Risultato della ricerca:

Primarie PD, presidio anti-Nato, Saruman Bencoglio, soluzioni finali, storia dell’uomo rivisitata, il monaco guerriero, rete di informazione Nonviolenta…

Il Giornaletto di Saul del 30 aprile 2017 – Primarie PD, presidio anti-Nato, Saruman Bencoglio, soluzioni finali, storia dell’uomo rivisitata, il monaco guerriero, rete di informazione Nonviolenta…

Care, cari, oggi primarie del PD, sarà il solito remake? Il renzie 2? Dopo aver ottenuto, attraverso il sostegno dei media, che il Segretario del PD fosse eletto alle primarie da CHIUNQUE si dichiarasse elettore del PD, cosa che fecero molti elettori PDL, per andare contro Bersani. Dopo aver indossato la maschera del “rottamatore della vecchia nomenklatura” ora si ripresenta come il ‘salvatore del PD e della nazione’ (garante della governabilità, ‘modernizzatore’, ecc.). Il suo programma? Inciuciarsi con la mummia berlusconica e con la destra finanziaria iperliberista… – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/29/1-maggio-2017-dopo-le-primarie-pd-passata-e-la-tempesta-odo-augelli-far-festa/

Commento di Nicola Fratoianni: “Un po’ paraculo. Non si offenda Renzi se lo definisco così per le sue ultime posizioni sul Fiscal Compact, perché si sentono offesi milioni di italiani dopo anni di macelleria economica e sociale. Certo fa un po’ ridere, visto che il 22 febbraio scorso il PD in Europa ha votato a favore del Fiscal Compact nei Trattati europei; e fa ancora più ridere che la scorsa settimana lo stesso PD si è espresso contro la mozione di Sinistra Italiana alla Camera, che chiedeva il veto sul Fiscal Compact. Insomma, arrivano le primarie e Renzi si scopre contro l’austerity…”

Commento di Rita Pasqualetto: “Dopo i risultati delle primarie del PD, a partire dal 1 maggio mi aspetto l’esodo degli ultimi resistenti… perché, in ogni caso, Renzi parlerà di un suo successo personale, anche di fronte ad un risultato deludente… Siamo abituati alle sue dichiarazioni ipocrite…”

Giugliano. Presidio anti-NATO – Scrive Rete contro la guerra: “Il 13 maggio 2017 Presidio davanti alla Base NATO di Lago Patria a Giugliano (Napoli). Ogni giorno il contatore delle vittime di guerre aggiorna in crescendo il suo già impressionante numero. Dalla Siria all’Afghanistan, dallo Yemen all’Iraq, dalla Libia alla Palestina fino all’Ucraina e ai tanti conflitti dimenticati in Africa, è uno stillicidio di morti e distruzioni quotidiane ad opera degli eserciti e degli armamenti delle grandi potenze e dei loro alleati. Da oltre 30 anni, prima con la scusa dell’esportazione della democrazia ed oggi con quella della lotta al terrorismo, NATO ed Europa aggrediscono ed occupano paesi al solo scopo di sottometterli al…” – Continua:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/29/giugliano-13-maggio-2017-presidio-contro-la-nato-e-le-sue-guerre/

Previsioni incombenti – Scrive Agnia Russo: “Iva al 25%, pressione fiscale reale al 73%, invasione di multinazionali, onlus, società straniere con sede nei paradisi fiscali (TUTTE RIGOROSAMENTE ESENTASSE), pignoramento diretto dei conti correnti da luglio. Salari da fame. Tagli. Invasione clandestini in piena forza fisica…”

Stranamore USA – Scrive Vincenzo Zamboni: “…le minacce di potenza militare contro il mondo assomigliano sempre di più ad una vecchia comica mal riuscita: giunti al confine nucleare, tutti sanno di non poter procedere oltre, pena l’autodistruzione. E il capitalista può essere cattivo, ma non così stupido da volersi autodistruggere. Sarebbe ora, dunque, che i governi (finora impresentabili) dell’Euramerika cominciassero a pensare cose serie, smettendo di giocare con la benzina ed i fiammiferi…” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2017/04/lo-stranamore-usa-che-aiuta-sganciare.html

Commento di Beniamino Severi: “Giuste considerazione, aggiungerei solo che la Corea nelle prove nucleari è molto meno invasiva degli altri paesi che vanno a farle anche a danno e pericolo di altri paesi, in quantità continentale…”

Il picco del petrolio – Scrive Marco Palombo: “Il tema “assurdo” del picco della domanda è stato posto dall’Iea, agenzia energetica dei paesi Ocse, è assurdo per l….. Aramco, compagnia saudita che nel 2018 vuole quotarsi in Borsa. http://www.commoditiestrading.it/spread-trading/Petrolio–quell-assurdita-del-picco-di-domanda-6965.aspx - Posto il link perché cominciate a interessarvi a questo tema che, secondo Sissi Bellomo, Sole 24 Ore, potrebbe colpire duramente non solo i paesi Opec ma anche gli USA. Nello stesso tempo favorirebbe chi ha da guadagnare con una grande rivoluzione energetica, Cina, Germania, Giappone, India. In Italia oggi domina l’ignoranza e si costruiscono rigassificatori e gasdotti, legati indirettamente al petrolio…

Saruman Bencoglio – Scrive Francesco Di Marte: “Veste di bianco e predica generiche dottrine sull’amore e sulla fratellanza. Ma la sua ideologia, ché il Sacro è altro, ha ispirato più massacri e distruzioni di qualsiasi altro flagello della storia. Fedele solo agli obiettivi del suo Ente (Dio è un’altra cosa), è in prima fila al fianco di chi vuole distruggere l’identità etnica, culturale e storica dell’Europa…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/04/fra-ncesco-bencoglio-anche-detto-saruman.html

Sinistra sinistra – Scriveva Costanzo Preve: “…la “Sinistra” è diventata l’ala culturale ed artistica marciante di un nuovo capitalismo post-borghese, che ha cancellato la stessa matrice originaria dello stesso comunismo di Marx, e cioè la coscienza infelice (Hegel) della borghesia europea. Dal momento che qualsiasi programma di de-globalizzazione (Lordon, Sapir) implica il rafforzamento del “pubblico”, e cioè della sovranità economico-politica dello stato nazionale, la sinistra sicuramente vi si opporrà, dando luogo ad un curioso e funesto gioco delle parti, e cioè la globalizzazione “liberista” a destra e la globalizzazione “anarchica” a sinistra, che marceranno separate, e colpiranno unite qualsiasi programma di liberazione nazionale e sociale, infallibilmente connotato come “populista”, ispirato dalla destra eterna.“

Soluzioni finali – Scrive Filippo Mariani: “…forse è giunto il momento di uscire dalla fantascienza e pensare alla realtà! Se sono vere le proiezioni statistiche appena presentate sulla sovrappopolazione terrestre, non c’è tanto da essere allegri. Secondo alcuni demografi australiani al momento ci sono solo tre opzioni che l’umanità ha di fronte: – bloccare le nascite per un decennio, cercando di riportare l’umanità ad un numero sostenibile per le risorse del pianeta; – colonizzare altri pianeti; – scatenare una guerra globale per le ultime risorse del pianeta capace di eliminare tre quarti degli uomini sulla Terra, per poi ricominciare…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2015/04/esodo-dal-pianeta-terra-stephen-hawking.html

Commento di Massimo Cordoni: “Credo che l’opzione più a noi vicina sia scatenare una guerra globale per l’approvvigionamento delle risorse, che poi si sta già mettendo in pratica. Anche se io preferirei quella di bloccare le nascite per un decennio…”

Passata la Festa (dei Precursori) gabbatu lu santu – Scrive E.S. A commento dell’articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/26/treia-%E2%80%93-resoconto-della-festa-dei-precursori-dal-23-al-25-aprile-2017/ -: “ Caro Paolo, ho visto su FB le polemiche di S. per la Festa dei Precursori appena trascorsa, ed ora sento di poterlo dire. La prima volta che venni a Treia, dormii insieme a lui, e rimasi allibito da come parlava male di te. Non ti ho mai detto niente, non mi sembrava opportuno. Al di là delle vostre vicissitudini mi colpì molto questa cosa, mi dicevo “a quale scopo quest’uomo viene qui con apparenti motivi di comunanza, interessi, condivisione, empatia e poi parla male di Paolo?” Oggi posso comprendere meglio questi atteggiamenti, e senza giudicare Stefano, ammiro il tuo osservare stando in silenzio, è questa la lezione che tu mi regali, una lezione d’amore. Con gratitudine, ti abbraccio.”

Commento di S.M.: “In risposta alla lamentela di Stefano su FB, mi sento coinvolta in quanto ho fatto uno degli interventi dopo la presentazione di Mariagrazia, che ringrazio di aver partecipato, ma al pari degli altri, che abbiano parlato o meno. Non avevo capito che fosse protagonista assoluta dell’evento, ma anche Stefano, avendo collaborato alla stesura del programma poteva opporsi da prima, senza trattare poi come maleducati e ignoranti tutti quanti, cosa che sinceramente non condivido. Se la Gimbutas fosse stata perfettamente nota a tutti, sarebbe stato inutile parlarne. E poi ognuno di noi ha qualcosa da dire: il modo di pensare, di vivere, è piuttosto soggettivo e a casa di Paolo e Caterina si è liberi di esprimere il proprio sentire, in un clima tradizionalmente informale.” – Continua in calce al link sopra segnalato

Commento di Luigi Caroli: “Milano, 28 aprile – Caro Paolo, mi è molto piaciuto il racconto della FESTA DEI PRECURSORI. L’autrice vale le cinque ministre messe assieme. Ipotizzavo un numero più alto di partecipanti. Sbaglio di molto se ipotizzo che la media dei tuoi contatti giornalieri sia 240? Naturalmente… di alto livello culturale.”

Mia rispostina: “Caro Luigi. grazie per l’apprezzamento, la mia compagna Caterina è una scrittrice vera che non sa di esserlo. I partecipanti alla Festa dei Precursori difficilmente superano un paio di dozzine. E di queste due dozzine qualcuno rema anche contro… Trattasi di processo alchemico. Per superare il livello di coscienza corrente occorre sempre mettere insieme elementi contrastanti in modo che possano amalgamarsi al meglio. Non sempre l’esperimento riesce al 100%, magari riesce al 70% od anche meno ma siamo sempre sopra la linea del 50%, quindi va bene. Insomma se non è oro è argento… P.S. – I seguaci virtuali del Circolo variano in numero secondo le onde pensiero e lo spazio tempo. Possono essere 3 o 240 o qualche migliaio. Alti e bassi… culmini ed abissi di un gioco della Coscienza.”

La storia dell’uomo va rivista – Scrive A.K.: “Da alcune anomalie registrate in due siti archeologici indiani, Harappa e Mohenjo-Daro e dall’ultima scoperta a Jodhpur, nonché dagli scritti di antiche opere letterarie di diverse migliaia di anni fa, come il Mahābhārata, sembrerebbe proprio che NEL LONTANO PASSATO SULLA TERRA CI FU UNA GUERRA NUCLEARE (o qualcosa di simile ndr). Entrando nel merito, le due antiche città della Valle dell’Indo: Harappa e Mohenjo-Daro (che si fanno risalire a una decina di migliaia di anni fa), scoperte accidentalmente appena lo scorso secolo, mostrarono subito agli archeologi aspetti particolari..” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/08/il-mahabharata-e-le-inferenze-di-una.html

Mio commentino: “…delle antiche civiltà scomparse me ne sto occupando da tempo. Da quando cioè andai ad abitare a Calcata, infatti tanti anni fa sotto l’ascendente di sensazioni e messaggi dall’inconscio, percepii quello che realmente Calcata era stata ed il suo ruolo nelle trame primigenie della vita nella società umana. E’ come se gli antichi spiriti della valle del Treja, il genius loci, mi parlassero per confidarmi dei segreti rimasti per troppo tempo nascosti…” – Continua in calce al link soprastante

Il sogno del Monaco Guerriero – Scrive Salvatore Brizzi: “Il successo esterno è sempre il prodotto naturale dello sviluppo dell’anima d’un individuo. Il vero leader sa che le basi del successo d’un’impresa si costruiscono all’interno di sé. Se l’anima è impeccabile, l’azione sarà sicura e il risultato certo. ♀♂♀ Nelle antiche scuole iniziatiche l’addestramento del Guerriero dello Spirito è sempre stato distribuito su tre livelli…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2017/04/il-sogno-del-monaco-guerriero.html

Ferrara. Sovranisti si presentano – Scrive F.S.I.: “FSI Emilia-Romagna organizza la sua prima conferenza a Ferrara, dopo essersi già fatto conoscere nella città estense con volantinaggi e banchetti.  L’incontro avrà ad oggetto la presentazione del FSI (il primo partito sovranista italiano) alla cittadinanza, che speriamo accorrerà numerosa. L’appuntamento è per Sabato 6 Maggio, ore 16, al Centro Sociale “Il Parco”, in via della Canapa, 4. Info. emilia-romagna@frontesovranista.it”

Rete d’informazione Nonviolenta – Scrive Olivier Turquet: “In quest’epoca di caos sistemico e sociale, esiste un mondo che non ha voce e che non trova spazio espressivo. Il vecchio mondo delle violenza (economica, sociale, mediatica, interpersonale) è andato via, lasciando i suoi strascichi; il nuovo mondo si esprime e cresce ma non trova ancora il suo spazio. I media tradizionali credono ancora di essere il famoso quarto potere ma sono sempre più al servizio della speculazione finanziaria e di quel modello socio-culturale costruito da una minoranza accentratrice ed affarista…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2017/04/per-una-rete-di-informazione-nonviolenta.html

E con ciò vi saluto, ciao, Paolo/Saul

…………………………

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

“Dio non è da qualche parte
dio siamo noi ed ogni cosa
qui ed ora, nel passato e nel futuro”
(Paolo Mario Buttiglieri)

…….

“La sofferenza è realmente necessaria? Si e no. Se voi non aveste sofferto come avete sofferto, non vi sarebbe in voi alcuna profondità come essere umani, non avreste umiltà né compassione. La sofferenza incrina e rompe il guscio dell’ego e così raggiunge un punto nel quale ha ottenuto il suo scopo. La sofferenza è necessaria fino a che comprendete che non è necessaria.” (Eckhart Tolle)

…………….

Video collegato:

https://www.youtube.com/watch?v=RCk3cFwKVJM – Benvenuti al Matteo Renzi Show (consigli per il voto alle primarie PD 2017)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Arrivederci Treia, anidride carbonica in aumento, Primarie PD, fuori “Carreggiata”, ius soli?, resistenza ai vaccini, essere nell’infinito presente…

Il Giornaletto di Saul del 29 aprile 2017 – Arrivederci Treia, anidride carbonica in aumento, Primarie PD, fuori “Carreggiata”, ius soli?, resistenza ai vaccini, essere nell’infinito presente…

Care, cari, sabato 29 aprile lascio Treia e riparto per Spilamberto. Questa doppia vita mi piace, ma un po’ mi strazia. Quando sono su fatico a partire per le difficoltà organizzative, il viaggio, riabituarmi al letto non troppo comodo. Quando sono qui non amo lasciare il mio compagno e la pace che si respira per tornare nel caos emiliano, ma mi fa piacere comunque rivedere figlia e amici. Ieri, ultima giornata a Treia, una delle più intense, quasi dovessimo recuperare un po’ del tempo perduto (almeno da parte mia) a dormire e bighellonare… – Caterina Regazzi) – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/04/28/29-aprile-2017-arrivederci-treia/

Roma. New Age – Scrive Evaldo Cavallaro: “Domenica 7 Maggio 2017, a Roma, dalle ore 15.05 (precise!) alle ore 20.25, presso la Sede della UPF/WFWP nella deliziosa campagna di Colle Mattia, si terrà una intensa e varia sessione esperienziale riservata ai cultori di Ipnosi ed Esoterismo, aperti allo spirito della New-Next Age: il tutto in un’ottica energetica (potenziante e decondizionante) ed olistica, nel pieno rispetto delle credenze religiose di ciascuno… – Info. cavallaroevaldo@tiscali.it”

Aria irrespirabile ed inquinamenti umani – Scrive Maria Rita D’Orsogna: “..abbiamo concentrazioni di anidride carbonica a 410ppm, con tassi di aumento galoppanti. La stampa scritta ne ha parlato? Il telegiornale ne ha parlato? I politici ne hanno parlato? Forse non ci si rende conto di cosa questo significhi. Significa che la terra e le condizioni di vita cosi come le conosciamo, presto non ci saranno più. Vita animale, vegetale ed anche umana. Tutto cambierà…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/04/anidride-carbonica-in-costante-aumento.html

Commento di C.M.D.: “Non solo questi argomenti ormai sono stati rimossi dai palinsesti mediatici o relegati ad orari marginali per un pubblico minoritario, ma sono completamente rimossi da qualsiasi programma elettorale e dibattito politico. Del resto abbiamo dei politicanti ai massimi livelli planetari che pianificano guerre (persino disposti a ricorrere alle armi nucleari tattiche e cosiddette “sporche” cioè chimiche e biologiche) e quindi l’aumento degli inquinanti in atmosfera come potrebbe mai interessare loro?…” – Continua in calce al link sopra segnalato

Treia. Primarie PD – Fervono i preparativi per le prossime Primarie, che si svolgono il 30 aprile 2017, per scegliere il nuovo segretario del PD. In lizza sono: l’ex segretario dimissionario Renzi; Emiliano attuale governatore della Puglia; ed il ministro della Giustizia in carica Andrea Orlando. Le Primarie, aperte a tutti i cittadini che si riconoscono nei valori del centro-sinistra, sono un importante evento attraverso il quale le persone son chiamate ad esprimere il loro parere su chi dovrebbe coordinare le scelte politiche del più “corposo” partito italiano… – Continua: https://treiacomunitaideale.blogspot.it/2017/04/treia-30-aprile-2017-primarie-pd.html?showComment=1493408520242#c6420573990644309856

Commento di R.R.: “I dubbi ce li toglierà Renzi stesso, rinnovando l’alleanza con Berlusconi, per completare l’accordo stipulato con lui al Nazareno… Non si tampona Renzi andando a votare, ma evitando di andarci. Spero che siano TANTI quelli che lo hanno capito.”

Mia rispostina: “Questo è un punto di vista, non è una legge matematica. Una compagnia di duri e puri che si astiene dalla lotta ha poche speranze. Abbiamo sbagliato a lasciare il PD in mano ai democristiani ed ora ne paghiamo le conseguenze. L’errore fu anche di Bersani che consentì il sistema delle “primarie aperte a tutti”, il che ha consentito l’infiltrazione aliena, ora vedi bene cosa è successo! Il segretario del PD dovevano eleggerlo solo i tesserati PD. Visto che le regole sono cambiate occorre intervenire e partecipare alle primarie per fermare l’ascesa ed il ritorno al governo del renzi”

La “svolta” di Trump – Scrive Jure Ellero: “Posto che l’affarista Trump non ha principi – ma solo ambizioni – questo non è un esito inaspettato. Attraverso i subbugli degli ultimi mesi, è stato scatenato un golpe morbido, un golpe inteso a portare Trump di nuovo in linea con la politica estera della classe dominante, una strategia imperialista. Negli ultimi giorni della sua amministrazione, Barack Obama ha riconosciuto questa strategia. Ha notato l’intensa pressione degli “interventisti umanitari” e la loro preminenza nell’establishment della politica estera. Non indossavano la divisa di “liberali” o di “conservatori”. Neppure dovevano fedeltà ai “Repubblicani” o ai “Democratici”. Piuttosto rappresentavano il consenso della classe dominante. Mentre potranno essere concessi margini di azione nell’esecuzione, i fini non sono negoziabili. Trump ha minacciato di modificare questi fini. E’ stato ricondotto all’ordine”

Treia. Fuori Carreggiata e la Festa dei Precursori – Scrive Ferdinando Renzetti: “….ho avuto la fortuna di partecipare alla festa dei precursori e Caterina e Paolo mi hanno chiesto di scrivere un resoconto, così sul treno lungo il ritorno ho deciso semplicemente di ritrascrivere gli appunti che ho preso sul quaderno e anche sul vecchio cellulare Nokia, sotto forma di sms. In questi giorni ho conosciuto una simpatica ragazza dai lunghi capelli rossi ricci e luminosi occhi azzurri, vive nei paraggi di Treia con la sua splendida figlioletta Ambra. parlando del più e del meno come si fa quando ci si incontra e ancora ci si conosce mi ha detto che vive in una contrada che si chiama Carreggiata, in particolare in una piccola casa di campagna appena fuori dell’abitato così mi è subito venuto in mente: [Fuori Carreggiata]….” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/04/fuori-carreggiata-remix-di-alcuni.html

Commento di E.S.: “La festa dei precursori: Un sacco di gente che aveva qualcosa da dire, qualcosa da lasciare ai posteri. Persone speciali che si raccontavano nel loro lavoro, nelle loro passioni. Ed io povero diavolo? Che ci stavo a fare lì se non a far tesoro di quello che stavo ascoltando?…”

Corea del Nord. Nuovo target di guerra – Scrive Marco Palombo: “Vedo i quotidiani online che riportano l’ intervista di Trump alla Reuters dove definisce possibile una “grande, grande, guerra con la Corea del Nord” e difficile una soluzione diplomatica. Vedo i siti di controinformazione che negli ultimi anni ha fatto un ottimo lavoro sulle guerre Nato, dirette o per procura, in Ucraina, Libia, Siria e M.O. Tutto, scrivere poco sull’eventuale guerra contro la Corea. Credo che sia serio considerare tutti gli scenari che riteniamo possibili, e l’ aggressione USA alla Corea è possibile in queste settimane, anche se mi auguro che non avvenga. La Corea è lontana ma noi siamo fedelissimi alleati del paese aggressore, le minacce di Trump dunque ci riguardano, Se seguiamo la vicenda e facciamo uscire un dissenso anche flebile è comunque meglio che mettere la testa sotto la sabbia…”

La madre dello Ius Soli – Scrive Michele Rallo: “Lo ‘ius soli’ non è “accoglienza”, non è “salvare vite umane”, ma è trasformare milioni di stranieri in cittadini europei, con tutti i pericoli che ne derivano: da quelli di carattere sociale ed economico, a quelli di natura criminale. Il problema non è l’accoglienza, il problema è la permanenza, è la perfida manovra di ingegneria etnica e sociale che sta a monte di una strategia immigrazionista, concepita e messa in opera da chi vuole distruggere l’identità dei popoli europei…” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2017/04/la-madre-dello-ius-soli-e-sempre-incinta.html

Commento di Luigi: “…se gli italiani istruiti si vedono negare i posti di lavoro qui in Italia significa che la loro istruzione non è servita a niente. Se rifiutano i posti che potevano accettare i disperati degli anni 50 vuol dire che l’economia vuole riportare la situazione come allora. E lo sta facendo con efficienza e solerzia. Stiamo perdendo davvero la guerra mondiale. Il nostro genocidio etnico non causa nessuna crisi al sistema economico che ci affligge semmai un buon guadagno. Non serviamo più, possiamo essere eliminati,naturalmente dopo la sbornia continua di buonismo demo-umanitario. Nostri soli alleati gli immigrati che delinquono. Grazie a loro la possibilità di cortocircuiti sociali è probabile…”

Resistenza ai vaccini – Scrive Paola Botta Beltramo: “La resistenza è iniziata, a molti livelli, ed è andata ben oltre il movimento ribellistico del movimento No Global. Gli affioranti piani per una vaccinazione obbligatoria di massa contro la cosiddetta influenza suina danno slancio a tali iniziative, a misura che si diffondano, soprattutto via internet, rapporti sulla dubbia pericolosità della malattia, su possibili effetti nocivi programmati del vaccino e sull’enorme business delle multinazionali che lo producono…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2017/04/resistenza-ai-vaccini-il-business.html

USA. Sesso come mezzo di controllo sociale – Scrive S.P.: “Alcuni anni fa parlando all’università di Harvard, il giudice della Corte Suprema Antonin Scalia ha osservato che “le orge sessuali eliminano le tensioni sociali e per questo dovrebbero essere incoraggiate”. Considerando che a parlare era il paladino dei cosiddetti “neo-con”, nominato giudice della Corte suprema da Ronald Regan in persona, possiamo comprendere quanto l’affermazione sorprese il mondo politico e giudiziario americano. Che la sessualità abbia effetti benefici e rasserenanti è cosa nota, ma che uno stimato e noto giudice ultra-conservatore si sia espresso a favore delle orge come soluzione per disinnescare le tensioni sociali, disorienta e sorprende non poco…”

Roma. Ambiente – Scrive G.V.: “Invito al Convegno sull’Ambiente, organizzato dall’Associazione Nuove frontiere del Diritto che si terrà il 2 maggio 2017 presso la Sala Unità d’Italia della Corte d’appello Civile di Roma , Via Varisco 3/5, dalle ore 10.30 alle 15.30. Info. rosygrandinetti@libero.it”

Essere nell’infinito presente – Scrive Bernardino Del Boca: “Lo spazio e il tempo sono solo illusioni sensoriali. L’esoterista impara presto che il passato, il presente e il futuro convivono nella realtà del Continuo Infinito Presente e, seguendo particolari aspetti dell’inconscio collettivo, si accorge che chi opera nel presente, progettando il futuro dell’uomo, sono spesso individui vissuti nel passato o che…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/04/essere-nel-continuo-infinito-presente.html

Chernobyl. Un eroe dimenticato – Scrive Claudio Martinotti Doria: “Nel 31° anniversario del devastante incidente nucleare di Chernobyl è doveroso ricordare una grande figura scientifica ma soprattutto umana, sconosciuta ai più, l’accademico russo Valery Legasov, che ha contribuito a ridurre le ripercussioni sanitarie ed ambientali del tragico evento, rendendo pubblici i dati oggettivi su di esso, consentendo alle istituzioni internazionali preposte ed ai media mondiali di apprendere dall’esperienza ed informare doverosamente i cittadini per assumere adeguate contromisure, atteggiamenti che per quei tempi e quelle latitudini non erano affatto usuali. Occorre rendere merito a questo personaggio, che nel più assoluto anonimato ha corso gravi rischi compromettendo irreversibilmente la propria salute, esclusivamente nell’interesse dell’umanità.”

Ritorniamo al solito tran tran, ciao, Paolo/Saul

…………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“In questo mondo l’odio non ha mai scacciato l’odio. Solo l’amore scaccia l’odio. Questa è la legge, antica e inesauribile.” (Osho)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

L’altro in noi, USA: l’amore per la guerra, il dharma “ordinario”, commenti alla Festa dei Precursori, Italia Bene Comune, politica e spiritualità…

Il Giornaletto di Saul del 28 aprile 2017 – L’altro in noi, USA: l’amore per la guerra, il dharma “ordinario”, commenti alla Festa dei Precursori, Italia Bene Comune, politica e spiritualità…

Care, cari, quel che è in noi è anche nell’altro, altrimenti non potremmo riconoscerlo. Anche chi giudica può essere giudicato e chi riveste ruoli di rappresentanza di una intera categoria dovrebbe rispettare per primo i principi di cui si fa garante. Possiamo essere pedanti psichiatri tecnicisti e passivi e continuare a lamentarci che la conoscenza della mente è un aspetto della fisiologia oppure essere elementi attivi, costruttori di un sistema olistico, consapevoli che corpo, mente e spirito sono un tutt’uno inseparabile! Queste riflessioni sono una integrazione al discorso sul come superare le “tendenze innate” senza cadere vittime di nuove “tendenze correttive”… – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/04/psico-spiritualita-empatia-e-compassione.html

Liberarsi dal senso di colpa e di rispetto umano – Scrive Roberto Potocniak: “Non permetterai più agli altri di abusare di te, del tuo corpo, della tua mente, delle tue emozioni, delle tue risorse, della tua energia e del tuo tempo, solo quando sentirai nel profondo della tua Essenza di non aver più bisogno di questo tipo di esperienze. E questo significa che sei cresciuto e che sei guarito dentro riguardo a questa tematica, ed anche riguardo ai sensi di colpa. Sia l’abusatore che chi viene abusato, fanno entrambi leva uno sull’altro sfruttando il reciproco bisogno di attenzione, di bisogno di riconoscimento e di una forma di falso amore, di possesso e di controllo, che in qualche strana maniera lega ed in fondo gratifica entrambi. Conosci te stesso ed osserva dove gli altri hanno ancora il potere di agganciarti… sui tuoi buchi”

USA. Vocazione guerrafondai – Scrive Vincenzo Zamboni: “Gli U$A, che hanno collezionato 222 anni di guerra su 239 anni di esistenza, sono la maggiore minaccia mondiale contro la pace; Russia e Cina, potenze nucleari, si rivelano un baluardo sempre più insormontabile contro le minacce di guerra americane. Probabilmente i cambiamenti futuri verranno non dai nostri cabarettistici partiti politici di un occidente spompato, ma dai mutamenti degli equilibri planetari, con rapporti di forza in continua evoluzione, il cui baricentro, piaccia o no, si sposta sempre più verso Est” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/27/usa-guerrafondai-di-professione-agli-statunitensi-piacciono-le-bugie-che-li-aiutano-a-promuovere-le-loro-guerre/

Macron-renzie – Scrive P.S.: “«Macron sono io», ha subito proclamato trionfalmente Renzi all’indomani del primo turno delle presidenziali francesi. E avendo già dato ampie prove delle sue capacità «previsionali», può essere che anche questa volta il bacio della morte sia ben fondato…”

Vaccini. Non sempre buoni – Scrive Franco Libero Manco: “Quando nei media si parla di vaccini in genere vengono evidenziati solo gli eventuali aspetti positivi, tralasciando il fatto che la vaccinazione è una profilassi farmacologica e come tale può avere effetti collaterali indesiderati. Sarebbe onesto parlare in termini statistici, comparare i benefici con i danni delle persone che eventualmente hanno avuto reazioni avverse alle vaccinazioni. Ma in genere il dibattito consolida la…” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/04/27/vaccini-talvolta-benefici-talvolta-malefici-ma-utili-al-sistema-farmaceutico/

Commento di Carlo Tonarelli: ““Siamo consapevoli del fatto che i vaccini siano stati una conquista della medicina moderna che ha portato al quasi completo sradicamento di alcune gravi malattie infettive, ma è troppo chiedere che non contengano sostanze neurotossiche o che quantomeno i genitori ne siano correttamente informati?” – Continua in calce al link segnalato

Il cibo biologico è il più sano – Scrive ISDE: “Ci sono studi epidemiologici che hanno mostrato una riduzione del rischio di eclampsia e di ipospadia se si era praticata una alimentazione biologica in gravidanza. In tal senso da non trascurare è la crescente ed imponente mole di letteratura scientifica che documenta la pericolosità dell’esposizione cronica a dosi piccole di pesticidi che – secondo l’ultimo Rapporto EFSA – sono ormai presenti in quasi la metà dei cibi che arrivano sulle nostre tavole e in più del 27% dei casi sotto forma di residui multipli.” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/04/agricoltura-biologica-bioregionale-la.html

Milano. I tuoi dati in vendita – Scrive Giovanni Pellerano: “I totem pubblicitari nella Stazione Centrale di Milano possono fare molto di più che provare a venderti qualcosa. Esaminando attentamente uno dei totem – uno di quelli che è stato per un certo periodo fuori uso – è stato scoperto che questi dispositivi sono molto di più di quello che sembrano: oltre a esporre pubblicità e orari dei treni,contengono un software in grado di effettuare il riconoscimento facciale, che consente alla struttura di registrare sesso, età e livello di attenzione di chiunque li guardi…”

Il dharma “ordinario” – Scrive Giancarlo Rosati: “L’umanità aspira per tendenza naturale ad uscire dalla sofferenza del mondo. L’attitudine fa parte del nostro DNA e il processo si chiama illuminazione. L’uomo si pone numerosi interrogativi sul mistero della vita, ma non trova risposte e quando scopre che esiste qualcuno in grado di fornirle si precipita ai suoi piedi. Per nostra fortuna ogni tanto compare sul pianeta una guida capace di indicare la giusta strada per uscire dalla trappola il più in fretta possibile…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/04/sathya-sai-baba-e-lattuazione-del.html

Festa dei precursori 2017 – Nota critica di Stefano a commento dell’articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/26/treia-%E2%80%93-resoconto-della-festa-dei-precursori-dal-23-al-25-aprile-2017/ : “Cari Paolo e Caterina, premesso che i primi due giorni dell’incontro e il laboratorio sono stati molto belli e vi ringrazio… Volete che tutto sembri bello anche quando una persona così brava come Mariagrazia che si era tanto impegnata per voi si è sentita trattata male (la sciamana l’ha platealmente ignorata)?” – Continua in calce al link sopra segnalato

Risposta di Caterina: “Le persone che secondo Stefano hanno fatto interventi non in sintonia, hanno espresso il loro sentire sul femminile e le loro esperienze, cosa che mi è sembrata perfettamente in sintonia con il tema trattato e con il nostro sistema di fare le condivisioni, che sono ‘aperte’…” – Continua in calce al link sopra segnalato

Commento di Michele Meomartino: “Un sincero ringraziamento a Paolo e Caterina per aver organizzato quest’ennesima Festa dei Precursori. Come sempre siete stati molto bravi e ospitali ed io sono onorato di aver partecipato. Grazie anche a tutti gli altri operatori che hanno voluto condividere questa bella esperienza.”

Mia annotazione: “Disse Eckart Tolle: Quando comprendete la natura transitoria di tutte le esperienze, e capite che il mondo non vi può dare nulla che abbia un valore duraturo, l’arrendersi diventa molto molto più facile. Continuate comunque lo stesso ad essere coinvolti in esperienze ed attività, ma senza le paure e le pretese del “sé” egoico. Questo per dire che non richiedete più che una situazione, una persona, un luogo o un evento, debbano soddisfare le vostre esigenze o farvi contenti. Lasciate essere la loro natura transitoria ed imperfetta…”

Italia bene Comune? – Scrive Tommaso Rodano: “Non ci si nasconde più: la stessa area politica che era partita ad inizio legislatura sotto l’insegna “Italia Bene Comune”, dopo anni di rottamazione renziana e scissioni sempre più molecolari dentro e fuori dal Parlamento, è pronta a ricompattarsi alla sinistra dell’ex premier (che nel frattempo l’ha spogliata di buona parte dell’elettorato)…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/27/fermento-elettorale-la-sinistra-prepara-il-listone-unificato-italia-bene-comune/

Mio commentino: “Tira aria elettorale… sui giornalacci del sistema campa la notizia in risalto: mattarella chiede una legge elettorale urgente”

Commento di Peppe Sini: “La decisione di portare la nuova legge elettorale nell’aula di Montecitorio entro la fine del mese di maggio comprimerà enormemente i tempi della sua elaborazione e discussione nelle competenti commissioni parlamentari e sostanzialmente impedirà una discussione adeguata nel paese. In tempi così ristretti il rischio è che tutto si riduca a un confronto tra i vertici delle forze politiche e che ne emergerà una legge tutta centrata sugli interessi dei gruppi dirigenti del ceto politico attuale e sulla loro preservazione. Noi vorremmo invece che la nuova legge elettorale fosse il frutto di una riflessione approfondita e partecipata, e che il suo cuore fosse l’inverso del principio fondamentale della democrazia: una persona, un voto…”

Politica e spiritualità – Scrive Davide Ragozzini: “Solo chi è su un percorso spirituale, ignora tutto ciò che non gli appartiene più e che non apparterrà mai, in nessun modo al nuovo mondo. Questo è il risultato di profondi studi sia interiori che rivolti al sociale. Più saremo, in numero, ad ignorare senza giudizio e soprattutto in un atteggiamento positivo e non violento, e più il sistema attuale svanirà nel nulla…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2017/04/politica-e-spiritualita.html

Integrazione forzata – Scrive Lothar Bartolo a commento dell’articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/26/melting-pot-linvasione-aliena-e-lauto-ghettizzazione-della-walled-community/ -: “ Infatti la più grossa menzogna storica che Islam è uguale a Mama Africa è nata in America tra il 1967 e gli anni 70′ cioè al sorgere delle Black Panters ,temendo una deriva Marxista di queste. Così Nell università,nelle carceri,nelle palestre, nei ghetti sono comparsi imam dall’Arabia Saudita. Qualche nome: “Malcom Mix, Hurricane, Classius Kley da latif a muslim. Falsa perché come l’Ebraismo, il Cristianesimo nelle sue varie, forme anche l’Islam era una religione che avevano portato invasori asiatici. E’ storia…”

Siamo agli sgoccioli… Ciao, Paolo/Saul

………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“L’uomo in cui il Tao agisce senza impedimenti non si occupa dei propri interessi e non disprezza gli altri che lo fanno. Non lotta per il denaro e non fa della povertà virtù. Egli va per la sua strada senza dipendere dagli altri e non si fa un vanto di andare avanti da solo. Lui non segue la massa ma non critica chi lo fa. Non lo attirano né compensi né onori; non lo spaventano né rovina né vergogna. Non è sempre ala ricerca del giusto e dell’ingiusto, né pronto a scegliere tra il sì e il no. L’uomo del Tao resta sconosciuto, la virtù perfetta non produce nulla, il non-io è il vero io, e l’uomo più grande è Nessuno.” (Chuang Tzu)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Integrazione forzata, Marche: Dea Madre e sibille, nuovo pensiero femminile, memoria di un tempo che vive, nascita dell’“io sono”, resoconto della Festa dei Precursori 2017…

Il Giornaletto di Saul del 27 aprile 2017 – Integrazione forzata, Marche: Dea Madre e sibille, nuovo pensiero femminile, memoria di un tempo che vive, nascita dell’“io sono”, resoconto della Festa dei Precursori 2017…

Care, cari, in un mondo in cui vi è stata imposta l’integrazione forzata con altre popolazioni profondamente diverse senza che mai il governo vi abbia prima chiesto se questa fosse la vostra più intima volontà, vi siete mai fermati a chiedervi qual’è invece il contrario dell’integrazione ? Ve lo dico io si chiama auto-ghettizzazione, ne sanno qualcosa gli americani che l’hanno inventata e implementata prima di tutti, alla faccia quindi che il diverso è bello e piace…. – (Eugenio Benettazzo) – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/26/melting-pot-linvasione-aliena-e-lauto-ghettizzazione-della-walled-community/

Gandhi rivisitato – Scrive Mara La Banga: “…col suo totale assoggettamento alle multinazionali, con l’immiserimento della terra a causa degli scarichi inquinanti e dell’imposizione delle monoculture quel traditore di Gandhi ha ridotto l’India alla miseria nera. Ci sono voluti decenni per riprendersi dallo sfacelo causato da Gandhi e Nehru e dal loro corrottissimo partito del Congresso. I miti di regime sul “bravo” Gandhi in India sono tramontati da un pezzo, oggi in India chiunque sa che genere di criminale sia stato Gandhi, ma in Occidente c’è ancora chi gli da credito!”

Marche. La Dea Madre e le sibille – Scrive Simonetta Borgiani: “Nelle Marche molte sono le leggende sulle sibille, ma escluse queste rappresentazioni di Macereto e dipinti più recenti, non ci giungono tramandate immagini e informazioni precise di come fosse e come vivesse. Anche le storie della sibilla di Antoine de la Sale, Andrea da Barberino, il Tannhauser di Wagner, che si ispirano a leggende locali, sono come vedere la sibilla riflessa allo specchio, ma non vediamo chi c’è di fronte allo specchio…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/04/la-dea-madre-le-sibille-ed-il-culto.html

Mio commentino: “…intervento “inaspettato” e molto interessante, ha fatto bene l’autrice a contestualizzare il discorso, un aspetto importante del bioregionalismo,..”

Roma. Radionica e Radioestesia – Scrive Centro: “La radionica è da molti anni usata, con ottimi risultati, per riequilibrare l’energia delle persone, ma le sue applicazioni non si limitano agli esseri umani, includono anche animali e piante. Ultimamente abbiamo notizia di diversi successi ottenuti con questa innovativa “scienza”, che cura a distanza …” Segue con indicazioni del convegno sul tema che si tiene a Roma il 30 aprile 2017: http://retedellereti.blogspot.it/2017/04/roma-30-aprile-2017-radionica-il-potere.html

Francia Italia – Scrive Paolo Cova: “I risultati delle presidenziali francesi rappresentano un momento politico importante che coinvolge anche il nostro Paese. Essi si incrociano con le imminenti primarie del PD, che costituiscono uno strumento superiore ad un click sul ‘mi piace’, ed avranno un’incidenza su scelte istituzionali e politiche di un futuro prossimo…”

Per un nuovo pensiero femminile – Scrive Giovanna Sorbelli: “Il nostro impegno per la creatività delle Donne, attraverso il Magazine Eudonna, non può farci dimenticare la vocazione del nostro circuito, che forse rappresenta l’originalità del nostro Progetto: far maturare la consapevolezza di un nuovo pensiero Femminile, che superi le contraddizioni della Parità, e che sia al tempo stesso intellettuale e politico, il secondo al servizio del primo, entrambi capaci di contaminare le menti delle Donne, anche oltre i confini nazionali… – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2017/04/roma-eudonna-per-un-nuovo-pensiero.html

E guerra sia! – Scrive Enrico Galoppini: “Per capire come mai gli Stati Uniti minacciano continuamente qualcuno (che ovviamente costituirebbe – secondo la loro astuta e martellante propaganda – una “minaccia” per loro ed i loro “alleati”) bisogna farsi una ragione del fatto che i popoli, anche quando lo sono sui generis come gli americani, hanno una loro peculiare psicologia. Avete voglia a raccontarvi la favola che tutto il mondo è paese e che buoni e cattivi sono equamente distribuiti per il pianeta. No, bisogna entrare nell’ordine d’idee di leggere la storia di questo particolare popolo che sono gli americani, di studiarne la loro ideologia ed interpretarne gli obiettivi per arrivare a vederci chiaro, e cioè che la loro psiche è molto diversa dalla nostra e che quella li porta ad aggredire sistematicamente gli altri popoli per rapinarli e piegarli ai loro disegni. E se quelli non si arrendono.. che guerra sia, tanto l’hanno voluta sempre gli altri!”

Memoria di un tempo che vive – Scriveva Roberto Sgaramella: “Avendo conservato dai miei studi il gusto del teatro, ho sempre ritenuto che il Circolo vegetariano VV.TT. fosse il miglior palcoscenico per coinvolgere gli ospiti stranieri nello svolgersi del Rito. Sì, antropologicamente parlando, si tratta del Rito primordiale: il pasto nel suo significato materiale e liturgico. Comunione e confronto sono i due ingredienti che lo distinguono da ogni altra forma rituale. Ed è quanto avviene tra i frequentatori del Circolo: comunione d’intenti e confronto d’idee, ovvero i due irrinunciabili ingredienti che modellano l’espressione della civiltà…” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2014/04/26/21/

Il lato oscuro del “pacifismo” – Scrive Shankar Nath Baba: “Quando diranno: “Pace e sicurezza”, allora di subito una improvvisa rovina verrà loro addosso, come avviene alla donna incinta con le doglie; e non scamperanno affatto” (1° Tessalonicesi 5:3). Le soli petizioni dei preti rossi di Satana: disarmiamo le nazioni civili, così i terroristi potranno massacrarci più facilmente. Chesterton -un vero cattolico, non un finto-prete come Zanotelli- diceva che il pacifismo è sempre oggettivamente filo-dittatoriale. Per un motivo molto semplice. Se i dittatori si armano senza che nessuno possa impedirlo, i pacifisti che propagandano il disarmo nelle nazioni civili ovviamente contribuiscono a rendere il fronte sguarnito per la difesa contro i dittatori…”

Come il mondo sorge in esistenza… Il mondo nasce con la nascita dell’ “io sono” – …qual è il meccanismo concettuale dietro alla creazione del mondo? A questa domanda Nisargadatta Maharaj rispose in modo lucido e chiaro: la creazione del mondo, come apparizione nella coscienza, ha un decuplo aspetto: – Purusha (maschile o mente) e Prakriti (femminile o natura), il materiale psichico e fisico. – L’essenza dei cinque elementi fondamentali (visti come stati energetici): etere, aria, fuoco, acqua e terra, in continua e mutua frizione. – I tre attributi (o qualità): satva (armonia), rajas (attività), tamas (inerzia). Un individuo può pensare di essere lui stesso ad agire, in realtà il suo nome e forma non sono altro che l’espressione combinata dell’incontro fra questi fattori… – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/04/il-mondo-nasce-con-la-nascita-dell-io.html

La vita strana – Scrive Roberto: “La vita è anche fatta di appuntamenti mancati, cari Paolo e Caterina, anche quest’anno sono riuscito a non venire alla Festa dei Precursori, mannaggia… Mi sarebbe veramente piaciuto, insieme alla mia dolce Rosy essere presente lì con voi, ma lei con una tosse secca e stizzosa, io con ’sto cavolo di cuore che dopo 4 by pass ancora mi fa i capricci, abbiamo dovuto rinunciare all’evento. Va beh! C’era la mia forma astrale che volteggiava libera e felice sui cieli di Treia, anche se come diceva il grande Giorgio Gaber, nella sua canzone sul significato della parola libertà, è che la libertà è partecipazione quindi caro il mio me stesso cerca di stare bene e di essere presente al prossimo appuntamento. Capito!? Un abbraccione – P.S. Sapete un qualche rimedio efficace e naturale per la tosse secca?”

Rispostina di Caterina: “Latte caldo e miele!”

Treia. Resoconto della Festa dei Pecursori 2017 – Scrive Caterina Regazzi: “Molto lunga e intensa è stata questa edizione della Festa dei Precursori del Circolo vegetariano VV.TT., iniziata il 23 e conclusa il 25 aprile 2017. Come al solito io inizio queste giornate con un po’ di batticuore: chi ci sarà? chi non ci sarà? filerà tutto liscio? E, come al solito, tutto è andato nel migliore dei modi, grazie al senso di presenza e di partecipazione degli intervenuti. Tanto per cominciare, abbiamo la fortuna di avere due amici generosi e preziosi…” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/04/26/treia-resoconto-della-festa-dei-precursori-dal-23-al-25-aprile-2017/

Ce l’abbiamo fatta! Ciao, Paolo/Saul

…………………………………..

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

“Ciò che ci piace è bello, ciò che non ci piace è brutto; ma il brutto nel giro delle cose tornerà ad essere bello, e il bello ad essere brutto; perciò si può dire che una sola anima penetra l’universo. Per questo il saggio venera l’unità”. (Chuang Tze)

…………………….

“Schiavo è colui che aspetta qualcuno che venga a liberarlo” (Ezra Pound)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Treia – Resoconto della Festa dei Precursori, dal 23 al 25 aprile 2017

Molto lunga e intensa è stata questa edizione della Festa dei Precursori del Circolo vegetariano VV.TT., iniziata il 23 e conclusa il 25 aprile 2017.

Come al solito io comincio queste giornate con un po’ di batticuore: chi ci sarà? chi non ci sarà? filerà tutto liscio? E, come al solito, tutto è andato nel migliore dei modi, grazie al senso di presenza e di partecipazione degli intervenuti.

Tanto per cominciare, abbiamo la fortuna di avere due amici generosi e preziosi, Aurora e Rossano, di Staffolo. Paolo li aveva contattati già da diverso tempo. Lei è una donna estremamente appassionata di erbe spontanee (e non) e della natura in genere, e ci ha accompagnati al mattino in una bellissima passeggiata erboristica in una strada proprio qui vicino al circolo nei pressi del lavatoio, ricchissima di piante.
L’immagine può contenere: 1 persona, persona seduta, bambino, pianta e spazio all’aperto
Avremmo potuto passare due ore buone nel primo metro, tanta era la ricchezza in biodiversità del luogo. Speriamo che l’amministrazione, grazie alla presenza anche del suo rappresentante per l’ambiente, Adriano Spoletini, sia sensibile alla tutela di questo patrimonio alla portata di tutti e che questo possa essere apprezzato e conosciuto sempre più dagli abitanti del luogo.

Comunque sia, la giornata era bella e soleggiata anche se fresca, i partecipanti interessati (cerco di nominarli tutti: Rossano, Simonetta, Fernando, Adriano, Lauretta, Danizete, Donatello, figlia, genero e nipotino, Silvana, Stefano e Mariagrazia, Mara Labanga con Matteo e Riccardo) e Aurora ci ha incantato scoprendo anche erbette apparentemente insignificanti, nascoste fra le altre, ma di quelle meno conosciute e appariscenti ci ha decantato proprietà e ha raccontato aneddoti. Ne nomino solo alcune: caccialepre, alliaria, cardi di veri tipi tra cui quello mariano, malva, da tutti conosciuta, strigoli, papavero, crepis, tarassaco, attaccavesti, gigaro o pandiserpe, vitalba, centocchi, senape e altre che in questo momento mi sfuggono. Anche Aurora è rimasta stupita di tanta biodiversità. Alla fine abbiamo avuto anche un incontro ravvicinato con alcune capre che soggiornano lungo un tratto della scarpata che risente alquanto negativamente della loro presenza.

Tornati indietro, ultime due chiacchiere e poi ci siamo divisi per il pranzo. Siamo rimasti in 9 e ci siamo avvicinati a casa, dove Paolo era rimasto per farci trovare il desco pronto e alcune cosette. Ma anche lì Aurora ha avuto modo di stupirci con le sue belle e buone preparazioni culinarie, tutte a base di piante spontanee e frutta da lei raccolte e lavorate. Non mancavano un vino aromatizzato con bacche di rosa canina e una bevanda al sambuco, fresca fresca dell’annata.

Poi siamo scesi al Circolo e lì piano piano ci hanno raggiunto diverse persone: Mavi, Umberto Rocchi, fitoterapeuta, Alberto Meriggi, il nostro amico storico che ci arricchisce ogni anno con le sue dotte dissertazioni in tema, Petra, la scultrice e potatrice di ulivi ed altro, Fabrizia e suo marito, Francesco Orazi, Antonello Andreani, musicista, ed in più alcuni che erano presenti nella mattinata e che sono ritornati. Mavi ha presentato il libro “Quaderno vegetariano con Gianni Rodari, in cui sono descritte le ricette fantastiche dell’Era Ecozoica.

Meriggi ci ha parlato degli esperimenti dell’Accademia Georgica sulla rotazione delle colture, sulla conoscenza delle erbe spontanee da parte dei contadini che le usavano come integrativo e della lavorazione della canapa a Passo di Treia. A rotazione poi ognuno dei presenti ha detto qualcosa di sé aggiungendo proprie esperienze sul tema erboristico.

La seconda giornata, 24 aprile 2017, è stata più tranquilla. La mattinata era libera, infatti Stefano e Mariagrazia sono andati a fare un giro a Macerata a prendere alla stazione Uphahar Anand e Ferdinando Renzetti (Fiordifango), i quali arrivavano uno da Riccione e l’altro da Pescara. Poi al pomeriggio è arrivato Felice (Rosario Colaci) che era stato invitato a presentare il suo libro, Non ho tempo per la fretta, dove sono raccolti circa 100 componimenti poetici sulla natura e sulla vita.

Felice aveva portato anche un campione delle sue innumerevoli produzioni: erbe secche per la preparazione di tisane (tiglio, biancospino, finocchio selvatico, melissa, ecc.) frutta secca (mele, cachi), caffè di ghiande e i suoi libriccini del Seminasogni, oltre naturalmente al suo libro. Ci ha raccontato qualcosa della sua vita e di come è nata questa vera e propria sua esigenza di scrivere poesie in rima.

La poesia e la musica sono stati gli ingredienti principali, chi ha suonato (Stefano Panzarasa, Antonello Adreani e Upahar), chi ha letto poesie (Paolo), chi ha raccontato qualcosa di sé. Io ho letto molto emozionata un paio di brani dal libro “la Figlia del Sarto” di Lucilla Pavoni, che, purtroppo, da un paio di mesi non è più con noi. E’ stato un pomeriggio “leggero” ed emotivamente molto coinvolgente. Il tutto è terminato, per chi è rimasto, con una cenetta a casa nostra.

La terza giornata, il 25 aprile 2017, è stata, almeno per me, alquanto impegnativa. Già tutto questo movimento di situazioni e persone mi aveva creato una certa apprensione ed alla notte non avevo dormito troppo bene. Al mattino c’è stato il laboratorio di ceramica neolitica condotto da Stefano Panzarasa nei locali della sezione dell’Auser Treia.

L’immagine può contenere: una o più persone, persone sedute, tabella, cibo e spazio al chiuso
Grandi e piccini si sono radunati durante il corso della mattinata nella stanza producendo un bel numero di statuine e piccoli contenitori. I manufatti sono rimasti poi quasi tutti qui da noi che nei prossimi giorni li porteremo ad Appignano, il paese dei coccetti, dove abbiamo preso contatto con la proprietaria di un laboratorio dotato di forno, disponibile a cuocerli.

L’immagine può contenere: una o più persone, persone sedute, albero, erba, spazio all’aperto e natura
E’ seguito un bel pranzo allestito egregiamente da Paolo (che di esperienza in proposito ne ha), a base di riso integrale, lenticchie in umido speziate ed insalata e arricchito dal farro di Michele Meomartino (che nel frattempo ci aveva raggiunto da Pescara), il tutto consumato nell’orto, sotto gli ulivi o sul muretto, all’ombra o al sole, allietati dalle note romantiche dei nostri amici cantori.

Non ho ancora detto che il pomeriggio del 25 aprile comprendeva la presentazione da parte di Mariagrazia Pelaia di alcuni libri di Marija Gimbutas (“La Civiltà della Dea”, primo e secondo volume e “Le Dee e gli Dei dell’Antica Europa”). Mariagrazia ha curato la traduzione di questi testi. Il mio compito era di fare da moderatrice forse però sarebbe stato meglio lasciare il compito a chi di queste cose ha più esperienza… Comunque la Tavola Rotonda ha avuto inizio: la Gimbutas era una archeologa e linguista lituana che studiò le culture del neolitico e dell’età del bronzo nell’antica Europa. Trovando in varie parti d’Europa reperti attribuibili allo stesso periodo (Neolitico) che raffigurano figure femminili in varia forma si è ipotizzato che una “Grande Dea” venisse adorata. Ho fatto un po’ fatica a capire, dato che sono quasi completamente digiuna di questo argomento, quale sia stato il contributo di queste scoperte nell’elaborazione dell’ipotesi (visto che all’epoca non c’era ancora la scrittura e quindi documenti scritti) dell’esistenza di una civiltà matristica (o, per chi preferisce il termine, matriarcale), che pure è ben conosciuta e trattata in vari ambiti.

Dopo l’intervento di Mariagrazia, che ha parlato della Gimbutas come di una “Precursora”, tanto per rimanere in argomento, si sono succeduti vari contributi, tra cui quello più in tema forse è stato quello dell’archeologo (classico) Enzo Catani. Altri interventi sono stati sviluppati, ognuno secondo le proprie conoscenze e propensioni.

Voglio nominare, perché erano state invitate appositamente per la “tavola rotonda” del pomeriggio, Patrizia Cavallo, una naturopata di Jesi; Maria Gemma Massi, studiosa di rune celtiche e di sciamanesimo e responsabile del gruppo Erbasacra di Ancona; Simonetta Borgiani del Comitato Treia Comunità Ideale, che ha parlato delle antiche sibille marchigiane, e Michele Meomartino della Rete Olistica Italiana che ha espresso apprezzamenti per il lavoro svolto da Mariagrazia Pelaia nel tradurre l’opera della Gimbutas. Tra gli altri c’erano anche Orietta di Ancona e Mara Labanga di Loreto con Matteo, un giovane e simpatico amico.
Il tema era sì la produzione della Gimbutas, ma secondo me, ci stavano bene anche propri punti di vista e di esperienze personali sul femminile o informazioni sulle dee femminili di stampo più locale (come le Sibille di Simonetta). Per finire Stefano Panzarasa, compagno di Mariagrazia, col suo intervento, ha riportato il discorso sul tema della civiltà della Dea.

Si era fatto tardi, si era creata una certa confusione, con vari discorsi incrociati, per cui siamo passati alla merenda a base di un buon dolce e biscottini con vino e tisana, il tutto condito anche da chiacchiere e convenevoli in libertà. Abbiamo proseguito la serata davanti ad una buona pizza con i pochi rimasti.
L’immagine può contenere: 1 persona

Per concludere, tornati a casa, si è tenuta una sessione dei bei canti proposti ed eseguiti da Upahar Ananad a cui ha partecipato anche un “ultimo arrivato”, Dimitri di Matelica.
Poi tutti a nanna, tutti più o meno toccati dall’intensità degli eventi!

Caterina Regazzi

Album fotografici:

23 aprile 2017: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10211906650172114&set=a.10211906661172389&type=3&theater

24 aprile 2017: https://www.facebook.com/caterina.regazzi/media_set?set=a.10211923183905447.1547250609&type=3

25 aprile 2017: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10211924853827194&set=a.10211927207806042&type=3&theater

……………………………….

Articoli collegati:

https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/02/24/treia-festa-dei-precursori-cominciamo-dal-primo-evento-la-passeggiata-erboristica-del-23-aprile-2017-con-aurora-severini/

http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/03/treia-24-aprile-2017-non-ho-tempo-per.html

http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/04/treia-festa-dei-precursori-2107.html

http://www.terranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Mariagrazia-Pelaia-presenta-a-Treia-La-Civilta-della-Dea-dell-archeologa-Marija-Gimbutas

……………………….

Nota critica (via Email) di Stefano Panzarasa: “Cari Paolo e Caterina, premesso che i primi due giorni dell’incontro e il laboratorio sono stati molto belli e vi ringrazio, ora è inutile che cancellate commenti e altro…
Volete che tutto sembri bello anche quando una persona così brava come Mariagrazia che si era tanto impegnata per voi si è sentita trattata male (la sciamana l’ha platealmente ignorata)?
Io ho parlato di quello che è successo (proporre la vendita di un libro su Gesù… una dell perle…) con più di dieci persone e tutti erano venuti per Mariagrazia e erano d’accordo con me (chiedete pure all’archeologo, al francese, a Mara, al ragazzo che era seduto di fronte a me e che ha anche comprato il libro).
Siete persino riusciti ad andare via senza salutare Mariagrazia… (commentate da voi questo comportamento) che era a casa quando siete usciti… Comunque il mio resoconto è già su FB con il mio commento e sta girando in rete tra le persone presenti e vi assicuro che se rintraccio la sciamana le dirò che è stata una grande maleducata ad ignorare Mariagrazia e ad approfittare dell’incontro sulla Grande Dea per provare a vendere un libro sul dio patriarcale… Insomma inutile scappare, quando bastava o basterebbe solo scusarsi con Mariagrazia. Io comunque non ho fretta e tanta creatività e allegria, la metterò al servizio di un riscontro positivo su quanto è accaduto…”

————

Risposta di Caterina: “Non ritengo di avere nulla di cui scusarmi con Mariagrazia (e tanto meno con Stefano). Ho fatto quello che era nelle mie possibilità e credo di essermi data da fare al massimo per la riuscita della festa. Ho dato a Stefano e Mariagrazia la più bella stanza della casa per mettere a loro agio la coppia con tanto di gatto che addirittura si metteva a detta loro sotto le coperte (speriamo che non abbia le pulci).
Non ho salutato Mariagrazia prima di uscire, ma lei non è venuta la sera prima a fare i canti con Upahar e tutti noi; al mattino, fino alle 11 e passa, orario in cui noi dovevamo uscire per accompagnare Upa e Ferdinando a Macerata, lei non si è vista. Dovevo forse andare a riverirla in camera da letto?
Le persone che secondo Stefano hanno fatto interventi non in sintonia, hanno espresso il loro sentire sul femminile e le loro esperienze, cosa che mi è sembrata perfettamente in sintonia con il tema trattato e con il nostro sistema di fare le condivisioni, che sono appunto delle condivisioni aperte. Altrimenti dovevamo fare un tavolo con la relatrice e i relatori e infine, si chiedeva al pubblico presente di fare le sue domande. Cosa che non abbiamo mai fatto per nessuna presentazione di libri. Non abbiamo bisogno del “vate” che ci viene ad impartire un verbo, ma di uno spazio in cui tutti si possano sentire a loro agio (atteggiamento matristico) ed esprimersi senza paura di essere redarguiti per una scarsa attinenza al tema (atteggiamento patriarcale). Da lungo tempo ho sempre cercato di giustificare l’atteggiamento di Stefano, prepotente e desideroso non di scambiare con gli altri le proprie esperienze e idee, ma di imporre le proprie con la convinzione che la sua sia l’UNICA VERITA’, quando nella vita ha passato tante fasi, completamente diverse da quelle che sta vivendo adesso. Immagino che anche allora, quando mangiava la carne e quando forse con le donne non era così “matrista” credesse di avere la verità in pugno ed allora forse un po’ più di modestia non guasterebbe. Inoltre personalmente sono stata trattata da loro con disprezzo e dileggio, pertanto eventuali scuse sono da loro dovute e con ciò chiudo. Buona presa di coscienza…” (C.R.)

————-

Commento di Michele Meomartino: “Un sincero ringraziamento a Paolo e Caterina per aver organizzato quest’ennesima Festa dei Precursori. Come sempre siete stati molto bravi e ospitali ed io sono onorato di aver partecipato. Grazie anche a tutti gli altri operatori che hanno voluto condividere questa bella esperienza.”

—————

Commento di E.S.: “Ho visto le polemiche di S. per la Festa dei Precursori appena trascorsa, ed ora sento di poterlo dire. La prima volta che venni a Treia, dormii insieme a lui, e rimasi allibito da come parlava male di te. Non ti ho mai detto niente, non mi sembrava opportuno. Al di là delle vostre vicissitudini mi colpì molto questa cosa, mi dicevo “a quale scopo quest’uomo viene qui con apparenti motivi di comunanza, interessi, condivisione, empatia e poi parla male di Paolo?” Oggi posso comprendere meglio questi atteggiamenti, e senza giudicare Stefano, ammiro il tuo osservare stando in silenzio, è questa la lezione che tu mi regali, una lezione d’amore. Con gratitudine, ti abbraccio.”

………..

Commento di S.M.: “In risposta alla lamentela di Stefano su FB, mi sento coinvolta in quanto ho fatto uno degli interventi dopo la presentazione di Mariagrazia, che ringrazio di aver partecipato, ma al pari degli altri, che abbiano parlato o meno. Non avevo capito che fosse protagonista assoluta dell’evento, ma anche Stefano, avendo collaborato alla stesura del programma poteva opporsi da prima, senza trattare poi come maleducati e ignoranti tutti quanti, cosa che sinceramente non condivido. Se la Gimbutas fosse stata perfettamente nota a tutti, sarebbe stato inutile parlarne. E poi ognuno di noi ha qualcosa da dire: il modo di pensare, di vivere, è piuttosto soggettivo e a casa di Paolo e Caterina si è liberi di esprimere il proprio sentire, in un clima tradizionalmente informale. Potrei averne da dire anche io su ciò che ho sentito, ma non mi permetto. Nonostante la simpatia che comunque ho nei suoi confronti, visto il sasso lanciato, qualcosa lo sottolineo: nessuno ha mai contestato – come fa lui – il notevole spazio che gli è sempre stato dato, propinandoci all’infinito le sue canzoni ispirate da Rodari – che scriveva per bambini – tanto che neanche Magò (il cane) le sopporta più…”

……………………

Commento di Luigi Caroli: “Milano, 28 aprile – Caro Paolo, mi è molto piaciuto il racconto della FESTA DEI PRECURSORI.
L’autrice vale le cinque ministre messe assieme.
Ipotizzavo un numero più alto di partecipanti.
Sbaglio di molto se ipotizzo che la media dei tuoi contatti
giornalieri sia 240?
Naturalmente…. di alto livello culturale.
Ciao, Luigi”

Mia rispostina: “Caro Luigi. grazie per l’apprezzamento, la mia compagna Caterina è una scrittrice vera che non sa di esserlo. I partecipanti alla Festa dei Precursori difficilmente superano un paio di dozzine. E di queste due dozzine qualcuno rema anche contro… Trattasi di processo alchemico. Per superare il livello di coscienza corrente occorre sempre mettere insieme elementi contrastanti in modo che possano amalgamarsi al meglio. Non sempre l’esperimento riesce al 100%, magari riesce al 70% od anche meno ma siamo sempre sopra la linea del 50%, quindi va bene. Insomma se non è oro è argento…
I seguaci virtuali del Circolo variano in numero secondo le onde pensiero e lo spazio tempo. Possono essere 3 o 240 o qualche migliaio. Alti e bassi… culmini ed abissi di un gioco della Coscienza. Ciao, Paolo”

……………….

Mia annotazione: “Disse Eckart Tolle: Quando comprendete la natura transitoria di tutte le esperienze, e capite che il mondo non vi può dare nulla che abbia un valore duraturo, l’arrendersi diventa molto molto più facile. Continuate comunque lo stesso ad essere coinvolti in esperienze ed attività, ma senza le paure e le pretese del “sé” egoico. Questo per dire che non richiedete più che una situazione, una persona, un luogo o un evento, debbano soddisfare le vostre esigenze o farvi contenti. Lasciate essere la loro natura transitoria ed imperfetta…”

Commenti disabilitati