Risultato della ricerca:

Il peso dell’uomo sulla Terra, massoneria e religione, l’europeo non piace al papa, Londra: Grenfell brucia senza crollare, oltre il visibile…

Il Giornaletto di Saul del 19 giugno 2017 – Il peso dell’uomo sulla Terra, massoneria e religione, l’europeo non piace al papa, Londra: Grenfell brucia senza crollare, oltre il visibile…

Care, cari, l’uomo in questo ultimo secolo è divenuto il peso più grande per il pianeta Terra, siamo troppi ed inquiniamo tremendamente e rubiamo spazio al selvatico. Tutto ciò  è innegabilmente vero, non posso però proporre soluzioni finali e sperare nell’armageddon, come molti illusi fanno, per risolvere il problema del mantenimento di una civiltà umana degna di questo nome. In qualsiasi analisi in chiave di ecologia profonda si indica sempre la condizione presente come base di partenza per il successivo cambiamento o riparazione… considero però che questa società non potrà durare a lungo ed è bene che vi siano delle “nicchie” di sopravvivenza, dalle quali ripartire con nuovi paradigmi di civiltà in cui mantenere un equilibrio fra uomo-natura-animali (dice una poesia: o si salvano o si perdono insieme)… (Paolo D’Arpini)… Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/11/in-qualsiasi-analisi-in-chiave-di.html

Commento di Platone: “Coloro che sono capaci di vedere oltre le ombre e le bugie della propria cultura non saranno mai capiti, tanto meno creduti, dalle masse…”

Massoneria e religione – Scrive Giorgio Vitali: “Affrontando il tema della massoneria cito due autori piuttosto importanti: J. Evola e R. Guénon, perché costoro, Guénon espressamente massone, hanno detto quanto c’era da dire sulla questione. Partendo dall’esame del fenomeno da parte di questi due autori, che ne denunciano la DEVIAZIONE dalla “vera Tradizione”, si può capire che la Massoneria attuale è speculare al cristianesimo, nelle sue molteplici esplicazioni concrete…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/06/massoneria-come-religione.html

Il grillo frettoloso fece i grillini ciechi – Scrive Roberto Tumbarello: “Si spacciavano per il partito della provvidenza. Sono già scomparsi dal tabellone. Era un bluff. Ma esultano come si usa. Male fecero a occupare il Campidoglio senza essere in grado di governare. A Torino, sembrava meglio. Poi la 5S si rivelò più tifosa che sindaco. Parte per Cardiff e lascia Piazza San Carlo con centinaia di feriti su cocci di bottiglie. Non basta il consenso dei disperati, né solo predicare onestà. Bisogna formare una classe dirigente capace. Ingenui elettori abboccano a tante false promesse, ma non sono così stupidi da caderci due volte. Grillo vince solo se, per fare un dispetto alla sinistra, al ballottaggio ci vota la destra…”

L’uomo europeo non piace (al papa)… – Scrive Fabrizio Belloni: “Capisco che la natura semita della sua religione lo avvicina più all’islam ed al giudaismo (le altre religioni monolatre, in definitiva la stessa cosa) che alla vera natura dell’Uomo europeo, e che questo,- nonostante inquisizione e roghi e massacri,- non garantisce più la sottomissione di cui ha bisogno. Ma che si permetta di sindacare lo spirito di appartenenza alla cultura europea, la difesa dall’invasione, questo è intollerabile. La goccia di troppo.” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2015/06/ber-goglio-ndo-coglio-coglio-e-deo.html

Commento di Fabia Petri: “Qualcuno avverta il papa e Gentiloni che i terroristi sono islamici radicalizzati di terza generazione, ben “inclusi” (apparentemente) nella società ospitante in cui sono nati e cresciuti. Forse la smetteranno di dire str…anezze del tipo: la miglior arma contro il terrorismo è l’inclusione”

Ius Soli. Non passa (per ora) – Scrive Fabio Calabrese: “…lo ius soli per ora non è passato perché i Cinque Stelle hanno deciso di non sostenerlo. Vediamo come si comporteranno in futuro. A me non interessa quanto una formazione si colloca a destra, al centro o a sinistra dello schieramento politico, se difende la nostra identità nazionale, la approvo. Lasciamo che i demo-piddini rimangano con il solo appoggio della Chiesa cattolica, che da due millenni in qua è il verme nella mela italiana.”

Quel che è la Grecia oggi. Sarà l’Italia – Scrive Fulvio Grimaldi: “…la Grecia massacrata da Commissione Europea, FMI e BCE  su mandato dell’élite mondialista finanziaria e tradita dal fellone infiltrato Tsipras. Quello Tsipras che abortì addirittura un partituccolo politico  capeggiato dal mangiacinquestelle Marco Revelli, quello Tsipras uno dei transeunti miti del “manifesto” e di altre animelle belle dei soliti collateralisti sinistri. Ricordate la grottesca “brigata Kalimera” che si aggirava tra greci accoltellati alla schiena e suonava cimbali e arpe e intesseva lauri e velli d’oro al nuovo Temistocle…” – Continua: https://paolodarpini.blogspot.it/2017/06/quel-che-e-la-grecia-oggi-sara-litalia.html#comment-form

A conferma di quanto qui detto, scrive Paolo Sensini: “Ecco una fotografia a tempo reale della situazione italiana: benché il crollo economico non accenni a diminuire (dal 2009 a oggi hanno chiusi i battenti quasi 100 mila imprese!), le entrate tributarie sono state di 28,9 miliardi nel solo mese di aprile e 120,9 miliardi di euro nei primi quattro mesi del 2017, con un aumento del 2% rispetto allo stesso periodo del 2016. A fronte di un salasso fiscale di tali proporzioni, in questi giorni il debito pubblico italiano ha toccato un nuovo record assoluto, raggiungendo 2.292,452 miliardi di euro. Trentadue (32) miliardi di euro in più dei mesi precedenti. Insomma, per farla breve, più soldi entrano e più ingigantiscono le spese e gli sperperi della casta degli statalesi.” – Continua in calce al link soprasegnalato

Arabia di rapina e le colpe del Qatar – Scrive Fernando Rossi a commento dell’articolo http://paolodarpini.blogspot.it/2017/06/arabia-di-rapina-i-sauditi-per-pagare.html -: “Ora il nemico, annunciato dopo la visita di Trump e l’enorme fornitura d’armi ai criminali al potere in Arabia Saudita, è lo stato islamico dell’ISIS (che da alleato diventa nemico, come gli USA già fecero con Saddam, dopo averlo usato nella decennale guerra contro l’Iran), insieme al Qatar che fa da ‘capro espiatorio’, accusato di essere il vero e unico finanziatore sostenitore dei terroristi, ma che in realtà paga il prezzo di non aver sposato i piani per la nuova fase, la guerra delle monarchie del Golfo contro l’Iran….”

Oltre il visibile. Chi sono io? – Scrive Caterina Regazzi: “Sono cresciuta in una famiglia in parte religiosa, in parte atea: mia madre che non era né particolarmente credente né praticante, diciamo che era una “credente di comodo”, cioè quando ne sentiva il bisogno, si rivolgeva a Dio per un aiutino o per un sollievo, mio padre è sempre stato ateo e non voleva neanche sentir parlare di Dio, anima o cose simili. A volte l’ateismo è un’ideologia, una fede peggiore delle fedi in qualche religione, ora lo capisco. Ma la mia religiosità anche da ragazzina ancora incanalata nella chiesa, aveva un anelito di libertà: ogni tanto entravo senza nessuna ragione apparente, in chiesa, specialmente a Treia e lì cercavo me stessa… – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2015/06/17/oltre-il-visibile-chi-sono-io/

Post scriptum – “Guardando la data in cui ho scritto questi pensieri mi sono stupita…. mi sembra così lontana la Katia di allora! Non che oggi mi senta molto migliore, anzi, ma le preoccupazioni lì descritte in buona parte le ho abbandonate, e se “Todo cambia” come diceva Mercedes Sosa e come dice oggi Ginevra di Marco e “che anch’io cambi non è strano” non è strano che anche io, pur senza rendermene conto e senza un intento particolare sia un po’ cambiata. Grazie alla vita!”

Londra. Grenfell la torre che brucia che brucia e mai non vien giù… – Scrive Jimmie Moglia: “Chiaramente Grenfell dovrà essere abbattuto tramite demolizione controllata. Sarebbe interessante disporre le cariche esplosive a metà o verso la cima dell’edificio (come avvenne alle “torri gemelle” di N.Y) e verificare che (al massimo) a crollare o a cadere sarà solo la parte al di sopra delle cariche esplose…” – Continua:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/06/18/londra-grenfell-la-torre-che-brucia-che-brucia-e-mai-non-vien-giu/

Commento di Vincenzo Brandi: “La torre Grenfell di Londra ha bruciato per 12 o 15 ore con il suo tragico bilancio di morti, cui va tutto il nostro rispetto e la nostra pietà, ma non è crollata. Le “torri gemelle” di New York (ognuna delle quali sorretta da una struttura di oltre 200 pilastri massicci di acciaio che fonde ad oltre 1400 °C) sono crollate improvvisamente dopo poco…” – Continua in calce al link sopra stante

Treia. Disfida del bracciale – Commento di Giancarlo Croce all’articolo https://auser-treia.blogspot.it/2017/06/treia-la-storia-della-disfida-del.html -: “Quando c’erano ancora le scalette ai due estremi del campo, ci giocavamo anche noi ragazzi con i braccialetti ed a tavoletta…”

Commento al Giornaletto di Saul, in merito all’armamento europeo http://saul-arpino.blogspot.it/2017/06/il-giornaletto-di-saul-del-18-giugno.html – Scrive Anna Maria Canpogrande (via Email): “Vorrei dire ad Amalia Navoni che le cose non sono cosí semplici come lei le fa apparire. La realtà è che se non vogliamo rimanere sotto la morsa degli Stati Uniti ab aeternum, l’Europa deve dotarsi di una difesa comune. Certo è un guaio dover sottrarre delle risorse allo sviluppo sostenibile e alla tutela dell’ambiente ma purtroppo siamo confrontati ad una situazione come minimo tragica. Tra i due mali: la totale dipendenza dagli Stati Uniti o la creazione di una difesa europea comune, personalmente, non esiterei a scegliere il minore, vale a dire la costituzione di una difesa comune europea…” – Continua in calce al link segnalato

L’era ecozoica e la lunga storia della Terra – Scrive Stefano Panzarasa: “Quindici miliardi di anni fa iniziò una fantastica storia che noi viviamo ancora oggi e di cui, sempre oggi, siamo noi umani chiamati a scrivere, più o meno responsabilmente, le prossime pagine… In quel tempo lontano, attraverso un significativo processo di autoorganizzazione, nacquero le galassie, le stelle, la nostra Via Lattea e il sistema solare, la luna, la terra con le sue montagne, i mari e fiumi… Poi i primi organismi unicellulari, la vita!…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/04/visione-bioregionale-ecopacifista-verso.html

Ciao, Paolo/Saul

…………………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Essere nel mondo e del mondo… Il Sé è ovunque” (Saul Arpino)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

UE in armi, Evola morì in piedi, una memoria della RBI, nota diplomatica sul Qatar, Lunaria terra di Pace, Treia: la storia della disfida del bracciale…

Il Giornaletto di Saul del 18 giugno 2017 – UE in armi, Evola morì in piedi, una memoria della RBI, nota diplomatica sul Qatar, Lunaria terra di Pace, Treia: la storia della disfida del bracciale…

Care, cari, la settimana scorsa la Commissione Ue ha proposto destinare circa 500 milioni di euro all’anno dal budget Ue alla Ricerca ed allo sviluppo al settore bellico e delle tecnologie militari. Questo denaro non sarà quindi destinato ad altri settori come lo sviluppo sostenibile e la tutela dell’ambiente. Questa manovra è lo specchio delle intenzioni della lobby europea dell’industria bellica… – (Amalia Navoni) – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/06/17/ue-lindustria-bellica-vuole-i-nostri-soldi/

Roma. Manifestazione anti-voucher – Scrive A.C.: “Ieri si è svolta a Roma la manifestazione della CGIL anti voucher. Dirò una cosa terribilmente impopolare. I voucher non sono il male assoluto. A me, direttrice di un ente scientifico senza fini di lucro, avrebbero fatto comodo, ad esempio. Andavano regolamentati, vietati in certi ambiti, ma non eliminati. Ma questo è un paese manicheo. Non c’è più spazio per la riflessione e le battaglie, da qualunque parte provengono, sono sempre più ideologiche e ipocrite, perché spostano l’oggetto del contendere. Detto ciò, viva sempre il sindacato, perché essere critici con delle scelte non vuol dire essere contro chi le fa. Ma la dialettica è una cosa che non va più di moda…”

La fine di Evola – Scrisse Carlo Cerbone: “L’11 giugno del 1974 moriva il filosofo Julius Evola. *Ha voluto morire in piedi* – come è vissuto – dinanzi al suo tavolo di lavoro al quale da molto tempo ormai non si accostava, costretto come era all’assoluta immobilità. Presentendo la fine, Julius Evola ha chiesto di essere trasportato al suo scrittoio e lì, pochi minuti dopo, si è spento. Chi lo ha conosciuto, chi conosce la sua opera ed il Suo insegnamento, sa che quest’ultima sua volontà non è solo un “gesto”, sia pur bello, ma è molto di più poiché ha un significato…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2017/06/morire-in-piedi-la-morte-di-julius-evola.html

Vaccini poco urgenti – Scrive V.Z.: “Il 7 giugno Mortarella ha firmato il decreto killer Lorenzin. E qui c’ è un fatto importante: 20 giorni di attesa smentiscono lo stato di urgenza, facendo mancare il prerequisito necessario del decreto legge. Cortocircuito logico e incostituzionalità palese. I ministri vanno arrestati per attentato alla costituzione e truffa ai danni dello stato…”

Una memoria sulla Rete – La Rete Bioregionale Italiana, nata nella primavera del 1996, si pone come “terreno comune” per gruppi e singole persone per condividere idee, informazioni, emozioni, esperienze e progetti al fine di sviluppare forme e pratiche -culturali, sociali, spirituali politiche ed economiche- appropriate di vita in armonia con il proprio luogo,la propria Bioregione, con le altre Bioregioni ed il pianeta terra… – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2015/06/una-memoria-sulla-rete-bioregionale.html

Il cambiamento del sistema è possibile? – Scrive Uberto Tommasi: “TUTTI SANNO CHE I POLITICI RUBANO, ORMAI MANCA SOLO UNA SCINTILLA. C’É MANCATO POCO CON I NO-TAV, IN UN PICCOLO PAESE. L’UNICO DRAMMA É CHE SARÁ UNA RIVOLTA POPOLARE, SENZA REGOLE, FORSE DALLA SICILIA O DA NAPOLI… Quando comincerà non vorrei essere nei panni dei politici…”

Mio commentino: “Una rivolta? Non servirà a nulla poiché il 33% della cittadinanza ci mangia con questo sistema e quel 33% impedisce ogni insurrezione anzi partecipa alla repressione, sono i militi le forze dell’ordine ed i compartecipi alla spremitura continua, mettici anche le coop le imprese colluse, le mafie, gli statali, i regionali, i provinciali, i comunali, gli enti, le banche, le massonerie, etc.etc. Attualmente vota il 50% della popolazione ma anche se votasse solo il 30% la maggioranza sarebbe sempre del sistema, poiché a votare ci andrebbero sempre loro con i partiti finti ed inciuciati… l’abbiamo visto con l’inversione della sinistra, della destra, del centro, dei populisti, etc. Perché finché dura c’è verdura. In effetti diceva bene il Degrelle: Le grandi rivoluzioni non sono politiche o economiche. Queste sono piccole rivoluzioni: un mutamento di macchina. (…) La vera rivoluzione è assai più complicata: essa rimette a punto non la macchina dello Stato, ma la vita segreta di ogni anima…”

Nota diplomatica. Retroscena sul Qatar. – Scrive James Hansen: “…l’anomala aggressione diplomatica ed economica saudita nei confronti dell’Emirato del Qatar forse merita un po’ d’attenzione. È una daga che mira al cuore e al trono del giovane Emiro, Tamim bin Hamad al-Thani, ma la situazione presenta qualche complessità. Tra le altre cose, nei momenti più concitati del tentato golpe “gulenista” di un anno fa contro il Presidente della Turchia Erdoğan, la sicurezza personale di quest’ultimo sarebbe stata garantita non da truppe nazionali – chi poteva sapere con chi stessero? – ma da 150 uomini delle forze speciali del Qatar, prestati dall’Emiro al suo “fratello” turco…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/06/arabia-di-rapina-i-sauditi-per-pagare.html

Roma. Sinistra unita? – Scrive Patrick Boylan: “Domenica mattina, 18 giugno 2017, al Teatro Brancaccio, via Merulana 244, Roma, prove tecniche per una sinistra unita: assemblea aperta ai partiti, movimenti, associazioni, comitati della Sinistra. Info. patrick@boylan.it ”

Commento critico di Mauro Gemma: “Il mio parere su questa ennesima ammucchiata della “sinistra radicale” l’ho già espresso ed è di assoluto scetticismo. Ed è molto improbabile che sulle emergenze della situazione internazionale (che dovrebbero essere al centro dell’attenzione di forze di una sinistra degna di considerazione) chi dirigerà le danze dirà qualcosa di diverso da quello che siamo abituati ormai a sentire da tempo dai Vendola, Fratoianni, Civati e compagnia cantante (quelli che in parlamento si astengono sulle sanzioni alla Russia e che scrivono documenti di apertura all’ipotesi di esercito europeo…?”

Commento di Marco Palombo: “Quanto all’assemblea di domenica (oggi) la presenza, al momento quasi certa, di alcuni di noi con lo striscione per il bando delle armi nucleari insieme a quello preparato da Patrick e ad atri cartelli e volantini, ha lo scopo di ricordare a centinaia di attivisti, persone politicizzate da anni, i temi del riarmo e della guerra. Personalmente vedo l’ insieme degli attivisti presenti domani distinto dall’insieme dei gruppi dirigenti presenti. Lo scopo della presenza è richiamare i temi della guerra, informeremo poi su come siamo riusciti a farlo…”

Lunaria. Una prece al dio della Pace! – Scrive Ferdinando Renzetti: “Ecco allora la gioia che abbiamo provato noi ebrei cristiani musulmani ma anche buddisti africani o solo laici nello stare insieme nella stessa casa come spettatori in ascolto per ricostruire una forma in tempo reale. Una forma possibile, una delle tante della supplica al dio della pace. Fu la luna che ci salvò e ci diede la parola, lei schiarì la notte primordiale, se ora è caduta per il mondo, se qui è rinata per le vostre contrade senza nome è segno che voi conservate la memoria, l’antica lingua del sogno che lenisce e che consola. Lunaria da ora in poi si chiamerà questa contrada…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/06/macro-bioregione-mediterraneo-da.html

Il mondo va a remengo? – Scrive Claudio Martinotti Doria a commento dell’articolo https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/06/16/il-mondo-va-a-remengo-e-tutta-colpa-degli-arconti/ -: “Tra gli autori contemporanei che hanno capito quanto molto sinteticamente rivelato nel soprastante articolo, dobbiamo annoverare tra i precursori Salvador Freixedo, un grande anticipatore di Mauro Biglino (che da sette anni si dedica a questi argomenti, attingendo limitatamente alla Bibbia e pochi altri testi antichi) ma anche di tanti altri studiosi. molti sono italiani, che sono pervenuti ben dopo di lui alle stesse convinzioni. Freixedo è un ultranovantenne erudito spagnolo, ex teologo gesuita (per 30 anni), antropologo, sociologo, psicologo e parapsicologo, che per le sue posizioni inconciliabili con la chiesa venne espulso e siccome all’epoca in Spagna c’era ancora il franchismo fini pure in carcere. Sintetizzando al massimo per motivi di spazio, posso ridurre concettualmente le sue tesi principali a questo parallelo…” – Continua in calce al link segnalato

Treia. La storia della “Disfida del Bracciale” – Il 6 agosto 2017 a Treia si tiene la finalissima della Disfida del Bracciale. Le 4 squadre delle contrade treiesi sin dai giorni precedenti saranno in lizza per le qualificazioni e durante la finalissima si conoscerà quale rione avrà conquistato la palma di Vincitore. Noi di Auser Treia saremo presenti all’importante evento, anzi proprio dal 6 agosto 2017 inizierà la Settimana della Condivisione, ovvero le “Feriae Augusti”, durante i cui giorni si terranno diverse iniziative aperte ai soci ed ai simpatizzanti (vedere locandina in calce). Ma visto che la nostra Settimana inizia proprio con la finalissima della Disfida del Bracciale sarà opportuno che facciamo un po’ di cronistoria sul come questo gioco del Pallone fu riportato in auge a Treia, incidentalmente da colui che oggi… – Continua: https://auser-treia.blogspot.it/2017/06/treia-la-storia-della-disfida-del.html

Ecco, ciao, Paolo/Saul

…………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Patria della mia tenerezza e dei miei dolori,
Patria di amore, di primavera e d’acqua,
oggi sanguinano le tue bandiere tricolori 
sui recinti in filo spinato di Pisagua.
Però uscirai all’aria, all’allegria,
uscirai dalla pena di queste agonie
e da questa sommersa primavera 
libera nella dignità del tuo diritto
e canterà nella luce a pieno petto
la tua dolce voce, o Patria prigioniera.
Esisti, Patria, al di là dei timori
e arde il tuo cuore di fuoco e fucina,
oggi tra carcerieri e traditori,
ieri tra le muraglie di Rancagua.
Però uscirai all’aria, all’allegria,
uscirai dalla pena di queste agonie
e da questa sommersa primavera 
libera nella dignità del tuo diritto
e canterà nella luce a pieno petto
la tua dolce voce, o Patria prigioniera.”

(Pablo Neruda)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Cosa è successo nel 2010 nella Rete Bioregionale Italiana?, alimentarsi senza “sofferenza”, dal bioregionalismo alle “barricate”, nichilismo ed auto-ironia, l’esperienza della metempsicosi…

Il Giornaletto di Saul del 17 giugno 2017 – Cosa è successo nel 2010 nella Rete Bioregionale Italiana?, alimentarsi senza “sofferenza”, dal bioregionalismo alle “barricate”, nichilismo ed auto-ironia, l’esperienza della metempsicosi…

Care, cari, Spilamberto. Il 15 giugno 2017  aveva piovigginato  e dalla cassetta della posta spuntava l’angolo di una bustona contenente l’ultimo numero di Lato Selvatico, si era un po’ bagnata, ma senza grandi danni, dal che ne ho tratto un omen. Questo numero della rivista “underground” (come viene definita dall’editore), celebra il 50° numero del 25nnale, e riporta tutte le copertine e brevi sunti degli articoli contenuti nelle diverse edizioni trascorse. Caterina ed io ringraziamo Giuseppe Moretti per l’invio di questa opera di memoria, molto utile a descrivere il percorso bioregionale in Italia. La narrazione -per quel che ci interessa- comincia dal n.1 di Lato Selvatico, uscito per il solstizio invernale del 1992, prosegue sino alla descrizione della fondazione della Rete Bioregionale, nel n. 8 del 1996, proseguendo sino al momento in cui l’esperienza aggregativa subisce una scissione, nel 2010, dalla quale sorse il nuovo gruppo Sentiero Bioregionale. Ed è proprio la descrizione di questo fatto, come percepito e vissuto da Giuseppe Moretti, che vorrei qui riportare, per compensare ed integrare le mie precedenti relazioni sullo stesso tema… – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/06/la-scissione-del-2010-nella-rete.html

Commento di Massimo Angelini: “Grazie. Ho molto apprezzato! A presto”

Mia rispostina: “Per meglio specificare il mio punto di vista rigardo all’alimentazione bioregionale potete leggere l’articolo che segue”

Alimentarsi senza “sofferenza” – Questo è il “mio” discorso sull’alimentazione bioregionale, ovvero una alimentazione basata sul cibo vegetale che viene prodotto nel luogo in cui si vive, in forma biologica e nella naturale stagione di maturazione, integrato dall’opportunità di usare alcuni prodotti di origine animale, come il miele, il formaggio o le uova, senza però causare sofferenza agli animali…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/06/16/una-riflessione-sullalimentazione-bioregionale-e-sulluso-dei-prodotti-di-origine-animale/

Giustizia è sfatta: bavaglio, prescrizione e blocca-processi – Scrive Antonella Mascali: “I pm dovranno cestinare le intercettazioni “irrilevanti” anche se di interesse pubblico, niente trojan anti-corrotti. I magistrati la considerano troppo blanda se non “dannosa”(copyright Piercamillo Davigo). Gli avvocati la considerano un giro di vite. Ma – nonostante la bocciatura dei protagonisti della giustizia – il 14 giugno u.s. c’è stato il sì definitivo della Camera alla riforma penale. Anche a Montecitorio, come a marzo scorso al Senato, con tanto di fiducia. “Il ricorso alla fiducia è una forzatura”, è il commento lapidario dell’Anm, che denuncia: “Non c’è stato alcun dialogo propositivo, è stato interrotto un percorso che avrebbe potuto dare un reale contributo alla macchina della giustizia, migliorandone l’efficienza”

Dal bioregionalismo alle “barricate” – Scrive Eleonora Celi: “Caro Paolo D’Arpini, ti scrivo per poter avere qualche informazione in più sul bioregionalismo. Di seguito butto giù qualche domanda, ma sentiti libero di scrivere ciò che vuoi e ritieni importante, saltando domande o arricchendo risposte. Secondo definizioni “ufficiali” il bioregionalismo è un fenomeno culturale con risvolti politici, economici ed ambientali legato al territorio in cui si vive. Ritieni corretta questa definizione? E comunque come definiresti ilbioregionalismo e l’attività di voi bioregionalisti?…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/06/dal-bioregionalismo-alle-barricate.html

Il bisogno consumista – Scrive Paolo Mario Buttiglieri: “Il consumismo ha bisogno di separazione: dividere le persone per poter vendere meglio la merce. Neonati, bambini, ragazzi, adolescenti, giovani, adulti e anziani. L’adeguarsi della società alle esigenze del capitalismo crea divisione e isolamento sociale, incomunicabilità e soprattutto omologazione. Il capitalismo è inarrestabile perché trasformo tutto in merce e genera una profonda infelicità. Tutto diventa malattia così possono vendere più farmaci e cure.”

Il mondo va a remengo? La colpa è degli arconti! – Scrive Simon Smeraldo: “Gli avvenimenti sempre più frequenti e più tragici con cui ci confrontiamo oggigiorno vengono di volta in volta ascritti agli islamici, agli omofobi, ai cristiani, ai sionisti, agli imperialisti e compagnia bella.Tutto sbagliato. Tutti costoro che si macchiano di tanto orribili delitti sono solo ottuse pedine su di una tenebrosa scacchiera retta da mani che non si vedono, gestita da menti molto lontane dal livello umano, la cui identità è smascherata da questo passo tratto da una delle scritture sacre dei popoli..” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/06/16/il-mondo-va-a-remengo-e-tutta-colpa-degli-arconti/

Pezzoli di Ceregnano. Festa di Litha – Scrive Giuseppe: “Vi invitiamo al bagno di gong per la festa di “LITHA”, la sesta delle otto porte della ruota dell’anno celtico. Il 24 giugno si festeggia anche san Giovanni, il Battista, per cui, tramite la luce del sole alla sua massima potenza, simbolicamente riceviamo in dono dal cielo la SOFHIA, la SAPIENZA, che ci guida amorevolmente verso il risveglio e lo sviluppo delle nostre coscienze. L’evento si svolge a Pezzoli di Cerignano (Ro), dalle 18.30, alla fattoria Corte Mimosa. Info. giuseppeferrara81@hotmail.it”

Siria. Per gli USA sono ormai troppi i nemici sul campo… – Scrive Claudio Martinotti Doria: “Premesso che ormai dovrebbe essere risaputo che sono stati in primis l’Arabia Saudita e gli USA con alcuni paesi occidentali a creare e finanziare i principali gruppi combattenti del cosiddetto califfato o stato arabo in Medio Oriente e dei ribelli anti-Assad in Siria, definiti a secondo dell’opportunità politico mediatica “terroristi” o “ribelli moderati”, ma sempre di terroristi si tratta…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/06/16/siria-troppi-nemici-sul-campo-e-gli-usa-non-sanno-piu-contro-chi-battersi/

Commento di Uberto Tommasi: “Mentre gli Usa continuano ad armare sauditi ed Isis l’aviazione russa uccide Abu Bakr al Baghdadi e oltre 300 tagliagole al seguito con relativi capi (28 maggio scorso ma ora è ufficiale). L’intero “Consiglio Militare” dell’ISIS è stato cancellato da una squadriglia di Sukhoi-35 e Sukhoi-34.”

Venezia. Avvocati gratis agli stranieri: il tribunale è in tilt – Scrive Serenella Bettin: “Nel 2017 boom di ricorsi per avere lo status di rifugiati. Sono già più di 2mila le richieste di gratuito patrocinio. Tribunali soffocati dai ricorsi degli immigrati e Venezia rischia il collasso. Che già questo problema ci fosse lo si sapeva ma ora sta
toccando l’apice. Le domande di difesa gratuita da parte dei migranti che non vengono riconosciuti come rifugiati in un anno sono raddoppiate, tanto da far rischiare la paralisi delle cause. Anche quelle degli italiani…”

Nichilismo ed auto-ironia – Scrive Lorenzo Merlo: “L’alchimia del nichilismo è forse fisiologica delle menti consapevoli. Forse, seguendo l’indicazione dei primitivismi, riuscire a realizzare piccole società (gruppi “chiusi” con meno di 100 persone) la loro proposta diviene anche praticabile. Ma, forse, più che liberarci di quella tagliente e acuta amicizia, potremmo avere un futuro dove l’humus del nichilismo non ha terreno per essere. Basterà deintellettualizzare la cultura o servirà l’autoironia? – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/06/nichilismo-via-autoironica-verso-la-de.html

Roma. Patatina vera – Scrive F.G.: “Roma, piazza Bologna, ore 21, testimone oculare di una cospicua fila di persone che si azzuffavano per comprarsi un cartoccio di patate fritte. Fuori dal negozio una ragazza carina seminuda con in mano il cartello “solo qui la vera patatina olandese”. Pensavamo che con la fine del bagaglino questo umorismo non l’avremmo più visto e invece rieccoci sprofondare nel baratro. Cosa ci riserverà il futuro? Io voglio morire prima e in un’altra vita rinascere suora. Amen…”

Ius soli – Scrive M.D.A.: “Renzi attacca l’asse M5S e Lega che non vogliono regalargli l’approvazione della legge IUS SOLI a favore dei migranti, in particolare delle donne incinte che arrivano in continuazione. Ora mi aspetto anche la protesta del Papa contro i partiti cattivi che vogliono ostinatamente fare prima gli interessi degli Italiani e poi quelli degli stranieri. In verità le donne italiane limitano le gravidanze perché poi devono mantenere (col marito) i loro figli, le immigrate no, ci pensano i nostri governi…”

Messaggio per voce e campana tibetana – Scrive Ferdinando Renzetti: “Dalla Radio della Terra ricevo sempre volentieri, anche se le frequenze sono troppo basse e a volte passano sotto le sedie e le scrivanie senza essere captate. Finalmente ora ho l’indirizzo al quale posso risponderti. Mi piacerebbe inseguire il tuo viandare ma quando arrivo a stringere i miei condizionali mi accorgo che il grosso della corda è stato occupato dagli imperativi e che me ne resta a malapena mezzo braccio per tener su le brache…”- Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2017/06/messaggi-onirici-dalla-radio-della.html

Vitorchiano. Invito a concerto – Scrive Incontri Mediterranei: ”Opus 1 –  Ensemble Chorando & Ensemble Ottaviano Alberti, direttore Evangelina Mascardi. Sabato 17 Giugno 2017, ore 19.00, Vitorchiano, Auditorium S. Agnese. Musiche di: Anonimo sec. XVI, Francesco Patavino, John Dowland, Anonimo Peruviano 1600, Giuliano Tiburtino, Stefano Landi, Girolamo Frescobaldi, Henry Purcell, Antonio Brunelli. Per informazioni: 333.2214656 – 0761.402893″

Comunicare con internet… è possibile? – Il mio amico Roberto Caivano mi disse un giorno “tu non vuoi usare internet perché fa parte del tuo personaggio…” No, non ho alcun personaggio al quale condiscendere, faccio quello che posso fare se mi viene… In verità percepisco il pericolo della dipendenza da computer, usando questo mezzo per scrivere e comunicare si tende a chiudersi in una specie di bozzolo, un nodo mentale in cui entra solo ciò che è virtuale (quello che ti ritrovi davanti sullo schermo)… – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2017/06/internet-comunicare-e-possibile.html

Fanano. Evento per la maturità maschile – Scrive Alessandro Stacchiotti: “Ti invito a contribuire all’irganizzazione dell’evento sulla Maturità Maschile che si tiene a Fanano (Mo) in occasione dell’equinozio autunnale. Questo è uno dei modi per ispirare uomini ad un percorso di crescita su più livelli. Per info rispondere al mio indirizzo email astacchiotti78@gmail.com, telefono 328.4536061″

L’esperienza della metempsicosi avviene nella mente – Cos’è l’anima? In sanscrito essa viene chiamata “Jivatman” che significa anima individuale, mentre l’Assoluto viene chiamato “Paramatman”. Avrete notato che il suffisso “Atman” permane in entrambi i termini, mentre cambia solo il prefisso. Da ciò si intuisce l’identità fra le due espressioni. L’anima individuale quindi è la “coscienza personale” che illumina la particolare forma non essendo però diversa nella sua natura dalla Coscienza Universale, che viene definita anche Ishwara o Dio. Allo stesso tempo questa suddivisione in Dio, Anima e Mondo è solo funzionale alla manifestazione, che si svolge nell’ambito dello spazio-tempo, in realtà esiste solo una pura ed assoluta consapevolezza non duale e priva di ogni empirismo, essendo Unica e quindi non osservabile né conoscibile. Questa consapevolezza è lo Spirito… – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/12/destino-e-libero-arbitrio-unesperienza.html

Uffah, uffah ed uffah! Ciao, Paolo/Saul

………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“La verità è comprovata dalla maggioranza, questo è il metodo che gli esperti adottano per guidare il mondo intero: la verità deve essere dimostrata dalla maggioranza. In realtà, è vero l’esatto opposto: la maggioranza crede sempre nelle menzogne, perché la maggioranza è costituita dagli sciocchi…” (Osho)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Spilamberto: verso il Wesak, rivoluzione energetica, esistenza intelligenza, pericolo vaccini, gli errori USA li paga l’Europa, ricostruire la comunità, quanto dura Trump?…

Il Giornaletto di Saul del 7 giugno 2017 – Spilamberto: verso il Wesak, rivoluzione energetica, esistenza intelligenza, pericolo vaccini, gli errori USA li paga l’Europa, ricostruire la comunità, quanto dura Trump?…

Care, cari, il 9 giugno 2017 ricorre il Wesak buddista in cui si celebra la nascita, l’illuminazione e la morte del Budda Sakyamuni, con plenilunio in Gemelli, e per l’occasione abbiamo organizzato una passeggiata naturalistica al fiume Panaro con canti sotto la luna piena.Appuntamento all’ingresso del Sentiero Natura di Via Gibellini, Spilamberto (o a casa di Caterina per chi la conosce) alle ore 19 – 19.15. Portare prasad da condividere, strumenti musicali per accompagnamento ai mantra e candele o lumini antivento. Info: 3336023090 o circolovegetariano@gmail.com. – “Prendo rifugio nel Budda, prendo rifugio nel Dharma, prendo rifugio nel Sangha”

La rivoluzione energetica arriva come un fulmine e sarà guerra mondiale – Scrive Marco Palombo: “Nel prossimo futuro potrebbe esserci anche una difficile pace, ma solo se capiremo e ci muoveremo in tempo e in modo adeguato. E così USA, oggi guidati da Trump, e Arabia saudita, sempre guidata dalla dinastia Saud, hanno iniziato ad agire. E’ il momento che si muovano anche i pacifisti. Ho capito la teoria del picco petrolifero di Hubbert nel 2004, quando ormai da un anno USA e Gran Bretagna, grandi potenze nemiche dell’euro, erano entrate in Iraq, paese che minacciava di vendere il proprio petrolio nella nuova moneta dell’Unione Europea…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/06/energia-spinta-usa-e-saud-non-possono.html

Perugia. Ecocustodia – Scrive Elena Bussolotti: “..Dalla sperimentazione dei temi sull’EcoCustodiAttiva, progetto portato avanti dall’Ottobre 2016 alla Biblioteca di San Matteo degli Armeni del Comune di Perugia, proponiamo un percorso per i bimbi nell’Estate, dal 26 al 30 Giugno, in cui approfondiremo ed arricchiremo gli elementi emersi durante questo percorso, in cui le Arti e la Natura si prendono per mano, esplorando l’ambiente umano ed il territorio. Le attività ludiche sono rivolte a bambini dai 3 ai 10 anni. Info. anelondina@gmail.com”

Ecologia profonda, bioregionalismo e spiritualità laica i tre aspetti dell’esistenza intelligenza – Nel significato originale della parola “ecologia”, rispetto alla sua consimile “ambientalismo” è già delineata una differenza d’intendimento, pur che l’esatta traduzione di “ecologia” è “studio dell’ambiente”. Mentre in “ambientalismo” si presume il criterio della semplice conservazione. Allorché si aggiunge al termine “ecologia” l’aggettivo “profonda” ecco che si tende ad ampliarne il significato originario integrandovi il concetto di ulteriore ricerca all’interno della struttura ambientale. Insomma si va a scoprire il substrato e non si osserva solo la superficie…” – Continua: https://retedellereti.blogspot.it/2017/06/ecologia-profonda-bioregionalismo-e.html?showComment=1496736602256#c5340959166952169425

Vaccini decreto in corso – Scrive ADNkronos: “Roma, 5 giugno – Ultimi ritocchi dei tecnici ancora oggi al decreto sull’obbligatorietà dei vaccini, varato dal Consiglio dei ministri il 19 maggio scorso. Dopodiché il testo passa all’analisi del Colle, prima di arrivare in Gazzetta Ufficiale. A quanto apprende l’Adnkronos Salute è difficile che l’iter si concluda prima di qualche giorno…”

Vaccini. Siamo tutti in serio pericolo – Scrive Vaccini Informa: “Adesso è ufficiale, siamo tutti in serio pericolo. Censurato dai media: “La gente non deve sapere…” E’ stato tutto insabbiato dai media, la TV ha ordini ben precisi: “Non ditelo in TV, la gente non deve sapere”. Questi dati scioccanti trovati nei vaccini per uso umano non sono come dire “nell’acqua hanno trovato tracce di alluminio”!! Qui la cosa è gravissima! I vaccini ci vengono iniettati nell’organismo e vanno nel sangue, negli organi e nelle cellule di tutto il corpo…” – Continua: https://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2017/06/vaccini-siamo-tutti-in-serio-pericolo.html?showComment=1496736142722#c2195322099192858664

Roma. Presidio antivaccini – Scrive CIR: “Domenica 11 Giugno 2017 a Roma alle ore 13 ci ritroveremo a piazza della Bocca della Verità e verranno date indicazioni ai referenti dei gruppi e delle associazioni per coordinarci al meglio. Il programma per ora è corteo da piazza della Bocca della Verità con partenza alle 15 circa fino ad arco di Costantino e ritorno a Bocca della Verità. Il presidio fisso sotto il ministero della Salute a lungotevere di Ripa non è parte del corteo. Info: cir.informa@gmail.com”

Siria. Gli errori USA li paga l’Europa – Scrive Giampiero Venturi: “Mentre scriviamo nel sud della Siria, presso Al Zagif (tra Al Tanf e il fiume Eufrate), forze speciali USA e britanniche mettono a punto un campo di addestramento avanzato per le cosiddette Guardie Rivoluzionarie, un gruppo islamista nato sulle ceneri del disciolto New Syrian Army, ex perla della CIA. I due gruppi, nati ufficialmente per combattere l’ISIS, in realtà sono stati istituiti con l’obiettivo di sottrarre ad Assad i confini tra Siria e Iraq, di cui il valico di Al Tanf è uno dei perni principali. In queste ore, i ribelli, equipaggiati dagli USA con gli stessi materiali forniti agli arabo-curdi delle Syrian Democratic Forces, contrastano l’avanzata dell’esercito siriano che con l’aiuto di russi e filoiraniani cerca di riprendere il controllo delle frontiere meridionali…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/06/06/siria-gli-errori-della-politica-di-aggressione-usa-sionista-li-paga-leuropa/

Democrazia di comodo – Scrive Paolo Sensini: “Secondo il responsabile di uno dei maggiori “pensatoi” che ispirano la politica estera italiana, cosa dovrebbe mai fare la polizia nei confronti di islamici che fanno propaganda jihadista o sono in odore di attentati? “Ebbene, mica si può indagarli o metterli in guardiola sulla base di un semplice sospetto”, ha dichiarato con sussiego il cervellone dell’ISPI. Siamo in democrazia, suvvia! Chissà perché, invece, in tutta Europa (anche in Italia dal giugno 2016) esiste una legge in cui chiunque può finire in galera dai 2 ai 6 anni – più multe pecuniarie salatissime – se prova a mettere in discussione alcuni aspetti “storici” riguardanti la vulgata sulla Seconda guerra mondiale. In questo caso, pur trattandosi di “reato d’opinione”, la democrazia può essere tranquillamente messa tra parentesi o sospesa. Qualche annetto di galera, ecché sarà mai, ma la democrazia è sana e salva!”

Ricostruire ecologicamente le comunità – Scrive Dante Nicola Faraoni: “Leggo quotidianamente i post di Treia Comunità Ideale, per questo motivo vi scrivo. Vi chiedo collaborazione per realizzare il progetto di aiuto in zone del terremoto. Abbiamo bisogno di persone in loco che sappiano o abbiano contatto con le zone colpite. Nel documento che segue troverete tutte le specifiche del progetto che crediamo possa essere d’ausilio per la ricostruzione… e magari può essere di pubblica utilità…” – Continua: http://treiacomunitaideale.blogspot.it/2017/06/ricostruire-le-comunita-lettera-con.html

Politica inglese e politica italiana – Scrive Massimo De Amicis: “Dopo gli attentati terroristici, il primo ministro inglese Teresa May è sotto attacco per aver ridotto imprudentemente di 20.000 unità le forze della polizia quando era ministro degli Interni. Da noi hanno ridotto di 15.000 uomini le forze di polizia ed in più hanno abolito il nostro esercito di leva, sostituendolo con mercenari “volontari”. Da chi saranno difese le nostre frontiere in caso di gravissimo pericolo? Ci affideremo agli accordi che i nostri politici stringeranno con gli invasori come fanno ora?”

Mio commentino: “A futura memoria ripropongo il mio articolo su questo spinoso tema: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/09/lesercito-dei-migranti-e-lesercito.html

Abbazia di Fiastra – Concegno sulla rigenerazione sociale – Scrive Informagiovani: “Incontro pubblico: “RIGENERARE LA POLITICA CONTRO LE NUOVE POVERTA’ – IL CONTRIBUTO DELL’ECONOMIA CIVILE E DELLA FILOSOFIA” che si terrà giovedì 8 Giugno 2017 -ore 17,00- all’Abbazia di Fiastra.”

Bioagricoltura. Nasce il Manifesto per l’agricoltura naturale del Salento – Scrive Elena Tioli: “…aziende agricole, pastori, allevatori, coltivatori, associazioni e gruppi d’acquisto che hanno preso in mano il loro presente e il loro futuro in nome di una rinnovata sovranità alimentare bioregionale all’insegna del rispetto della terra e del cibo…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/06/manifesto-per-la-sovranita-alimentare.html

Savignano sul Panaro – Scrive Agribio E.R.: “Quale futuro per il nostro pianeta. Rigenerare il suolo rigenerare le coscienze – ciclo di incontri per aiutare chi vuol costruire il proprio futuro e vivere la Terra con la terra Per dare informazioni sulle cause e risposte ai problemi dell’agricoltura: erosione, impoverimento e compattazione del suolo, forte e crescente dipendenza da prodotti esterni e chimici, globalizzazione delle avversità e aumento di parassiti e malattie resistenti ai fitofarmaci. Il 14 giugno 2017, dalle ore 20,30, presso l’azienda agricola agrituristica la Fontana Via Belvedere 4 Savignano sul Panaro (MO). Info: agribioer@email.it ”

Quanto dura ancora Trump? Il dubbio sorge per la “previsione” fatta dal fumetto dei Simpsons in cui si prevede che Trump verrà ucciso dopo 7 od 8 mesi alla Casa Bianca – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/06/06/the-simpsons%E2%80%99-predicted-the-death-of-donald-trump-in-7-or-8-months-of-his-presidency/

Con ciò vi saluto, ciao, Paolo/Saul

………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Quando non ho avuto più niente da perdere, ho ottenuto tutto. Quando ho cessato di essere chi ero, ho ritrovato me stesso. Quando ho conosciuto l’umiliazione ma ho continuato a camminare, ho capito che ero libero di scegliere il mio destino.” (Paulo Coelho)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Ecologia profonda, bioregionalismo e spiritualità laica sono i tre aspetti dell’esistenza intelligenza

Chi può definirsi bioregionalista? Questo termine non denota una appartenenza etnica bensì la capacità di rapportarsi con il luogo in cui si risiede considerandolo come la propria casa, come una espansione di sé. La definizione diviene appropriata nel momento in cui si vive in sintonia con il territorio e con gli elementi vitali che lo compongono. Infatti chiunque può essere bioregionalista indipendentemente dalla provenienza di origine se segue la pratica dell’ecologia profonda, del vivere cercando di essere in sintonia il più possibile col mondo che ci circonda, in un modo in cui, pur sentendosi liberi di manifestare se stessi nelle proprie caratteristiche peculiari, non si ha bisogno di provocare danni all’ambiente od alla società in funzione di un personale esclusivo vantaggio. Nel bioregionalismo si cerca quindi di riportare un equilibrio fra l’uomo, l’ambiente e gli altri esseri viventi e non. E’ molto importante che si tenga sempre presente questo “spirito” in cui l’ecologia “profonda” diventa una pratica costante della vita, come un sottofondo profumato.

L’approccio bioregionale comprende infatti la visione dell’ecologia profonda e della spiritualità della natura (o laica). Questi tre aspetti sono inseparabili.

L’ecologia profonda è il riconoscimento dell’inscindibilità della vita ed il bioregionalismo non è altro che la descrizione dei vari processi vitali e delle forme visibili della vita e della materia nella consapevolezza di tale inscindibilità. Nell’individuazione di un ambito “bioregionale” non si tiene conto esclusivamente del vivente bensì dell’insieme inorganico, morfologico, geografico, geologico del territorio prescelto, ivi compresi -ovviamente- gli elementi botanici e zoologici che vi prosperano. Senza trascurare gli aspetti sociologici e culturali della società che ivi risiede. Insomma si esamina l’omogeneità dell’area esaminata definita “bioregione” e lì si traccia una leggera linea di demarcazione (non divisione) per individuarne i “confini”. Va da sé che questi confini sono semplicemente teorici, poiché l’organismo bioregionale della Terra è in verità un tutt’uno indivisibile.

Potremmo per analogia definire le bioregioni gli organi dell’organismo Terra.

Nel significato originale della parola “ecologia”, rispetto alla sua consimile “ambientalismo” è già delineata una differenza d’intendimento, pur che l’esatta traduzione di “ecologia” è “studio dell’ambiente”. Mentre in “ambientalismo” si presume il criterio della semplice conservazione.

Allorché si aggiunge al termine “ecologia” l’aggettivo “profonda” ecco che si tende ad ampliarne il significato originario integrandovi il concetto di ulteriore ricerca all’interno della struttura ambientale. Insomma si va a scoprire il substrato e non si osserva solo la superficie, la pelle dell’ambiente.

Lo stesso dicasi per la parola spiritualità e la sua qualificazione “laica”. In questo caso si cerca di dare una connotazione “libera” alla spiritualità comunemente intesa come espressione della religione. La spiritualità è l’intelligenza/coscienza che pervade la vita, è il suo profumo e non è assolutamente un risultato della religione, anzi spesso la religione tende a tarpare ed a nascondere questa “naturale” spiritualità presente in tutte le cose.

Questa spiritualità -o senso di presenza- è un fatto, una realtà, e non può essere descritta in termini filosofici se non astraendoci dal contesto dell’ecologia stessa. La spiritualità laica quindi non è una base per esprimere le norme di una “nuova religione” con tanto di sacerdoti titolati all’interpretazione e con tanto di bibbia decisa a tavolino dai sapienti. Questa spiritualità è la consapevole pratica sincera ed onesta del condurre la nostra esistenza considerando che noi tutti siamo presenti in ogni aspetto del processo vitale e della coscienza che lo anima.

L’ecologia profonda, il bioregionalismo, la spiritualità naturale (o laica) sono espressioni del vivere armonico, amorevole gentile e solidale sulla Terra.

La Rete Bioregionale Italiana non è un movimento compatto, esistono varie realtà anche disgiunte. Alcune di queste realtà sono più teoriche o divulgative ed operano attraverso l’editoria di settore. Altre si occupano essenzialmente di aspetti pratici e di vivere in prima persona l’esperienza bioregionale e dell’ecologia profonda. La Rete Bioregionale Italiana è stata fondata nel 1996 come incontro di varie realtà che si riconoscono nella visione dell’ecologia profonda e del bioregionalsimo. La rete consente libertà di azione locale e il perseguimento di fini comuni, collegati e coniugati ai diversi territori e tematiche bioregionali.

Da alcuni anni la Rete ha leggermente cambiato strutturazione, passando da nodi territoriali a nodi tematici. L’appartenenza al Movimento/Rete avviene per semplice condivisione dello stile di vita e delle tematiche, lasciando ad ognuno la propria libertà di occuparsi degli argomenti che di volta in volta emergono, per dare risposte necessarie contingenziali ai problemi e per proporre iniziative che possano aiutare le comunità.

Ogni anno i membri della Rete Bioregionale Italiana si incontrano per scambiarsi le esperienze su questi temi e le riunioni avvengono in contesti naturali e si tengono in occasione del Solstizio Estivo, sono occasioni di condivisione collegiale del sentire e della pratica quotidiana, nello spirito conviviale e dell’avvicinamento fra amici e fratelli. Solitamente vi partecipano diversi membri della grande famiglia ecologista, nuovi e vecchi agricoltori, abitanti di ecovillaggi e di comuni agricole o spirituali, etc.

Gli incontri si svolgono con le modalità di suddividere momenti di dialogo a giro (con il bastone della parola) e momenti culturali e di aiuto nel menage generale. Oltre alle sessioni di sharing delle esperienze vissute nelle proprie bioregioni di provenienza sono previste anche varie cerimonie naturalistiche in omaggio ai cinque elementi: camminare a piedi nudi nei campi per la raccolta di erbe selvatiche (Terra), accensione e salto del fuoco al suono di tamburi sciamanici (Fuoco), controllo della inalazione ed espirazione pranayama (Aria), lavacro al fiume od al lago e preparazione dell’acqua di San Giovanni (Acqua), osservazione notturna degli astri e silenzio meditativo (Etere).

Paolo D’Arpini

Commenti disabilitati