Archivio Autore

C’è chi c’è, preti mangiacarne, oli esausti, discorso di Putin, scuola steineriana a Tortoreto, pensaci Giacomino (Leopardi), la giusta misura

Caterina

Il Giornaletto di Saul del 31 ottobre 2014 – C’è chi c’è, preti mangiacarne, oli esausti, discorso di Putin, scuola steineriana a Tortoreto, pensaci Giacomino (Leopardi), la giusta misura

Care, cari, allora, oggi è il gran giorno, la manifestazione “Riciclaggio della Memoria” fra poco avrà inizio e come sempre, in tutte le manifestazioni organizzate da Paolo fino all’ultimo non si sa di preciso che c’è e chi non c’è. Usa dire in questi casi “C’è chi ci deve essere!” ed io mi adatto. Ci saranno sicuramente i nostri amici fedeli, Sonia e Michele con la dolce Fabiola, più gli altri di cui vi racconteremo nei prossimi giorni. Lui come sempre si è dato da fare al massimo, ma senza aspettative di sorta, sono io quella che si fa sempre aspettative e per questo, vado un po’ in ansia. Ma tutto passa e stasera son convinta che sarà stata, come sempre, una bellissima giornata, come bellissima è la vita… (Caterina Regazzi)

Preti mangiacarne – Scrive Franco Libero Manco: “Perché i preti mangiano animali? La domanda sarebbe ingiustificata o pleonastica se si trattasse di una compagnia di assicurazioni, un istituto bancario o un’azienda di trasporti. Ma trattandosi di rappresentanti di una religione che ha come scopo il bene dell’uomo, la moralità dei suoi costumi, la sensibilizzazione delle coscienze, la carità, la misericordia ecc. allora la domanda diventa d’obbligo perché l’uso del mangiar carne è antitetica con i principi di tale religione. Essere impegnati a favore dei poveri e mangiare la carne equivale a produrre il problema che si intende debellare, dal momento che l’alimentazione carnea è la principale causa della fame nel mondo, oltre che..” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/10/30/perche-i-preti-cattolici-mangiano-carne/

Dubbi quirinalizi – Scrive G.D.G.: “…come mai, ‘curieux hasard’ direbbero i francesi (= strana coincidenza), nello stesso giorno in cui LORD GEORGE NAPOLITANO depone, come TESTIMONE, nel processo sul noto contenzioso STATO-MAFIA, Luciano Violante, il celebre Fouquier-Tinville anglo-sabaudo (seppure di nascita Abissina, da ‘razza-pura’ colà emigrata lucrosamente nei lontani anni Trenta) della Seconda Repubblica cosiddetta, OGGI RINUNCIA ALLA SUA CANDIDATURA ALLA SUPREMA CUPOLA, ancora presieduta dal BOSS DEI CASALESI, GIUSEPPE ‘TES-AURO’ -di nazionalità ‘lituana’ come è noto- con una ‘nobile’ lettera al CORRIERE DELLA SETTA ?”

Viterbo, Oli esausti – Scrive M5S: “Come molti sanno, gli oli esausti se dispersi nell’ambiente sono fortemente inquinanti, quindi è necessario raccoglierli e farli trattare da una ditta specializzata. Quindi, a che punto siamo con la raccolta degli oli esausti a Viterbo? Come mai i contenitori necessari non sono mai stati consegnati ai cittadini e versano in stato di abbandono presso un deposito in Zona Poggino?..” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/10/viterbo-oli-esausti-come-la-pazienza.html

Montesilvano. Olismo – Scrive Michele Meomartino: “OLIS: Via Toscanini, 14 – Montesilvano (Pe), Domenica 2 Novembre, ore 18.00: Salute psicofisica e Benessere spirituale, Marco Ferrante, operatore olistico. Teatro Alchemico Celeste Rodolfo Rodolfo. Ingresso Libero. Info: 393.2362091

Tortoreto Lido. Scuola steineriana – Scrive Giuseppe Pepe: “…è un grande piacere per me presentarvi l’associazione culturale pedagogico ad indirizzo steineriano “I Colori del Sole” (Impresa Sociale senza fini di lucro) di Tortoreto Lido (Abruzzo). Da 2 anni un piccolo gruppo di persone lavora senza sosta per creare una realtà nuova nel nostro territorio: un asilo e una scuola parentale ad indirizzo steineriano. Oggi…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/10/tortoreto-lido-7-8-9-novembre-2014-i.html

Finzioni canore religiose – Scrive Enrico Galoppini: “Ormai non esistono più limiti alla manipolazione e alla destabilizzazione mentale. Suor Cristina, pardon, “Sister Cristina”, lanciatissima grazie alla vittoria in un famoso concorso canoro televisivo (“The voice”) replicato pedissequamente in ogni paese occidentale, si è cimentata con un rifacimento di Like a Virgin (“Come una vergine”), della celebre cantante pop “Madonna” (al secolo Louise Veronica Ciccone)…”

Discorso di Putin all’Occidente – Scrive Il Giornale: “Un discorso programmatico, da vero capo di Stato. Quello tenuto dal presidente russo Vladimir Putin il 24 ottobre scorso, alla sessione plenaria del Forum internazionale del «Club Valdai» (la fondazione no-profit che da anni si occupa del ruolo geopolitico della Russia nel mondo), non è una dichiarazione di guerra, ma un duro messaggio all’Occidente….” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/10/discorso-di-vladimir-putin-alle-genti.html

Roma, Operai manganellati – Scrive Il Manifesto: “Ferito un dirigente sindacale della Fiom Cgil Nazionale. «Ci hanno manganellato perché non volevano farci arrivare al ministero dell’Economia». Così alcuni operai dell’Ast dI Terni caricati dagli agenti mentre dall’ambasciata tedesca si spostavano verso il ministero. La carica è avvenuta a piazza Indipendenza. Quattro operai sono stati soccorsi per ferite alla testa. «Vorrei dare un abbraccio e solidarietà ai lavoratori e i dirigenti sindacali caricati dalla Polizia». Lo ha detto il segretario Cgil, Susanna Camusso, a proposito della manifestazione sull’Ast di Terni..”

Recanati. Pensaci Giacomino – Scrive Sara Di Giuseppe: “Non ho visto né vedrò il film che ti riguarda: che sia buono o pessimo poco mi cale (certo era brutta in modo imbarazzante, ma osannatissima da tutti i media, la trasposizione teatrale che delle tue Operette Morali ci inflisse un anno fa lo stesso regista). Corre voce che faccia innamorare di te folle di giovani. Perbacco. Eppure vidi innamorarsi di te gli studenti più scavezzacollo, che semplicemente ti lessero e ti capirono, senza vederti sugli schermi. Lo capivano, che il tuo amore per la vita, la titanica fede in una dignità umana fondata sul vero, il bisogno di rapporti nuovi fra gli uomini, parlavano da lontano alla loro e alla nostra disperata fragilità, e perché tu entrassi in loro bastava solo che ti leggessero. Oggi le Marche ti vogliono loro sponsor, gli vai a fagiolo per passerelle e mercati, ed è il punto di non ritorno….” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/10/recanati-pensaci-giacomino-giacomo.html

TAV pesante – Scrive Dago: “Nel progetto definitivo della Tav all’esame del Cipe la spesa prevista per l’Italia passa da 2,9 a 7,7 miliardi. Il commissario dell’opera, Virano: “Non so darmi una spiegazione razionale”. Civati e Sel chiedono una commissione d’inchiesta…”

Roma. Fotogrammi – Scrive Itam: “Fotogrammi con Mafalda GUARENTE e Beatrice ZAGATO. Testi critici Otello Lottini e Barbara Codogno. 7 novembre 2014, ore 19:00. Galleria Michelangelo di Fabio Cozzi, Via G. Giraud 6, Roma”

La giusta misura – Ho conservato per anni un vecchio dipinto nel Tempio della Spiritualità della Natura, prima di abbandonare Calcata al suo destino e trasferirmi a Treia. Era solo una banale copia, rappresentava un alchimista (od un semplicista) che mostra la giusta dose di sostanza da porre nell’intruglio medicinale ad un giovane apprendista. Il gesto eloquente, la mano alzata con il palmo rivolto in avanti, significante “basta così”. Né troppo né poco! Le cose cambiano e non serve portarsele appresso, la memoria è utile se ci aiuta a non ripetere gli errori del passato, contemporaneamente è una zavorra se ci impedisce di compiere nuove esplorazioni e ricerche. Anni ed anni di meditazione… per scoprire la giusta misura? – Continua:
http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/10/la-giusta-misura-ecologia-e.html

Misuriamo con quale metro? Ciao, Paolo/Saul

…………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Un fiore si fa strada attraverso una crepa nel marciapiede in cerca di sole. Un pinguino marcia per migliaia di chilometri in cerca di cibo per i suoi cuccioli. Il potente ruggito di un leone protegge la sua famiglia da pericoli vicini o lontani. Che abbia branchie, ali, peli o radici, ogni essere vivente ha voglia di vivere e di crescere. Siamo tutti figli della Terra.” (Ruby Roth)

Commenti disabilitati

Perché i preti cattolici mangiano carne?

satana mangia carne

Perché i preti mangiano animali? La domanda sarebbe ingiustificata o pleonastica se si trattasse di una compagnia di assicurazioni, un istituto bancario o un’azienda di trasporti. Ma trattandosi di rappresentanti di una religione che ha come scopo il bene dell’uomo, la moralità dei suoi costumi, la sensibilizzazione delle coscienze, la carità, la misericordia ecc. allora la domanda diventa d’obbligo perché l’uso del mangiar carne è antitetica con i principi di tale religione. Essere impegnati a favore dei poveri e mangiare la carne equivale a produrre il problema che si intende debellare, dal momento che l’alimentazione carnea è la principale causa della fame nel mondo, oltre che della cattiva salute dell’uomo, dell’inquinamento generale e della distruzione del patrimonio boschivo.
I preti mangiano animali semplicemente perché li considerano cose da mangiare. E nonostante gli studi di zoologia, di etologia, in cui si dimostra che gli animali sono dotati di sensibilità, memoria, comunicazione; nonostante le molte ricerche in cui viene evidenziata la bellezza mirabile dell’animale, la l’intelligenza sbalorditiva, la sensibilità commovente, per il prete l’universo animale, e la sofferenza inflitta loro dall’uomo, è semplicemente un problema da non considerare: non rientra assolutamente nella loro sfera mentale, emotiva o morale. E le motivazioni possono essere le seguenti.
Il clero mangia animali perché convinto che siano fatti per questo, rifacendosi al comando biblico di Gen. 9,3 in cui Dio dà l’autorizzazione a Noè, uscito dall’Arca dopo il diluvio: “Quanto si muove e ha vita vi servirà da cibo”. Ma S. Girolamo, uno che la sapeva lunga, dice, se ciò fosse vero allora dovremmo imbandire le nostre tavole non solo con lepri e fagiani ma anche con scorpioni e serpenti. E aggiungeva che i primi cristiani si astenevano dalla carne, mentre coloro che ne facevano uso appartenevano alla chiesa corrotta. Inoltre, appellarsi a tale autorizzazione significa accettare la condizione di peccato e non la dimensione precedente in cui Dio nel paradiso terrestre dà agli uomini un comando ad essere vegetariani: “Ecco, io vi do ogni erba che produce seme ed ogni albero in cui è frutto saranno il vostro cibo, mentre agli animali do la verde erba dei campi” (Gen 1,29).
Altri magari si appellano a quanto riportato in (Deut. 12:15): “Ogni volta che ne sentirai desiderio potrai uccidere animali e mangiare la carne, secondo la benedizione che il Signore ti avrà elargito… ma non ne mangerete il sangue; lo spargerai per terra come l’acqua”. Ora, siccome il sangue fuoriesce dalle arterie non dai capillari, non è possibile mangiare carne senza sangue.
Il clero mangia animali perché si appella ai Vangeli ufficiali in cui Gesù in nessuna situazione ha difeso gli animali o ha prescritto di non nutrirsi di carni, e in una circostanza ha mangiato del pesce, (anche se questo episodio viene riportato solo da Luca, che non era presente all’evento). In ogni caso questo è in antitesi con il pensiero di Gesù deiVangeli apocrifi in cui condanna duramente la violenza agli animali e coloro che ne mangiavano le carni. In ogni caso, Gesù ha mangiato solo del pesce, a differenza del clero avvezzo al consumo di qualsiasi carne di animale. E poi, erano altri tempi, e il clero dovrebbe superare certe anacronistiche e crudeli usanze giustificate solo per il piacere della gola, tra l’altro considerato uno dei sette peccati capitali.
Altri mangiano la carne perché convinti che sia necessaria alla loro salute. Ma l’eccellente condizione fisica di coloro che hanno escluso la carne dalla loro dieta non dà scusanti, come confermano gli scienziati indipendenti e gli istituti più accreditati del mondo in fatto di alimentazione.
Altri ancora si appellano a quanto asserisce S. Paolo nella lettera ai Corinzi I, 25-29: “Continuate a mangiare ogni cosa che si vende al macello, senza informarvi a motivo della vostra coscienza, poiché a Dio appartiene la terra e tutto ciò che la riempie. Se qualcuno degli increduli vi invita e desiderate andarvi, mangiate di ogni cosa che vi viene posta davanti senza informarvi a motivo della vostra coscienza,). In questo S. Paolo fa un passo indietro rispetto la legge ebraica che autorizza a consumare solo le carni di animali considerati puri. Ma S. Paolo, ardente interprete del pensiero di Gesù, fa riferimento a ciò che Gesù disse: “Non quello che entra dalla bocca contamina l’uomo, ma quello che esce dalla bocca” (Mtt: 15, 11). E in Corinzi 9,9 ribadisce “Forse Dio si dà pensiero dei buoi?
Come ultima motivazione resta il piacere del palato al quale il prete pare non intende rinunciare. Ma può il prete proclamare amore, rispetto, carità, misericordia, compassione e nel contempo giustificare un atto sanguinario e crudele giustificato solo dal piacere della gola? Può un padre tutelare solo uno dei componenti la “famiglia” e considerare sacrificabili gli altri componenti?
Tante cose sono state superate dalla Chiesa (perché costretta dal contesto storico-sociale) mentre quella della bistecca e il profondo disprezzo per gli animali restano come scoglio non trattabile per la stragrande maggioranza del clero. Però la vera civiltà, quella che conduce inevitabilmente l’umanità verso l’etica vegana, procede inarrestabile, nonostante filosofie e le religioni antropocentriche e queste ultime subiranno gli effetti più pesanti e si troveranno ad un bivio difficile da superare: aderire ad un contesto più giusto, più evoluto e più umano oppure continuare ad attenersi a regole rozze, anacronistiche e crudeli? La creazione piange nel sangue e nel dolore; ma un ladro, una prostituta, un uomo ignorante, uno scaricatore di porto nel giorno del giudizio saranno mille volte meno colpevoli davanti il tribunale della Vita.
Su queste premesse il pensiero ed il comportamento dei papi non poteva certo essere benevolo nei confronti degli animali. In questi ultimi giorni l’attuale papa invitava i benestanti a dividere la bistecca con i poveri. E in passato?
Ad Avignone, il papa Giovanni XXII, in occasione delle nozze di sua pronipote, volle un banchetto, come dire, non proprio francescano, dispose infatti che venissero servite le carni di 8 vitelloni, 55 montoni, 8 maiali, 4 cinghiali, 200 capponi, 700 polli, 580 pernici, 270 conigli, 4 gru, 2 fagiani, 2 pavoni, 3000 uova e 3 quintali di formaggio. (da Storia delle abitudini alimentari, di Giancarlo Signore)
Credo che coloro che mangiano animali siano potenzialmente anche capaci di ucciderli. Ma coloro che per missione istituzionale sono chiamati a diffondere le cultura della non violenza, del rispetto, della carità, dell’amore meno di chiunque altro sono scusabili nella loro convinzione che gli animali siano cose da mangiare. Il vescovo che a tavola divora un coniglietto non può non sapere che quella povera bestiola voleva vivere e non essere uccisa patendo l’agonia della morte. Ma il vescovo probabilmente non dà alcuna importanza al fatto che per il piacere del suo palato quella creatura sia stata privata per sempre dell’unico suo bene, la vita. Quanti vescovi e prelati avrebbero il coraggio di uccidere con le proprie, gentili, mani l’animale divorato a tavola? Probabilmente avranno ripulsa, ma delegano qualcuno a fare ciò che non farebbero in prima persona. Ma può un religioso tollerare simile personale incoerenza e accettare che qualcun altro compia per lui ciò che ritiene pugnante?
“Per la malvagità dei suoi abitanti le fiere e gli uccelli periscono” (Gr: 12,4).

Commenti disabilitati

Riciclaggio della Memoria, UNUM, Montini beato?, l’ebola di Glenn Thomas, Montecorone in preparazione, look inside yourself

Comune di Treia

Il Giornaletto di Saul del 30 ottobre 1014 – Riciclaggio della Memoria, UNUM, Montini beato?, l’ebola di Glenn Thomas, Montecorone in preparazione, look inside yourself

Care, cari, Il 31 ottobre 2014 si tiene a Treia la manifestazione (di libera partecipazione) “Riciclaggio della Memoria”, che si svolge durante l’intera giornata. Il clou sarà alle h. 17 circa con una Tavola Rotonda e spettacolo di arte varia nella Sala Consiliare del Comune (in Piazza della Repubblica). Ma gli eventi iniziano sin dalla mattina del 31 ottobre, alle 10 circa partiremo per una passeggiata erboristica con Sonia, la sibilla delle erbe (ad offerta libera per l’accompagnatrice). Appuntamento in Via Sacchette 15/a al Circolo Vegetariano VV.TT.. Cominciamo dall’orto che sta sotto il Circolo che è pieno di erbe selvatiche commestibili…. – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/10/treia-indicazioni-per-la-manifestazione.html

Confermata partecipazione dei musicanti di Treia – Scrive Marco: “Ciao Paolo, ti confermo la nostra presenza per venerdì 31 ottobre, alle ore 17, suonando all’inizio della presentazione e al termine. Facciamo improvvisazione, quindi la lunghezza dei brani la vediamo in loco, Siamo un percussionista, un basso ed un flicorno. Per il brano popolare riarrangiato vediamo che possiamo fare, giovedì facciamo una prova…”

Bioregionalismo spicciolo – Scrive Franca: “…nel nostro piccolo, con tutti i limiti degli attuali governi, in fondo non abbiamo problemi davvero seri. Oggi ho preparato un pentolone di mele cotte del nostro orto. L’estate scorsa abbiamo fatto, mio marito ed io, circa 200 vasi di marmellata con frutta nostra e poca acquistata di tipo bio. Tanti vasetti di conserva coi nostri pomodori. Riusciamo spesso a recuperare farina macinata a pietra e quindi un po’ grigetta, ma buonissima. Mi cuocio ancora il pane in casa con la mia pasta madre. Adoro cucinare e la mia famiglia me ne è grata. L’inquinamento c’è ma, come fate voi, basta essere attenti e scegliere i cibi giusti nei luoghi giusti…”

Il Montini non andava beatificato – Scrive Arrigo Colombo: “Molti lo hanno detto, e lo ripetono in questi giorni. Montini, infatti, ha compiuto un atto gravissimo di sopraffazione della volontà dell’intero Popolo di Dio. Sopraffazione giudicata scandalosa, e che tutti ricordano. Un vero atto di dispotismo. Avendo un’idea repressiva della contraccezione, sottrasse questo argomento alle decisioni del Concilio Vaticano II e lo affidò ad una Commissione rappresentativa della Chiesa, in cui cercò a più riprese d’immettere personaggi conservatori e retrivi. Ciononostante la Commissione si pronunziò a favore della contraccezione…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/10/29/il-montini-non-andava-beatificato-parola-di-arrigo-colombo/

Roma. Luoghi della Memoria – Scrive Ass. Cultura: “Il 2 Novembre 2014 a Roma riprende il progetto Luoghi della memoria ideato vent’anni fa dall’allora assessore alla Cultura Gianni Borgna: un giorno per la memoria di chi non c’è più, un giorno di riflessione accompagnato dalle parole del teatro, dalla poesia e dalla musica. Nei cimiteri della Capitale, dal Verano all’Acattolico, dal Flaminio Prima Porta al Laurentino, sono in programma piccoli eventi di musica e teatro realizzati dall’Accademia nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”, dal Conservatorio di Musica di Santa Cecilia, dalla CorAle Femminile Aureliano, dall’Associazione Artipelago ed AMA Cimiteri Capitolini… – Info. esterne.dipcultura@comune.roma.it”

Ebola. Qualcuno doveva morire… Scrive Antonio Merolla: “…Glenn Thomas era coinvolto nelle inchieste che stavano portando alla luce le controverse operazioni di sperimentazione di virus Ebola nel laboratorio di armi biologiche presso l’ospedale di Kenema. Ora che questo laboratorio è stato chiuso per volontà del Governo della Sierra Leone, emergono ulteriori particolari in merito agli interessi che nascosti dietro la sua gestione…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/10/ebola-qualcuno-doveva-morire-cominciare.html

La guerra è male – Scrive Sarvamangalam a integrazione-commento dell’articolo http://retedellereti.blogspot.it/2014/10/proposta-nonviolenta-per-il-4-novembre.html -: “Nessun popolo può sentirsi la coscienza completamente a posto finché sopporta i governi di guerra Nato e il commercio internazionale di armi. Fuori l’Italia dalla Nato, fuori la Nato dall’Italia, via i governi fornitori di armi al pianeta, riconversione civile delle spese industriali militari, che sottraggono lavoro e risorse alla vita della società. Senza questi requisiti nella sua filosofia e nel programma di azione propagandistica nessuna organizzazione politica può venir presa davvero sul serio..” – Continua in calce al link segnalato

Montecorone: in preparazione del Collettivo Ecologista 2015 – I temi che ci stanno a cuore sono quelli della agricoltura contadina, dell’economia solidale, dell’ospitalità e della collaborazione, dell’abitare in comunità, della spiritualità naturale etc. La Rete Bioregionale Italiana si ritrova già da qualche anno in corrispondenza del Solstizio Estivo e nel 2015 l’incontro si svolgerà a Montecorone a casa di Pietro. Per avere informazioni su cosa è la Rete Bioregionale si può…” – Continua: http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/In-preparazione-del-Collettivo-Ecologista-2015

Commento di L.G.: “Ti ringrazio molto per l’invito, ma purtroppo la presentazione del mio libro a Modena coincide proprio con l’evento a Montecorone, l’8 Novembre. Per il resto, da un po’ di tempo sto abitando a Trento e sono quasi sempre qui. Spero per te tutto bene, leggo sempre volentieri il tuo “Giornaletto” segnalando gli argomenti e le notizie che mi interessano…”

Intelligence sull’altra faccia di marino – Scrive NapoLibera: “Domanda: Caro Kàrolyi, cosa pensa delle nozze-gay celebrate in Campidoglio dal ‘licenziato di Pittsburgh’, per scarso rendimento, Ignazio Marino, ed oggi approdato a Sindaco di Roma? (VINCENZO DE CONCILIIS – SALERNO) – Risposta di KAROLYI: Che utilizza i ricchioni, perdipiù sfruttando mediaticamente la coincidenza col giorno di chiusura del Sinodo straordinario DE FAMILIA, per farsi pubblicità gratuita sui media, che volentieri la accolgono, perchè ‘fa audience’ presso la l’oro lobby. Non è la prima volta, né sarà l’ unica. E’ sempre stato così. I ricchioni, ad esempio, all’epoca delle grandi guerre ideologiche, che mascheravano gli SCONTRI DI RELIGIONE GEO-POLITICI, venivano utilizzati COME SPIE…” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/10/intelligence-di-napolibera-laltra.html

Scie chimiche e pinzillacchere. Basta – Scrive Nadia: “Ma lo sai che anche gente cosiddetta acculturata ancora chiede “ma tu ci credi alle scie chimiche?”. Come se si trattasse di un atto di fede e non di osservazione e lettura e comprensione di documentazione disponibile in quantità industriale. Nella Bassa Padana è uno strazio, tutti i giorni. Ormai mi sono stancata di fare foto, ho un book fotografico da paura. La gente acculturata che conosco evita proprio l’argomento, come se non esistesse il problema. Insisto che il grande danno lo fanno le TV/radio/giornali. Giusto ieri stavo parlando con una amica la quale guarda la TV e mi chiede perché sono così sicura che il web e i libri che ho letto siano la verità. Questa domanda me l’ha posta dopo un’ora di mie accurate spiegazioni con tanto di dati ben precisi e dettagliati. Ma io dico: se una persona ti da’ dei dati e delle notizie così diverse dal solito e particolari (es. HAARP, Mazzucco, Marcianò, Ogm, banche, istruzione scolastica, vaccini,……), com’è possibile che dopo che hai sgranato gli occhi non ti viene la curiosità di informarti diversamente? Sono convinta che ormai non c’è più nulla di recuperabile, hanno vinto loro. E allora che si fa? viviamo al meglio e facciamo finta di fregarcene del resto, ma non molliamo. MAI ”

Italia. Allagamenti – Scrive Accademia Kronos: “Non c’è che dire, gran parte dell’estate e inizio autunno è stato ancora caratterizzato dai “flash flood”, ossia improvvisi allagamenti causati da precipitazioni intense che scaricano a terra una quantità d’acqua che normalmente cadrebbe in un mese o giù di lì. Questi disastri naturali che si abbattono sulle nostre città, sono causati da fenomeni che fino a dieci anni fa erano ritenuti rari e, purtroppo, stanno diventando una consuetudine sempre più evidente. Quest’anno l’Italia, oltre ad altri suoi record negativi in molti settori, dall’economia, all’occupazione fino ai disastri climatici, deve annoverare un dato unico..” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/10/2014-tempo-impazzito-da-giugno-ottobre.html

Politica e lavoro – Scrive Aldo: “Mi restano due cose in testa: primo, che un politico che si e’ sempre occupato di politiche del lavoro non sappia distinguere il reddito minimo garantito da quello di cittadinanza, e secondo che il PD nelle sue componenti che si dicono ‘progressiste’ continui ad ostinarsi a perseguire ‘il dogma lavorista’. Il mondo gli e’ cambiato sotto i piedi e loro sono ancorati al fordismo. Anche loro con ragionamenti astrusi ostacolano la nascita di un nuovo spirito progressista. Uno spirito internazionalista, universalista ed egualitarista.”

Politica in transizione – Scrive A.M.C. a commento/integrazione dell’articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/10/28/politica-ed-amministrazione-in-transizione-lettera-pubblica-di-franca-oberti/ -: “Sono totalmente d’accordo con Franca Oberti e ritengo che lo Stato, attraverso i Governi incompetenti che lo gestiscono, non ha il diritto di indebitarsi in un sistema a tasso variabile. Ma come è possibile una tale leggerezza, neanche io che sono una pulce mi sono mai lasciata incastrare con prestiti a tasso variabile mentre i nostri governanti lo hanno fatto senza porsi problemi con estrema leggerezza e ora stanno con il fiato sospeso sull’andazzo dello « spread »,…” – Continua in calce al link segnalato

Un ultimo caffè amaro – Scrive Armando Marchesini a commento dell’articolo http://retedellereti.blogspot.it/2014/10/un-ultimo-caffe-amaro-prima-di-lasciare.html -: “..confermo, da parte mia, che la realtà di oggi è quella illustrataci dal sig. Ceresa e assai di più; e credo anche, che la figlia sia molto coraggiosa, oltreché fortunata: sia perché ha la possibilità di andarsene, sia perché ha intuito, se non capito, molte più cose di quelle che noi pensiamo di averne cognizione….” – Continua in calce al link segnalato

Messaggio universale: Within us is the truth, which is also embodied and revealed by the true teacher, this truth can not be “transmitted” but must be recognised internally, where the true teacher resides. The truth is not an object of knowledge but the knowing itself. The knowledge that makes possible all knowledge .. That consciousness is our true nature and is the intrinsic nature of the teacher who showed it to us…. – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/10/look-inside-yourself-within-us-is-truth.html

E vai, pure Albione è stata accontentata (ho scritto in inglese), ciao Paolo/Saul

…………………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“DATO CHE NON POSSIAMO ESSERE VERI ALTRUISTI, dobbiamo ogni volta scoprire qual è la vera ragione che ci fa essere generosi con gli altri e dobbiamo anche riuscire a capire che cos’è che stiamo veramente cercando di ottenere…” (Roberto Anastagi)

Commenti disabilitati

Il Montini non andava beatificato… Parola di Arrigo Colombo

Al Vescovo di Roma Jorge Mario Bergoglio
al Segretario di Stato Pietro Parolin
al Card. Angelo Bagnasco

La beatificazione di Montini non doveva farsi

papa montini

Molti lo hanno detto, e lo ripetono in questi giorni.
Montini, infatti, ha compiuto un atto gravissimo di sopraffazione della volontà dell’intero Popolo di Dio. Sopraffazione giudicata scandalosa, e che tutti ricordano.
Un vero atto di dispotismo.

Avendo un’idea repressiva della contraccezione, sottrasse questo argomento alle decisioni del Concilio Vaticano II e lo affidò ad una Commissione rappresentativa della Chiesa, in cui cercò a più riprese d’immettere personaggi conservatori e retrivi.
Ciononostante la Commissione si pronunziò a favore della contraccezione.

Allora lui pubblicò l’enciclica Humanae Vitae in cui la proibiva.
Un atto di perverso autoritarismo.
Un papa, infatti, non può fare tutto ciò che vuole, ma deve agire secondo ragione e saggezza, secondo la legge della coscienza e la suprema legge evangelica.
In questo caso doveva anzitutto rispettare il parere di una Commissione che, così com’era composta, era espressione dell’intero Popolo di Dio.

Inoltre la ragione, e con essa la dottrina teologica, gli diceva che la contraccezione non è un atto contro natura e non ha nulla di perverso, non infrange nessun diritto e nessuna legge;
è semplicemente una gestione razionale delle proprie funzioni biologiche.
Qui del fatto procreativo, che è un fatto di grande impegno.
Nel rapporto amoroso, mentre il fatto unitivo o amativo, l’amplesso, appartiene alla quotidianità e nutre il rapporto stesso, il fatto procreativo, per le altissime responsabilità che comporta, deve intervenire poche volte in vita.

Montini ha prevaricato tutto questo, abusando della sua autorità e mettendo in difficoltà l’intera Chiesa. Non può essere proposto come figura esemplare.

Parliamo di Montini e non di Paolo VI perché consideriamo il nome dinastico (introdotto definitivamente verso il Mille, cioè dopo circa un millennio) profondamente antievangelico, quindi profondamente abusivo.
Si ripresenta inoltre qui il problema, già lamentato da molti, che si sta avviando un costume
per cui ogni papa canonizza i suoi predecessori, sì che a sua volta sarà canonizzato.
Un fatto oltremodo sconveniente.

Prof. Arrigo Colombo

Arrigo Colombo, Centro interdipartimentale di ricerca sull’utopia, Università del Salento-Lecce
Via Monte S.Michele 49, 73100 Lecce, tel/fax 0832-314160
E-mail arribo@libero.it/ Pag web http://digilander.libero.it/ColomboUtopia

Commenti disabilitati

Politica in transizione, aree metropolitane e globalizzazione, Lista Civica Italiana, 4 novembre di lutto, la luce della Coscienza…

transizione in politica

Il Giornaletto di Saul del 29 ottobre 2014 – Politica in transizione, aree metropolitane e globalizzazione, Lista Civica Italiana, 4 novembre di lutto, la luce della Coscienza…

Care, cari – Politica in transizione – Scrive Franca Oberti: “…E poi basta con l’elemosina… è solo un gesto che libera la coscienza, ma non educa chi la riceve. Offrire lavoro è molto più utile, risolve i problemi interni e aiuta le persone ad essere dignitose e grate. Chi non lavora non mangia, è ovvio! Certo è che se per ogni lavoretto umile e limitato nel tempo ci sia subito uno Stato/aquila che coi suoi artigli si risucchia tutto il piccolo guadagno… la gente preferisce NON LAVORARE! E magari farsi mantenere dalle istituzioni che ci sguazzano in questi incartamenti e riescono a conservare tanti posti di lavoro inutili. La burocrazia va ribaltata: paga solo chi può avere un esubero consistente, non chi con quei pochi soldi di tasse ci potrebbe mangiare un mese perché non ha altro, nemmeno più un lavoro. I controlli ci sono perché la gente è disperata e l’aumento di ogni tassa o tributo serve solo ad alimentare i focolai di ribellione. “Che l’innse?” diceva il Balilla per provocare la rivoluzione che scacciò gli austro-ungarici dalla Liguria. E’ un urlo che mi sale dal cuore spesso… ma la voce non esce, bloccata dalle mille e una regole, dalle scadenze, incombenze, tributi, tasse, gabelle ed elemosine…..” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/10/28/politica-ed-amministrazione-in-transizione-lettera-pubblica-di-franca-oberti/

Mio commentino: “Le intenzioni sono buone ed anche l’analisi… Il problema è che a livello di politica locale amministrativa quel che possono fare i comuni è ben poca cosa. In verità i Comuni sono ormai diventati organi di esazione tasse. Mentre i servizi sono affidati perlopiù a enti e cooperative esterne le spese di gestione interna non accennano a diminuire. Faccio un esempio: tempo fa vivevo in un paesino che conta appena 900 abitanti, ove le spese della macchina amministrativa sono enormi, e pesano tutte sulle spalle dei cittadini. 900 abitanti corrispondono a quelli di un grande condominio di Roma, in cui la gestione viene diretta da un amministratore condominiale e forse da un addetto alle pulizie e piccola manutenzione. Mentre il Comune dove abitavo conta non solo un sindaco, vari assessori e consiglieri (ognuno dotato di varie prebende), ma anche un segretario comunale, un ragioniere, un tecnico, 2 vigili urbani, 3 o 4 impiegati (fra tempo pieno e part time), 2 addetti a piccoli incarichi (pulizia, etc.) e forse altri dipendenti che non so… Ed i servizi? Tutti dati in appalto od in gestione esterna. Ultimamente per pagare questi dipendenti il Comune ha dovuto cercare un nuovo addetto con l’incarico di controllore/esattore ed individuatore di nuove gabelle, mentre i vigili e gli altri impiegati sono sollecitati a raccogliere fondi in tutti i modi (attraverso multe, bolli ed affini). Sarà dura per il popolo ottenere un cambiamento con tutte queste bocche da sfamare Però – forse – un amministratore onesto di un qualsiasi comune potrebbe migliorare la condizione generale degli amministrati ed è quello che auguro a te, cara Franca, se decidessi di entrare in politica..”

Aree metropolitane e controllo del territorio – Scrive Rete Voltaire: “Le città e le comunità locali sono una sfida inevitabile per la strategia dei mondialisti. Essendo il loro obiettivo arrivare ad una gestione mondiale, progettano di scomporre a tutti i livelli gli stati nazione pretendendo di rafforzare i comuni (istituzioni locali). Così, costruire una vera maglia sul campo permette l’instaurazione di nuove strutture al livello più basso (il locale) che si inseriranno in organismi politici regionali, quindi continentali, infine per arrivare ad un “saldatore” unico, un governo mondiale (il globale). Quest’architettura si prefigge di raggirare l’autorità politica degli stati…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/10/aree-metropolitane-un-modo-per.html

Roma. Laboratorio No-profit – Scrive A Sud: “Parte il Laboratorio di Progettazione Europea nel No-profit, c/o Urban Center di Garbatella, Roma 21 e 28 novembre, 5 dicembre 2014. Info. redazione@asud.net”

Ucraina. Elezioni finte in finta democrazia – Scrive Petro Simonenko: “…è evidente che il regime ucraino non è ancora sicuro della sua vittoria e si prepara a brogli su larga scala. A tal scopo sono state stampate 10 milioni di schede in più, e apertamente e sfacciatamente si sta compiendo una manipolazione del numero degli elettori e l’utilizzo dei voti di “anime morte”. In tutto il paese è stata creata una “rete parallela” e sono stati installati server per la correzione dei risultati elettorali a favore della giunta. E’ venuto il momento di rimuovere il “paraocchi” e riconoscere che le elezioni anticipate in Ucraina non possono essere riconosciute come democratiche e legittime. Queste elezioni sono le più sporche e le più corrotte di tutta la storia dell’Ucraina” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/10/ucraina-altro-che-democrazia.html

Agricoltura Contadina. Passi avanti – Scrive Sergio Cabras: “Recentemente ci sono stati degli incontri con la deputata del PD Susanna Cenni a Roma al Parlamento con Roberto Schellino e me per la Campagna e Laura Ciacci di Slow Food che ha reso possibile l’incontro, nella stessa occasione abbiamo anche parlato con Adriano Zaccagnini ed al telefono con Parentela (primo firmatario di una PdL sull’agricoltura contadina da parte del M5S). Dopo pochi giorni ci siamo ritrovati a Torino per Terra Madre ad una conferenza-dibattito con la Cenni e Zaccagnini; per la Campagna c’è stata l’introduzione di Roberto Schellino, e poi siamo intervenuti anche Maria Grazia Mammuccini, Fabrizio Garbarino ed io. ..”

Roma. Lista Civica Italiana s’incontra – Scrive Giuseppe Brizzi: “Alcuni movimenti, cercano di rendere più efficaci gli sforzi di coloro che a vario titolo sono  impegnati per migliorare questo paese. La nostra formazione, lista civica italiana, propone un incontro tra tutti coloro che sono disponibili ad unire gli sforzi secondo alcuni principi comuni. Il 15 novembre 2014, a Roma, prevediamo di fare, in contemporanea con la nostra Assemblea Nazionale, un congresso aperto a tutti gli interessati per iniziare questo nuovo ciclo politico-territoriale…” – Continua:
http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/10/roma-15-novembre-2014-incontro-di-lista.html

Italiani se ne vanno. Ultimo caffè amaro – Scrive F.O. a commento dell’articolo http://retedellereti.blogspot.it/2014/10/un-ultimo-caffe-amaro-prima-di-lasciare.html -: “Caro Anthony, il tuo racconto, così personale, mi ha commossa. Questa è davvero la realtà di oggi? Già i nostri nonni e bisnonni hanno dovuto lacerare famiglie intere per sopravvivere, ma noi, abbiamo davvero bisogno di andare via? Un tempo era la fame, ora cos’è? Sai che sono un po’ perplessa? E’ davvero così indispensabile dover abbandonare il nostro paese?..” – Continua in calce al link segnalato

4 novembre di lutto – Scrive Peppe Sini: “Proponiamo che il 4 novembre si realizzino in tutte le città d’Italia commemorazioni nonviolente delle vittime di tutte le guerre, commemorazioni che siano anche solenne impegno contro tutte le guerre e le violenze. Affinché il 4 novembre, anniversario della fine dell’inutile strage della prima guerra mondiale, cessi di essere il giorno in cui i poteri assassini irridono gli assassinati, e diventi invece il giorno in cui nel ricordo degli esseri umani defunti vittime delle guerre affinché non ci siano mai più guerre, uccisioni e persecuzioni…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/10/proposta-nonviolenta-per-il-4-novembre.html

Pisa pacifista – Scrive Agora: “30 ottobre 2014, ore 21, sala conferenze Circolo agorà Via Bovio 50 – Pisa. Incontro pacifista con: MANLIO DINUCCI (saggista), GIUSEPPE ARAGNO (storico), ANGELO BARACCA (Doc. di Storia e Metodologia della Fisica Univ. di Firenze), VALTER LORENZI (Rete dei Comunisti), ANDREA CORTI (segretario provinciale PRC Pisa)”

La luce della Coscienza si riflette nella mente e crea il mondo – Da bambino adoravo giocare con uno specchietto rubato a mia madre, con esso catturavo la luce solare e la dirigevo, attraverso una finestrella, dentro una cantina buia. Solo ciò che era illuminato dal fascio luminoso era visibile mentre il resto delle pareti e delle cose accatastate sul pavimento restava oscuro. Esattamente allo stesso modo funziona la mente, che illumina il mondo esterno. Per analogia vediamo che la sorgente di luce, il sole, è come la consapevolezza suprema mentre lo specchietto è la mente. Ma la mente stessa, in effetti, è cosciente, essa è l’aspetto riflettente della coscienza. Dico “riflettente” per indicare la sua propensione a rivolgersi verso l’esterno. La mente non è altro che la capacità della coscienza di esteriorizzare se stessa…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/10/la-luce-della-coscienza-si-riflette.html

Fiat Lux e buon giorno! Ciao, Saul/Paolo

…………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“When there is a person, there is also consciousness. ‘I am’, mind, consciousness denote the same state. If you say ‘I am aware’, it only means: ‘I am conscious of thinking about being aware’. There is no ‘I am’ in awareness.” (Nisargadatta Maharaj)

Commenti disabilitati