Archivio Autore

USA. Back to Far West – Donald Trump and the wild ride…

I watched Donald Trump’s inaugural speech with three other housemates and none of us were impressed. He’s living in another age – I see Trump trying to hang on to the long passed time of American military supremacy and economic domination. One last gasp before the US empire crashes under the weight of its own hypocrisy and contradictions.

He said a few things that were decent but one must question them as pure political rhetoric as just a quick review of his cabinet appointments (full of corporate operatives) strongly undercuts his claims that he will return the power to the people that the ‘elites in Washington’ have unfairly taken from them.

Trump blames other nations (especially China) for ’stealing our jobs’ but we all know that it was the absolute greed of the corporations that drove them to close production plants across America and move jobs to places overseas where labor was cheaper and environmental regulations were virtually non-existent. Just look at the air quality in India and China for example. Now in order to ‘bring those jobs home’ Trump, and the right-wing dominated Congress, want to finish turning the US into a third-world dictatorship where ‘regulations on the job creators’ are a thing of the past.

Trump will likely finish off what little good will might still exist toward America around the globe. The inevitable collapse of the US imperial project will now accelerate.

Obama often fooled many people overseas (and at home) with his slick talk and friendly demeanor – even while he was dropping bombs on Libya as he did just the day before Trump took his oath of office. Donald Trump won’t be able to pull off that magic trick so easily.

I believe the key organizing strategy in the coming four years on an international level will be to utterly reject US leadership on virtually every issue – from climate change to NATO and beyond. The world must isolate the US as a reactionary and undemocratic rogue state. Protests around the world should not just focus on Trump but on the US imperial project that is now totally committed to global domination for the benefit of corporate interests. Concern for the people of the world or the environment is off the table in Washington. Democracy is a meaningless word now.

The people of the world must demand that their leaders completely reject the US as a role model or a voice of reason.

This corporate take over of the US government runs far deeper than Trump. He is not an aberration from the norm – Trump represents the norm in Washington. We are now ruled by Christian fundamentalism (the American Taliban), an economic expansion ideology that has no concern for the planet, and a military ethic that carries with it strong Puritan evangelical strains. Greatness only means domination – of everything.

For those of us living here in America we must not restrict our protests to calling out Trump. We must recognize how the Democrats regularly collaborate with the right-wing reactionary corporate forces. Just days ago in the US Senate 12 Democrats joined with Republicans to kill a bill that would have allowed American citizens to purchase cheaper medicines from Canada. The Democrats support swung the vote to satisfy the interests of big pharma. In the US we must see that we don’t have a legislative solution to our problems as the corporations have the government under lock down and they have the key$.

Public protest and non-violent civil resistance in the tradition of Gandhi, ML King, and Dorothy Day are where we must move now – collectively as a nation.

In Washington we now have the classic definition of fascism – the wedding of government and corporations. It would have been the same story if Hillary Clinton had been elected. She would have been more ’sophisticated’ and not come across quite as brash and impolite as Trump does. That would have been enough for many Americans – to them it is no problem that we rule the world just as long as we do it with a reassuring smile. Trump has broken that mold.

Folks had better hang on because this is going to be a wild ride. Victory will not come to those who think that building support for their single-issue agenda is the way out of this dark moment. The old business model of every organization fending for itself won’t work any more.

Only by connecting all the dots and working to build a broad and unified movement across the nation – linked with our friends internationally – can we put the brakes on this fall over the cliff that the new corporate government in Washington is pushing us toward.

We need to create a unified positive vision such as converting the military industrial complex to build solar, wind turbines, commuter rail systems and more. This would serve the interests of labor, environmental groups, the unemployed, and the peace movement. A win-win for all.

Bruce K. Gagnon
Coordinator
Global Network Against Weapons & Nuclear Power in Space
PO Box 652
Brunswick, ME 04011
(207) 443-9502
globalnet@mindspring.com
www.space4peace.org
http://space4peace.blogspot.com/

……………….

Commento di Jure Ellero: “Per essere interni USA non mi sembrano niente male. Buone critiche a Trump, non risparmiando niente a Obama – Clinton-s, opposizione al Sistema USA nel suo complesso. Se a loro avviso l’intenzione trumpista è riportare a casa il lavoro decentrato nel ‘terzo mondo’ pagando il tutto con la schiavizzazione del proprio proletariato, è compito loro affrontare la questione, come del resto dichiarano di voler fare”

Commenti disabilitati

Olocausto per legge?, sisma: animali e “sciacalli”, Dante il blasfemo, Giuliano il saggio “apostata”, biodiversità ed animali in estinzione

Il Giornaletto di Saul del 23 gennaio 2017 – Olocausto per legge?, sisma: animali e “sciacalli”, Dante il blasfemo, Giuliano il saggio “apostata”, biodiversità ed animali in estinzione

Care, cari, olocausto per legge? Anch’io sento il dovere, in quanto laico, di esprimere un mio parere su questo controverso tema. Innanzi tutto è vero che la storia e la verità storica e perciò la politica conseguente all’ultimo conflitto è stata definita dai vincitori… e non solo per la questione ebraica ma per ogni altro aspetto. Ma se si vuole riaffermare “l’umano e l’universale” che sta oltre le opinioni avverse occorre equanimità e la capacità obiettiva di considerare i semplici fatti e le situazioni in cui questi sono avvenuti. Nel “legalismo giuridico” -che non è più giustizia- vincono al contrario i “cavilli” e ciò è significativo di un percorso funzionale a “costruire” la verità (che è poi quella di comodo di una o dell’altra parte)…. – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2017/01/olocausto-per-legge-considerazioni.html

Chi indaga è indagato– Scrive Orazio Fergnani: “SIAMO (IO E GIORGIO VITALI) UFFICIALMENTE INDAGATI PER AVER DEPOSITATO UNA QUERELA CONTRO L’APPROVAZIONE DELLA LEGGE CHE NEGA IL “NEGAZIONISMO” (VEDI: https://docs.google.com/viewer?a=v&pid=sites&srcid=ZGVmYXVsdGRvbWFpbnxhbGJhbWVkaXRlcnJhbmVhMXxneDozZGI0OTQwN2Y3NDFmZDI0) – CHIEDIAMOCI SE QUESTA è ANCORA UNA REPUBBLICA E SOPRATTUTTO SE SI PUO’ ANCORA DEFINIRE UNO STATO DEMOCRATICO. INFO. costellazione.della.lira@gmail.com”

Diario di bordo – Scrive Caterina Regazzi: “Domenica 22 gennaio 2017. Stanotte ho dormito benissimo, qui a Spilamberto, la casa è piccola e si riscalda facilmente, non come quella di Treia che ci mette una settimana a riscaldarsi. Inoltre qui fa freddo ma non ha  nevicato,  come a Treia che ha fatto una bella tormenta di neve.  Il letto è caldo ed il pigiama pesante che ho sfoderato per questi giorni contribuisce a dare durante la nottata un senso di accoglienza e di confort. La mattina quindi mi sono svegliata bene, nessuna angoscia per l’elezione di Trump, il frigo e la dispensa sono pieni, l’elettricità ancora c’è. Ho qui con me il mio dolce compagno Paolo che mi fa tanta compagnia e la cara figliola che studia sempre ed i miei animaletti: Magò (la cagnetta) e Minù, Bianca e Romeo (i gatti)…” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/01/22/diario-di-bordo-di-caterina-regazzi-del-22-gennaio-2017-pensando-a-treia-a-lucilla-alle-vittime-del-terremoto-ed-agli-animali-nella-neve/

Terremoto. Sciacalli double face – Scrive Roberto Tumbarello: “Non possiamo lamentarci per la carenza dei soccorsi e, al tempo stesso, criticare la vignetta di Charlie Hebdo che muove le stesse accuse. Qualcuno confonde la satira con la barzelletta. Altri approfittano dell’ignoranza e del dolore per adescare un lettore o carpire un voto. C’è chi esulta per la salvezza di un bimbo e chi per il ritardo di uno spazzaneve. Non siamo più uomini che lottano – e spesso soccombono – contro le forze della natura. Ma soggetti politici contro altri. La vita che si spegne non è una perdita irreparabile, ma l’occasione per indicare l’errore del rivale. Anzi, del nemico. Purtroppo sono ancora in molti a credere che la crisi sia economica…”

Con i piedi per terra – Scrive La Gas: “Nelle campagne italiane esistono persone che hanno scelto di radicarsi sul territorio per coltivarlo in maniera autonoma, efficiente, rispettosa dell’ambiente. Sembra una favola sbarazzarsi dei metodi agroindustriali eppure oggi in Italia c’è chi vive questa favola tutti i giorni. Chi sono? Come fanno reddito? Quali tecniche adottano? E perché il loro lavoro è necessario?..” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/01/22/consigli-per-restare-con-i-piedi-per-terra-di-radici-nel-cielo/

Sisma, neve e politica. L’opinione di Vittorio Marinelli: “È vero che abbiamo soltanto una turbina per tutto l’Abruzzo però abbiamo tanti primati nazionali che dovrebbero riempirci di orgoglio, soprattutto di fronte agli ingiustificati attacchi sedicenti umoristici francesi. Per esempio, abbiamo i politici più pagati del mondo, con qualsiasi deficiente dei nostri amministratori siciliani guadagna più di Trump, probabilmente anche i magistrati, che adesso fanno le indagini, sono tra i più pagati del mondo e possono anche non fare un cavolo tutto il giorno, a meno che non si tratti di indagare sulla Raggi, tanto vanno tutti in pensione con il trattamento dei primi presidenti della Cassazione. Su qualcosa bisogna risparmiare e quindi, piuttosto che pretendere che i dipendenti dello Stato lavorino, con tutti i casini successivi con i sindacati, meglio risparmiare € 15000 della manutenzione della seconda turbina…”

Commento di V.Z.: “Si ricorda al gentile pubblico che il “governo” incapace di trovare i soldi per i terremotati e le pensioni ne spende senza sosta a profusione da 26 anni continuativi in feroci (e costosissime) guerre incostituzionali di aggressione contro gli altri popoli (Irak, Somalia, Jugoslavia, Afghanistan, Libia, Siria…). In altri tempi di certe cose si sarebbe detto che “gridan vendetta al cospetto di dio”, giusto per capirci. Da non dimenticare mai…”

Viterbo. Dipartita di Tullio Jacchia – Scrive Giovanni Faperdue: ” L’avevo visto l’ultima volta nel suo negozio in Corso Italia a Viterbo. Erano gli ultimi giorni della liquidazione che avrebbe portato alla chiusura definitiva della sua attività. Tullio Iacchia, l’amico Tullio, era seduto composto su di una sedia accanto alla scrivania, dove il figlio Alberto faceva le sue veci alla cassa. Mi ha guardato, mi ha sorriso e mi ha detto: Come va?- e poi – Sono contento che tu sia venuto….” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2017/01/viterbo-al-caro-tullio-jacchia-che-la.html

Bologna. Dal jihadismo all’ISIS – Scrive Paolo Sensini: “Bologna, 28 gennaio 2017, ore 16, C/O Barracano Via Santo Stefano 119 – Dal jihadismo all’ISIS. Il problema della questione jihadista nel mondo contemporaneo è connesso alle sfide più cruciali della nostra epoca. Interessa i conflitti fra grandi potenze ed i rapporti di queste con le specificità della civiltà islamica, si muove lungo il fiume in piena delle immigrazioni di massa che coinvolgono il continente eurasiatico e vampirizza le esistenze di quelle “vite di scarto” che l’Occidente ingoia e moltiplica nel suo vortice di disintegrazione dei tessuti sociali. Ingresso libero. Info. conferenzebologna@gmail.com”

Dante è “blasfemo”, secondo giudei ed islamici – Erano partiti prima i giudei con la denuncia che la Divina Commedia contenesse nozioni antiebraiche, poi si sono aggregati anche gli islamici lamentando che il poeta criticò ferocemente il loro profeta Maometto. A dire il vero è dal marzo 2012 che se ne parla, in seguito ad un articolo apparso sul Corriere della Sera, e da allora la cosa è andata parecchio avanti e le “sparate” contro Dante Alighieri e la Divina Commedia, hanno fatto strada… conquistando le pagine del Web e scomodando fior di commentatori… Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2017/01/divina-commedia-blasfema-processo-dante.html

Fondare una comunità – Scrive Giuseppe Finamore a commento dell’articolo https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/01/21/comunita-guedrara-di-roncoscaglia-condividere-rende-la-vita-piu-ricca/ -: “Ottimo l’indirizzo per chi, come me, desidera fondare un centro di interesse, nel nome della cura e della salute personale e perciò, non può non esserci condivisione. Dalla solitudine alla condivisione il passo può essere più o meno lungo, l’importante è restare convinti del cammino che si è intrapreso, poi uno dopo l’altro gli ostacoli si affrontano…” – Continua in calce al link segnalato

Giuliano, il saggio pagano, inviso ai cristiani – Scrive F.L.M.: “Dopo l’ascesa al trono Giuliano da pagano ripristinò il culto degli dei. Era fermamente convinto di avere una missione da compiere e favorì una rinascita del paganesimo, tentò di ristabilire il culto del sole come religione di Stato, ma soprattutto riformò il sacerdozio. Giuliano fu monarca dalle spiccate tendenze sociali: il più povero, se degno, doveva avere le medesime possibilità del ricco; organizzò una vasta assistenza per i poveri; fece costruire alberghi e ospedali per i pellegrini e stabilì anche un’assistenza per i carcerati e i nemici…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/01/giuliano-definito-apostata-dai.html

Commento di Maurice Bardèche: “E proprio loro, tanto contenuti nei propri giudizi, tanto tolleranti, diventano implacabili quando si volgono ai loro avversari, ovvero alla razza d’uomini di cui avversano la natura e detestano la stessa esistenza. Tutti meritano indulgenza, secondo loro, tranne l’individuo intimamente immorale e depravato che non SENTE come loro. E’ un elemento asociale, delirante, un pazzo che è deplorevole lasciare in libertà. Sfuggito alla vaccinazione della “coscienza collettiva”, si chiedono quale posologia varrebbe applicargli per renderlo inoffensivo.”

2020. Estinzione (o quasi) della vita animale sul pianeta Terra – Scrive A.K.: “Entro il 2020, due terzi degli animali selvatici che c’erano nel 1970 sulla Terra saranno spariti. L’umanità sta abbattendo l’albero della vita alla velocità di quando si estinsero i dinosauri. I rischi sono è il collasso della biodiversità e la trasformazione del pianeta in un deserto inabitabile – anche per noi. Ma c’è una speranza: importanti scienziati ed esperti stanno sostenendo un progetto incredibile per salvaguardare fino al 50% del pianeta, un piano che può ristabilire l’armonia tra l’umanità e la nostra casa comune….” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/01/biodiversita-salviamo-il-pianeta.html

Lasciamo un pianeta abitabile ai nostri figli e nipoti… Ciao, Saul/Paolo

……………………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Più invecchio anch’io, più mi accorgo che l’infanzia e la vecchiaia non solo si ricongiungono, ma sono i due stati più profondi in cui ci è dato vivere. In essi si rivela la vera essenza di un individuo, prima o dopo gli sforzi, le aspirazioni, le ambizioni della vita. Gli occhi del fanciullo e quelli del vecchio guardano con il tranquillo candore di chi non è ancora entrato nel ballo mascherato, oppure ne è già uscito. E tutto l’intervallo sembra un vano tumulto, un’agitazione a vuoto, un inutile caos per il quale ci si chiede perché si è dovuto passare.” (Marguerite Yourcenar)

Commenti disabilitati

Consigli per restare “con i piedi per terra” di Radici nel Cielo

“Nelle campagne italiane esistono persone che hanno scelto di radicarsi sul territorio per coltivarlo in maniera autonoma, efficiente, rispettosa dell’ambiente. Sembra una favola sbarazzarsi dei metodi agroindustriali eppure oggi in Italia c’è chi vive questa favola tutti i giorni. Chi sono? Come fanno reddito? Quali tecniche adottano? E perché il loro lavoro è necessario?

Nell’autunno 2015 iniziano le riprese del documentario indipendente “Con i piedi per terra”, durante un viaggio per l’Italia intrapreso per intervistare contadini, ricercatori, medici e docenti universitari. Compiuto con lo spirito della ricerca, è un’indagine realizzata riprendendo in presa diretta le attività quotidiane nei campi, nei boschi, nelle case e nei mercati. Con il ritmo sostenuto dell’avanscoperta, e valorizzato da musiche originali, il documentario racconta attraverso decine di storie personali come fare reddito in maniera sostenibile, onorando il senso di appartenenza al territorio e la cultura dei saperi millenari. Testimonianze che smascherando l’inganno ideologico operato dell’agro-industria lasciano affiorare un paesaggio finemente lavorato, come un pizzo fatto di attività agricole all’opera “Con i piedi per terra“.

“Con i piedi per terra” è una tappa del “Viaggio Tra Terra e Cielo“: un percorso che procedendo dal web al video arriverà in teatro.”

Radici nel Cielo

Video e pagine correlate: https://www.facebook.com/radicinelcielo/

Commenti disabilitati

Sestola: Comunità Guedrara, lo stato (che non c’è), il buddismo in occidente, questione “migranti”, statua al cane, aiutiamo gli animali terremotati…

Il Giornaletto di Saul del 22 gennaio 2017 – Sestola: Comunità Guedrara, lo stato (che non c’è), il buddismo in occidente, questione “migranti”, statua al cane, aiutiamo gli animali terremotati…

Care, cari, il 20 gennaio 2017, all’albergo Corsini di Pavullo, si è tenuto il primo incontro dell’anno della rassegna il Caffè filosofico. Tema della serata: “Condividere rende la vita più ricca”, testimonianze di Cristina e Vittorio della Comunità Guedrara di Roncoscaglia di Sestola (foto in alto). L’accogliente sala è affollata da più di venti persone, convenute numerose a quest’incontro sicuramente molto sentito, sia da chi è incuriosito dal tema della condivisione, che da quelli coinvolti personalmente in esperienze simili in passato o semplici amici dei relatori…. (Giuseppe Moscatello)… – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/01/21/comunita-guedrara-di-roncoscaglia-condividere-rende-la-vita-piu-ricca/

Esiste ancora uno stato? Scriver Vincenzo Zamboni: “Sembra che quasi nessuno ricordi il fatto che il dopoguerra italiano, fino agli anni ‘70, fu una epoca di progressiva equità distributiva, grazie ai salari indicizzati che crescevano con la produttività ed al riparo dall’inflazione, che non poteva erodere il potere di acquisto. Non capisco come una banale propaganda massmediatica possa far dimenticare agli smemorati che l’Italia praticava una politica economica espansiva, con realizzazione di crescente benessere, e gli italiani comperavano la casa con un mutuo, invece di venderla, come si fa oggi per estinguere il mutuo acceso per sopravvivere.  Il tutto al costo di un debito pubblico contenuto tra il 50 e 60% del pil (picco massimo al 65), cioè la metà di quello odierno, e, dal ‘71 in poi, con cambio monetario fluttuante. Chi non ha memoria storica finisce stritolato dai truffatori, una specie che ha prosperato nella successiva epoca del liberismo globalista, specialmente nel nostro continente popolato da tanti austeristi euristi. Lo stato esiste dove ci sia una nazione, essendo necessari territorio, popolazione e sovranità. Senza del che non si fa uno stato. Uno stato esiste in quanto amministra una nazione, altrimenti non esiste….

Il buddismo in occidente – Scrive S.S.: “…la vera conoscenza veicolata dal Buddismo storico è sconosciuta ai più, in quanto gelosamente custodita da una manciata, seppur consistente, di adepti che tengono a mantenere il segreto su una pratica che è veramente miracolosa, me che usata impropriamente verrebbe dissacrata e creerebbe notevoli problemi. In secondo luogo, apparteniamo ad una cultura così diversa da quella orientale che è davvero difficile coglierne i significati più profondi. Per fare un esempio…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/01/il-buddismo-e-praticabile-in-occidente.html

Bolivia. Casini amico dei terroristi fascisti – Scrive F.G. a integrazione dell’articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/01/20/salvare-il-venezuela-dal-golpe-fascista-lettera-alla-commissione-esteri-del-senato/ -: “Sbugiardato Casini, diffusore di fake news di alto calibro. Per diffamare il Venezuela non va tanto per il sottile. Soccombe al tentativo di spacciare una giovane -presunta attivista dei “diritti umani”- coinvolta nell’arresto di esponenti di una formazione estremista, accusata per possesso di armi da guerra. La foga accusatoria del Casini gli ha giocato un brutto scherzo. La signorina Stacy Brigitte Escalona Mendoza, era sì reduce da un viaggio a Bruxelles per alimentare la campagna contro le autorità del suo Paese. Al suo ritorno a Caracas, però, è stata fermata in compagnia del deputato di Voluntad Popular, Gilber Caro, trovato in possesso di un fucile FAL calibro 7,62 mm, di proprietà delle Forza Armata Nazionale Bolivariana con il numero di serie cancellato; un caricatore con 20 cartucce; 3 stecche di esplosivo C4. Non sono certo strumenti adeguati alla difesa dei diritti umani…”

Questione “migranti” – Scrive E.B.: “Molti si mettono in marcia affrontando deserti, mare in burrasca, scafisti e trafficanti che li sfruttano e derubano, perché falsamente convinti di trovare il paese di bengodi e di poter sfruttare il tanto decantato stato sociale europeo. La realtà è diversa. Lo stato sociale europeo è in crisi. Se non abbiamo nemmeno i fondi per dotare l’Abruzzo delle turbine da neve, o per frenare il livello di disoccupazione, sotto-occupazione e povertà crescente, dove trovare i fondi per inserire utilmente i migranti? La verità è che molti finiranno nei campi di concentramento, o per strada a delinquere o ad arrangiarsi con lavoretti marginali, o saranno espulsi…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/01/questione-migranti-senza-peli-sulla.html

Tenersi pronti – “La nostra civiltà è agli sgoccioli e possiamo aspettarci solo il crollo ignominioso e generale. Un tracollo annunciato e temuto e auspicato…  ed infatti da più parti si preconizza la fine del sistema come evento liberatorio. Non voglio far la parte del catastrofista ma vi consiglio di cominciare attivamente a trovare soluzioni alternative, basate sulla  personale conoscenza ed esperienza “pratica” di ognuno per affrontare i rischi a venire. E buon divertimento nella sopravvivenza… (P.D’A.)”

Roma. Statua al cane Angelo – Scrivono associazioni animaliste: ” Il 21 gennaio 2017 a Roma nel Parco Ravizza è stata inaugurata  una statua dedicata al cane ANGELO, opera dall’artista Alessandro Di Cola. Ispirati dallo slogan di Mahatma Gandhi “la civiltà di un uomo si misura da come tratta gli animali”, vogliamo sensibilizzare l’opinione pubblica al rispetto della vita animale e umana e alla sana educazione affinché non vinca sempre la cultura della violenza e della morte…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2017/01/roma-inaugurata-la-statua-al-cane-angelo.html

Trump, come Obama/Clinton, né meglio nè peggio – Scrive Franco Trinca: “I capitalisti miliardari, petrolieri, ecc., stanno sia nella Fazione di Trump che in quella Obama-Clinton… quindi NON PUO’ ESSERE QUESTA LA DISCRIMINANTE utilizzabile dalle coscienze etiche; d’altro canto, chi può essere così ingenuo da pensare che di colpo, dal capitalismo putrido degli USA possa uscir fuori il “Socialismo Etico”?! Mentre si difendono e promuovono integralmente gli ideali Etici, pur bisogna saper riconoscere in ogni fase storica il “male minore”… per poi lavorare anche su questo denunciando la sua parte di iniquità. Questo è l’atteggiamento saggio e responsabile… evitando gli atteggiamenti ideologici ed emotivi… TANTO UTILI A SOROS!”

Ambientalisti chiedono “moderazione” a Trump – Scrive Filippo Mariani: “Le maggiori associazioni ambientaliste italiane hanno aderito alla campagna “Surprise us, President Trump!”, in occasione della investitura del nuovo Presidente statunitense del 20 gennaio. E’ evidente che l’iniziativa nasce dalla preoccupazione derivante dalle dichiarazioni di Trump in campagna elettorale sulle questioni ambientali, che se dovessero avere un seguito, porterebbero indietro di decenni la comunità internazionale rispetto alla lotta ai cambiamenti climatici…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/01/21/le-associazioni-ambientaliste-italiane-raccomandano-moderazione-a-donald-trump/

Roma. Allergie e intolleranze – Scrive AVA: “Giovedì 26 gennaio 2017, h. 17,30, in piazza Asti 5/a Roma. Conferenza su Allergie e intolleranze del Dr. Carmelo Rizzo. Come proteggersi e curarsi da importanti patologie utilizzando i più efficaci principi nutritivi. Info. 3339633050″

Aiutiamo gli animali in difficoltà, abbandonati al freddo ed al gelo – Scrive Lega per la Difesa del Cane: “Muri di neve, esondazioni e ancora terremoti: non c’è pace per le regioni dell’Italia centrale. Gli attivisti LNDC lavorano senza sosta per salvare gli animali in difficoltà e lanciano un appello per chi vuole aiutare….” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/01/la-lega-per-la-difesa-del-cane-chiede.html

Siamo arrivari pure oggi in fondo (e non vi ho nemmeno raccontato le difficoltà tecniche al programma di scrittura che mi ha tenuto bloccato per un paio d’ore e la correzione delle bozze sul libro di Ramana Maharshi che sta traducendo Giuseppe Moscatello per un altro paio di ore) ciao, Paolo/Saul

……………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“La realizzazione non è qualcosa che si debba conseguire, essa è già lì, occorre solamente liberarsi del pensiero: non sono realizzato….” (Ramana Maharshi)

Commenti disabilitati

Le associazioni ambientaliste italiane raccomandano “moderazione” a Donald Trump

La mattina del 20 gennaio 2017 a Roma in piazza Barberini si sono incontrati in una manifestazione pacifica presidenti delle principali associazioni ambientaliste italiane, da Accademia Kronos, a Lega Ambiente, dalla Lipu, ad Earth Day, fino al WWF. Lo scopo era rendere pubblica alla stampa la lettera che ogni associazione ha condiviso e inviato oggi stesso al presidente USA Donald Trump. Il contenuto di tutte le lettere è quello di ricordare a Trump che se ha a cuore la vita e la salute degli americani e non solo, deve rivedere profondamente quanto affermato nella sua campagna elettorale e cioè: l’uscita dall’accordo di Parigi sul clima, il ridimensionamento delle politiche sul risparmio energetico e sull’uso delle rinnovabili a favore invece dei combustibili fossili.

La lettera – appello a Trump è stata sottoscritta da circa 200 tra associazioni, intellettuali, scienziati e politici. Dopo che ogni responsabile delle associazioni ambientaliste presenti ha spiegato il perché della adesione all’iniziativa, si è proceduto alla scelta della delegazione incaricata di recarsi presso la vicina ambasciata USA per consegnare il documento. Al termine della manifestazione tutti i presenti si sono recati ad imbucare le lettere alle cassette delle poste site nella piazza, generando, ma solo per qualche minuto, il blocco del traffico veicolare.

L’Iniziativa dal titolo: “Surprice Us, President Trump!” è stata pensata e organizzata dalle sezioni di Accademia Roma e Ronciglione cui successivamente si sono aggiunte tutte le altre organizzazioni ambientali più importanti.

SURPRISE US PRESIDENT TRUMP!

Le maggiori associazioni ambientaliste italiane hanno aderito alla campagna “Surprise us, President Trump!”, in occasione della investitura del nuovo Presidente statunitense.
E’ evidente che l’iniziativa nasce dalla preoccupazione derivante dalle dichiarazioni di Trump in campagna elettorale sulle questioni ambientali, che se dovessero avere un seguito, porterebbero indietro di decenni la comunità internazionale rispetto alla lotta ai cambiamenti climatici.
Venerdì 20 gennaio 2017 alle 11 i Presidenti delle Associazioni partecipanti alla campagna e noti ambientalisti si sono riuniti a Piazza Barberini a Roma per “imbucare” la loro lettera al nuovo capo della Casa Bianca. Nell’occasione ogni partecipante dichiarato i motivi dell’adesione alla campagna, in una sorta di anomala conferenza stampa all’aperto.
Una loro delegazione quindi si è recata all’Ambasciata americana di Via Veneto per consegnare copia della lettera firmata dai Presidenti delle Associazioni.

Filippo Mariani, Ufficio Stampa di Accademia Kronos

Lettera on line: www.surpriseuspresidenttrum.com

Commenti disabilitati