e ti risponderò. Da parte tua puoi aiutarmi a trasmettere l’informazione al maggior numero di persone possibile. Ti metterò in contatto con altri tra cui Jean-Jacques Crèvecoeur, e altri ancora perché questo movimento prenda piede.
Grazie da parte mia personalmente e grazie a nome di tutti i nostri fratelli e sorelle di questa terra.
Claudia Rainville, medico allopatico, ha trascorso parte della sua vita in uno stato di depressione e male di vivere che l’ha portata a tentare varie volte il suicidio. L’ultima volta ha sperimentato la morte clinica e allora, come lei racconta, è rinata. Dopo quell’esperienza il principale interesse della Rainville è stato quello di scoprire le cause mentali e spirituali della malattia, perché solo guarendo le cause interiori e profonde, la necessità psicologica di soffrire, è possibile guarire definitivamente da ogni male fisico.

Dieci anni di lavoro nel campo della microbiologia hanno fornito a Claudia Rainville il rigore, il metodo d’indagine e di analisi necessari per questa ricerca, durata a sua volta dodici anni. L’esperienza personale della malattia (cancro, mal di schiena cronico, depressione nervosa e una quantità di operazioni) e l’autoguarigione completa che ne è seguita l’hanno condotta a testare con altri la sua convinzione. Secondo Claudia Rainville vi è una correlazione fra sintomo e causa profonda, confermata dal vissuto personale di migliaia di uomini e donne che si sono rivolti a lei per guarire.

Claudia Rainville

Creatrice della Metamedicina, un potente metodo terapeutico che ha già aiutato molte persone nel mondo.

Nota – Ho recuperato questa lettera aperta dell’ottobre 2009 di Claudia Renville, l’autrice della “Metamedicina”, che ho conosciuta anni fa ad un convegno; ho letto i suoi libri, sono illuminanti, una Hammer in gonnella, con aspetti diversi. Questo testo già prevedeva tutto ciò che è successo in questi ultimi due anni. (Franca Oberti)

Commenti disabilitati

Il destino delle cicche per terra…

I tempi moderni cambiano gli uomini e le abitudini. Arrivato all’età di 78 anni me ne accorgo sempre di più. Quando ero ancora un ragazzo di belle speranze ma povero in canna avevo preso il vizio del fumo. Potendo permettermi raramente di acquistare sigarette, anche delle “peggiori” marche (come ad esempio le Nazionali, le Alfa, le Sax…) tutte regolarmente senza filtro, mi ero ridotto ad andare in giro per strada a raccogliere cicche che poi riciclavo fumandole in una pipa oppure arrotolando il tabacco recuperato in “nuove” sigarette. A quel tempo le cicche gettate per strada non portavano grandi danni all’ambiente, erano solo mozziconi di tabacco che alle prime piogge si scioglievano e si mescolavano alla terra (un po’ come succedeva con le deiezioni dei cavalli che ancora numerosi circolavano in città e che contribuivano a “fertilizzare”). Insomma le cicche che raccoglievo erano “ecologiche”, poiché erano tutte senza filtro datosi che in quegli anni non era ancora scoppiata la moda di “salvaguardare” la salute dei fumatori munendo le sigarette di filtri sintetici non biodegradabili, per quello scopo si usavano i bocchini. Con le nuove mode “salutiste” e consumiste pian piano tutte le sigarette (e non solo quelle americane) vennero munite di filtri non biodegradabili e l’abitudine di gettarle per strada ha contribuito ad aumentare l’inquinamento della terra e del mare. Sì perché i filtri vanno a finire nei tombini e da qui ai fiumi a poi al mare (per non parlare di rischi di rovinosi incendi).

Consapevole di tutti questi danni ad un certo punto smisi completamente di fumare. Inoltre quando ancora abitavo a Calcata, visitata da migliaia di turisti fumatori ogni fine settimana, il lunedì mattina mi dedicavo alla raccolta di cicche sulla piazzetta del paese che nessuno altrimenti provvedeva a rimuovere… Stamattina mi è capitato di leggere un articolo postato da un amico su FB che parla proprio del danno delle cicche buttate per terra…

(ANSA) – ROMA, 19 MAG – Ogni anno 4,5 trilioni di mozziconi di sigaretta finiscono nell’ambiente, di questi 14 miliardi se ne contano solo in Italia, mentre nel Mediterraneo rappresentano il 40% dei rifiuti complessivi.
Una vera e propria emergenza contro la quale Marevivo e British American Tobacco Italia scendono in campo con la terza edizione della campagna “Piccoli gesti, grandi crimini”, che ha l’obiettivo di sensibilizzare cittadini e amministrazioni locali sul fenomeno del littering, l’abbandono nell’ambiente non solo di mozziconi, ma anche piccoli rifiuti come bottigliette, tappi e scontrini.
Obiettivo dell’iniziativa è anche la raccolta di dati per capire e prevenire il fenomeno.
La campagna, patrocinata dal Mite, coinvolgerà Trieste (26 maggio-1 giugno), Salerno (24 giugno-1 luglio), Pescara (22-28 luglio) e Viareggio (26 agosto-1 settembre) dove saranno distribuiti 50mila posacenere tascabili e riutilizzabili.
Coinvolte anche due start up italiane: JustOnEarth, specializzata in analisi dei dati e sostenibilità ambientale, che utilizza una sofisticata tecnologia di monitoraggio satellitare; insieme a Rachael, specializzata nell’analisi di indagini demoscopiche integrate con i big data. I cittadini, inoltre, potranno segnalare da smartphone sulla piattaforma dedicata la presenza di mozziconi o piccoli rifiuti.
Informazioni utili alle amministrazioni locali, unitamente al monitoraggio satellitare, per ottimizzare i servizi di pulizia.
In collaborazione con Swg, la campagna rileverà le opinioni dei cittadini sullo stato di pulizia di specifiche zone urbane, sulle principali cause del fenomeno e sull’efficacia delle diverse iniziative anti-littering. (ANSA).

………………….

Commento-integrazione di Vito Nicola De Russis: “Caro Paolo, )
nella mia cronaca del tempo davanti ai tuoi ricordi c’erano le sigarette peggiori “Popolari” (tabacco nero, fumo nero, odore …): costavano poco e ai militari erano (quasi) regalate. A quei tempi, all’estremo opposto alle “Popolari”, la sigaretta migliore assoluta era la “Principe di Piemonte”: costava molto di più, confezione elegante, tabacco quasi bianco, delicata, dolce e profumata, usata dalle donne fumatrici. Tra le due estreme, la più diffusa erano le sigarette “Nazionali”; per le fumatrici .c’erano le “Macedonia” (extra e Oro), dolce e delicate. Con le Sanzioni (causa l’aggressione fascistica italiana agli etiopici; uso di gas) e l’inizio della seconda Guerra Mondiale, il Monopolio di Stato, produce la nuova sigaretta sottoprodotto della citata “Popolare”: le “Milit”. Il regime fascista fece anche questo. Dopo l’8 settembre 1943 arrivano le sigarette americane: regalate dai soldati USA; dal contrabbando di sigarette gestito dalla mafia italo-americana. Tra la fine anni 50anta e inizi anni 60anta, nella legge di adeguamento del salario alle truppe – se ricordo bene – inserirono anche la voce sigaretta e fiammiferi nel quantitativo settimanale.
Buona salute e viva cordialità.” (Vito de Russis)

Commenti disabilitati

Pacifisti in azione e “Pace Proibita” di Santoro & Co. – Atto II

Il Pensiero Unico che domina oggi in Italia, riguardante il conflitto in Ucraina, è non solo autoritario, ma è anche manicheo. Dipinge, come nei fumetti dei Super Eroi, una odiosa Forza Maligna (Putin, assettato di sangue e di impero, che avrebbe deciso di impadronirsi dell’Ucraina e forse anche di tutta l’Europa, come Hitler) contro una valorosa Forza del Bene, ovvero l’innocente popolo ucraino che eroicamente lotta – come i partigiani italiani nel 1943-45 – per la propria libertà e la propria sopravvivenza.
Viene linciato poi, chiunque azzardi una contro-narrativa. Per esempio, queste due:

In realtà, l’aggressione iniziale è stata quella della NATO; l’invasione di Putin è stata soltanto la risposta, per quanto sbagliata e anche tardiva, a quella provocazione. Infatti, Washington, con il suo golpe del 2014 realizzato tramite milizie filo-naziste addestrate nelle caserme NATO in Polonia, ha installato a Kiev un regime che stermina chiunque vi si opponga – giornalisti e blogger ucraini dissidenti (dal 2014, 80 sono stati fatti sparire) ma soprattutto gli ucraini russofoni: 14.000 di loro sono stati uccisi dai miliziani ucraini in questi otto anni di guerra civile ininterrotta. Certo, un’invasione, anche se fatta per fermare un massacro, rimane pur sempre un atto criminale; ma perché l’Europa o l’ONU non sono intervenute prima per fermare quel massacro, mettendo pressione su Kiev?

Gli USA, quale nuova padrona dell’Ucraina, hanno trasformato l’intero paese in una minaccia esistenziale per la Russia, con centinaia di basi o depositi NATO già costruiti (e fatti passare per basi o depositi ucraini) e con decine di missili nucleari NATO di tipo IRBM in arrivo. Questi missili, a lungo vietati in Europa ma che gli USA hanno deciso di installare comunque sulla frontiera ucraino-russa, dopo aver abrogato unilateralmente nel 2018 il trattato che li proibiva, sono un coltello alla gola della Russia perché non è tecnicamente possibile abbatterli, se vengono lanciati da basi così vicine a Mosca. Perciò, tentare un cambio di regime a Kiev attraverso un’invasione, per quanto illegale, poteva sembrare l’unica via per prendere il potere in Ucraina e smilitarizzare il paese. In fondo, è quello che gli USA hanno fatto a Baghdad e a Kabul, senza subire sanzioni o proteste dai paesi occidentali.

Ora di queste due contro-narrative – e di altre simili, che tutte insieme rappresentano l’opinione di una buona parte della popolazione italiana – non si trova traccia in nessun giornale mainstream italiano; non vengono menzionate su nessun canale TV e meno che mai su un canale della RAI.

Non solo, ma non viene dato spazio nemmeno a contro-narrazioni meno controverse, per esempio un semplice appello alla pace e ai compromessi pacificatori invece di proclamare, come fa la narrativa dominante, che solo la vittoria militare possa far cessare le ostilità – cioè, altra guerra per non si sa quanto tempo ancora.

In conclusione, il Pensiero Unico che oggi domina in Italia, non accetta altri discorsi al di fuori del proprio: “Solo con la violenza si può fermare la violenza, punto.” E così, per consentire alla NATO d’installare i suoi missili nucleari in Ucraina, dobbiamo accettare tutti quanti, ubbidientemente, altri mesi di orrori sui campi di battaglia e altri mesi di devastazioni arrecate alle catene alimentari e energetiche mondiali – anche se queste devastazioni rischiano di uccidere più persone fuori dall’Europa, soprattutto in Africa, di quante non ne muoiono in Ucraina.

Per denunciare la pericolosità di questo Pensiero Unico imperante, crudele e autoritario, Michele Santoro, insieme all’attrice Sabina Guzzanti e a Marco Tarquino, direttore del giornale Avvenire, hanno convocato il 17/ 5/2022 una conferenza stampa presso la sede della FNSI (Federazione Nazionale Stampa Italiana) a Roma.

“Dobbiamo far in modo che ci sia davvero un pluralismo di informazioni nel servizio pubblico qui in Occidente,” ha esordito Santoro, “a differenza di ciò che avviene in Russia dove l’informazione è purtroppo monolitica, salvo poche eccezioni. Altrimenti, se rispondiamo al monolitismo loro con un monolitismo nostro, non facciamo altro che ergere un altro muro [di Berlino], una nuova cortina [di ferro].”

“Per fortuna,” ha aggiunto Santoro, esiste nei mass media occidentali qualche eccezione al Pensiero Unico imperante – e sono eccezioni di peso. Negli USA, il Washington Post ha osato rivelare l’esistenza dei soldati statunitensi già da tempo sul terreno in Ucraina, a dirigere le operazioni; in Francia, Le Monde ha osato rivelare le torture inflitte dalle truppe ucraine sui soldati russi fatti prigionieri, violando la Convenzione di Ginevra. Ma in Italia non appare niente di tutto ciò, nemmeno nel servizio pubblico. L’AGCOM (l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) non interviene? Non fa il suo lavoro di garantire un pluralismo di voci? Che intervenga allora il Parlamento, al quale l’AGCOM deve rispondere!”, ha concluso Santoro. “Il Parlamento potrebbe far fare un sondaggio e se scopre che metà o quasi della popolazione italiana è contraria all’invio delle armi, può premere sull’AGCOM in modo che la RAI dia voce, nei dibattiti in TV, a quella metà della popolazione. La comunità di ‘Pace Proibita’ non è e non sarà un partito; ma intende spronare il Parlamento e i partiti ad agire. Se Conte e Letta hanno davvero cambiato linea, ce la facciano vedere nei fatti!”

E’ intervenuto poi alla conferenza stampa il direttore del giornale Avvenire, Marco Tarquino, assolutamente esterrefatto dall’odierno unanimismo e conformismo mediatico. Ha ricordato come “neanche nel 2003, per rastrellare consensi per l’invasione USA dell’Iraq, hanno provato ad arruolarmi come stanno facendo in questi mesi.” E non c’è dissenso che tenga. “Oggi, il pacifismo è diventato un peccato mortale.”

“Certo,” ha aggiunto Tarquino, “quale direttore di testata, ho subìto spesso pressioni per le mie posizioni di uomo di pace. Più volte hanno chiesto la mia testa. Ma mai e poi mai ho visto liste di proscrizione, per eliminare i giornalisti non allineati, come ne ho viste in questi mesi.” Tutto ciò è dovuto alla forte concentrazione delle testate nelle mani di pochi: “dal 2007 a oggi, ha precisato Tarquino, “metà delle testate italiane sono state assorbite o fatte sparire.” Così, oggi, pochi zar decidono la linea di tutte le testate.

“Ma non dispero,” ha concluso. “Come l’acqua alla fine trova i canali nel terreno per scorrere via, penso che la voce del pacifismo possa alla fine trovare i canali per farsi sentire. La serata ‘Pace Proibita’ ne è stato un esempio.”

Infine Sabina Guzzanti ha sottolineato come il monolitismo voluto dagli zar dell’informazione italiani può anche lavorare contro di loro. “La gente si accorge dello scollamento tra quello che vive e quello che viene riportato nei mass media. Il 20 marzo scorso,” ha ricordato, “c’è stata una bella manifestazione a Roma intitolata Insieme per la Pace, che ha riunito figure di spicco del mondo della cultura e dello spettacolo e che ha riempito piazza san Giovanni. Ebbene l’indomani era quasi impossibile trovare un servizio in merito sui giornali mainstream.”

“La gestione [militare] del Covid,” ha concluso Guzzanti, “ci ha purtroppo abituato alla comunicazione istituzionale autoritaria – o ripeti le opinioni espresse da coloro che le istituzioni hanno scelto come esperti, oppure sei un no vax, forse anche un fascista.” Questo modo di imporre per editto decisioni prese sulla nostra pelle, ha aggiunto Guzzanti, “si ripete ora con la questione del coinvolgimento italiano nel conflitto in Ucraina.”

Chiaramente, non è cosi che difendiamo la democrazia in altri paesi, svendendola in casa nostra!

Santoro ha poi ripreso la parola per concludere la conferenza stampa, dicendo ai giornalisti presenti che “l’informazione è libera quando viene percepita come libera” ed è quella percezione che manca oggi. “Il giornalismo – e parlo in generale, non soltanto di quello praticato alla RAI – andrebbe considerato un servizio pubblico.”

Nella stessa maniera, potremmo aggiungere, la stessa informazione andrebbe considerata – e tutelata – come un bene comune.

Purtroppo, solo alla fine della conferenza, Santoro ha ricordato la figura di Julian Assange, il creatore del sito WikiLeaks e il giornalista che ha lottato più di qualsiasi altro perché la parola “pace” non sia proibita in Occidente, svelando gli orrori delle nostre guerre d’aggressione fatte passare per “missioni di mantenimento della pace.”

Qualche parola in più sarebbe stata anche molto appropriata visto che, proprio mentre finiva la conferenza stampa, iniziava un sit-in davanti all’ambasciata del Regno Unito a Roma per chiedere al governo britannico di non consegnare Assange, tuttora imprigionato a Londra, nelle mani di chi aveva complottato per assassinarlo, ovvero il governo statunitense che ha chiesto la sua estradizione.

Patrick Boylan

Fonte: https://www.peacelink.it/pace/a/49148.html

Commenti disabilitati