Risultato della ricerca:

Andare a “puttane” è peccato veniale, per la chiesa… (ed anche per lo stato che ci guadagnerebbe sopra) – Proposta laica alternativa: “La famiglia allargata”

Cosa non si fa per la pecunia, soprattutto quando “non olet” ma profuma di donna…. A turni alterni personaggi politici di destra, sinistra o centro rispolverano la proposta di riaprire le “case chiuse” per togliere il degrado del sesso consumato per strada, garantire l’igiene dei rapporti, evitare la piaga dello sfruttamento… ma sopratutto incrementare le entrate dello stato con nuove tasse sul sesso a pagamento. Ed appare strano che il vaticano che solitamente mette bocca su tutte le iniziative sociali non si sia mai pronunciato sulla “regolamentazione della prostituzione”… Ma a pensarci bene strano non è poiché sin dai tempi del papa re le imposte sulle “puttane” contribuirono grandemente all’edificazione della chiesa.

Ed ora ci riprovano pure in nome di San’Agostino. Gilberto Di Benedetto, buon cristiano e devoto della Madonna dei debitori, propone di ristrutturare borghi abbandonati trasformandoli in luoghi dove la prostituzione sia tollerata nel rispetto delle indicazioni di Sant’Agostino, che sosteneva che per salvare una famiglia che mostra qualche crepa è meglio che l’uomo ‘compia peccato’ con una qualsiasi Maria Maddalena. Ovvero, una prostituta da strada. La trasgressione è meno pericolosa perché una ‘lucciola’ a ore vende frettolosi piaceri ed è preferibile a un triangolo di sentimenti. Il verdetto, resistente ai secoli, consiglia senza dubbio il ricorso alle ‘donne pubbliche’ piuttosto che la caduta nell’adulterio. Questo il dettame ecclesiastico, ovvero se si ricorre ad una donna di strada si fa meno peccato che farsi un’amante fissa… (vedi: https://www.progettoitalianews.net/news/prostituzione-in-italia-tra-stato-e-santagostino/)

Povere puttane, vilipese, offese e sfruttate in tutti i modi e persino sottostimate in quanto donne!

Ma andiamo per ordine, cominciamo da dove è iniziata la prostituzione per poter quindi indicare una soluzione “finale” e definitiva.

L’esercizio della prostituzione non ha età, sia in forma sacrale come avveniva nei templi dedicati alla Dea, sia in forma mascherata come nel caso delle etere greche o delle geishe giapponesi, sia nel modo compassionevole come per quelle donne che occasionalmente nei paesi “assistevano” maschi non maritati in cambio di vivande e compagnia, sia nel modo così detto “volgare” cioè con l’adescamento per strada, la prostituzione peripatetica, ed ancora tanti sono i modi e le maniere della concessione carnale per soddisfare una necessità fisiologica (perlopiù dei maschi) in cambio di prebende e denaro. Certo la prostituzione è una consuetudine antica, ma non così antica come si vorrebbe far credere….

Infatti è solo con l’affermarsi del patriarcato, circa cinquemila anni fa, e con la pratica del “matrimonio” che nacque nella società l’uso di “pagare” la donna. Il matrimonio stesso è una forma di accaparramento della donna, all’inizio per ottenere da lei qualche prole e successivamente per semplice sfogo sessuale. Ancora oggi in alcune civiltà asiatiche, in cui ancora si manifestano tracce del primo modello patriarcale, esistono i cosiddetti “matrimoni a tempo”, eufemismo per garantirsi i favori di una donna per un breve periodo….

In occidente con l’avvento del cristianesimo, che ha sancito il matrimonio come vincolo indissolubile e sacramentale, è andata vieppiù affermandosi l’esigenza della prostituzione. Insomma si può tranquillamente affermare che la prostituzione è una diretta conseguenza del vincolo matrimoniale.

Durante i periodi storici moralistici e fino alla legge Merlin in Italia il “turpe commercio” era stata regolato nelle così dette “case chiuse”, ovvero si erano tolte le prostitute dalla strada per evitare adescamenti scandalosi in periodi in cui i “colletti duri” nella società dettavano legge ma è stato solo un ipocrita sotterfugio. Oggigiorno con la liberalizzazione dei costumi (sarebbe meglio dire con la perdita della decenza) la prostituzione vagante, come pure quella domiciliare, telefonica, telematica ed in ogni altra forma possibile ed immaginabile, è diventata la norma nel rapporto fra i sessi. Non c’è più confine fra chi si prostituisce istituzionalmente, part time, a tempo pieno, su internet, nei pub, nella via, in famiglia, in vacanza, al cesso, che sia maschio o femmina non importa, chiunque in questa società è dedito alla prostituzione…. questa è la triste verità…. Ed il risultato è solo una maggiore alienazione ed un gran senso di solitudine…..

Trovo perciò assurda ogni pretesa istituzionale di “regolamentare la prostituzione” quando nei fatti lo scopo è solo quello di reperire nuove fonti di entrata per l’erario e non per sanare i mali correnti dell’ipocrisia… perbenista. Allora, se proprio si vuole affrontare il problema, in primis, evitiamo il vincolo matrimoniale che – come abbiamo visto- è la causa prima di questo scollamento sociale e della perdita di spontaneità e dignità nei rapporti fra uomo e donna. Tra l’altro non c’è nemmeno più la scusa che il matrimonio serva per proteggere i figli “che son curati e educati dalle madri che stanno in casa a far le casalinghe”, lo sappiamo tutti che quella della casalinga è una categoria in estinzione. Tutte le donne infatti se vogliono campare debbono sbattersi a cercare un lavoro, come i loro uomini, oppure…. prostituirsi..

Togliendo l’obbligo istituzionale e religioso della famiglia tradizionale, composta di marito e moglie, ma persino eliminando le “coppie di fatto” gay o non gay che siano, e recuperando una morale interpersonale di spiritualità laica, si possono facilmente ricreare soluzione fantasiose, le cosiddette famiglie aperte o “piccoli clan”, che di fatto stanno già nascendo più o meno di straforo e senza alcun riconoscimento ufficiale.

L’idea della famiglia allargata, con più femmine e maschi assieme od in altra combinazione prediletta, è l’unica speranza per risollevare le sorti della solidarietà e cooperazione fra cittadini, giovani e vecchi, che oggi non trovano una dimensione umana e culturale a loro consona. Si può definire “ecologia sociale”, una sezione dell’ecologia profonda. Tante persone mi telefonano e mi chiedono: “dov’è che c’è una comune od un eco-villaggio in cui potrei andare a vivere?”, questo è già un segnale che la famiglia allargata sta entrando nella mentalità sociale corrente. Solo che uno vorrebbe trovare la pappa fatta, ovvero la comune idilliaca già bella e pronta e collaudata, invece per un risultato “ad personam” occorre rimettersi in gioco e soprattutto smetterla con i criteri speculativi del “do ut des” e del cercare gli stessi “conforts” della società consumista pure nelle nuove aggregazioni.

Basterebbe questo ad interrompere il processo “prostitutivo” maschile e femminile? Forse… se accompagnato da sincerità e pulizia di cuore e di mente. Sicuramente spariglierebbe le carte e farebbe nascere nuovi esempi di “pansessualità ecologica” nella società umana.

Paolo D’Arpini

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Stanislav Evgrafovič Petrov – Chi ha salvato l’umanità merita di essere ricordato con rispetto e riconoscenza

Tra le numerose ricorrenze che i mass media non mancano di segnalarci, spesso frivole e insignificanti, temo che nessuno rammenterà che il 19 maggio ricade il primo anniversario della morte di Stanislav Petrov, che nel mondo occidentale è un perfetto sconosciuto, e fino a qualche tempo fa lo era anche nel suo paese d’origine, la Russia.

Il comportamento di questo personaggio è divenuto un aneddoto che viene spesso citato da coloro che si occupano di rischi nucleari: un episodio realmente avvenuto ai tempi della guerra fredda, di cui fu protagonista il tenente colonnello dell’esercito dell’URSS Stanislav Evgrafovič Petrov (eroe suo malgrado, rimasto sconosciuto per lunghissimo tempo, deceduto nel 2017), il quale la notte del 26 settembre 1983, ha in pratica salvato il mondo dall’apocalisse nucleare.

Quel giorno il tenente colonnello era in servizio in un bunker poco fuori Mosca con il compito di monitorare i siti missilistici USA tramite il sistema satellitare di sorveglianza russo OKO (che in russo antico significa “occhio”) e riferire immediatamente ai suoi superiori di eventuali attacchi nucleari degli USA. Durante la notte scattò l’allarme per ben cinque volte consecutive, pochi minuti uno dall’altro, perché il sistema di allerta aveva rilevato ogni volta il lancio di un singolo missile balistico intercontinentale con presunta traiettoria sul territorio sovietico. Un missile balistico ha una traiettoria suborbitale o parzialmente orbitale prestabilita che non può variare, potendo colpire un singolo bersaglio, ed erano quelli comunemente in dotazione all’epoca dell’incidente narrato, mentre un missile da crociera di quelli moderni, dotato di sistema di guida GPS può variare la traiettoria come fosse un aeroplano e colpire un bersaglio con una precisione prossima al metro.

Il tenente colonnello Petrov, conoscendo bene il sistema russo OKO, quanto fosse poco affidabile, ritenne altamente improbabile un attacco americano con così pochi missili e prese la coraggiosa decisione di non avvisare i suoi superiori (come prevedeva il regolamento), finché non si fosse dimostrato trattarsi di un falso allarme, cioè di un problema tecnico (fu una scelta coraggiosa che andava ben al di là delle sue prerogative e competenze gerarchiche e se ne assunse la piena responsabilità). Infatti venne successivamente accertato che si trattò di un errore dovuto alle poco affidabili apparecchiature tecnologiche sovietiche installate sui satelliti, dotati di primitivi sensori all’infrarosso, che avevano scambiato alcuni potenti riflessi di luce solare sulle nubi ad alta quota come un lancio di missili.

Il governo russo, invece di conferirgli l’onorificenza di Eroe dell’Unione Sovietica e promuoverlo al grado di colonnello, gli impose il segreto di stato e i suoi superiori lo cazziarono di brutto stroncandogli la carriera e disponendone il pensionamento anticipato. Se non l’hanno mandato di fronte alla Corte Marziale, probabilmente è stato solo per evitare lo scandalo, il rischio che si diffondesse la notizia del gravissimo errore di valutazione dei loro inaffidabili sistemi di allerta.

E non pensiate che se l’episodio fosse avvenuto in Occidente le cose sarebbero andate diversamente.
Petrov non ebbe praticamente nessun riconoscimento e la sua vicenda finì nell’oblio fino ai primi anni 2000 quando alcune istituzioni culturali estere vennero a conoscenza dell’episodio e gli conferirono dei riconoscimenti di modesta rilevanza, e dopo diversi anni, in prossimità della sua morte, alcune trasmissioni televisive si occuparono di lui, in maniera come al solito superficiale, approssimativa e banale. Morì in miseria e solitudine in un piccolo villaggio nei pressi di Mosca.

Episodio paradossale, estremamente simbolico e significativo dal punto di vista civile, culturale, antropologico, sociologico, ecc., dello stato dell’arte in cui versava e versa tuttora l’umanità, che privilegia ed eleva agli altari della cronaca figure indegne e meschine e mette in ombra personaggi che andrebbero quantomeno rispettati se non apprezzati.

di Claudio Martinotti Doria – claudio@gc-colibri.com

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Bioregionalisti in campagna, autismo politico, no al governo fantoccio, americani alla fame, Libano: buone notizie, lotta ai pesticidi chimici, una storia sufi su Gesù, Catania: proteste contro il giro israele-Italia…

Il Giornaletto di Saul del 9 maggio 2018 – Bioregionalisti in campagna, autismo politico, no al governo fantoccio, americani alla fame, Libano: buone notizie, lotta ai pesticidi chimici, una storia sufi su Gesù, Catania: proteste contro il giro israele-Italia…

Care, cari, considerando il periodo di tempo che stiamo attraversando, il richiamo ad un modo di vivere e di concepire il nostro nutrimento, attraverso la sinergia con i luoghi, i terreni e le piante ad esso destinati, si sente il piacevole dovere di impegnarsi nella creazione di un fulcro attorno al quale accendere le nostre fiammelle, che unite, saranno in grado di mostrare che il vero sistema per risolvere tutti i problemi intorno alle coltivazioni per il nostro sostentamento bioregionale… (Giuseppe Finamore) – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2018/05/bioregionalisti-in-campagna-contadina.html

Turismo distruttivo – Scrive Comune Info: “La tendenza all’asservimento delle città alle crescenti esigenze di un modello turistico invasivo e finalizzato solo alla predazione delle maggiori risorse economiche nel minor tempo possibile è devastante. Per opporsi a questo saccheggio urbano, legato a filo doppio ai processi di gentrificazione, in 15 città del Sud Europa, da Barcellona a Venezia, da Malta alle Canarie, è nata una Rete di cittadini che ha elaborato i tratti comuni di una possibile resistenza. Ne è nato un Manifesto di grande interesse che potrebbe essere un primo passo verso la costruzione di un movimento molto più esteso…”

Petizione. Raccolta firme per la demolizione di una pala eolica alta 185 mt – http://www.gabriele-stiftung.org/it/aiutateci-anche-voi – Nel 2014, con un’autorizzazione illegale rilasciata dalle autorità distrettuali di Würzburg, è stata costruita una pala eolica alta 185 m direttamente sul confine della Terra delle Fondazioni Gabriele Internazionali. Nel 2015 il tribunale amministrativo di Würzburg ha annullato l’autorizzazione dichiarandola illegale. Questa sentenza è esecutiva. Ciò nonostante, la pala eolica non è ancora stata demolita e continua a funzionare”

Autismo politico a cinque stelle – Scrive Giorgio Mauri: “È un grave errore, quello commesso da Di Maio, di ritirar fuori il reddito di cittadinanza perché sa che è una assurdità. Se un partito raccoglie un consenso maggiore del 25% deve sentire molto di più la responsabilità di rispondere al paese che non ai propri elettori. Se noi italiani riusciamo a far nostro questo sentimento riusciremo a risorgere, altrimenti soccombiamo per forza di fronte ai popoli che lo possiedono e, per giunta, hanno sviluppato una tecnologia superiore, hanno un mercato molto più ampio, hanno una organizzazione dello stato superiore e non hanno i nostri problemi monetari.” – Continua: https://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2018/05/i-cinque-stelli-il-pd-il-cd-e-le-loro.html?showComment=1525777147662#c3807500095806224396

Commento di Vincenzo Zamboni: “Tutto procede come è logico che sia. È nella natura del potere il tentativo di autoconservarsi ad libitum, ed è nella natura delle cose il perenne cambiamento dovuto a inevitabilmente mutate circostanze…” – Continua in calce al link segnalato

Commento di Paolo Cova: “La situazione politica attuale è obiettivamente difficile, per questo condivido quanto espresso dal Presidente della Repubblica Mattarella che ha anteposto il bene degli italiani richiedendo il rispetto del voto del 4 marzo. I risultati delle ultime votazioni hanno evidenziato in modo netto e chiaro chi doveva farsi carico del governo del Paese, ovvero il Centrodestra e M5S. Insieme hanno più del 50% dei consensi e dei parlamentari e programmi molto simili…” – Continua in calce al link sopra segnalato

Commento di Dario D’Angelo: “Quando è chiaro che l’intesa di governo tra Lega e Movimento 5 Stelle è definitivamente saltata, Matteo Salvini si lascia andare ad uno sfogo nei confronti di Silvio Berlusconi. E’ stato lui, sostiene il leader della Lega, il sabotatore principale dell’intesa con Di Maio: “Non ci ha consentito di fare un governo con i 5 Stelle e ora si becca le elezioni a luglio. Vediamo quanto prende Forza Italia” – Continua in calce al link soprastante

No al governo fantoccio della grande finanza – Scrive NPCI: “I vertici della Repubblica Pontificia hanno tirato in lungo per più di due mesi il teatrino delle consultazioni al Quirinale. Ancora non osano installare apertamente un governo delle Larghe Intese da Berlusconi a Renzi che proceda nella devastazione del paese e nella distruzione delle condizioni di vita e di lavoro delle masse popolari…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2018/05/08/combattere-contro-le-larghe-intese-no-a-governi-fantoccio-rompere-con-l%E2%80%99incertezza-dei-capi-del-m5s-e-mobilitarsi-nelle-piazze-e-nelle-strade/

Conviene diventare americani? – Scrive Silvia Pollina: “Politica: alle prossime elezioni il partito degli Ameritaliani. Si chiama Ameritalia il movimento politico che vuole annettere l’Italia agli Stati Uniti. Sono migliaia gli Italiani residenti in America pronti ad abbracciare questo disegno visionario ma desiderato da molti. L’ Italia di fatto è una colonia Americana con 120 basi militari presenti sul territorio. Il fondatore di Ameritalia l’avv Luigi Fratini ha affermato: i nostri politici sono servi degli USA. Sarebbe cosa buona e giusta allora annettere il paese agli Stati Uniti e diventare americani di serie A con tutti i vantaggi di una scelta radicale”

Americani ridotti alla fame – Scrive Marcello Foa: “Uno studio internazionale ha confermato che i dati ufficiali non combaciano con la realtà: nella classifica sulla percentuale della popolazione che vive in povertà gli Usa sono al 35esimo posto su 153. Quella riguardante i bambini in povertà nei Paesi occidentali è ancora più disastrosa: gli Usa sono 34esimi su 35. E gli Stati Uniti sono il quarto Paese al mondo con la maggior disuguaglianza reddituale. Dati che basterebbero per sfatare il mito dell’America come terra delle opportunità. Ma… non è finita qui…” – Continua: www.circolovegetarianocalcata.it/2017/05/07/poveri-americani-ridotti-alla-fame-per-pagare-le-guerre-del-sistema/

Anniversario. Grazie all’URSS – Scrive M.N.: “L’8 maggio 1945, la Germania si arrende. Ricordiamo, a chi ha poca memoria, a chi nulla sa, a chi non vuole o fa finta di non sapere, l’importanza che ebbe l’Unione Sovietica nello sconfiggere Hitler. Senza l’Armata Rossa la guerra non sarebbe stata vinta”

Un carcere auto-gestito – “Sempre più drammatiche le informazioni che giungono dal girone infernale carcerario, gli istituti penitenziari scoppiano ed anche il cervello di chi ci abita… Prima di tutto un istituto di pena, come viene chiamato oggi, dovrebbe produrre la riabilitazione e la rieducazione del detenuto. Ciò non avviene nel presente modello coercitivo ed infatti coloro che finiscono in carcere escono più disperati di prima…” – Continua: www.terranuova.it/News/Ambiente/Un-carcere-auto-gestito-di-Paolo-d-Arpini

Il bioregionalismo non è solo poesia – Scrive Gianni Jangaderop a commento dell’articolo https://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2018/05/il-bioregionalismo-non-e-solo-poesia.html?showComment=1525781067524#c898806174613926906 -: “…le megalopoli dei paesi “in via di sviluppo” ma anche le metropoli del “1° mondo” … fogne. I 40 mila bastimenti della marina mercantile che usano gli scarti della raffinazione ed ognuno inquina come non so quante macchine (cifra altissima) in emissioni di metalli pesanti. E l’isola di plastica galleggiante in mezzo al pacifico grande come l’Europa. Il pianeta sta morendo per il profitto…”

Libano. Buone notizie dalla Terra dei Cedri – Il movimento Hezbollah, organizzatore della resistenza in Libano, nemico giurato di Israele e sostenitore del governo siriano del Presidente Assad, ha ottenuto la maggioranza assoluta nelle elezioni in Libano insieme ai suoi alleati Amal ed il movimento cristiano patriottico del Presidente libanese Aoun. Grande sconfitto è il primo ministro Hariri, notoriamente e dichiaratamente fantoccio nelle mani dell’Arabia Saudita e degli USA. Preoccupa solo la parziale avanzata delle forze fasciste della destra cristiana guidate da Gagegea, eredi dirette di quelle bande armate che massacrarono i Palestinesi a Sabra e Shatila nel 1982, sotto la direzione di Sharon e dell’esercito israeliano occupante…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2018/05/libano-buone-notizie-dalla-terra-dei.html

Commento/integrazione di Fernando Rossi: “Il ministro dell’Istruzione del governo israeliano e membro del consiglio di sicurezza, Naftali Bennett, ha dichiarato: “Dopo l’esito delle elezioni libanesi, il Libano è diventato uguale ad Hezbollah, e in futuro non faremo distinzioni tra loro in nessuna azione proveniente dalle terre controllate dal partito. Israele non farà distinzione tra il Libano come stato sovrano ed Hezbollah, e il Libano sarà ritenuto responsabile di ogni azione proveniente dal suo territorio”

Dalla Puglia al Friuli. Lotta ai pesticidi – Scrive Giuseppe Altieri: “Mentre il Gip di Udine sequestra i campi trattati con neonicotinoidi il Ministro Martina con un decreto vorrebbe imporre l’uso degli stessi pesticidi in tutta l’area degli Ulivi in Puglia. Neonicotinoidi letali per le api (e pericolosissimi per gli esseri umani) banditi dall’UE. Questi reati avvengono ogni giorno in tutta Italia e non solo in Friuli, cosa aspettiamo a fare una denuncia generalizzata sulla situazione drammatica dei Pesticidi in Italia?” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2018/05/dal-friuli-alla-puglia-continua-la.html

Firenze. Forasacchi perniciosi per cani e bambini – Scrive Stefania Sarsini: “…anche quest’anno la manutenzione dei giardini di Firenze è pessima. L’erba viene tagliata con macchinari che non raccolgano ciò che vien tagliato e pertanto si forma un prato di potenziali forasacchi. Gli stessi giardinieri lamentano di non essere attrezzati con macchine che permetterebbero loro di raccogliere l’erba tagliata. La tecnologia esiste anche in questo campo e sarebbe ora di usarla per il bene degli animali e dei bambini, altrettanto in pericolo per lo stesso motivo… – Info: stefaniasarsini@hotmail.it”

Una storia sufi su Gesù… – Scrisse Osho: “I Sufi hanno alcune belle storie su Gesù che mancano nel Vangelo. Una delle storie è che Gesù andò a meditare sulle montagne. Incontrò un uomo molto anziano che viveva senza tetto, senza riparo, seduto sotto un albero. Gesù si stupì e chiese al vecchio…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2018/05/una-storia-sufi-su-gesu-raccontata-da.html

Conformismo dell’anticonformismo – Scrive A.M.: “Viviamo in un mondo ed in un’epoca in cui tutti tendono ad affermare, con ragionamenti e comportamenti, cose nuove, mai dette prima per il semplice scopo di apparire più intelligenti, più “aperti”, più moderni. Dai tatuaggi, ai “Piercing”, alla visiera dei berretti portata al contrario, è tutto un susseguirsi di atteggiamenti tendenti a dimostrare un anticonformismo che, diventando di massa, diventa il conformismo dell’anticonformismo!”

Catania. Prima protesta in territorio italiano per il giro israele/Italia – Scrive Comitato: “L’8 maggio 2018 centinaia di persone a Catania hanno manifestato alla prima tappa italiana del Giro D’Italia per denunciare la partenza dai territori occupati da Israele con ben tre tappe. Il presidio, dalle ore 10.00, ha cercato di percorrere la via principale di Catania dove di lì a poco sarebbe passato il Giro e in direzione della piazza Duomo da cui stava per partire la gara. Dopo alcune centinaia di metri alcune cariche della polizia hanno bloccato il corteo spontaneo dei solidali col popolo palestinese; si sono registrati alcuni feriti lievi tra i manifestanti…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2018/05/08/catania-svolta-la-prima-manifestazione-in-sicilia-per-contestare-il-giro-israeleitalia/

P.S. – Il 9 maggio la protesta si sposta ad Agrigento, il 10 maggio a Caltanissetta

Ciao, Paolo/Saul

…………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Lo stoicismo del samurai non si mostra soltanto nei confronti degli altri, ma anche riguardo a se stessi. Prima di apparire ignobili per questioni di reputazione, si è da soli dinanzi alla propria coscienza” (Yamamoto Tsunetomo)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Campagna per l’Agricoltura Contadina, la psicostoria a Montemilone, amore e libertà, fake news di sistema, spiritual message from Siddharameshwar Maharaj…

Il Giornaletto di Saul del 8 maggio 2018 – Campagna per l’Agricoltura Contadina, la psicostoria a Montemilone, amore e libertà, fake news di sistema, spiritual message from Siddharameshwar Maharaj…

Care, cari, con l’intento di rilanciare la campagna per l’Agricoltura Contadina nella Regione Marche, la Rete Bioregionale Italiana, in collaborazione con il Circolo Auser Treia e coop. La Talea, e con il patrocinio morale di European Consumers e Comune di Treia, organizzano il Collettivo Bioregionale Ecologista dal 23 al 24 giugno 2018. Sede dell’incontro: Presso La Talea Cooperativa biodinamica e sociale, Contrada Santa Maria in Selva di Treia (Mc), in via Arno 22. – Continua con programma: http://www.terranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Collettivo-Bioregionale-Ecologista

Roma. Picnic in musica – Scrive Mercato Contadino: “Domenica 13 maggio 2018 – Live music, Street food contadino, Pic Nic sull’erba e birre artigianali tutto il giorno, a Roma, all’interno dell’Ippodromo Capannelle, organizzato dal Mercato Contadino Roma e Castelli Romani. Ingresso Gratuito. Info: info@mercatocontadino.org”

I carolingi nelle Marche. Montemilone e la psicostoria – Scrisse Simonetta Borgiani: “Il pomeriggio del 18 aprile 2015 ho trascinato Paolo D’Arpini a Pollenza, già Montemilone, per una conferenza dell’amico Medardo Arduino sulla presenza carolingia nelle Marche. Partecipo se posso a tutte le conferenze sue e degli altri ricercatori sul tema, non mi stancano mai anche quando ripetono cose già sentite. Per l’argomento appassionante rimando agli articoli che pubblica periodicamente su La Rucola. L’aspetto che in questa sede vorrei sottolineare è venuto fuori da un commento di Paolo, la psicostoria… – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2017/05/marche-un-pezzo-di-francia-tra-storia-e.html

Piumazzo. Avventure – Scrive Almo: “A volte si ha davvero bisogno di evadere dalla normalità e avere nuovi stimoli ed emozioni forti per sentirsi vivi. Chi l’affonda in modo, chi in un altro, chi si mette alla prova e chi si rimette in pista pronti per ricominciare. Manuela Dallavalle ha deciso di affrontare il deserto a piedi: 100 chilometri in 5 giorni per un’ultramaratona fra le sabbie del Senegal. Appuntamento allo Spazio Almo di Piumazzo, 11 maggio - ore 20:30. Info: info@spazioalmo.it”

Amore e libertà. Recensione – Scrisse Osho: “…l’Amore deve essere appreso è la più grande arte che esista… l’Amore è molto più difficile: è danzare con qualcun’altro. E’ necessario l’altro per conoscere cosa sia la danza. Adattarsi a qualcuno è una grande arte; creare un’armonia tra due persone…due persone significano due mondi diversi. Quando due mondi si avvicinano è naturale che si scontrino, è difficile creare armonia. L’amore è armonia. E la felicità, l’armonia e il benessere fioriscono solo dall’amore. Imparate ad amare. Non abbiate fretta per il matrimonio, imparate prima ad amare…” – Continua: https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/12/osho-amore-e-liberta-recensione.html

Recanati. Cerimonia col curandero – Scrive Gigliola: “Mercoledi 9 maggio 2018, dalle ore 18.30, rituale di armonizzazione con la Madre Terra per la Vita, Salute e le nostre Relazioni, condotto da Enzo Ozhn Trosso Toranzo. La cerimonia si terrà in contrada Acquara a Recanati, al momento dell’iscrizione vi comunicheremo il luogo. Cosa portare: un pacchetto di tabacco, incenso, frutti colorati, frutta secca, semi vari, biscotti, cioccolato e zucchero di canna biologico. Info e prenotazione 3392528411.”

Catania. Proteste per il Giro israele/italia – Scrive  Comitato di solidarietà col popolo palestinese: “Martedì 8 maggio 2018, ore 10.00, in Piazza Cavour, in occasione della partenza del Giro d’Italia da Catania, ci incontreremo per fare sentire tutto il nostro dissenso contro la strumentalizzazione dello sport da parte di uno Stato che pratica da decenni l’apartheid nei confronti dei Palestinesi e che non rispetta le risoluzioni ONU sui territori occupati. Info: https://www.facebook.com/events/220782965356781/”

Fake news di sistema – Scrive Piotr: “Grandi manifestazioni in Russia contro Putin! 1.500 arrestati! In realtà 1.500 erano i manifestanti in tutta la Russia (che vuol dire uno sputacchio), e 300 sono stati fermati per manifestazione non autorizzata. Fra loro, a Mosca, anche il blogger Aleksey Navalny, santificato dalla CPR occidentale, ma del tutto insignificante nel suo Paese. Ah, il santo Navalny è stato rilasciato quasi subito. Per avere un effetto più duraturo dovrà fare come le Pussy Riot …” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2018/05/piccola-rassegna-di-news-fake-news.html
                                                                                                                                       
Censura facebook – Scrive S.A.: “Dici che che non puoi più postare nei gruppi di cui non sei amministratore o moderatore, di sicuro sei stato segnalato da qualcuno, per cui dopo Fb ti ha sospeso per un periodo di tempo. Di per sé Fb non censura di sua iniziativa, penso che ci sia un tempo di “sospensione” o qualcosa di simile prima di ritornare attivi (solo nel caso di ripetute segnalazioni)…”

Mia rispostina: “….che io sia stato censurato su segnalazione è certo… e non si sa da quale gruppo o persona sia giunta la denuncia orwelliana, l’importante è che il “dinamitardo” (ovvero io) sia messo a tacere, o perlomeno a parlare sottovoce solo nei gruppi a lui collegati). Chi sia la spia o le spie non è dato sapere, facesbook ha la bocca cucita sui suoi “collaboratori”, poiché di collaborazionisti si tratta.. di sicuro, non semplici “perbenisti” che non vogliono sentir parlare di bioregionalismo, ecologia profonda e spiritualità laica. Sappi, caro S.A., che le notizie grossolane su fb sono benvenute non altrettanto quelle che descrivono fatti reali e verità. Lo cantava anche Caterina Caselli “la verità ti fa male, lo so…” – Bene questo periodo di quarantena finisce presto, il 12 maggio alle ore 18. Resto in libertà condizionata sino al prossimo blocco… Ad majora!”

Eccoci qui ed ora, sulla Terra – Lasciamo da parte la metafisica onirica e parliamo veramente del “luogo” -della bioregione- in cui ci troviamo. La “nostra” terra viene oggi inquinata e svilita in vari modi, con le onde elettromagnetiche che attraversano i campi, con le discariche avvelenate, con le ciminiere puzzolenti delle  centrali elettriche, delle industrie pesanti e degli inceneritori per rifiuti. A cui si aggiungono  i pesticidi usati nelle monoculture, gli espropri di orti e campagne per costruirvi inutili capannoni e case su case. Poi ci sono gli scarichi fognari non o mal depurati di parecchi comuni, pozzi artesiani non controllati ed il continuo pompaggio di acque profonde operato da vari enti e dalle concessionarie di acque minerali, che contribuiscono ad impoverire le falde sotterranee e consentono all’inquinamento di scendere sempre più giù! Se vogliamo che il fascino della vita in questa Terra abbia un senso e sia possibile anche per le generazioni future è giunto ora il tempo di scelte improcrastinabili… – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2018/05/il-bioregionalismo-non-e-solo-poesia.html

Milano. Dipartita – Scrive Dalle 10 alle 5 Quotidiano: “Lutto nel mondo del cinema: si è spento a 87 anni il regista Ermanno Olmi, originario di Bergamo. Il cordoglio del presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e del sindaco di Milano Beppe Sala: Una delle personalità più significative del nostro tempo”

Cussanio. Festa della Madonna della Misericordia – Scrive Calendario Mariano: “Maggio è il mese dedicato tradizionalmente alla Madonna (Grande Madre). A Cussanio presso Fossano (Cn) si ricordano due apparizioni della Madonna, l’8 e l’11 Maggio 1521, la santa Madre si mostrò ad un sordomuto di nome Bartolomeo Coppa. Nella prima apparizione Maria guarì il sordomuto e lo incaricò di predicare la penitenza agli abitanti di Fossano. Nella seconda apparizione portò al poverello tre pani e di nuovo lo mandò a predicare la penitenza ai fossanesi…”

A spiritual message from Siddharameshwar Maharaj reported by Nisargadatta Maharaj – “Our mind, intelligence, Chitta and Ahamkara put together go to form our right which we try to exercise with reference to our form, inner consciousness and the place or the destination where, we aim to go. By focusing your inner gaze directly on your conceived outward form and inner cognition, you realize the Self at first hand…” – Continue: https://bioregionalismo.blogspot.it/2018/05/a-message-from-siddharameshwar-maharaj.html

Ciao, Paolo/Saul

…………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Ogni volta che vedi il tuo amore in conflitto con la tua libertà, significa che stai facendo qualcos’altro in nome dell’amore. ” (Osho)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Collettivo Bioregionale Ecologista in progress, sacralità dell’armonia naturale, no TAP in Puglia, commercio di carne umana, Grillo: dall’Apocalisse alla metamorfosi, linguale anglofono, igienismo e religione, energia nucleare e Free Energy, salviamo i rospi…

Il Giornaletto di Saul del 6 maggio 2018 – Collettivo Bioregionale Ecologista in progress, sacralità dell’armonia naturale, no TAP in Puglia, commercio di carne umana, Grillo: dall’Apocalisse alla metamorfosi, linguale anglofono, igienismo e religione, energia nucleare e Free Energy, salviamo i rospi…

Care, cari, la mattina del 5 maggio, siamo andati al Comune di Treia a depositare al Protocollo la richiesta di patrocinio morale per il prossimo “Collettivo Bioregionale Ecologista” che qui si svolge il 23 e 24 giugno 2018. La manifestazione è organizzata in collaborazione tra Circolo Auser Treia e Cooperativa biodinamica La Talea, con la partecipazione della Rete Bioregionale Italiana. Abbiamo anche ricevuto l’adesione dell’associazione European Consumers… – Continua: https://auser-treia.blogspot.it/2018/05/treia-23-e-24-giugno-2019-collettivo.html

P.S. Chi volesse pernottare in loco può prendere contatto con noi per istruzioni: Tel. 0733/216293

Ecologia profonda – Una nozione che suscita un giudizio critico dell’ecosofia, da parte di pensatori umanisti, è quella del “valore intrinseco” della “Vita umana e non umana sulla Terra”, proposta come primo principio della piattaforma del movimento dell’ecologia profonda. Questo stesso principio implica un’affermazione di eguaglianza biotica di tutti gli organismi della terra in quanto partecipi di un tutto interrelato. Si tratta di un processo di sacralizzazione dell’armonia naturale che priverebbe l’uomo dell’esercizio della moralità conducendolo a una “deriva” antiumanistica…” – Continua con risposte di Eduardo Zarelli: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/11/ecologia-profonda-il-valore-intrinseco.html

No TAP. Puglia in subbuglio – Scrive Maria Cristina Fraddosio: “Non si ferma No Tap, la battaglia per gli ulivi. Sigilli della magistratura nell’area a vincolo paesaggistico di altri 448 alberi espiantati per far posto al gasdotto che dall’Azerbaijan, dopo la Puglia, attraverserà l’Italia per raggiungere l’Europa. Melendugno è militarizzata da mesi. La lotta non si ferma…”

Commercio di carne umana – Scrive Vincenzo Zamboni: “Alcuni conoscenti, anche di vecchia data mi hanno tolto l’amicizia dopo che ho cominciato ad evidenziare le illegalità operate nel traffico di carne umana in atto dall’Africa all’Italia. Evidentemente, secondo convenienza non bisognerebbe parlare di corda in casa dell’impiccato, poiché quando la lingua batte dove il dente duole fa male…” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2018/05/commercio-di-carne-umana-non-vedo-non.html

Valsusa. No Tav condonati – Scrive Rete Ambientalista: “La Cassazione annulla la vendetta politica della Corte di Appello di Torino che aveva condannato i NoTav a 130 anni di reclusione. Furono due giornate di scontri il 27 giugno e il 3 luglio 2011 all’assalto delle recinzioni appena installate in Valsusa…”

Grillo. Dall’Apocalisse alla Metamorfosi – Scrive Daniele Di Luciano: “Grillo aveva capito che se gli italiani non fossero diventati proprietari della moneta, il debito e le sue conseguenze (crisi, tasse, insolvenze, suicidi) avrebbero continuato sempre a seminare morte e disperazione. Infatti nel 1998 Grillo, nel suo tour Apocalisse Morbida, denunciava il signoraggio e ripeteva quello che Auriti gli aveva insegnato. Poi però succede. Grillo nel 2004 conosce Casaleggio che lo convince ad aprire il blog. In poco tempo il blog di Grillo diventa uno dei siti più visitati d’Italia. Come mai Grillo non lo utilizza per dire le stesse cose che diceva in Apocalisse Morbida?” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/05/05/metamorfosi-da-grillo-a-bagatino-del-sistema-ovvero-come-far-abboccare-gli-ingenui-che-credono-in-un-cambiamento/

Mio commentino: “E’ evidente che grillo ha abbandonato l’idea di uscire dalla moneta debito, si capisce dalla finzione messa in atto in cui ora ritorna a chiedere l’uscita dell’Italia dall’Euro. Non è questo il punto… Il punto è che bisogna recuperare la sovranità monetaria ed uscire dal vassallaggio del signoraggio bancario! – Vedi: http://www.terranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Economia-ecologica-signoraggio-debito-pubblico-tasse

Cinque stelle o solo meteore? Scrive Luigi Caroli a commento dell’articolo http://paolodarpini.blogspot.it/2018/05/cinque-stelle-o-semplici-meteore.html -: “… i sondaggi odierni danno Giggino in calo ma CINQUESTELLE in crescita. E’ l’unica speranza che è rimasta per gli italiani nonostante le loro conclamate imperfezioni. Vere o false che siano, tipo i mancati contributi per la colf che operava a casa della sua compagna. Berlusconi e Renzi hanno fatto mille volte peggio con conseguenze devastanti per l’Italia…”

Risponde Michele Rallo: “Non mi sembra proprio che le meteore siano in aumento. Ma, se così fosse, per l’Italia non ci sarebbe più scampo. Non che la prospettiva di una maggioranza Salvini+Meloni+Berlusconi mi lasci tranquillo, ma certamente qualche immigrato in meno e qualche genuflessione all’UE in meno li avremmo.”

Politici dediti al sistema linguale anglofono – Scrive Anna Maria Campogrande: “Gli Italiani sono praticamente prostituiti all’inglese e non si rendono conto che in Europa e per l’Europa, al fine di renderla tangibile, colta e coesa, in grado di realizzare gli obiettivi originari della UE, ci sono lingue molto più importanti dell’inglese come il tedesco, il francese e lo spagnolo, per non parlare dell’italiano che è la lingua più amata al mondo e che gli Italiani non curano ma umiliano e trascurano infiltrandola quotidianamente di termini inglesi del tutto fuori luogo. Forse perché ricevono istruzioni in inglese e non si danno neanche la pena di tradurle in italiano, vedi il “Jobs Act”. Questa deplorabile sottomissione all’inglese sta danneggiando anche…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2018/05/05/i-nostri-politici-dediti-al-sistema-linguale-anglofono-provano-ad-estromettere-litaliano-anche-dallitalia-vedasi-il-jobs-act-et-similia/

Roma. Avanti con le botticelle – Scrive Giovanna Di Stefano: “La proposta di iniziativa popolare per l’abolizione delle Botticelle è stata respinta. Ero così incredula di fronte alle parole dei M5S … due interventi imbarazzanti, alla ricerca disperata di argomentazioni per difendere la loro scelta di astenersi, saltando di pane in frasca, ripetendo gli stessi concetti, accusando le giunte precedenti e vantandosi di avere nel cassetto un regolamento che, udite udite, inasprirebbe le sanzioni per i botticellari. Come se  bastasse scrivere un regolamento per cambiare le cose qui a Roma (controlli inesistenti, vigili ‘disattenti’, veterinari corrotti, etc.). Veramente ci sarebbe da ridere, se non ci fosse da piangere. Come si può arrivare a tanta ipocrisia?”

Igienismo naturale e “religione” – Scrive Daniele Bricchi: “Un avvicinamento all’igienismo naturale, in tutti i suoi concetti fondamentali, probabilmente non si può fare se ad un certo punto non si sono presentati dubbi su alcune cose che ci sono state inculcate. Parliamo quindi dei dogmi, dei condizionamenti avuti e di una possibile tendenza a riesaminare l’essenza delle idee e  dei concetti che ci sono stati trasmessi per valutare con mente aperta, oggettiva, quindi tendenzialmente più libera…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2018/05/religione-igienismo-naturale.html

Crociata sionista contro l’Iran – Scrive Roberto Gallo: “La situazione di pre-allarme con l’Iran presente su tutti i media e fondata come sempre sulla Sindrome pre-TSS (Stress pre-traumatico, come definita da Gilad Atzmon, studioso ebreo della materia) può avere un’interessante chiave di lettura, non religiosa e non legata alla farsa delle “armi di distruzione di massa”. La crociata contro l’Iran è da tempo presente nella stampa israeliana, al punto che un eminente Rabbino, Moshe Albertal, ha dichiarato che un attacco nucleare contro l’Iran è talmudicamente etico…”

Basta nucleare. Ci vuole più “Free Energy” – L’elettricità ricavata dal nucleare serve a corroborare -pacificamente- gli scopi dei produttori di bombe. Infatti per fabbricare bombe atomiche serve uranio arricchito (o sporco secondo i casi), plutonio, ed altre cosette, e come meglio mascherare questa produzione se non giustificandola con la scusa della produzione energetica? Ci vuole energia completamente pulita ed in tal senso ricordo la campagna Free Energy dell’associazione European Consumers…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2018/05/lenergia-atomica-e-cattiva-ci-vuole-piu.html

Il “grande inciucio” ritorna? – Scrive PDCI: “La Corte Pontificia, i gruppi imperialisti europei, USA e sionisti e gli altri mandanti del Presidente della Repubblica non osano affidare l’incarico di formare il governo al M5S, vincitore delle elezioni. Questo torna a onore del M5S, anche se non ha osato chiamare in piazza le masse a protestare contro le manovre della Cupola, almeno non ha dato garanzie che la sua squadra di si sarebbe prostituita agli interessi dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti. Nel frattempo Berlusconi ed i suoi complici del PD cercano affannosamente di comperare un numero sufficiente dei nuovi deputati e senatori per avallare con una maggioranza parlamentare una riedizione del governo delle Larghe Intese…”

Salviamo i rospi dallo schiacciamento sulle strade – Ricordate quella bella poesia in cui si descrive la gentilezza di un cavallo che traina un pesante carretto, e pur oberato dal peso e dalla fatica, quando scorge un rospo ferito da ragazzini crudeli sulla strada, si scansa con difficoltà per salvargli la vita? Ebbene la natura aiuta se stessa. In verità i rospi sono fra i migliori amici dell’uomo. Altro che pesticidi chimici ed OGM, i veri protettori dell’agricoltura sono i rospi che si nutrono di larve ed insetti nocivi…” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2018/05/05/salviamo-rospi-e-rane-dallo-schiacciamento-sulle-strade-asfaltate/

Ciao, Paolo/Saul

………………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Quando vedi un’espansione, sai che ci sarà una contrazione, e quando vedi una ostentazione di forza, sai che c’è debolezza” (Wang Yiqing)

Commenti disabilitati