Archivio Autore

Donald Trump – “Sotto sotto qualcosa silenziosamente si muove..”

“Sotto tutto questo fracasso c’è qualcosa che (silenziosamente) si muove. Potenti interessi economici che supportano con discrezione Trump – lontano dal circo mediatico – sono convinti che questi sia in possesso della mappa per giungere alla vittoria.”.

Hillary Clinton, la Regina del Caos, Regina della Guerra, Donna di Goldman Sachs, in tutti i sensi è il candidato bipartisan dei neocon e dei neoliberalcon statunitensi.

È garantito che tra i suoi sostenitori ci siano Wall Street, i maggiori hedge fund, i tifosi del TPP, gli interventisti del CFR (Council on Foregin Relations), i tycoon.
Ciò lascia Donald J. Trump nella posizione di egocentrico outsider miliardario che in qualche modo sogna di poter gabbare l’intero sistema, con la sola spinta della propria sfrontatezza.

È per questa dinamica che Trump viene demonizzato con fervore medievale dai media statunitensi. Il suo continuo parlare – e tweettare – di sicuro non aiuta, dando l’impressione che questi sia contro tutti 24 ore su 24. Per l’establishment, i suoi miliardi non contano nulla, viene trattato come un reietto. Potrà essere indifferente all’empatia, ma d’altro canto i suoi modi lo portano nelle grazie di vaste schiere di popolazione bianca, infuriata, sulla soglia della povertà e dalla scarsa educazione.

Un rinascimento industriale statunitense?

Sotto tutto questo rumore e questa rabbia, qualcosa (lentamente) si muove. Potenti interessi economici che supportano con discrezione Trump – lontano dal circo mediatico – sono convinti che questi sia in possesso della mappa per giungere alla vittoria. La domanda è se questi riuscirà a controllare il suo comportamento bizzarro fino a raggiungere l’obiettivo.

Il suo messaggio principale, secondo questi sostenitori, dovrebbe girare attorno alla distruzione del comparto industriale statunitense dalle valute manipolate e sulla “distruzione dei salari della popolazione statunitense dovuti all’importazione di lavoro illegalmente economico da nazioni dove gli stipendi valgono una manciata di dollari”.

Il tutto sostenuto da un importante punto di vista bellico. Come sottolineano i sostenitori di Trump “l’Oceano Pacifico non può essere utilizzato per trasportare i componenti fondamentali della nostra industria bellica, nell’eventualità di una guerra contro la Russia o contro la Cina i loro sottomarini silenziosi equipaggiati con siluri anti-nave bloccherebbero i nostri trasporti transoceanici, facendo collassare la nostra industria bellica con conseguenze catastrofiche. Queste industrie e quelle di intel vanno rimpatriate immediatamente, sfruttando i dazi o correttivi al valore della valuta”.

Quindi Trump dovrebbe sfruttare il messaggio che il credito bancario va legato alla ricostruzione della moribonda industria statunitense “che sia alzando i dazi o sfruttando i cambi di valuta”. I sostenitori di Trump opinano che il credito bancario “non dovrebbe essere utilizzato per facilitare la manipolazione dei valori delle borse. Non dovrebbe esserci credito per la speculazione e assolutamente per gli hedge fund. Bisogna sbarazzarsi di questi mezzi speculativi alzando le tasse sugli introiti a breve termine dati dal trading, interrompendo i vantaggi fiscali sui prestiti e bloccando il credito a favore della speculazione. Fare in modo che quella gente si trovi un vero lavoro”.

Tutto ciò, in breve, spiega l’avversione viscerale di Wall Street nei confronti di Trump – da Bloomberg a Lloyd Blankfeins. Chiunque conosca Wall Street sa bene che ogni mercato, ogni bene ed ogni indice viene manipolato da grossi movimenti di fondi. Per come la mettono i sostenitori di Trump di base a New York “Ciò non basta come unica ragione per sostenere Donald J. Trump. Dovremmo fare in modo che i Carl Icahan e i George Soros si trovino un vero lavoro ultratassando i loro profitti derivanti da speculazione. In questa nazione ci servono Henry Ford che creino industrie, non di saccheggiatori di Wall Street, che si arricchiscono come hanno fatto nel 2008, per poi ritrovarsi ad utilizzare il loro peso per far coprire i buchi alla politica, mentre milioni di cittadini venivano buttati fuori dalle loro case”.

Secondo questa tabella di marcia, già bene in vista sulla scrivania di Trump – anche se nessuno sa se lui l’abbia letta tutta, o lo stia facendo un po’ alla volta – la lotta all’immigrazione illegale e alle speculazioni finanziarie in combinazione creerebbe un rinascimento industriale negli USA, per ricostruire tutte le Detroit che stanno andando allo sfascio. Di base la strategia è sostituire milioni di lavoratori immigrati con milioni di disoccupati statunitensi: i sostenitori di Trump credono che il vero tasso di disoccupazione attuale dovrebbe essere un terribile 23%, secondo la Metodologia del Bureau of Labor Statistical del 1955 “a differenza di quanto dicono i falsi metodi moderni”.

Di base è necessario che Trump, se venisse eletto, creasse un partito trasversale, una sorta di coalizione – come già successo al Senato quando Jesse Helms da un lato e John Conyers e Chuck Schumer dall’altra hanno fatto accordi tra loro.

Trump dovrebbe diventare familiare alle idee di economia nazionale di Friedrich List – la cui Lega Zollverein di commercio senza dazi aveva permesso alla Prussia di dare vita alla nazione tedesca.

Alcune delle idee menzionate sono già entrate nel programma economico annunciato da Trump. Ora la parte difficile è che un uomo con un deficit di attenzione, che si muove a colpi di tweet e di frasi ad impatto, deve riuscire a vendere il piano all’elettorato senza distrarsi a litigare con qualcuno mentre lo fa.

In ogni caso Vlad ha già vinto

I sondaggi puntano alla Clinton, ma i sostenitori di Trump “non si fidano dei sondaggi, sono manipolati”.

D’altro canto c’è l’ “isteria russa” in continua evoluzione. Hillary ha paragonato il Presidente Putin ad Hitler. Trump continua a sostenere di essere disposto a fare affari con Mosca – cominciando con un’azione congiunta per sbarazzarsi di ISIS/ISIL/Daesh una volta per tutte.

Perché preoccuparsi? Lo stupidometro che monitora i media negli USA è già schizzato alle stelle, dato che il vincitore delle presidenziali è già stato individuato, e chi potrebbe mai essere se non l’onnisciente Vladimir Putin?

Una fonte vicina ai piani dei Veri Padroni dell’Universo va dritta al punto “per quanto riguarda la Russia, la decisione viene dall’alto, dove è in corso la battaglia. La decisione viene presa sopra le teste di Hillary e Donald, se Hillary verrà eletta le verrà imposto di riprendere i contatti, in caso così venga deciso. Se vincerà Trump è semplice, in caso non venisse eletto allora la mancata elezione verrà utilizzata come catalizzatore per un cambio di politica nei confronti della Russia. La vera guerra è dietro le quinte”.

Così come per le manipolazioni sulle valute “verranno impedite, così come è stato visto Jack Lew dare l’ordine a Germania e Giappone”, la nuova mappa geo-economica – possibilmente sotto Trump punterebbe anche verso la fine della guerra ai prezzi per quanto riguarda il petrolio. Come dicono i sostenitori di Trump “è un obiettivo nazionale degli USA, perché un valore di mercato più alto renderebbe gli Stati Uniti stessi indipendenti dal punto di vista energetico. Ciò è parte significativa della rivoluzione di Trump”.

Secondo fonti vicine alla Casa di Saud, Sauditi e Russi sono già coinvolti in pre-negoziazioni complicatissime sulla possibilità di veicolare il prezzo del greggio fino ai 100 dollari al barile “ci dovrebbero essere abbastanza interessi reciproci tra i Sauditi traditi dagli USA governati dai neocon, e che da questi potrebbero essere distrutti, e i Russi che vogliono prevenire questa eventualità”.

Una fine della guerra sul prezzo del petrolio è qualcosa su cui il Pentagono non si potrebbe pronunciare. Come fa notare un sostenitore di Trump “è negli interessi del complesso militare/industriale raggiungere l’obiettivo di una totale indipendenza energetica e rimpatriare tutte le industrie belliche sul territorio nazionale”.

Se si paragona questa eventualità al match di wrestling 24 ore su 24 che viviamo sembra di essere Alice nel Paese delle Meraviglie. Non ci sono prove che questo programma tanto ambizioso – e controverso – possa essere venduto agli strateghi di JP Morgan o ai fratelli Koch. Trump che crea un partito trasversale o addirittura un movimento che trascenda i partiti potrà funzionare solo se membri di peso delle elite di potere lo sosterranno, altrimenti è impossibile che ciò accada.

Ciò che continua senza sosta è una campagna di disinformazione di massa – un bel remix delle valanghe antisovietiche della prima guerra fredda. La Macchina dei Media della Clinton sta addirittura attaccando Michael Flynn, ex capo della DIA, che supporta Trump. Di fondo Trump aveva ragione quando aveva sostenuto che Obama e la Clinton erano fondatore e co-fondatore dell’ISIS/ISIL/Daesh. Esattamente ciò che Flynn ha ammesso in quella famosa intervista in cui affermava che l’espansione del finto Califfato era stata una “decisione volontaria” presa a Washington.

Il succo, per come stanno le cose, è che Trump non sta raccogliendo abbastanza denaro per controbilanciare l’incredibile macchina dei soldi della Clinton. Ora arriva davvero il momento in cui questi non deve fare prigionieri per avere il massimo della visibilità – mentre spiega la tabella di marcia economica sopracitata, un tweet alla volta.

Ovviamente ci sarà una sorpresa – ad ottobre o anche in un altro momento. Nulla è stato deciso – per ora. Coningsby di Disraeli non avrebbe potuto essere più appropriato “Vedete, mio caro Coningsby, il mondo è governato da personaggi molto differenti da quelli che si immaginano quelli che non sono dietro le quinte”.

Pepe Escobar,

autore di Globalistan: How the Globalized World is Dissolving into Liquid War (Nimble Books, 2007), Red Zone Blues: a snapshot of Baghdad during the surge (Nimble Books, 2007), e Obama does Globalistan (Nimble Books, 2009). Può essere contattato apepeasia@yahoo.com.

Fonte: http://russia-insider.com/

Link: http://russia-insider.com/en/politics/could-trump-pull-post-party-coalition/ri16057
Fonte italiana: comedonchisciotte.org – autore della traduzione FA RANCO.

Commenti disabilitati

Rincretinimento di massa, karma pesante, inferenze di una guerra remota, l’illusione del denaro, ora è tempo di rivoluzione, risvegliati a te stesso…

Il Giornaletto di Saul del 25 agosto 2016 – Rincretinimento di massa, karma pesante, inferenze di una guerra remota, l’illusione del denaro, ora è tempo di rivoluzione, risvegliati a te stesso…

Care, cari, ogni giorno i mezzi di rincretinimento di massa ripetono fino alla noia che il “problema più grave dell’Italia è l’evasione fiscale”, e che “se tutti pagassero le tasse i contribuenti pagherebbero molto meno”. In verità più lo Stato idrovora preleva a forza soldi dalle tasche dei contribuenti e più ne scialacqua in spese totalmente inutili e improduttive… (Paolo Sensini)… – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/08/24/piu-questo-stato-preleva-a-forza-soldi-dalle-tasche-dei-contribuenti-e-piu-ne-scialacqua-in-spese-totalmente-inutili-e-improduttive/

Karma pesante – Scrive Roberto Pegorin a commento dell’articolo http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/08/karma-pesante-ed-elettroshock-psichico.html -: “E se il mondo a ” loro immagine” non secondo la ” volontà di Dio” non fosse altro che la polarità che Dio stesso ha voluto x poter dare all’uomo la possibilità di scelta? Saul, non ho capito se questo post lo condividi o meno?”

Mia rispostina: “Condividi in che senso? Se intendi nei contenuti, direi di no. Lo riporto per “dovere di cronaca alternativa”. Per me queste riportate sono illazioni fanta-religiose-politiche che comunque possono servire a farci sopra qualche riflessione…”

Treia. Pochi i danni dal sisma… – stamattina, 24 agosto, visto che non avevamo dormito come al solito per via del terremoto, siamo andati di buon’ora a far colazione al solito baretto. Già per la strada abbiamo incontrato diverse persone che commentavano i fatti, ognuno sembrava volesse riferire la sua esperienza. Da parte nostra avevamo poco da lamentare, solo qualche sportello aperto, un po’ di polvere caduta dal soffitto, qualche libro spostato in libreria. Giunti in piazza, Giovanna, che era lì a scopare attorno ai tavoli, ci ha raccontato della sua fuga, lei e tutta la famiglia, che sono saliti in macchina e si sono allontanati dal paese per paura che qualche cornicione pericolante si staccasse e piombasse sulla loro testa. Anche Nazareno sembrava alquanto eccitato, la sua abitazione si trova a fianco del Mercato Coperto, che è stato transennato per la caduta di alcuni calcinacci, ma niente di grave… – Continua: http://treiacomunitaideale.blogspot.it/2016/08/terremoto-del-24-agosto-2016-treia-se.html

Ripropongo un articolo molto interessante che abbiamo pubblicato 2 anni fa sulle modificazioni delle zolle tettoniche e sulle cause dei continui terremoti a cui l’Italia è soggetta http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/01/litalia-trema-ancora-placche-tettoniche.html -. Scrive Gabriele La Malfa: “Un geofisico olandese ci informa che le forze tettoniche del Mediterraneo stanno modificandosi. Tutto questo è risaputo scientificamente ed è dato per scontato: la zolla africana continua a spingere verso nord e scivola sotto la zolla europea…” – Continua al link segnalato

Inferenze di una remota guerra nucleare – Da alcune anomalie registrate in due siti archeologici indiani, Harappa e Mohenjo-Daro e dall’ultima scoperta a Jodhpur, nonché dagli scritti di antiche opere letterarie di diverse migliaia di anni fa, come il Mahābhārata, sembrerebbe proprio che NEL LONTANO PASSATO SULLA TERRA CI FU UNA GUERRA NUCLEARE (o qualcosa di simile ndr)… – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/08/24/cicli-ricorrenti-e-inferenze-di-una-remota-guerra-nucleare/

Napoli. Passi verso l’auto-organizzazione popolare – Scrive Resistenza: “Il 30 luglio 2016, nell’ambito della Festa della Riscossa Popolare, si è tenuto il tavolo tematico “Organizzarsi nelle aziende, coordinarsi sui territori. Quando le organizzazioni operaie e popolari diventano nuove autorità pubbliche” a cui hanno partecipato operai e lavoratori di aziende capitaliste e pubbliche e disoccupati organizzati. Il tavolo ha favorito il confronto e lo scambio tra esperienze di lotta, di organizzazione sindacale e di autorganizzazione del lavoro, partendo dallo specifico dei contesti in cui i presenti lavorano e/o agiscono. Info. resistenza.pcarc@rocketmail.com”

L’illusione del denaro – Scrisse Osho: “I soldi sono il simbolo del futuro. Perché si accumula denaro? Per il futuro. Il denaro è futuro, futuro nascosto. Per questo le persone che non vivono nel presente si aggrappano sempre al denaro. Possono permettersi di perdere l’amore, ma non di perdere soldi, perché l’amore non è una promessa per il futuro. Può andare bene adesso, ma che cosa farai quando sarai vecchio? Sii avaro, accumula soldi, perché in futuro ti sarà utile…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/08/lillusione-del-denaro-proiettata-nel.html

Roma. Neuropsicofisiologia – Scrive M. Salvadore: “I.S.N. e Università San Paolo apostolo di Roma promuovono il Corso di Formazione in Neuropsicofisiologia, che è un metodo scientifico unico al mondo, in quanto elimina dalla ricerca la validazione statistica e inserisce il principio causa/effetto. Info. isn.npf@gmail.com”

Ora è tempo di rivoluzione – Scrive Babaji: “Più tardi sarete i messaggeri della pace, ma ora della Rivoluzione. La Rivoluzione è in corso in tutto il mondo, dobbiamo dare ispirazione alla gente da qui. Voi siete i messaggeri della Rivoluzione: più tardi sarete i messaggeri della pace, ma ora della Rivoluzione. ..” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/08/24/il-messaggio-di-babaji-da-herakhan-la-rivoluzione-non-puo-piu-attendere/

Canzo. No alla Fera di usei – Scrive Freccia 45: “Le associazioni animaliste comasche e lecchesi hanno organizzato per il 28 Agosto 2016 dalle ore 09:00 alle ore 17:00 un Presidio aCanzo (Co) al Palazzetto dello sport, piazza Giovanni XXIII contro la “55° FERA DI USEI”, rassegna di caccia, animali da cortile, dimostrazione di chioccolo, tiro con carabina, falchi e falconieri, mostra di cani da caccia, prova di cani da ferma su quaglie, mostra trofei ungulati. Info. ufficiostampa@freccia45.org”

Linee guida per la salute – Scrive Arpat: “Il 21 giugno 2016 sono state presentate a Roma, presso l’Auditorium del Ministero della Salute, le “Linee Guida per la Valutazione di Impatto sulla Salute” (VIS) elaborate all’interno del progetto “Tools for Health Impact Assessment – t4HIA”, finanziato dal Centro per il Controllo e la prevenzione delle Malattie (CCM) del Ministero della Salute e…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/08/linee-guida-per-la-valutazione-di.html

Damasco. Appello dei Patriarchi cristiani – Scrive Patriarcato Unito: “The Three Patriarchs residing in Damascus: His Beatitude John X, Greek Orthodox Patriarch of Antioch and All the East, His Beatitude Gregorius III Lahham, Melkite Greek Catholic Patriarch of Antioch and All the East, Alexandria and Jerusalem and His Holiness Mor Ignatius Aphrem II, Syriac Orthodox Patriarch of Antioch and All the East and the Supreme Head of the Universal Syriac Orthodox Church have issued the following Appeal to the International Community demanding the countries of power to stop the siege and lift the international sanctions on Syria…”

Risvegliati a te stesso – Diceva Ramana Maharshi: “Tu ed io siamo la stessa cosa. Quel che io ho fatto è sicuramente possibile per ognuno. Tu sei il Sé, in questo momento, e non puoi mai essere altro. Getta al vento le tue preoccupazioni, guarda dentro di te e trova la Pace!” Ed ancora: ”Conosci la tua mente, per non farti imbrogliare dalla mente”. Vedi quante immagini appaiono in un sogno, quanti personaggi che si cercano e si sfuggono, che si amano e si odiano? Ma il sognatore è uno solo… – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/08/risvegliati-te-stesso-maestro-e-colui.html

Forse usciamo anche domani, chissà? Ciao, Paolo/Saul

………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“La disposizione d’animo di un samurai è questa: in caso di attacco, portarsi in prima linea: nella ritirata, collocarsi tra le più remote retrovie” (Hagakure)

Commenti disabilitati

Più questo Stato preleva a forza soldi dalle tasche dei contribuenti e più ne scialacqua in spese totalmente inutili e improduttive…

Ogni giorno i mezzi di rincretinimento di massa ripetono fino alla noia che il “problema più grave dell’Italia è l’evasione fiscale”, e che “se tutti pagassero le tasse i contribuenti pagherebbero molto meno”. Mostrano invece meno solerzia nel ricordare alle platee televisive che negli ultimi 15 anni l’attività della Guardia di Finanza contro gli evasori ha portato “a galla” quasi 506,5 miliardi di euro.

Nel solo 2015 le fiamme gialle hanno rastrellato 61 miliardi di euro di imponibile, un risultato mai raggiunto in passato. Ebbene, considerata l’enormità di un simile malloppo, risulta a qualcuno che il carico complessivo della tassazione sia nel frattempo diminuito? Oppure che questi salassi operati da Guardia di Finanza ed Equitalia, per di più fatti durante una crisi sistemica di proporzioni mai viste prima, abbiano favorito la diminuzione del debito pubblico? Niente affatto: le tasse non sono mai state così alte come oggi, sfiorando picchi di oltre l’80% di prelievo fiscale, e il debito pubblico è salito con Renzi in questi giorni alla cifra record di 2.250 miliardi di euro.

La morale che se ne ricava è dunque una sola: più lo Stato idrovora preleva a forza soldi dalle tasche dei contribuenti e più ne scialacqua in spese totalmente inutili e improduttive. Senza ripianare peraltro alcun debito pubblico, che anzi è lievitato fino a cifre mostruose. Per non parlare poi di tutto il resto…

Paolo Sensini

Commenti disabilitati

Cicli ricorrenti e inferenze di una remota guerra nucleare…

Lunario Paolo D'Arpini 24 agosto 2016

…delle antiche civiltà scomparse me ne sto occupando da tempo. Da quando cioè andai ad abitare a Calcata, infatti tanti anni fa sotto l’ascendente di sensazioni e messaggi dall’inconscio, percepii quello che realmente Calcata era stata ed il suo ruolo nelle trame primigenie della vita nella società umana. E’ come se gli antichi spiriti della valle del Treja, il genius loci, mi parlassero per confidarmi dei segreti rimasti per troppo tempo nascosti. A dire il vero la verità su Calcata e sull’antichità della civilizzazione falisca ad essa collegata mi era stata svelata già con il libro dell’archeologo Potter che negli anni ’60 fece una grande campagna di scavi su Narce, riscontrando le vetustà del sito. In un’altra occasione ricordo la visita di Marcello Creti, un sensitivo che viveva a Sutri, il quale mi raccontò di una antica civiltà Antalidea che aveva trovato rifugio qui a Calcata, attenzione non si tratta dei rifugiati di Atlantide bensì di un’altra mitica popolazione di “prima che nascessero gli dei”, secondo lui di origine extraterrestre. E con Marcello Creti andammo in giro nella Valle del Treja in cerca di reperti, egli credeva fermamente nell’esistenza di queste popolazioni misteriose, dotate di ampie conoscenze scientifiche, che poi per strani motivi scomparvero dalla faccia del pianeta. Ed in alcune occasioni trovammo grotte in cui sembrava che vi fossero delle tracce degli antichi abitanti pre-umani”
(Paolo D’Arpini)

Da alcune anomalie registrate in due siti archeologici indiani, Harappa e Mohenjo-Daro e dall’ultima scoperta a Jodhpur, nonché dagli scritti di antiche opere letterarie di diverse migliaia di anni fa, come il Mahābhārata, sembrerebbe proprio che NEL LONTANO PASSATO SULLA TERRA CI FU UNA GUERRA NUCLEARE (o qualcosa di simile ndr).

Entrando nel merito, le due antiche città della Valle dell’Indo: Harappa e Mohenjo-Daro (che si fanno risalire a una decina di migliaia di anni fa), scoperte accidentalmente appena lo scorso secolo, mostrarono subito agli archeologi aspetti particolari, differenti da altri siti archeologici indiani. I mattoni in terra cotta e i resti di vasellame mostravano segni di vetrificazione, fatto questo riscontrabile nei materiali esposti a temperature di migliaia di gradi Celsius. Non solo, ma in questi due siti si registra ancora una certa radioattività nel terreno. Per fortuna su queste aree archeologiche non ci sono centri abitati, quindi, il rischio di contaminazione è relativo. Questo invece non accade a 18 Km da Jodhpur, una popolosa città del Rajasthan, una regione vicina al Pakistan. Tutto nasce da un progetto per la costruzione di una vasta lottizzazione edilizia. Quando gli operari hanno iniziato a scavare le fondamenta delle case, a circa un metro di profondità, è apparso un consistente strato di ceneri pesanti; ceneri che hanno cominciato a creare problemi alla salute degli operai. Sono intervenute le autorità sanitarie e per loro grande stupore hanno registrato nella zona un tasso molto elevato di radioattività. Questa scoperta ha messo subito in rilievo l’alta incidenza di malattie, in particolare tumori, della zona. A quel punto il governo indiano ha bloccato gli scavi e isolata tutta l’area.

Gli archeologi nel frattempo hanno individuato i resti di un antichissimo insediamento umano, calcolato intorno a 9.000 anni prima di Cristo; insediamento che come Harappa e Mohenjo-Daro, presentava fenomeni di vetrificazione causati probabilmente da qualche evento che ha prodotto nel lontano passato temperature elevatissime, capaci di fondere anche la pietra. Questi archeologi, in una recente conferenza stampa, non hanno esitato a paragonare l’accaduto di quest’area con quanto avvenuto nel 1945 a Hiroshima e Nagasaki.

Gli studiosi degli antichi testi indù a questa scoperta hanno aggiunto le loro conclusioni e cioè che quanto scritto, soprattutto nel Mahabharata, non è frutto di “fantasie” dell’epoca.

Ma cosa dice questo antico testo indiano? Il Mahabharata, scritto nell’antica lingua sanscrita? Descrive un’esplosione catastrofica che sconvolse il continente. Si legge, infatti, “Un unico proiettile caricato di tutta la potenza dell’Universo … Una colonna incandescente di fumo e fiamme, brillanti come 10.000 soli, s’innalzò in tutto il suo splendore … era un’arma sconosciuta, un fulmine di ferro, un gigantesco messaggero di morte che ridusse in cenere un’intera razza. I cadaveri erano così bruciati da essere irriconoscibili. I capelli e le unghie caddero, il vasellame si ruppe senza alcuna causa apparente, e gli uccelli diventarono bianchi. Dopo poche ore, tutti i cibi erano infettati. Per uscire da quel fuoco, i guerrieri si gettarono nel fiume.”

Lo storico Kisari Mohan Ganguli asserisce che gli antichi scritti sacri indiani sono pieni di eventi catastrofici prodotti da armi sconosciute dotate di una potenza simile a quelle nucleari che noi oggi conosciamo. Nel Drona Parva, un capitolo del Mahabharata, si parla chiaramente di battaglie in cielo condotte da “carri volanti”, i Vimana, che si combattevano con “fulmini e tuoni”. Il capitolo dell’opera sacra si conclude descrivendo l’uso di armi dalla immane forza distruttiva che provocarono alla fine la totale distruzione di interi eserciti.

L’archeologo Francis Taylor aggiunge che le raffigurazioni in bassorilievo, in alcuni templi sempre nel Rajasthan, da lui interpretate, mostrano personaggi intenti a pregare al fine d’essere risparmiati dalla grande luce, che stava per portare rovina sulle loro città. -“E’ abbastanza incredibile”, afferma Taylor, “immaginare che qualche civiltà possedesse la tecnologia nucleare prima di noi. La cenere radioattiva trovata a Jodhpur aggiunge credibilità agli antichi scritti indiani che solo oggi comprendiamo parlano di un’antichissima guerra atomica”.

In conclusione, sulla base di queste scoperte e rivelazioni, dobbiamo cominciare a rivedere con più attenzione quanto descritto in tutti i testi antichi giunti fino a noi, come quelli indiani. Forse anche le due opere di Platone: il “Crizia e il ” Timeo”, che parlano della distruzione di Atlantide, forse non sono solo frutto di fantasie del filosofo greco, ma cronache di fatti realmente accaduti.

Sabatino Moscati, l’archeologo “illuminato”, morto alcuni anni fa, un giorno “oso” dire che la storia dell’umanità andava riscritta e retrodatata di molti migliaia di anni. Questa sua affermazione scandalizzò i grandi “dotti” della scienza e causò il suo allontanamento dalla casta degli archeologi baroni. Qualche anno dopo, però, si scoprì in Turchia Çatal Hüyük , una città già organizzata di 8.000 anni più vecchia di Cristo, più antica di Gerico. Questa scoperta ridisegnò i confini temporali sulla nascita delle prime civiltà dell’uomo, che prima di allora si attribuivano a 5.000 anni fa. Sabatino Moscati aveva avuto ragione. Ma la cosa non finì lì, nuove scoperte mandarono definitivamente in soffitta i vecchi testi di storia tanto cari ai “dotti” della scienza di allora. Il colpo finale ai dogmi di questi saccenti arrivò alcuni anni fa quando si scoprì che la mitica popolazione andina, conosciuta dai popoli incaici come i “guerriere delle nuvole”, presente nel nord del Perù già 2000 anni fa, era di origine europea. Sabatino Moscati aveva vinto la sua battaglia contro i baroni della scienza. Cadute le barriere della scienza conservatrice e grazie alle nuove tecnologie, ogni giorno scopriamo qualcosa di nuovo e più antico anche rispetto alle grandi civiltà Sumera ed Egizia. Ci si avvicina sempre di più verso la scoperta di presenze sul nostro pianeta di civiltà antichissime e tecnologicamente evolute, scomparse per motivi naturali o perché autodistruttesi; civiltà dimenticate che forse riusciranno a gettare una nuova luce sulla storia dell’uomo sulla Terra.

(Fonte notizie: Accademia Kronos)

Commenti disabilitati

Fate riserve d’acqua e di cibo, cannibalismo azteco, essere ebrei e laici, distruttività umana, Ildegarda di Bingen, qualità della vita, karma pesante…

Il Giornaletto di Saul del 24 agosto 2016 – Fate riserve d’acqua e di cibo, cannibalismo azteco, essere ebrei e laici, distruttività umana, Ildegarda di Bingen, qualità della vita, karma pesante…

Care, cari, ultime notizie dal baretto di Treia. Sui soliti giornalacci del potere, in particolare su Il Messaggero, è riportata la notizia in cui in alcuni stati esteri, in particolare Francia e Germania, si invita la popolazione a fare incetta di acqua potabile e cibarie, sufficienti per almeno 10 giorni (se non di più), a causa di probabili “sconvolgimenti” che sono attesi a breve. È la prima volta che le notizie catastrofiste vengono diramate direttamente dai media mainstream si vede che qualcosa di grosso bolle in pentola. Anche su internet circolano appelli all’incetta di cibo e bevande… – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/08/23/ultime-notizie-dal-baretto-di-treia-alegher%C2%A0alegher%C2%A0che%C2%A0el%C2%A0bus%C2%A0del-cu%C2%A0le-negher/

Ancona. Giochi sulla spiaggia con i cani – Scrive Luciana De Nigris: “Vi aspettiamo domenica 28 agosto 2016, dalle 15 in poi, per un pomeriggio “IN RIVA AL MAR” a Palombina di Ancona (stabilimento n 20 ), con tanti giochi, laboratori, animazione per i vostri bimbi e giochi per i vostri pelosi…. – Info. 3349272234”

Cessapalombo. Da Palazzo Simonelli vi scrivo… – Scrive Caterina Regazzi: “Il 22 agosto 2016, io e Paolo siamo stati in un angolo di paradiso: Palazzo Simonelli di Cessapalombo. Era tanto che lo sentivo nominare, da Sonia Baldoni e da altri che c’erano stati per eventi vari, e qualche mese fa Paolo ha ricevuto l’invito da Antonello Andreani, che coraggiosamente lo gestisce, a partecipare, in veste di relatore, a nome del circolo vegetariano di Treia, alla “Settimana dei raccoglitori di erbe” che si sarebbe tenuta, appunto, dal 22 al 28 agosto di quest’anno…” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/08/23/cessapalombo-da-palazzo-simonelli-vi-scrivo/

Villa Guardia. L’isola che c’è – Scrive Tra Terra e Cielo: “Quasi 200 espositori (compresi noi di Tra Terra e Cielo!) organizzano incontri, dibattiti, seminari, laboratori di autoproduzione, degustazioni, mostre e allestiscono stand. La Fiera, da gustare con calma, con molta calma. Sabato 17, dalle 10 alle 23, e domenica 18 settembre 2016, dalle 9 alle 23, presso il Parco Comunale di Villa Guardia (Via Varesina), in provincia di Como. Info. segreteria@traterraecielo.it”

Riflessioni sulla distruttività umana – Scrive Romeo Lucioni: “Cari amici, le vacanze hanno portato a liberare tempi di meditazione che ora ci portano a fare considerazioni che sicuramente sono in tutti voi da sempre e che aspettiamo per diffondere in favore di una “civiltà nuova” che ci porti a godere di una serenità che ci meritiamo ma che fa fatica ad emergere…. abbiamo bisogno tutti di scambiarci opinioni e idee per poter finalmente capire cosa non va in questo mondo tanto martoriato e martirizzato…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/08/23/riflessioni-estive-sulla-distruttivita-umana-in-attesa-di-conferme/

Europa sfigata – Scrive Pietro Ancona: “Finora l’Europa ha provocato la fine della grande Jugoslavia esempio fantastico di convivenza inter-etnica fino a quanto Woitila e gli Usa decisero di sfasciarla, la nascita del Narcostatarello Kossovo, il colpo di Stato in Ucraina per molestare la Russia. La morte per fame di migliaia di bambini greci…”

Qualità della vita urbana – Scrive Cittadinanzattiva: “Come riportato in diversi studi, nei centri urbani europei si concentra oltre il 60 % della popolazione che si aspetta una qualità della vita quanto più alta possibile: il che passa anche attraverso una mobilità che possa essere sostenibile per tutti. Ad oggi, purtroppo, il traffico, il livello di incidentalità, le emissioni inquinanti, un trasporto pubblico non rispondente alle esigenze dei cittadini, il degrado delle aree urbane e il consumo di territorio ostacolano questo obiettivo…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/08/cittadinanzattiva-si-mobilita-per-la.html

Mossette finanziarie anti-italiane – Scrive V.Z.: “Alla fine degli anni ‘70 era iniziata la liberalizzazione dei flussi di capitale, prima vincolati a divieti e limitazioni di esportazione, col catastrofico risultato di avere generato delocalizzazione d’impresa e ricattabilità dei lavoratori, quindi conseguente costruzione dell’economia a credito, da cui crisi e guerra imperialista. Assieme a compressione del rapporto salario-produttività, scorporo e privatizzazione della Banca d’Italia, ingresso e uscita SME, perdita di ogni sovranità monetaria, fino alla catastrofe dell’euro che anellando il mercato valutario e la politica del cambio affossa l’Italia. Coincidenza interessante, tutta questa storia iniziò alla fine degli anni ‘70, ovvero dopo l’omicidio Moro. Quello che aveva emesso i biglietti di stato (le 500 lire del “mercurio alato”). E che era stato minacciato da Kissinger…”

Karma pesante – Scrive Marco Bracci: “La Terra è il pianeta dove le anime, incolpatesi con la “caduta” e successivamente sempre più, vengono a incarnarsi per sciogliere le proprie colpe… Le anime incarnate sulla Terra, sono la fonte di energia degli avversari di Dio, coloro che lottano fino all’ultimo per raggiungere il loro obiettivo (che originò la caduta) di creare un universo a loro immagine e non secondo la volontà di Dio. Quindi tentano in ogni modo di portare sulla Terra il loro Regno, vale a dire il loro NWO, il Nuovo Ordine Mondiale…” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/08/karma-pesante-ed-elettroshock-psichico.html

Commento di B.M.: “E’ tuttora in corso un “esperimento”, che non ha precedenti nella storia moderna. Questo “esperimento” (è la prima volta che il termine appare a quei livelli) è realizzato da un pugno di uomini, cioè i “banchieri centrali”. I quali si sono ben guardati fino ad ora dal comunicarlo ai miliardi di persone che ne subiscono le conseguenze. E’ qui palese che costoro hanno un potere sterminato e potenzialmente mortifero, e lo esercitano al di fuori di qualsiasi criterio umano…”

M5S. Uscire dall’Euro – Scrive Ansa: “Roma, 23 agosto 2016 – “Noi (movimento 5 Stelle) se in questo momento fossimo al governo usciremmo dall’euro, perché la moneta unica penalizza i Paesi poveri, i Paesi deboli, e noi lo siamo, lo dobbiamo ammettere”. Così NICOLA MORRA, capogruppo al Senato Movimento 5 Stelle…”

Firenze. Libraria – Scrive Diadema: “Il 16 settembre 2016 a Firenze, presso la Libreria Salvemini, presentazione del libro “Ildegarda di Bingen, ieri, oggi e domani” di Marie Noelle Urech. In che modo le intuizioni e la spiritualità di una mistica medievale possono influenzare la vita degli uomini del III millennio? La divulgazione delle opere scientifiche, teologiche e musicali di Ildegarda di Bingen…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2016/08/firenze-16-settembre-2016-ildegarda-di.html

Italia. Finanza insana – Scrive Giorgio Mauri: “Questo mondo che non funziona, fatto di economia “fittizia”, legata a una finanza insana, si regge sui favori a una ridottissima classe di privilegiati tra cui vanno contati i venduti per eccellenza, i giornalisti al soldo del padrone. Gente come Mieli, che apre la bocca solo per assecondare il potere, costituisce una piaga sociale, ma è la norma in tutta Europa, per non parlare di oltreoceano!”

Cannibali per convenienza – Scrive D.V.: “La società Azteca era l’unica tra le grandi società di tipo statale a praticare il cannibalismo, dove per cannibalismo è da intendersi il consumo socialmente accettato di carne umana stante la disponibilità di altri cibi. Ma cosa li spingeva a tale pratica? Bisogna innanzitutto mettere in chiaro che il cannibalismo è un sottoprodotto della guerra guerreggiata: altrimenti detto, non si va in guerra per procurarsi carne umana, ma si mangiano i prigionieri…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/08/memoria-trucida-agli-atzechi-conveniva.html

Commento di Gianni Donaudi: “Mi sembra che Evola riconosca nei precolombiani “qualcosa di Solare e di Aquilino” . Recentemente in Perù è stato fondato un movimento popolare che si rifà direttamente agli INCAS.” – Continua in calce al link

Ebrei e laici – In fondo anche io sono mezzo ebreo ma non mi perito di criticare ogni insulsaggine da qualsiasi parte provenga, anzi se proviene dalla parte ebrea sono ancora più critico e “cattivo”. E questo è normalissimo poiché in fondo lo faccio per difendere la “categoria”, evidenziando sempre la distinzione netta che esiste fra l’ebraismo originario e l’ebraismo di comodo (ad esempio dei kazari e dei sionisti).
Insomma la mia laicità, tutto sommato, giova alla causa della verità universale… – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/08/essere-ebrei-volte-aiuta-se-si-e-anche.html

Commento di Guido Dalla Casa: “Il rabbino di New York chiese ad Einstein: “Ma lei crede in Dio?” La risposta dello scienziato: Credo nel Dio di Spinoza, che si manifesta nell’armonia di tutte le cose, non in un Dio che si occupa delle azioni e del destino degli uomini”

Ieri sono stato un po’ malandato e non ho potuto curare a modo il Giornaletto, pazienza… Stamattina presto, era ancora buio saranno state le cinque, ho sentito scuotere il letto in due scosse ravvicinate. Pensavo lì per lì che fosse la cagnetta Magò che si grattava e che sbatteva sulle gambe della rete, poi ha telefonato Valeria, la cugina di Caterina, per sapere come stavamo e così ho realizzato che le scosse erano dovute al terremoto. Dopo un po’ ha telefonato anche mio figlio Felix. Abbiamo scoperto che l’epicentro delle scosse sismiche è stato a Rieti, spero che nessuno dei nostri amici della Sabina abbia subito danni. Con Caterina abbiamo poi riflettuto come nella vita tutto è caduco e non si sa mai quel che può succedere… Ciao, Paolo/Saul

…………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Nothing can make you happier than you are. All search for happiness is misery and leads to more misery. The only happiness worth the name is the natural happiness of conscious being.” (Nisargadatta Maharaj)

Commenti disabilitati