Archivio Autore

La controinformazione che non piace al sistema, contagio o confusione mentale?, Catari perseguitati, lotta contro Draghi, l’amore come legante universale, il ritorno alla Casa Terra…

Il Giornaletto di Saul del 18 settembre 2021 – La controinformazione che non piace al sistema, contagio o confusione mentale?, Catari perseguitati, lotta contro Draghi, l’amore come legante universale, il ritorno alla Casa Terra…

Care, cari, la messe di controinformazione, meglio, di giornalismo dal basso, internazionalmente e nazionalmente disponibile, fatto salvo poche e rare eccezioni, è stata ignorata dai grandi media d’informazione. L’informazione filogovernativa si è autoproclamata la sola attendibile… (Lorenzo Merlo) – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2021/09/la-controinformazione-che-non-piace-al.html

Gesticolare aiuta la memoria – Scrive Spiritual: “Un nuovo studio condotto da ricercatori delle Università della California e della Georgia ha indicato il gesticolare delle mani come tecnica efficace per fare in modo che gli studenti ricevano e trattengano più facilmente delle nuove informazioni. Il team voleva capire se i gesti usati dagli insegnanti possono aiutare l’organizzazione mentale delle nuove informazioni date a lezione, se possono quindi assistere gli studenti nella comprensione e memorizzazione dei dati ricevuti…”

Contagio o confusione mentale? Parole chiare sulla situazione attuale – Scrive M.D.S.: “Ascoltate con attenzione le parole del Professor Malanga, docente universitario di chimica organica. Non avrete sprecato inutilmente il vostro tempo! – Link: https://www.facebook.com/marco.d.sin/videos/1290241381434321

Commento di G.I.: “È un tesoro di onestà e coerenza”

L’amore come legante universale… – Scrive Claudio Prajnaram: “L’Amore non ha bisogni, perché è libero da ogni aspettativa. Dall’amore mondano fiorisce l’Amore Cosciente. In questa fioritura e Presenza c’è sempre meno coscienza di separazione. Ciò che è vissuto è una continuità d’Amore e non è più la cosa vissuta che è essenziale. Non sono più gli atti o l’atto d’amore che sono importanti. E’ semplicemente l’Amore che è vissuto in tutto. La manifestazione può prendere diverse forme, ma ciò che è vissuto resta l’Amore…” – Continua: https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2021/09/lamore-come-legante-universale.html

Roma. Passeggiata archeologica – Scrive Amici del Tevere: “Il 18 settembre 2021, visita guidata “Una loggia sul Foro”. Il complesso architettonico della Casa dei Cavalieri di Rodi è il risultato di una plurisecolare stratificazione di monumenti sull’area del Foro di Augusto. Info: amicideltevere@unpontesultevere.com”

Catari perseguitati dalla chiesa cattolica perché vegetariani – Scrive Franco Libero Manco: “A dire di alcuni cronisti ed esponenti della prima Chiesa cristiana, le antiche comunità osservavano l’astinenza dalla carne. Ma la corrente vegetariana che si era sviluppata all’interno del cristianesimo primitivo trovò l’opposizione della Chiesa che considera eretici i suoi seguaci fino alla loro persecuzione e all’annientamento di intere loro comunità, come nel caso dei Càtari (Albigesi o Patarini)…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2021/09/17/poveri-catari-perseguitati-dalla-chiesa-cattolica-perche-vegetariani/

Marche. Salve le pavoncelle, tortore e allodole (per un po’) – Scrive Carlo Consiglio: “Il TAR delle Marche su ricorso delle associazioni ENPA, LAC, LAV, LIPU e WWF, con ordinanza n. 280 pubblicata il 16 settembre 2021, ha comfermato la sospensione della caccia alla tortora; ha sospeso la caccia alla pavoncella; ha limitato il carniere dell’allodola ed ha vietato i richiami non vivi nella caccia in deroga allo storno.”

Avanti con la lotta contro Draghi l’affamatore… – Scrive NPCI: “Il governo Draghi è il centro motore dell’attacco dei gruppi imperialisti contro le masse popolari italiane in tutti i campi: dallo smantellamento dell’apparato produttivo di beni, alla repressione delle masse popolari (Green Pass in testa), alla gestione criminale della pandemia, all’ulteriore peggioramento dei servizi pubblici (sanità, istruzione, trasporti, manutenzione di infrastrutture e del territorio e gli altri), alla libertà di licenziare e sfrattare, alla devastazione dell’ambiente, all’asservimento all’UE e alla NATO, alla partecipazione alle guerre che la Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti conduce in Asia e in Africa…” – Continua: https://paolodarpini.blogspot.com/2021/09/npci-premere-sul-m5s-affinche-abbandoni.html

Salviamo le api – Scrive G.S.: “l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) “Salviamo le api e gli agricoltori”, ha lo scopo: – di chiedere alla Commissione europea di porre fine all’uso di pesticidi di sintesi, – di prendere misure urgenti per proteggere la biodiversità – di sostenere gli agricoltori nella transizione agroecologica. E’ possibile sottoscrivere l’iniziativa nel sito: https://www.savebeesandfarmers.eu/ita/ – E’ urgente firmare al più presto perché la sottoscrizione scade il 30 settembre 2021.”

Il necessario ritorno alla Casa Terra – Stiamo riducendo il nostro pianeta ad un cimitero, seguendo un’idea di benessere che non tiene conto degli altri, di tutti gli altri, ignorando la distruzione delle risorse, l’inquinamento causato alla Terra per il nostro egoismo, eppure non consideriamo le malattie che ne conseguono e continuiamo a distruggere, usando metodi scientifici non ecologici, illudendoci di fare così il bene della collettività… – Continua con testo bilingue: https://bioregionalismo.blogspot.com/2021/09/return-to-home-earth-ritorno-alla-casa.html

Ciao, Paolo/Saul

…………………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto –

“Per me la morte non è una calamità, così come la nascita di un bambino non è una gioia. Il bambino va verso i guai, il morto ne è fuori. L’attaccamento alla vita è attaccamento al dolore. Per me la morte sarà un momento di giubilo, non di paura. Piangevo quando nacqui, e morirò ridendo.” (Sri Nisargadatta Maharaj)

Commenti disabilitati

Poveri Catari, perseguitati dalla chiesa cattolica perché vegetariani…

A dire di alcuni cronisti ed esponenti della prima Chiesa cristiana, le antiche comunità osservavano l’astinenza dalla carne. Egisippo dice che molti esseni, che erano rigorosamente vegetariani, divennero cristiani, col nome di Ebioniti o Nazirei e che transitarono nel cristianesimo influenzandone il pensiero e la condotta. Eusebio di Cesarea dice che tutti gli apostoli erano vegetariani, S. Clemente Romano asserisce che Pietro mangiava solo pane, olive e un po’ di verdura, S. Girolamo afferma che nei primi secoli i veri cristiani si astenevano dalla carne e che coloro che mangiavano la carne facevano parte della chiesa corrotta, e Tertulliano asseriva che nei primi secoli i cristiani non toccarono mai la carne.

Ma la corrente vegetariana che si era sviluppata all’interno del cristianesimo primitivo trovò l’opposizione della Chiesa che considera eretici i suoi seguaci fino alla loro persecuzione e l’annientamento di intere loro comunità, come nel caso dei Càtari (Albigesi o Patarini).

A mano a mano che i ricchi entrarono nella gestione della religione la Chiesa si distaccò dallo spirito originale e venne a generasi una demarcazione tra lo spiritualismo primitivo cristiano, caratterizzato da austerità di costumi dei primi cristiani, e la Chiesa ufficiale che divenne potente, guerrafondaia, corrotta, spietata verso chiunque interferiva con le sue regole. Le regole dell’astinenza della carne furono bandite per favorire l’apertura della nuova religione non solo ai ricchi e all’imperatore Costantino ma alla popolazione pagana. Iniziarono le persecuzioni verso i vegetariani considerati eretici e nel 385 con lo sterminio del vescovo Priscilliano ed i suoi seguaci si decretò la fine alla corrente vegetariana all’interno della Chiesa cattolica.

Quando intorno al X secolo in Europa vi fu un generale risveglio spirituale nel desiderio di tornare alla semplicità di vita e alle regole delle prime comunità cristiane, si sviluppò il movimento vegan più grosso della storia, il Catarismo dal termine greco che significa “puro”. Questo movimento si sviluppò nel sud della Francia, in Italia, in Germania, in Bosnia, Serbia, Bulgaria, nell’impero Bizantino. I Catari si rifacevano al messaggio di Cristo; erano asceti, pacifisti, digiunatori, rifiutavano il matrimonio e la procreazione, non possedevano ricchezze, professavano la dottrina dualista e predicavano un’assoluta purezza di vita; condannavano tutto ciò che è carnale e terreno, compreso il matrimonio, la proprietà privata, l’uso delle armi; erano poveri, semplici, casti, vestivano un abito nero ed andavano scalzi. Rispolverarono antichi testi gnostici, scrissero vangeli in lingua volgare e pare che fu proprio la lettura di questi testi a portare S. Francesco verso la sua dottrina ecologica. Per i Càtari essere vegan era la condizione per diventare “perfetti” e faceva parte del giuramento che doveva prestare l’adepto”…Bisogna che facciate a Dio la promessa che non commetterete mai omicidio, che mai volontariamente mangerete formaggio, latte, uova, né carne di qualunque animale…”.

I Càtari si dividevano in due categorie, i “perfetti” che erano vegetariani, cioè i capi di questa setta religiosa, e i “credenti” che ancora non lo erano; La loro diffusione e la conversione delle masse al catarismo fu vastissima al punto da suscitare l’avversione della Chiesa che li perseguitò in tutta Europa fino a sterminarli con roghi e impiccagioni. Il modo di identificare un càtaro da parte degli inquisitori era ordinargli di uccidere un animale: coloro che si rifiutavano salivano sul patibolo.

Così nel 1209 per ordine di Innocenzo III (il papa che strappava i denti ad uno ad uno agli ebrei che non pagavano le tasse, il papa che quando i francesi avevano minato il suo regno d’Inghilterra disse: “Spada, spada esci dal tuo fodero e semina sterminio”, il papa che prometteva il paradiso a chi avesse ucciso un albigese, cioè un càtaro) ordì una vera crociata contro i Càtari condotta dal cavaliere Simon de Montfort che fu autorizzato a sterminare più gente che poteva senza fare prigionieri. E quando i crociati chiesero al legato papale Arnaldo Amalrico, generale cistercense, prima dell’invasione della città di Bézieres come avrebbero distinto i càtari rispose “Uccideteli tutti, li riconoscerà Dio”. Al grido di “Vieni spirito santo” furono trucidate 20.000 persone e la città fu distrutta. A Minerve 140 Catari furono spinti sulle fiamme di un’enorme catasta di legna; alcuni perfetti si gettarono senza essere spinti e senza un urlo di dolore. A Lovaur altri 400 perfetti furono bruciati su un’enorme pila. Il papa, informato di ogni tappa della crociata in una lettera a Monfort scrisse: “Sia lode e grazie a Dio per ciò che ha operato nella sua clemenza contro i suoi nemici pestilenziali”.

I pochi superstiti si rifugiarono nelle grotte o nei boschi da dove partivano per predicare e convertire la popolazione della Catalogna fino a circa il 1244 quando gli ultimi 220 catari rappresentanti del Catarismo rifugiatisi nel castello di Montsegar vicino Tolosa, furono arsi al rogo decretando la fine del movimento càtaro in Europa. Anche S. Luigi Gonzaga diede il suo contributo organizzando nel 1229 un’inquisizione per eliminare il catarismo dalla Francia. Dopo 20 anni di guerra per estirpare i Catari i morti furono più di un milione.

Da allora, e per secoli, la Chiesa vedrà in tutti coloro che per scelta etica rinunciassero a mangiare la carne, un focolaio di eresia da ostacolare con ogni mezzo. La Chiesa con tali estremi tentativi di opporsi alla diffusione del veganismo e del vegetarismo confermava la sua antica posizione sancita in 4 differenti Concili in cui proibiva al clero l’astinenza dalla carne pena la destituzione dei pubblici ministeri. Nel Concilio di Ancyranum del 314 viene ribadita la ferma decisione di allontanare i religiosi che rifiutavano di mangiare la carne; nel Concilio Gangrense del 324 la Chiesa ritorna sullo stesso argomento per neutralizzare le molte tendenze in rispetto della vita degli animali; nel Concilio di Braga del 577 viene dichiarato da papa Benedetto I che se qualcuno giudica immonde le carni che Dio ha dato all’uomo per nutrirsi e non perché desidera mortificarsi, si astiene dal mangiare queste carni, su di lui anatema; nel Concilio di Aquisgrana dell’816 viene stabilito che chi non osserva le regole della vita pratica deve essere allontanato dall’ordine religioso; i membri del clero che aborriscono le carni, perfino gli ortaggi che si cuociono insieme ad esse, devono essere allontanati dall’ordine.

E mentre in Europa va spegnendosi l’ascetismo spirituale cristiano il vegetarismo resta circoscritto in alcuni monasteri, poi con la conquista musulmana dei territori mediterranei l’ascetismo cristiano viene ereditato dalla religione islamica che trova nel Sufismo la corrente più rappresentativa…

Franco Libero Manco

Commenti disabilitati

Agricoltura contadina, disubbidienza civile come “opportunità”, cambiare lo stile di vita, le bugie di big pharma, isole Far Oer: “c’è del marcio in Danimarca”…

Il Giornaletto di Saul del 17 settembre 2021 – Agricoltura contadina, disubbidienza civile come “opportunità”, cambiare lo stile di vita, le bugie di big pharma, isole Far Oer: “c’è del marcio in Danimarca”…

Care, cari, in previsione dell’incontro nazionale per la Campagna dell’Agricoltura Contadina, previsto a Mondeggi il 17 settembre 2021 come Rete Bioregionale Italiana reiteriamo le nostre proposte, come a suo tempo presentate ai coordinatori della Campagna… – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2021/09/le-proposte-della-rete-bioregionale.html

Biogas. Scrive Ermete Realacci: “Il 22 e 23 settembre 2021 si svolgerà a Roma Biogas Italy evento di riferimento per il settore del biogas e del biometano agricolo. Questa edizione approfondirà le opportunità fornite dal PNRR e analizzerà gli scenari della produzione di energia rinnovabile dal settore agricolo quale traino delle produzioni alimentari italiane. Info: info@symbola.net”

L’opportunità di una “disobbedienza civile” – …solitamente, per modestia ma soprattutto per un radicato rispetto che ho per le istituzioni, tendo a contenere, in un ambito di “politicamente corretto”, il mio disaccordo verso norme, leggi, disposizioni amministrative, ecc. che ritengo ledere i diritti del cittadino, di chi vive in uno stato definito “democratico”. Tale espressione di democrazia è contenuta nella Costituzione che in più punti stabilisce i diritti alla libertà. Tanto che veniamo definiti “cittadini” e non “sudditi”… – Continua: https://paolodarpini.blogspot.com/2021/09/la-disubbidienza-civile-puo-essere-una.html

Commento di F.S.: “Caro Paolo, hai ben capito che stiamo vivendo un periodo storico molto subdolo e complicato. il Green Pass è una vigliaccata, e il vaccino una porcheria assoluta. Dobbiamo creare una comune. Dobbiamo creare un qualcosa di grande: natura, spiritualità, arte, cultura, poesia, musica…”

Cambiare lo stile di vita – Scrive Arpat: “Siamo sempre di più sulla Terra e stiamo cambiando la nostra dieta alimentare ma dobbiamo anche affrontare i cambiamenti climatici, tutto questo richiede grande pragmatismo per raggiungere un nuovo equilibrio improntato alla sostenibilità, unica strada per uscire dalla crisi.” – Continua: https://paolodarpini.blogspot.com/2021/09/cambiare-lo-stile-di-vita-e-necessario.html

Nota – Il 17 e il 18 settembre 2021, Firenze ospiterà il Vertice interministeriale G20 dei Ministri dell’agricoltura per parlare di agricoltura e temi ad essa connessi come gli impatti ambientali del settore agricolo, la circolarità economica e l’incidenza dei cambiamenti climatici…

Le bugie di big pharma – Scrive Giorgio Stern: “La bugia del “bene” di big pharma: a) le “farmaceutiche” sono istituti scientifici dediti alla ricerca di balsami per la salute dell’umanità. b) gli Stati dove dimorano le “farmaceutiche” agiscono nel rispetto del cittadino…” – Continua: https://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2021/09/brevetti-farmaceutici-affamapopoli-e-le.html

Il Veneto salva le tortore (per un po’) – Scrive Carlo Consiglio: “Il TAR del Veneto, sezione prima, su ricorso della associazione LAC, con ordinanza cautelare n. 467 pubblicata il 13 settembre 2021 ha prolungato la sospensione della caccia alla tortora (Streptopelia turtur) fino alla camera di consiglio del 22 settembre 2021…”

“C’è del marcio in Danimarca” – Scrive FLM: “La strage di delfini e balene in Danimarca fa sprofondare nella vergogna il mondo occidentale che solo per questo dovrebbe cessare di considerarsi civile. La sensibilità e l’intelligenza del delfino (tra le più belle creature del pianeta) è paragonabile a quella di un bambino di 4 anni. Trucidarli nel tradizionale Grindadrap è un’infamia che grida giustizia…” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2021/09/16/ce-del-marcio-in-danimarca-la-mattanza-delle-isole-far-oer/

Ciao, Saul/Paolo

……………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Sono qui per spiegare quanto è ipocrita il mondo quando si esalta per un chirurgo che sostituisce un cuore con un altro cuore; e poi accetta che migliaia di creature giovani, col cuore a posto, vadano a morire come vacche al macello per la bandiera. È da quando sono al mondo che mi rompono l’anima con la bandiera, la patria, in nome di queste sublimi sciocchezze mi impongono il culto di uccidere, essere uccisa, e nessuno mi ha ancora detto perché uccidere per rapina è peccato, uccidere perché hai un’uniforme è glorioso.” (Oriana Fallaci)

Commenti disabilitati

Medici per l’ambiente, non dimenticare Sabra e Chatila, canapa: la pianta più sacra, proteste in corso…

Il Giornaletto di Saul del 16 settembre 2021 – Medici per l’ambiente, non dimenticare Sabra e Chatila, canapa: la pianta più sacra, proteste in corso…

Care, cari, i medici possono aumentare la sensibilità verso comportamenti ecologicamente orientati. Il manifesto dei Medici per l’ambiente. Un quarto delle cause di morte proviene oggi dall’ambiente, ma di questo ancora nel nostro Paese c’è scarsa coscienza. L’Italia è infatti tra i paesi europei con la più bassa percezione dei rischi ambientali ed in particolare con una bassa consapevolezza della correlazione tra fattori ambientali e salute umana…(Arpat) – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2021/09/medici-per-lambiente.html

Stranezze della carta verde – Scrive G.S.: “La carta verde non vige in Spagna, Belgio, Svezia, Danimara e Regno Unito. L’influenza è di tipo geografico o forse non ha la carta verde per recarsi nei citati Paesi? Chi me lo spiega?”

Per non dimenticare Sabra e Chatila – Scrive Giorgio Stern: “Il ministro della difesa israeliano, Sharon, fa circondare dai suoi soldati i due campi di rifugiati palestinesi a Beirut, Sabra e Chatila, completamente indifesi. Nella notte Sharon vi fa penetrare i mercenari “falangisti” assoldati da Israele. L’eccidio avviene alla luce dei bengala che i militari dello “Stato ebraico” lanciano per facilitare la pulizia etnica” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2021/09/15/per-non-dimenticare-sabra-e-chatila/

Mondeggi. Assemblea campagna popolare per agricoltura contadina – Scrive Coordinamento: “Vi aspettiamo venerdì 17 settembre 2021 a Mondeggi (FI), dalle 10:00, per l’Incontro Nazionale della Campagna Popolare per una legge che riconosca l’Agricoltura Contadina in Italia. Info: info@agricolturacontadina.org”

Canapa. La pianta più sacra… – Scrive Stefano Canali: “Si suppone che l’uso medicinale della canapa cominci in età neolitica nei territori situati a sud ovest del Mar Caspio, corrispondenti all’attuale Afghanistan. La conoscenza della canapa si sarebbe da qui diffusa verso la Cina, dove la sua utilizzazione è documentata nel Rhyya, un testo cinese di botanica. Nel trattato farmacologico risalente al leggendario imperatore Shen Nung, la canapa veniva descritta come panacea. Il testo indiano Atharveda indicava la canapa come elemento magico e medicinale…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2017/11/la-pianta-piu-sacra-tracce-di-canapa.html

Isola del Giglio. Veleni dal cielo – Scrive Carlo Consiglio: “È stato pubblicato sulla rivista “Giglionews” un articolo di Cesare Scarfò inerente il “disastro ecologico” causato dall’Ente Parco Nazionale Arcipelago Toscano, Corpo Forestale dello Stato, Ispra e Nemo srl, a seguito del lancio via elicottero, su tutto il territorio di Montecristo, di 14,1 tonnellate di pellet composto da granaglie e “brodifacoum”. Con tale intervento il veleno non ha avvelenato solo i ratti ma è entrato nell’intero ecosistema sia terrestre che marino.”

Proteste in corso – Dopo l’estate rovente, potrebbe seguire un autunno caldo, e non solo dal punto di vista puramente climatico. Migliaia di italiani sono tornati a protestare contro il Green Pass obbligatorio. Si tratta di una manifestazione ormai strutturata, che riprende vigore in concomitanza delle riaperture di settembre… – Continua: https://it.sputniknews.com/20210914/fara-il-rischio-di-un-autunno-caldo-non-e-solo-sul-fronte-delle-proteste-anti-green-pass-12903647.html

Ciao, Saul/Paolo
………………………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Nessuno stato, nessuna chiesa, nessun interesse costituito ha mai voluto che tu conoscessi la forza della tua anima, perché una persona con una solida energia spirituale sarà inevitabilmente un ribelle.” (Osho)

Commenti disabilitati

Per non dimenticare Sabra e Chatila…

“Se esistesse il Premio Nobel per la Morte” scriveva Gabriel Garcia Marquez “quest’anno se lo sarebbero assicurati Menahem Begin e il suo assassino di professione Ariel Sharon”.

Era il settembre 1982, Begin e Sharon si erano appena macchiati di uno dei loro crimini peggiori. Tanto gravi che persino l’opinione pubblica israeliana ne aveva risentito.

Ecco cosa avvenne.

Il 15 settembre ‘82 in forza degli accordi e delle garanzie internazionali, i combattenti palestinesi che proteggono i loro campi profughi dall’invasione israeliana, lasciano il Libano per la Tunisia. Il ministro della difesa israeliano, Sharon, ne approfitta e fa circondare dai suoi soldati i due campi di rifugiati palestinesi a Beirut, Sabra e Chatila, ormai completamente indifesi. Nella notte Sharon vi fa penetrare i mercenari “falangisti” assoldati da Israele. L’eccidio, precedentemente pianificato, avviene alla luce dei bengala che i militari dello “Stato ebraico” lanciano per facilitare la “pulizia etnica”. La mattanza dura quasi tre giorni, durante i quali Sharon impedisce a medici e ambulanze di accorrere ed ai giornalisti di raccontare. Alla fine il numero delle donne, dei bambini e dei vecchi torturati e uccisi è di circa 3000 e non sarà mai dato per certo, poiché gli israeliani con i bulldozer cercano di far scomparire i cadaveri dilaniati.

L’orrore nel mondo, e nella stessa Israele, è grande. A Tel Aviv 400.000 pacifisti danno vita alla più grande manifestazione nella storia di questo Stato. Il Governo israeliano è costretto ad aprire un’inchiesta che alla fine scagiona Sharon. Ma egli risulta talmente impresentabile che la stessa Organizzazione Sionista Mondiale evita di dar corso alla sua nomina a direttore del programma di immigrazione.

Nel febbraio 2001, in un clima interno completamente mutato rispetto a vent’anni prima, con voto plebiscitario gli israeliani eleggono Sharon Primo ministro.

In Belgio si apre un procedimento a suo carico per i crimini commessi a Sabra e Chatila. Il 23 gennaio 2002, Elie Hobeika, capo dei falangisti autori materiali della strage, si dichiara disposto a testimoniare davanti al tribunale belga che ha aperto il procedimento a carico di Sharon: il giorno dopo Hobeika viene ucciso a Beirut in un attentato.

I crimini di Sharon sono ampiamente documentati, la BBC ha contribuito con il documentario “Accused”.

Nel quadro della campagna promossa dal giornalista Stefano Chiarini, “Per non dimenticare Sabra e Chatila” nel settembre di ogni anno a Beirut viene ricordato l’anniversario del massacro alla presenza di delegazioni provenienti da tutto il mondo.

Giorgio Stern

Commenti disabilitati