Risultato della ricerca:

L’altro in noi, USA: l’amore per la guerra, il dharma “ordinario”, commenti alla Festa dei Precursori, Italia Bene Comune, politica e spiritualità…

Il Giornaletto di Saul del 28 aprile 2017 – L’altro in noi, USA: l’amore per la guerra, il dharma “ordinario”, commenti alla Festa dei Precursori, Italia Bene Comune, politica e spiritualità…

Care, cari, quel che è in noi è anche nell’altro, altrimenti non potremmo riconoscerlo. Anche chi giudica può essere giudicato e chi riveste ruoli di rappresentanza di una intera categoria dovrebbe rispettare per primo i principi di cui si fa garante. Possiamo essere pedanti psichiatri tecnicisti e passivi e continuare a lamentarci che la conoscenza della mente è un aspetto della fisiologia oppure essere elementi attivi, costruttori di un sistema olistico, consapevoli che corpo, mente e spirito sono un tutt’uno inseparabile! Queste riflessioni sono una integrazione al discorso sul come superare le “tendenze innate” senza cadere vittime di nuove “tendenze correttive”… – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/04/psico-spiritualita-empatia-e-compassione.html

Liberarsi dal senso di colpa e di rispetto umano – Scrive Roberto Potocniak: “Non permetterai più agli altri di abusare di te, del tuo corpo, della tua mente, delle tue emozioni, delle tue risorse, della tua energia e del tuo tempo, solo quando sentirai nel profondo della tua Essenza di non aver più bisogno di questo tipo di esperienze. E questo significa che sei cresciuto e che sei guarito dentro riguardo a questa tematica, ed anche riguardo ai sensi di colpa. Sia l’abusatore che chi viene abusato, fanno entrambi leva uno sull’altro sfruttando il reciproco bisogno di attenzione, di bisogno di riconoscimento e di una forma di falso amore, di possesso e di controllo, che in qualche strana maniera lega ed in fondo gratifica entrambi. Conosci te stesso ed osserva dove gli altri hanno ancora il potere di agganciarti… sui tuoi buchi”

USA. Vocazione guerrafondai – Scrive Vincenzo Zamboni: “Gli U$A, che hanno collezionato 222 anni di guerra su 239 anni di esistenza, sono la maggiore minaccia mondiale contro la pace; Russia e Cina, potenze nucleari, si rivelano un baluardo sempre più insormontabile contro le minacce di guerra americane. Probabilmente i cambiamenti futuri verranno non dai nostri cabarettistici partiti politici di un occidente spompato, ma dai mutamenti degli equilibri planetari, con rapporti di forza in continua evoluzione, il cui baricentro, piaccia o no, si sposta sempre più verso Est” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/27/usa-guerrafondai-di-professione-agli-statunitensi-piacciono-le-bugie-che-li-aiutano-a-promuovere-le-loro-guerre/

Macron-renzie – Scrive P.S.: “«Macron sono io», ha subito proclamato trionfalmente Renzi all’indomani del primo turno delle presidenziali francesi. E avendo già dato ampie prove delle sue capacità «previsionali», può essere che anche questa volta il bacio della morte sia ben fondato…”

Vaccini. Non sempre buoni – Scrive Franco Libero Manco: “Quando nei media si parla di vaccini in genere vengono evidenziati solo gli eventuali aspetti positivi, tralasciando il fatto che la vaccinazione è una profilassi farmacologica e come tale può avere effetti collaterali indesiderati. Sarebbe onesto parlare in termini statistici, comparare i benefici con i danni delle persone che eventualmente hanno avuto reazioni avverse alle vaccinazioni. Ma in genere il dibattito consolida la…” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/04/27/vaccini-talvolta-benefici-talvolta-malefici-ma-utili-al-sistema-farmaceutico/

Commento di Carlo Tonarelli: ““Siamo consapevoli del fatto che i vaccini siano stati una conquista della medicina moderna che ha portato al quasi completo sradicamento di alcune gravi malattie infettive, ma è troppo chiedere che non contengano sostanze neurotossiche o che quantomeno i genitori ne siano correttamente informati?” – Continua in calce al link segnalato

Il cibo biologico è il più sano – Scrive ISDE: “Ci sono studi epidemiologici che hanno mostrato una riduzione del rischio di eclampsia e di ipospadia se si era praticata una alimentazione biologica in gravidanza. In tal senso da non trascurare è la crescente ed imponente mole di letteratura scientifica che documenta la pericolosità dell’esposizione cronica a dosi piccole di pesticidi che – secondo l’ultimo Rapporto EFSA – sono ormai presenti in quasi la metà dei cibi che arrivano sulle nostre tavole e in più del 27% dei casi sotto forma di residui multipli.” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/04/agricoltura-biologica-bioregionale-la.html

Milano. I tuoi dati in vendita – Scrive Giovanni Pellerano: “I totem pubblicitari nella Stazione Centrale di Milano possono fare molto di più che provare a venderti qualcosa. Esaminando attentamente uno dei totem – uno di quelli che è stato per un certo periodo fuori uso – è stato scoperto che questi dispositivi sono molto di più di quello che sembrano: oltre a esporre pubblicità e orari dei treni,contengono un software in grado di effettuare il riconoscimento facciale, che consente alla struttura di registrare sesso, età e livello di attenzione di chiunque li guardi…”

Il dharma “ordinario” – Scrive Giancarlo Rosati: “L’umanità aspira per tendenza naturale ad uscire dalla sofferenza del mondo. L’attitudine fa parte del nostro DNA e il processo si chiama illuminazione. L’uomo si pone numerosi interrogativi sul mistero della vita, ma non trova risposte e quando scopre che esiste qualcuno in grado di fornirle si precipita ai suoi piedi. Per nostra fortuna ogni tanto compare sul pianeta una guida capace di indicare la giusta strada per uscire dalla trappola il più in fretta possibile…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/04/sathya-sai-baba-e-lattuazione-del.html

Festa dei precursori 2017 – Nota critica di Stefano a commento dell’articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/26/treia-%E2%80%93-resoconto-della-festa-dei-precursori-dal-23-al-25-aprile-2017/ : “Cari Paolo e Caterina, premesso che i primi due giorni dell’incontro e il laboratorio sono stati molto belli e vi ringrazio… Volete che tutto sembri bello anche quando una persona così brava come Mariagrazia che si era tanto impegnata per voi si è sentita trattata male (la sciamana l’ha platealmente ignorata)?” – Continua in calce al link sopra segnalato

Risposta di Caterina: “Le persone che secondo Stefano hanno fatto interventi non in sintonia, hanno espresso il loro sentire sul femminile e le loro esperienze, cosa che mi è sembrata perfettamente in sintonia con il tema trattato e con il nostro sistema di fare le condivisioni, che sono ‘aperte’…” – Continua in calce al link sopra segnalato

Commento di Michele Meomartino: “Un sincero ringraziamento a Paolo e Caterina per aver organizzato quest’ennesima Festa dei Precursori. Come sempre siete stati molto bravi e ospitali ed io sono onorato di aver partecipato. Grazie anche a tutti gli altri operatori che hanno voluto condividere questa bella esperienza.”

Mia annotazione: “Disse Eckart Tolle: Quando comprendete la natura transitoria di tutte le esperienze, e capite che il mondo non vi può dare nulla che abbia un valore duraturo, l’arrendersi diventa molto molto più facile. Continuate comunque lo stesso ad essere coinvolti in esperienze ed attività, ma senza le paure e le pretese del “sé” egoico. Questo per dire che non richiedete più che una situazione, una persona, un luogo o un evento, debbano soddisfare le vostre esigenze o farvi contenti. Lasciate essere la loro natura transitoria ed imperfetta…”

Italia bene Comune? – Scrive Tommaso Rodano: “Non ci si nasconde più: la stessa area politica che era partita ad inizio legislatura sotto l’insegna “Italia Bene Comune”, dopo anni di rottamazione renziana e scissioni sempre più molecolari dentro e fuori dal Parlamento, è pronta a ricompattarsi alla sinistra dell’ex premier (che nel frattempo l’ha spogliata di buona parte dell’elettorato)…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/27/fermento-elettorale-la-sinistra-prepara-il-listone-unificato-italia-bene-comune/

Mio commentino: “Tira aria elettorale… sui giornalacci del sistema campa la notizia in risalto: mattarella chiede una legge elettorale urgente”

Commento di Peppe Sini: “La decisione di portare la nuova legge elettorale nell’aula di Montecitorio entro la fine del mese di maggio comprimerà enormemente i tempi della sua elaborazione e discussione nelle competenti commissioni parlamentari e sostanzialmente impedirà una discussione adeguata nel paese. In tempi così ristretti il rischio è che tutto si riduca a un confronto tra i vertici delle forze politiche e che ne emergerà una legge tutta centrata sugli interessi dei gruppi dirigenti del ceto politico attuale e sulla loro preservazione. Noi vorremmo invece che la nuova legge elettorale fosse il frutto di una riflessione approfondita e partecipata, e che il suo cuore fosse l’inverso del principio fondamentale della democrazia: una persona, un voto…”

Politica e spiritualità – Scrive Davide Ragozzini: “Solo chi è su un percorso spirituale, ignora tutto ciò che non gli appartiene più e che non apparterrà mai, in nessun modo al nuovo mondo. Questo è il risultato di profondi studi sia interiori che rivolti al sociale. Più saremo, in numero, ad ignorare senza giudizio e soprattutto in un atteggiamento positivo e non violento, e più il sistema attuale svanirà nel nulla…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2017/04/politica-e-spiritualita.html

Integrazione forzata – Scrive Lothar Bartolo a commento dell’articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/26/melting-pot-linvasione-aliena-e-lauto-ghettizzazione-della-walled-community/ -: “ Infatti la più grossa menzogna storica che Islam è uguale a Mama Africa è nata in America tra il 1967 e gli anni 70′ cioè al sorgere delle Black Panters ,temendo una deriva Marxista di queste. Così Nell università,nelle carceri,nelle palestre, nei ghetti sono comparsi imam dall’Arabia Saudita. Qualche nome: “Malcom Mix, Hurricane, Classius Kley da latif a muslim. Falsa perché come l’Ebraismo, il Cristianesimo nelle sue varie, forme anche l’Islam era una religione che avevano portato invasori asiatici. E’ storia…”

Siamo agli sgoccioli… Ciao, Paolo/Saul

………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“L’uomo in cui il Tao agisce senza impedimenti non si occupa dei propri interessi e non disprezza gli altri che lo fanno. Non lotta per il denaro e non fa della povertà virtù. Egli va per la sua strada senza dipendere dagli altri e non si fa un vanto di andare avanti da solo. Lui non segue la massa ma non critica chi lo fa. Non lo attirano né compensi né onori; non lo spaventano né rovina né vergogna. Non è sempre ala ricerca del giusto e dell’ingiusto, né pronto a scegliere tra il sì e il no. L’uomo del Tao resta sconosciuto, la virtù perfetta non produce nulla, il non-io è il vero io, e l’uomo più grande è Nessuno.” (Chuang Tzu)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Fermento elettorale – La sinistra prepara il listone unificato: “Italia Bene Comune”

Sarà l’effetto Mélenchon. O il piano inclinato che inizia dalle primarie di domenica – la nuova incoronazione di Renzi – e conduce al voto anticipato in tempi più o meno rapidi. Quale che sia la ragione, la sinistra italiana sembra aver scoperto all’improvviso la voglia di rimettere insieme i pezzi, e soprattutto la necessità di preparare una lista comune in vista delle politiche.

Gli indizi sono diversi, e sono arrivati tutti insieme. L’intervista di Massimo D’Alema all’Huffington Post il giorno dopo il voto francese, quella di Giuliano Pisapia a Repubblica ieri, poi l’intervento di Nicola Fratoianni in risposta a D’Alema, l’incontro a porte chiuse tra Pisapia e i gruppi parlamentari di Mdp e quello pubblico, nel pomeriggio, tra Pierluigi Bersani e Pippo Civati.

Gli ha risposto Fratoianni: “D’Alema propone un punto di vista interessante e voglio evitare che il suo appello cada nel vuoto. L’unità della Sinistra è importante, certamente, ed è altrettanto vero che presentarsi alle elezioni politiche con tre o quattro liste a sinistra del Pd potrebbe essere poco intelligente”. La condizione – spiega poi al Fatto – è che il nuovo incontro sia nel segno di una “radicale discontinuità” rispetto alle politiche renziane. Ce l’ha con Giuliano Pisapia. L’ex sindaco nell’intervista di ieri si era prestato a un ultimo appello a Renzi per una legge elettorale con premio di coalizione, nell’ottica di una (inverosimile) rinascita del centrosinistra a guida Pd. L’ex premier ha risposto picche, confermando la totale indifferenza a tutto ciò che sopravvive alla sua sinistra: ha stabilito con rinnovata spavalderia che il vincitore delle primarie di domenica (ovvero lui medesimo) sarà anche il prossimo candidato a Palazzo Chigi.
Gli altri si organizzano di conseguenza. I confini del Campo progressista già coincidono, in pratica, con quelli di Articolo 1. Pisapia ha prima sfilato con Bersani, Roberto Speranza, Enrico Rossi e Francesco Laforgia al corteo milanese del 25 aprile, poi ha riunito i gruppi parlamentari di Mdp al Capranichetta, di fronte a Montecitorio.

L’ex sindaco – sottolinea qualcuno tra i contraenti della “nuova” sinistra – si sta autocandidando a prenderne la guida. Ma per trovare quel nome c’è tempo. Pippo Civati invece aspettava questo momento da due anni, da quando ha mollato il Pd renziano per primo, in splendida solitudine. “Ora facciamo un centrosinistra che va da Boccia a Che Guevara”. Per Boccia intende Francesco, deputato (ancora) Pd e sostenitore di Michele Emiliano. Il trionfo di Renzi nelle primarie – è convinto Civati, e non solo lui – provocherà nuovi smottamenti in uscita dal Pd. Intanto il fondatore di Possibile incontra Bersani: “Prepariamo giorni migliori”. Si dicono d’accordo su prossima (ennesima) “costituente” della sinistra. Per Civati, “possiamo iniziare anche domani”.

Tommaso Rodano

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Treia: giornata poetica, ultimo avviso ai precursori, lingua madre e “forma mentis”, lo stravolgimento agricolo, primarie PD, no al foraggiamento dei cinghiali…

Il Giornaletto di Saul del 24 aprile 2017 – Treia: giornata poetica, ultimo avviso ai precursori, lingua madre e “forma mentis”, lo stravolgimento agricolo, primarie PD, no al foraggiamento dei cinghiali…

Care, cari, la Festa dei Precursori, del Circolo Vegetariano VV.TT. di Treia, continua il 24 aprile 2017 con un incontro musical poetico che si svolge alle ore 16 nella sede di Vicolo Sacchette 15/a. Si terrà un giro di condivisione al quale ognuno può contribuire recitando sue poesie, cantare sue canzoni, raccontare aneddoti di vita, etc. Fra gli interventi segnalo la presentazione del libro di poesie di Felice Rosario Colaci “Non ho tempo per la fretta”, una reminescenza teatrale di Fabio Macedoni, le espressioni culturali di Fernando Pallocchini e Maurizio Angeletti, le esecuzioni musicali e canore originali di Stefano Panzarasa, Antonello Andreani e Nigel Quigly. Partecipano anche i responsabili del Circolo: Paolo D’Arpini e Caterina Regazzi. Articolo sul libro di Felice: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/03/treia-24-aprile-2017-non-ho-tempo-per.html

Ipocrisia dei potenti – Scrive Domenico A. Cardone: “La follia del denaro e la ricerca intemperante del piacere in tutte le dimensioni, il superbo rifiuto della coesistenza collaborante anche nell’ambito delle c.d. «razze», delle religioni, delle ideologie, specie ai vertici, la corruzione a tutti i livelli della scala sociale, così investente oggi anche settori altre volte immuni e al di sopra di ogni sospetto! Un’attenzione speciale merita la considerazione della forma della pietà, nel sostanziale rinnegamento della sua potenza. Ciò accade da parte di quei governanti che, pur predicando la pace sociale, l’amore per il popolo, l’unità dei popoli, operano poi contro la pace sociale, contro il pacifico avvenire del popolo, contro l’unità dei popoli…”

Ultimo avviso ai precursori – …anche quest’anno siamo appena entrati nell’atmosfera della Festa dei Precursori che si svolge dal 1984 al Circolo vegetariano VV.TT. In questi giorni ho avuto parecchio da fare ad affinare il programma e ho dovuto apportare alcuni cambiamenti. C’è sempre qualche cambiamento da fare in ogni momento della vita, figuriamoci quando ci si abbandona al grande flusso del cambiamento, al Panta Rei. Noi precursori bistrattati e vilipesi… Facciamo da rompighiaccio e ci tocca sorbirci le critiche di chi vuole mantenere il ghiaccio… – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2017/04/treia-ultimo-avviso-ai-precursori.html

Cambiamento necessario – Scrive Susanna Bazzurri: “Italia primo paese europeo x disoccupazione sotto i 35 anni. 7,5 milioni su 20 sulla soglia di povertà. Il medico contrario ai vaccini viene radiato dall’albo ed i bambini non vaccinati possono non essere ammessi all’asilo. Gli ulivi secolari hanno vinto sulla xylella ma sul gasdotto no e devono essere espiantati. In compenso è sabato e c’è il sole ed è gratis. Le trivelle sono sotto i 12 km. L’iva aumenta ma non su tutto. La tv dice che siamo in crescita economica.  E per fortuna, stavolta davvero, la vita e la sua bellezza prescinde da tutto ciò che è contingente e da tutti coloro che nella propria superba imbecillità si credono onnipotenti. Per fortuna tutto è in movimento ed in questo equilibrio dinamico proprio quando tutto sembra crollare arriva la motivazione e l’energia per un sano cambiamento….”

Lingua madre e “forma mentis” – Scrive Anna Maria Campogrande: “La lingua-madre conferisce all’individuo una «forma mentis» unica e specifica che lo dota di capacità particolari legate alla lingua, il dr. Alfred Tomatis spiega molto bene il ruolo che svolge la lingua-madre, in quest’ambito, nel suo libro «L’oreille et la vie». Come spiegare altrimenti il fatto che i più grandi musicisti di musica classica siano tutti di lingua tedesca, che l’Italia disponga di un così grande patrimonio culturale, se non con il ruolo della lingua, la quale opera nei circuiti cerebrali, sin dal concepimento dell’essere, disponendo ad una particolare e specifica forma di creatività?…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2015/04/23/lingua-madre-e-forma-mentis/

Boccaloni abboccano – Scrive Paolo Sensini: “Già a pochi giorni dall’accaduto, l’ONU ci dice che non vi è nessuna prova certa di armi chimiche utilizzate dall’esercito siriano vicino a Idlib. Però gli americani hanno bombardato pesantemente una loro base militare. E gli israeliani fanno lo stesso nei pressi della città di Khan Arnabah, nella provincia del Golan di Quneitra. Ma i boccaloni, succeda quel che succeda, continuano a bersi la fandonia che Stati Uniti, Francia, GB, Arabia Saudita & soci combattano contro il “terrorismo”. Poi però non scassino gli zebedei se, come recita il detto popolare, chi vive di sogni, muore di realtà”

Lo stravolgimento agricolo – Scrive Giorgio Nebbia: “Negli ultimi due secoli si è verificata una rottura dei vincoli naturali con l’avvento di una modernizzazione che ha promesso di soddisfare i bisogni fondamentali di popolazioni in rapida crescita attraverso l’industrializzazione dell’agricoltura, dell’allevamento e pesca, nonché della trasformazione e distribuzione degli alimenti. Tale industrializzazione, facendo perno sulla meccanizzazione, sull’impiego di sostanze chimiche come concimi e pesticidi e su una selezione genetica orientata alle varietà a resa elevata, si è imposta nei paesi di più antico e consolidato sviluppo, come quelli europei e americani, con una forza capace di travolgere tutte le resistenze…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2015/04/giorgio-nebbia-manifesto-per.html

25 aprile. Occasione di litigio? – Scrive Roberto Tumbarello: “Ormai il 25 aprile è motivo di litigio. Meglio sospendere la ricorrenza. Festeggeremo, se ci saremo ancora, la fine della prossima guerra, che non sembra lontana. I pingui discendenti dei partigiani, che decidono pur non avendo combattuto, offendono la comunità ebraica. In Resistenza c’erano le loro brigate, non quelle palestinesi. Furono loro i veri martiri. Definiti delegazione straniera, sono, invece, i cittadini romani più antichi. Per non perdere quei voti, il PD, si dissocia. Ognuno organizza il proprio corteo. Essendo i percorsi diversi non si scontreranno. Il Campidoglio non capisce, è senza posizione. Parteciperà a entrambi e anche a un eventuale terzo. Non è più una festa nazionale…”

Primarie PD. Invito al voto – Scrive Andrea Orlando: “ Care amiche e cari amici, l’appuntamento del 30 aprile 2017 con le Primarie del PD è ormai vicino. Il mio invito a tutti voi non può che essere quello di andare a votare e di esortare al voto anche tutti coloro che si rispecchiano nei valori più autentici che appartengono alla sinistra. Diamo tutti insieme un segnale forte di cambiamento…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/23/primarie-pd-del-30-aprile-2017-invito-al-voto-di-andrea-orlando/

La Democrazia è un “optional” – Scrive R.T.: “ Basta che il sedere aderisca bene alla poltrona. Non essendo più la dignità un requisito necessario, chiunque può fare politica e anche commentarla. Talvolta non si capisce da che parte stia la verità. Ma spesso si altera per mancanza di coraggio. I giudizi sono edulcorati, invece, si dovrebbero esprimere chiaramente. “Dubbi sul referendum in Turchia”. Mentre è evidente che il risultato è stato manipolato. “Due milioni di schede sospette”. In realtà, l’OPEC ha accertato che sono state sfacciatamente aggiunte. “Ora in bilico l’ingresso dei turchi in Europa”. Perché, c’è ancora il timore che entrino? Povera gente, ne subiranno di tutti i colori! Per noi sarà un bene. Così capiremo che cos’è la dittatura. Molti, purtroppo, l’hanno dimenticato…”

Liguria. No al foraggiamento dei cinghiali – Scrive Carlo Consiglio: “Il pretesto, definito “farlocco” dalla LAC, sarebbe quello di tenere lontano i cinghiali dalle produzioni agricole: “In realtà il foraggiamento in boschi e campagne è gestito dai cacciatori ‘cinghialisti’, sotto l’egida degli Ambiti Territoriali di Caccia, ed ha il vero scopo di ‘fidelizzare’ i cinghiali nelle aree dove ciascuna squadra di cacciatori esercita in forma esclusiva le battute al cinghiale in un determinato comune o area. Si sta infatti diffondendo l’impiego di foraggiatori appesi agli alberi che rilasciano automaticamente il mais nei boschi, grazie all’ausilio di di un timer” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/04/lac-dice-no-al-foraggiamento-di.html

Il primo giorno della Festa dei Precursori è trascorso bene… però non siamo in vena di resoconti, in questi giorni siamo troppo impegnati a vivere il momento e non abbiamo tempo e voglia di raccontarlo… Ciao, Paolo/Saul

…………………………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“I saggi non hanno una mente fissa” (Wuang Tzi)

……………….

Se non ti sei mai amato il tuo amore per gli altri sarà un tragico sacrificio” (Paolo Mario Buttiglieri)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Treia, dal 23 al 25 aprile 2017: Festa dei Precursori – 33° anniversario della Fondazione del Circolo Vegetariano VV.TT. – Qualche storiella nella storia

Ogni giorno aprendo i giornali si svela una sequenza di fatti di cronaca nera. Omicidi, ruberie, rapine, furti, violenze, truffe, etc. etc. Possibile che la società sia cambiata talmente tanto da non poter offrire altro che nefandezze, come notizie di vita? Da cosa deriva questo degrado? E’ sempre stato insito nella storia dell’uomo oppure è in conseguenza di un sistema di vita innaturale importato assieme alla civiltà dei consumi, del benessere materiale, della “liberalizzazione”?

Ricordo che quando negli anni ’70 del secolo scorso tentando di sfuggire a questo corso di cose, allora incipiente, cercai un luogo in cui poter vivere serenamente, “con le porte aperte” come si diceva un tempo, alla fine mi stabilii in un villaggetto semiabbandonato della Tuscia: Calcata … Nel paese c’erano rimasti solo vecchietti “aborigeni” e noi nuovi venuti alternativi, ex sessantottini e “reduci” dall’India. Si lasciava la chiave sulla porta di casa e comunque c’era un forte spirito comunitario nel fare le cose. Purtroppo dopo pochi anni quando il paese aveva raggiunto una “fama” sono arrivati i “commercianti” che dovevano viverci (sfruttando l’immagine” del luogo…) e così sono giunti anche i vip, i turisti, i ristoranti, le bottegucce, gli artisti, etc. etc. e con essi anche i ladri e gli sderenati… e la legge dell’ognuno per sé e “dio” (denaro) per tutti… La “vicinanza” con Roma era troppo forte.

Non sopportando più l’andazzo ancora una volta raccattai i miei straccetti ed i miei libri, e nel 2010 -grazie alla mia nuova compagna Caterina- approdai a Treia, nelle Marche, dove sembrava che la vita offrisse ancora margini di umanità. Certo qui non c’è il consumismo e la frenesia del mondo metropolitano ma sento in alcuni momenti che anche in questo “ultimo ritiro”, l’aria comincia ad essere contaminata. Lo capisco e lo intuisco da piccole cose, dagli sguardi bassi della gente, dalla poca voglia di socializzare, mentre talvolta aumenta la tendenza all’esagerazione, alla trasgressione emulativa, alla distrazione di massa… Che stia arrivando anche qui il “demone”, o forse è il trauma post sisma che ancora tocca i cuori della gente! Ma ai treiesi dico: “Dobbiamo resistere!”

Ed io non demordo nella mia tendenza a sostenere attorno a me una “comunità ideale”, infatti due anni fa, con un gruppetto di amici, abbiamo costituito un comitato civico che persegue questo scopo e da pochi giorni abbiamo messo in piedi una sezione Auser di volontariato consapevole. Il 22 aprile 2017, Giornata mondiale della Terra, alle ore 11, si inaugura la sede di Treia, in Via Lanzi 18/20. (Vedi: http://treiacomunitaideale.blogspot.it/2017/04/treia-22-aprile-2017-inaugurazione.html)

Ah, da non dimenticare che dal 23 al 25 aprile 2017, al nostro circolo vegetariano VV.TT., si svolge La Festa dei Precursori, in celebrazione del 33° anniversario della fondazione dell’associazione…

Scaletta degli eventi e degli interventi

Tutti gli anni festeggiamo la nascita del Circolo Vegetariano VV.TT., che fu inaugurato nella Valle del Treja il 26 aprile del 1984. Ma dal 2010 l’associazione si è trasferita a Treia -appunto-, anche se sembrerebbe un gioco di parole questa è una verità. Dal Treja a Treia cambia solo una linguetta, ma si pronuncia allo stesso modo.

Qui a Treia i vegetariani non sono molti, anzi veramente pochi, ma pian piano tendono ad aumentare e lo scopo della Festa dei Precursori è anche quello di divulgare un sistema di vita più naturale ed ecologico, portando avanti tematiche utili alla riscoperta dei valori comunitari, della solidarietà, della spiritualità laica e della cultura bioregionale.

La Festa inizia la mattina del 23 aprile 2017 con una escursione erboristica lungo le rupi di Treia, accompagnati da Aurora Severini, partenza alle ore 10 da Porta Montegrappa (vicino alla fontana delle due cannelle) (https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/02/24/treia-festa-dei-precursori-cominciamo-dal-primo-evento-la-passeggiata-erboristica-del-23-aprile-2017-con-aurora-severini/) per fornire un esempio concreto di vita conviviale dopo la raccolta di erbe faremo un picnic nel giardino del Circolo, ognuno porta qualcosa di vegetariano. Verso le 16.00 iniziano le condivisioni di esperienze culinarie bioregionali. Tra cui menziono gli interventi di Alberto Meriggi, Fabio Macedoni, Umberto Rocchi, Adriano Spoletini, Lauretta Mattiacci. Verrà anche presentato il “Quaderno vegetariano con Gianni Rodari” (Ed. Kellermann), con la partecipazione degli autori MAVI e Stefano Panzarasa. (http://treiacomunitaideale.blogspot.it/2017/03/donazione-libraria-della-scuola-rodari.html).

La manifestazione riprende il 24 aprile 2017, nella sede del Circolo Vegetariano VV.TT. di Treia (Vicolo Sacchette 15/a) dove alle ore 10.00 si terrà un assemblea dei soci del Circolo con proposte di programmi futuri ed una sintesi di tutto quel che è stato vissuto dalla fondazione ad oggi. Viene riproposto il libro “Riciclaggio della Memoria” (http://www.tracce.org/D’Arpini.htm) in cui sono enumerate le varie tappe del percorso sinora vissuto. Alle ore 16 si terrà una sessione poetica e musicale sul tema della “Comunità Ideale” e la presentazione del libro “Non ho tempo per la fretta” (Ed. Pentagòra), con la partecipazione dell’autore Felice Rosario Colaci (http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/03/treia-24-aprile-2017-non-ho-tempo-per.html). Alla condivisione poetica e musicale partecipano: Fabio Macedoni, Maurizio Angeletti, Paolo D’Arpini, Antonello Andreani, Fernando Pallocchini… ed altri.

Il 25 aprile 2017, la giornata comincia con un Laboratorio gratuito di ceramica neolitica con il geologo Stefano Panzarasa, che si tiene presso la CGIL di Treia, in Via Lanzi 18, in collaborazione con AUSER Treia. Prenotazione necessaria. Le statuine di creta realizzate dai partecipanti verranno successivamente infornate e consegnate ai richiedenti (previo rimborso dei costi di cottura). Al termine del laboratorio è previsto un picnic vegetariano nel giardino del Circolo, ognuno porta qualcosa.

La festa continua con l’evento clou di tutta la manifestazione. Alle ore 16, nella sede del Circolo Circolo VV.TT., in Vicolo Sacchette 15/a, si tiene la presentazione del testo storico “La Civiltà della Dea” di Marija Gimbutas, partecipa la curatrice e traduttrice Mariagrazia Pelaia (Stampa Alternativa) (http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/08/mariagrazia-pelaia-e-marija-gimbutas-il.html). Interventi di Enzo Catani, Patrizia Cavallo, Mariagemma Massi, Simonetta Borgiani, Michele Meomartino. Modera: Caterina Regazzi.

E’ previsto un saluto istituzionale da parte dei rappresentanti del Comune e della Proloco di Treia.

Al termine pizzata vegetariana facoltativa (alla romana) presso una pizzeria locale (prenotazione necessaria). Alle ore 22 La Festa dei Precursori 2017 si conclude al canto di mantra di Upahar Anand con accompagnamento di strumenti musicali indiani.

Vi aspettiamo con simpatia ed affetto a questa 33a edizione della Festa dei Precursori, offerta da tutti noi del Circolo Vegetariano VV.TT. e realizzata con l’aiuto di tanti amici e simpatizzanti, che qui ringraziamo. Ringraziamo anche il Comune e la Proloco di Treia per aver concesso il patrocinio morale all’iniziativa e la CGIL e l’AUSER di Treia per la collaborazione.

Caterina Regazzi e Paolo D’Arpini

Circolo Vegetariano VV.TT.
Vicolo Sacchette, 15/a – Treia (Mc)
Tel. 0733/216293


Treia – Imbocco di Vicolo Sacchette

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Cos’è il Dharma?, geopolitica e genio militare, villaggio per la Terra, la sinistra è morta, indulgenze a pagamento, ritorno al matrismo, Tao e psiche…

Il Giornaletto di Saul del 21 aprile 2017 – Cos’è il Dharma?, geopolitica e genio militare, villaggio per la Terra, la sinistra è morta, indulgenze a pagamento, ritorno al matrismo, Tao e psiche…

Care, cari, scrivevo nel 2010: “Paolo, tu parli spesso del “dharma”. Il tuo è agire da rompighiaccio e da seminatore. Il mio, e credo di averlo capito alcuni mesi fa, è quello, nel mio piccolo, di unire le persone, farle incontrare, dando loro l’opportunità, se lo vogliono e se io “ci ho azzeccato” di conoscersi, di scambiarsi idee, esperienze, affetto, aiuto, amore e chi più ne ha più ne metta. Credo proprio sia questo il mio compito in questa “esperienza” che è la vita. E’ come se io fossi una tessitrice, ma di quelle che fanno i tappeti persiani, o le reti da pesca (mi vengono queste due immagini) . Io faccio qualche nodo e a volte mi riesce, a volte vengono dei groppi oppure il nodo è troppo sottile e si lacera o semplicemente, non tiene. Io ci provo, ma è proprio una tendenza che non posso non considerare, anche a costo di “non farmi i fatti miei”. A me pare che viviamo in un’epoca in cui c’è molta solitudine oppure sono io che la sento così e non è facile fare da collante. Ma è questo che… (Caterina Regazzi) – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2016/04/scrivevo-nel-2010-paolo-tu-parlispesso.html

Mio commentino: ”Veramente bello questo articolo di Caterina, invita a sentirsi tutti parte della grande comunità umana. Mi piacciono anche le foto che sono state scattate a Calcata, quando ancora abitavo lì, nel 2009…”

Geopolitica e genio militare – Scrive Claudio Martinotti Doria: “….grazie a precise scelte politico-strategiche di Putin, non solo per far tornare in auge la Russia come grande potenza, ma perché aveva capito con largo anticipo quali sarebbero stati i rischi prossimi futuri, aveva previsto gli scenari che si sono ormai delineati e vi è arrivato preparato. Al contrario gli USA che avevano il più potente esercito al mondo anche come dotazione e non solo dislocazione (oltre 700 basi militari nel mondo), avendo speso negli ultimi anni mediamente 700 miliardi di euro all’anno per le forze armate, posseggono una struttura talmente ciclopica che solo mantenerla in servizio attivo assorbe la maggior parte delle risorse, e rimane poco per il suo rinnovamento.” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/04/geopolitica-e-genio-militare-la-russia.html

Commento di Noam Chomsky: “ «Per la prima volta nella storia dell’umanita viviamo una situazione pericolosissima che rischia la stessa sopravvivenza della specie umana. Parlo della capacita mostruosa odierna di uccidere da parte degli Stati Uniti. Grazie al progetto iniziato anche con l’amministrazione Obama ed ora finito nelle mani di Trump, per l’ammodernamento tecnologico nucleare che ha raggiunto livelli radicalmente superiori all’arsenale nucleare russo quale deterrente. I margini si sono assottigliati al punto che non si può escludere una catastrofe nucleare»

Roma. Villaggio per la Terra – Scrive Carlo Sacchettoni: “Questa edizione de Il Villaggio della Terra, oltre ai temi scientifici, nei giorni 22, 23 e 24 aprile, ospiterà il Festival dell’Economia Circolare. “Recycling Generation” è infatti il titolo di questa manifestazione, per ricordare a tutti che in questa lotta contro i cambiamenti climatici e il degrado generale dell’ambiente l’economia di domani, ma già di oggi, avrà una prospettiva solo se diverrà Circolare e Responsabile verso le future generazioni. Le mille opportunità dell’economia circolare aprono scenari di sviluppo inimmaginabili, che l’economia tradizionale non è più in grado di offrire…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/04/villaggio-per-la-terra-21-25-aprile.html

Alimentazione vegetariana ed allevamento industriale – Scrive DDV a commento dell’articolo https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/04/19/carnivori-non-pentiti-geneticamente-ipocriti/comment-page-1/#comment-259 -: “Non lo so, ho dubbi. Sono d’accordo contro i lager allevamenti ma credo che l’uomo sia non carnivoro ne vegetariano ma onnivoro e che nella dieta dell’uomo faccia parte anche la carne. Come ho detto ho dubbi, però ho sempre pensato che una differenza notevole la farebbe il modo di allevare gli animali: mucche al pascolo che possono allattare i loro vitellini, maiali in ampi recinti e galline che razzolano farebbero una vita felice almeno fino al momento della macellazione, che dovrebbe essere fatta nel modo più rispettoso e indolore possibile. Quindi pochissima carne ma “felice”. Personalmente sono quasi vegetariana, ammetto di indulgere con i salumi.”

Mia rispostina: “Vorrei che questo tipo di ragionamenti si sciogliessero al sole di una consapevolezza più ampia, in una convivenza di uomo natura animali in cui non debba necessariamente esserci una scala gerarchica e un uso. Anche se un allevamento è eco-compatibile, la parola stessa “allevamento” -sottintendendo l’utilizzazione degli animali allevati, significa “sfruttamento”. Comunque il discorso è aperto e non serve chiudere gli occhi di fronte alla realtà dei fatti. In questo momento la maggior parte degli uomini si ciba ancora di carne e di derivati animali, per cui bisogna andare per gradi…”

Pace e Libertà – Scrive Comitato ”Il Comitato Treia Comunità Ideale appoggia e sottoscrive la posizione promossa dall’Anpi, ARCI, CGIL, CISL, UIL… insieme al Comitato per la Democrazia Costituzionale e ad altre associazioni e organizzazioni, ed esprime grande preoccupazione per il clima di guerra che in questi giorni sembra avere preso il sopravvento. Occorre cogliere l’occasione del 25 aprile per fare riuscire le manifestazioni promosse dall’Anpi e per partire proprio da questo appuntamento per dispiegare un forte movimento contro la guerra e per la pace, riportando nelle sedi politiche e istituzionali internazionali le iniziative per risolvere i conflitti…” – Continua: http://treiacomunitaideale.blogspot.it/2017/04/appello-per-la-pace-e-adesione-alla.html

P.S. Di questo tema se ne parlerà anche durante la Tavola Rotonda prevista alle ore 16, del 25 aprile 2017, nell’ambito della Festa dei Precursori che si tiene al Circolo Vegetariano VV.TT., in Vicolo Sacchette 15/a – Treia. Info. 0733/216293

Italia. La sinistra è morta – Scrive Fausto Anderlini: “…dove sono andati i milioni di elettori della sinistra lo sappiamo: nel M5S e nell’astensione, mentre una parte ancora residua nello stesso Pd. Sono quote di elettorato stimabili in un quarto almeno delle diverse popolazioni. Se il camelloporco fosse in grado di richiamare a sé questi elettori la sua area potenziale sarebbe attorno al 25 %. Il quarto polo. La sinistra. Ma per le ragioni suddette per innescare questo vortice centripeto bisognerebbe corrispondere a due condizioni dirimenti. Innanzitutto mettere in campo qualcosa che…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/20/la-sinistra-e-morta-viva-la-sinistra/

Commento di Antonino Andaloro: “Questa intenzione di disperdere la sinistra è una missione orchestrata dai tempi di craxi, con gli Usa interessati a non far prendere il potere al vecchio PCI. Gli anni del terrore e la scalata di personaggi come Berlusconi hanno completato l’opera…… D’altronde sarebbe un’impresa riuscire a coalizzare la sinistra in queste condizioni in cui ognuno pensa a se stesso”

Le indulgenze monetizzate – Scrive G. Bonconte: “L’infamante invenzione delle ‘indulgenze’ immesse sul mercato come TITOLI MONETIZZABILI operata da Leone X, di comune accordo con i banchieri Fugger, a finanziamento della costruzione della Basilica di S. Pietro è pertanto da ritenersi come una ABERRAZIONE NELLA PRASSI A TUTTI GLI EFFETTI. Inutile ricordare che ciò costituì il pretesto per lo scatenarsi virulento della Riforma protestante, come conseguenza inevitabile dell’evoluzione-rivoluzione storica in atto già da tempo…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/04/laltra-voce-sulle-indulgenze-de-missa.html

Ignavi. Manco all’inferno… – Scrive Marcia Teophilo: “Gli Ignavi sono i primi che si incontrano nella Divina Commedia. Questi sono descritti in maniera particolarmente spregevole, poiché in vita non agirono mai, né nel bene né nel male. Non osarono mai avere un’idea propria, e si adeguarono sempre alla legge del più forte. Per questi motivi Dante li disprezza enormemente. Essi sono talmente inutili che nemmeno l’Inferno li ha voluti. Gli ignavi sono condannati per l’eternità a seguire un’insegna che vortica velocissima per tutto l’Antinferno…”

Delocalizzazione economico-finanziaria – Scrive Alain de Benoist: “Il capitalismo si è deterritorializzato. I raggruppamenti industriali hanno dato luogo alla formazione di società transnazionali, i cui bilanci superano di gran lunga quelli dei singoli paesi. Allo stesso tempo, le nazioni sono invitate ad abolire le loro barriere doganali, ad aprire le loro frontiere alle persone ed ai capitali, a favorire con ogni mezzo la “libera circolazione” dei prodotti e dei beni. Questo è il senso primario di una globalizzazione che supporta la volatilità dei mercati, le delocalizzazioni, la ricerca permanente di una maggiore produttività, la reificazione generalizzata dei rapporti sociali…” Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2015/04/20/dittatura-della-grande-finanza-apolide-e-feticismo-del-mercato/

Bergamo. Pittura – Scrive Franco Farina: “Domenica 23 Aprile e martedì 25 Aprile 2017 sono a Bergamo in città alta in Piazza della Cittadella, dove esporrò delle mie opere e vi saranno anche i miei libretti con fiabe o poesie ed acquerelli. Orari dalle ore 9.00 alle ore 19.00. Info. artefarina@alice.it”

Ritorno al matrismo? – Scrive Caterina Regazzi: “Se è vero, come pare assodato, che un lungo periodo storico, di cui però non abbiamo la “storia scritta”, si basò sul matrismo in cui i clan familiari (e non la famiglia come la conosciamo oggi) vivevano in pace con gli altri clan della tribù, si può giustamente guardare con grande attenzione, a questo tipo di organizzazione. Certo, in quella fase i beni erano collettivi, vigeva cioè una sorta di “comunismo ante litteram”, venivano utilizzati e goduti dai membri del clan stesso, uomini e donne, madri e figli, fratelli e sorelle, mentre il padre (che poi per un lungo periodo non si sapeva neanche chi fosse, cioè non si era fatto il collegamento rapporto sessuale – tempo di 9 mesi – nascita del figlio di quell’uomo) era solo “di passaggio”. L’allevamento dei figli, all’interno di questa comunità composta da varie persone, parenti in via materna tra di loro, non era certo un problema…” – Continua: http://www.terranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Ritorno-al-Matrismo

Commento di Lea Gatta: “…appena ho letto la parola matrismo ho subito pensato a Sara Morace con la quale abbiamo condiviso 20 anni di lotte politiche, ed infatti era proprio di lei che poi hai parlato….. Mi piacerebbe che oggi sia le donne e soprattutto gli uomini, si interrogassero, e meglio, si ascoltassero dentro per capire chi siamo veramente, quali differenze di genere ci possono arricchire vicendevolmente, e in quali nuovi modi possiamo esprimere la nostra vita. Non so se avrò la fortuna di incontrare un uomo che sia in sintonia con questa strada, per il momento da single so bene cosa voglio fare e lo faccio. Non ho capito il tuo commento sulle single. Forse tu non avevi le idee chiare quando lo eri? La propria realizzazione, in coppia o no, secondo me è sempre individuale e parte solo da noi stessi!”

Per essere felici non occorre volerlo – L’Uomo, come tutti gli altri animali è felice di vivere per sua propria natura..(…) Dalle ‘mappe del cervello’ risulta che il pensiero razionale e il linguaggio attivano nella maggior parte dei casi l’emisfero sinistro, che e’ simile a un computer, in quanto accumula i dati delle esperienze in memoria e li ripete su richiesta. La parte destra del cervello è attivata dalla musica, dal linguaggio non-verbale, che è fatto di intonazioni della voce, sguardi, gesti, mimica facciale, ecc. e dalla creatività, che è la combinazione originale di elementi presenti in natura…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/12/tao-e-psiche-etica-e-felicita.html

Un saluto a tutti voi che siete arrivati fin qui! Ciao, Saul/Paolo

…………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Gli uomini conoscono più rapidamente e ricordano più volentieri ciò che disprezzano rispetto a ciò che approvano e considerano prezioso.” (Orazio)

Commenti disabilitati