Risultato della ricerca:

Denzano: che magnata e che bevuta, Viterbo: memorie di un antipapa, ipocrisia e retorica buonista, Veneto: legge sulla caccia incostituzionale, alimentazione e livello psichico…

Il Giornaletto di Saul del 17 luglio 2017 – Denzano: che magnata e che bevuta, Viterbo: memorie di un antipapa, ipocrisia e retorica buonista, Veneto: legge sulla caccia incostituzionale, alimentazione e livello psichico…

Care, cari, io e Paolo non andiamo quasi mai a pranzo fuori, solo da qualche amico, ma io da tempo volevo andare a provare la cucina della Ross, una ragazza dai modi spigliati e simpatici e dai rossi capelli. Io e Rosalba circa un anno fa stavamo andando a cercar more su per via Faellano, a Marano sul Panaro e salendo salendo (anche perché la strada è talmente stretta che si fatica a fare inversione siamo arrivate al borgo di Denzano. Abbiamo lasciato e l’auto e abbiamo un po’ perlustrato il luogo. Affacciandoci da un terrazzo sotto alla torre antica abbiamo visto del movimento, ci siamo avvicinate e chi ti trovo? La Ross! Ci ha fatto vedere il suo “regno” e me ne sono andata con la voglia di tornare. E oggi finalmente l’abbiamo fatto con Paolo, ma non abbiamo mancato di coinvolgere un paio di amici. Una non poteva che essere Rosalba e l’altro, Peppino… – (Caterina Regazzi) – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/07/16/denzano-16-luglio-2017-una-domenica-diversa-allassociazione-alla-locanda-di-denzano/

Mio commentino: “Avevo mangiato talmente tanto che, al ritorno a casa, sono dovuto restare un paio d’ore in pennichella profonda…”

C’era una volta l’India (e c’è ancora). Recensione – Scrive Agnese Bessone: “In C’ERA UNA VOLTA L’INDIA e c’è ancora di Antonio Ortoleva (Navarra Editore) l’autore annota le proprie impressioni sul suo primo viaggio nel Nord dell’India. Sono vari capitoli distinti per argomenti (dallo yoga alle spezie). Un capitolo molto interessante è “Consigli utili”, un insieme di suggerimenti per aiutare il nuovo turista a districarsi fra burocrazia, spese e comportamenti da tenere o da evitare…”

Viterbo. Memorie di un antipapa – Felicemente portata a termine la visita antipapale di Paolo D’Arpini, il quale è giunto a Viterbo Bagnaia in mattinata ed ha potuto incontrare tre amici al bar, raggiungendo in tal modo il totale di quattro, numero perfetto per una riunione laica. Sono state così gettate le basi per una società veramente laica nella città dei papi (e degli antipapi). “Andiamo oltre la religione e l’ideologia!” Ha affermato il D’Arpini davanti a un cappuccino bollente..” – Continua:
http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/07/correva-lanno-di-grazia-2009-il-18.html

Le bugie di Bankitalia – Scrive Marco Palombo: “Bankitalia ha fatto nei giorni scorsi un comunicato ottimista sulla situazione economica dell’ Italia. Probabilmente il testo originale del comunicato non contiene errori formali, però è stato riportato così. Nel 2019 l’Italia avrà raggiunto il Pil pre crisi che aveva nel 2011 In realtà nell’interno degli articoli di qualche quotidiano è stato precisato che l’eventuale Pil del 2019 è ancora un 3% inferiore al Pil del 2007, ma quello che si è capito è che il Pil sarebbe tornato a crescere su tutti gli altri anni. Leggo ora Marco Revelli sul Manifesto: “Forse nel 2019 (forse !) ritorneremo ai livelli pre-crisi del “valore aggiunto” monetario, ma saremo un po’ più vicini al Medioevo nell’equità sociale” Quindi anche Revelli, pur essendo molto critico sulla situazione economica e sociale italiana, sembra aver capito che secondo Bankitalia nel 2019 il Pil sarà nuovamente quello pre-crisi. Ma così non è !”

Migranti? Ipocrisia e retorica buonista – Scrive Vincenzo Brandi: “…vorrei esprimere una personale opinione sull’ondata di retorica e di sospetto pietismo con cui viene affrontato, specie nella sedicente “sinistra” il fenomeno dei “migranti” ( ma perché “migranti” ? Migranti casomai sono gli uccelli migratori che si spostano secondo cicli naturali …). Preciso che ho sempre militato nelle file dell’estrema “sinistra” (se questo termine ha ancora un significato, fatto su cui ho molti dubbi, ma questo è un altro discorso che ci porterebbe lontano …). Sono lontanissimo da qualsiasi suggestione razzista, di superiorità dell’uomo bianco europeo o di missione dei popoli “civilizzati”. Tuttavia trovo il pietismo nei confronti del fenomeno “migranti” caratterizzato da enormi dosi di ipocrisia e falsa retorica…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/07/ipocrisia-e-retorica-buonista-sui.html

Commento/integrazione di Vincenzo Zamboni: La banalità del vivere che non conta più – “Ho avuto un via vai intensissimo di migranti su e giù per casa mia, per dieci anni (una amica definì questa casa “una piazza con i muri”). … Mentre uno stato che in questa epoca impoverisce i propri cittadini , spingendone parecchi nella miseria, ma finge di occuparsi di migranti extracontinentali per avere finanziamenti con cui pagare le proprie cooperative, però lascia il 40% dei giovani nella disoccupazione, nonostante l’avanzo primario annuale che gli serve per ingrassare i conti dei banchieri usurai ladri, falsi e bugiardi, che dettano legge pur mai eletti da nessuno. Forse ora i governativi cominciano ad accorgersi che la rabbia furibonda dei cittadini si sta organizzando, e non sarà frenabile…” – Continua in calce al link soprastante

Canapa. Monopolio sui semi – Scrive TerraTerra: “…sulla canapa si continuano a sperimentare ancora oggi le forme più estreme di privatizzazione, potenzialmente estendibili anche al resto del patrimonio botanico planetario, per affidarne la proprietà alle multinazionali (vedi anche: “Le mani di Big Tobacco sulla marijuana legale l’ultimo colpo grosso dei giganti della sigaretta”). Tutto ciò ci riguarda anche come agricoltori, l’esasperato controllo su ogni seme di cannabis…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/06/01/canapa-blindata-monopolio-anche-sui-semi/

Cerignola. Riscatto civico – Scrive Marcello Giansanti: “A Cerignola (Foggia), città ad altissimo tasso criminale ed in condizioni catastrofiche, la popolazione stufa dei propri prepotenti, corrotti e ladri politici (di ambedue gli schieramenti) alle ultime elezioni li hanno tutti buttati finalmente fuori dal potere sostituendoli con una lista civica. Il nuovo integerrimo sindaco con enorme fatica ha dovuto inizialmente prendere confidenza e rendersi conto di tutto per poi iniziare a realizzare tutte le opere che attendevano di essere eseguite e compiere il dovere di qualsiasi degno amministratore e dirigente. I compari di affari piazzati dai politici nella burocrazia hanno cercato di boicottare e bloccare tutto ed è stata una lunga lotta…”

Viterbo e Rosa – Scrivono Grilli viterbesi: “Forse qualcuno dovrebbe dirlo al Sindaco di Viterbo, Michelini, che il trasporto della macchina di Santa Rosa arriva ogni anno la sera del 3 settembre ormai da secoli, qualcuno dovrebbe ricordargli che ogni anno, nello stesso giorno sempre da secoli, più di 100 uomini vestiti di bianco (i facchini) con uno strano copricapo (il ciuffo) per amore della Santa e della città di Viterbo, prestano gratuitamente i loro sforzi per trasportare da San Sisto alla cattedrale di Santa Rosa una torre alta 30 metri…” – Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2017/07/viterbo-e-rosa-ohi-quanto-ci-costo.html

L’arte di vivere in un luogo senza danneggiarlo – Scrive Maria Bignami a commento dell’articolo https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/07/15/il-tempio-della-spiritualita-della-natura-e-larte-di-vivere-in-un-luogo-senza-danneggiarlo/comment-page-1/#comment-293 -: “Caro Paolo, leggendo, poco o nulla di costrutto è a me riferibile……. perché dici questo? Ti conosco da poco e poco, ma leggendo gli articoli che pubblichi, emerge che sei una persona amata e stimata e hai aiutato tante anime incontrate nel tuo cammino. Ho la sensazione che tu abbia la difficoltà ad accettare l’Amore che ti viene donato, prendine a piene mani, lo MERITI! E tutti i giorni, chi è che permette e si occupa di diffondere opinioni diverse lasciando liberi di assumersi la responsabilità di chi li scrive? Quanto lavoro c’è dietro a tutto questo? Chi ti conosce di più ne ha da aggiungere e la lista diventerebbe molto lunga….” – Continua in calce al link sopra segnalato

Veneto. Legge regionale sulla caccia dichiarata incostituzionale – Scrive Carlo Consiglio: “La LAC esprime soddisfazione per il parziale ripristino di uno standard minimo di legalità nella legislazione venatoria veneta, stigmatizzando comunque la consapevolezza con cui norme in palese contrasto con la normativa statale di settore continuano ad essere promulgate in un clima di sciatteria, incompetenza e clientelismo da una gran parte del Consiglio Regionale…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/07/lega-anti-caccia-dichiarata.html

Sardegna. Bombe, ricatti ed etica sindacale – Scrive Bretreff: “La società Rwm Italia, operante in Sardegna, produce bombe, un grosso quantitativo delle quali verrà spedito verso le basi che bombardano lo Yemen. Il 7 maggio u.s. sì è formato un Comitato di cittadini e lavoratori per la riconversione industriale della fabbrica. Ma Confindustria, Cisl e CGIL non vogliono la riconversione della fabbrica di bombe. La Cisl ha emesso il seguente comunicato: Femca Cisl, unica sigla sindacale insieme alla Filctem Cgil a comporre la Rsu aziendale: “Crediamo in questa azienda e ben vengano nuovi controlli anche se siamo sicuri che tutto si svolge nel rispetto della normativa. Quella che però si sta attuando è una grossa strumentalizzazione. Rigettiamo ogni ipotesi di riconversione: la fabbrica è nata per una produzione precisa e, piaccia o meno, quella deve portare avanti. A seguire fino in fondo discorsi e dettami etici si finirebbe per non fare nulla invece questo territorio ha un immenso bisogno di lavoro”

Alimentazione e livello psichico – Scrive Franco Libero Manco: “La cattiva alimentazione impoverisce le facoltà cognitive e favorisce la demenza. La droga rende apatici, assenti, modifica il pensiero e il comportamento delle persone. Il profumo inebria, calma e rilassa. Traumi in specifiche zone del cervello ledono specifiche funzioni. Certi settori del cervello coinvolti in processi emotivi lo sono anche nella elaborazione dei pensieri. Differenti emozioni attivano differenti zone del cervello e viceversa. “I nostri risultati dimostrano che ciò che si mangia influenza il modo di pensare”, ha detto Fernando Gomez-Pinilla, professore di neurochirurgia presso la David Geffen School of Medicine presso la UCLA e un professore di biologia integrativa e fisiologia nel Collegio UCLA di Lettere…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/07/16/franco-libero-manco-finche-gli-esseri-umani-si-nutriranno-come-le-belve-si-comporteranno-come-le-belve/

E ricomincia il solito tran tran! Ciao, Paolo/Saul

……………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Chi ama veramente il suo corpo mangia solo fino al punto in cui il corpo si sente perfettamente tranquillo, equilibrato, calmo; fino al punto in cui esso non si sbilancia né verso destra, né verso sinistra, ma si trova proprio nel mezzo. È un’arte comprendere il linguaggio del corpo, il linguaggio dello stomaco; comprendere cosa è necessario, dare solo ciò che è necessario, e darlo in modo artistico, in modo estetico.” (Osho)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Resoconto del Gurupurnima 2017, Di Maio il qualunquista, storie di gatti, il Tao nella diversità, inizio della fine del mondo, Putin e Trump, terremotati per sempre, un amico spirituale…

Il Giornaletto di Saul del 11 luglio 2017 – Resoconto del Gurupurnima 2017, Di Maio il qualunquista, storie di gatti, il Tao nella diversità, inizio della fine del mondo, Putin e Trump, terremotati per sempre, un amico spirituale…

Care, cari, la sera di luna piena, il 9 luglio 2017, abbiamo celebrato il Gurupurnima a Borgo Shanti di Modena. Siamo partiti da Spilamberto con una macchinetta Y10 a due porte, guidata da Roberto, con all’interno Monica, Caterina ed io. Abbiamo perso un po’ di tempo per cercare l’Ippodromo che era il punto di riferimento vicino al luogo dell’incontro e per la via abbiamo incrociato Silvia, anche lei alla ricerca “disperata” del posto. Per fortuna dopo un paio di tentativi andati a vuoto in stradine di campagna siamo arrivati al Borgo Shanti, il borgo della Pace. Lì ad accoglierci c’erano già tutte le ragazze di Aria di Stelle, ed altri ospiti… – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/07/10/resoconto-del-gurupurnima-del-9-luglio-2017-e-discorso-sul-guru/

Di Maio e la “monnezza qualunquista” a 5 stelle – Scrive Piotr: “Di Maio non mi ha mai convinto e men che meno nel suo discorso rivolto a Macron – https://www.youtube.com/watch?v=ICxLow65-E0 – Troppe erano già state le sue cadute in politica internazionale, praticamente ogni volta che compariva in TV o apriva bocca. Una volta pensavo che fosse uno sprovveduto che veniva colto di sorpresa. Purtroppo ho dovuto presto convincermi che è il portatore della linea  più filoccidentale e filoamericana all’interno dei 5 Stelle. Se verrà confermato come il futuro candidato del MOV non mi resta che vedere la reazione di Di Stefano e poi mandare al diavolo anche loro. Un vero peccato…”

Storie di gatti – Da quando mi sono re-iscritto a facebook (con lo pseudonimo di Saul Arpino) ho notato che gran parte dei post e delle foto pubblicate dagli amici riguardano i gatti. Anche Caterina spesso e volentieri inserisce immagini delle sue gatte, commentandole con vari aneddoti di vita. Beh, non voglio essere da meno e mi inserisco nella scia per narrare brevemente la storia del mio rapporto con i gatti…(…). Che si conclude a Treia, dove, vivendo in un appartamento e non mantenendo una presenza fissa, non posso tenere un gatto con me. Mi accontento della vista di qualche gatto semi-randagio che gironzola nei vicoletti od esplora il giardino che… – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/11/storie-di-gatti-anzi-storia-dei-miei.html

Verona. Oscurantismo medico – Scrive Vincenzo Zamboni: “A Verona è in corso uno scontro tra l’ordine dei medici minuscolo e il dottor Giorgio Sauro, finora approdato ad una sospensione di sei mesi, peraltro sospesa dall’intervento dell’avvocato Enrico Querena che ha portato il caso in tribunale.. L’aspetto più surreale dell’intera faccenda sta nella motivazione dell’ordine minuscolo. Il dottor Sauro ha una pagina facebook nella quale discute le sue tesi mediche. L’ordine non contesta una virgola di quanto egli scrive. Ma sostiene che ispirati dalle sue idee molte persone traggono conseguenze deformi che poi diffondono nel web. Cioè scarica su un individuo colpe, vere o presunte che siano, altrui, disintegrando ogni forma del diritto. Non c’è che dire: l’ordine dei medici merita di essere sbattuto in galera buttando via la chiave.”

Il Tao nella diversità – Il fluire nel Tao ci rende liberi e creativi. Questo però non è del tutto esatto perché il Tao discrimina, non ignora i sensi e neppure l’intelletto. Ciò che è bello è bello, ciò che è buono è buono e ciò che è vero è vero. Il saggio taoista è capace di vedere le cose comunemente come esse si presentano, con un qualcosa in più: la comprensione che tutto si muove nella sua propria direzione… – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/07/tao-il-grande-flusso-continuamente.html

ONU contro le bombe atomiche – Scrive Vincenzo Brandi a commento dell’articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/07/08/onu-contro-le-bombe-varato-un-trattato-per-proibire-gli-ordigni-nucleari/ -: “Bene ha fatto Manlio Dinucci, e Mauro Gemma, a segnalare i limiti della risoluzione all’ONU di 122 paesi sulle armi nucleari. E’ un fatto importante perché getta un sasso nello stagno, ma dire che l’era nucleare militare è finita è una sciocchezza. Bisogna stare attenti a non creare false speranze e ragionare sui motivi reali per cui sono state create le armi nucleari e sul perché non vengono distrutte…” continua in calce al link segnalato

Inizio della fine del mondo – …parliamo ora dell’utilizzo dei combustibili fossili che ebbe inizio per merito dei petrolieri americani, i quali una volta cominciato il bussinnes lo hanno esportato in tutto il mondo, condizionando lo sviluppo industriale all’uso del petrolio. Il petrolio ormai serve al funzionamento di tutto il sistema agricolo e produttivo in generale, ma intendiamoci non è in se stesso il progresso e le invenzioni tecnologiche e meccaniche che creano inquinamento, a parte l’aspetto dell’eccesso consumistico, bensì il loro funzionamento, l’energia alla quale questi mezzi attingono. Eppure bruciare combustibili fossili a fini energetici ed industriali è risaputo che contribuisce alla formazione di anidride carbonica e… – Continua:
http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/07/inquinamento-programmato-per-motivi.html

Modena. A proposito del Vasco – Scrive Luigi Caroli: “Caro Paolo, “Perché Vasco non usa la propria magia per rendere migliori i suoi fans?” chiede R.T. – Non solo perché il successo è fonte di quattrini. Molti dei fans si offenderebbero per i consigli. E … come i giornaloni irridono chi segue il “comico”, si scatenerebbero, AFFINCHE’ NIENTE CAMBI, contro chi ama e segue il “tossico”. Ai giornaloni vanno bene i delinquenti “bocconiani” con master incorporato che magari non hanno lavorato un solo giorno nella propria vita…”

G20. Quel che Putin e Trump non si son detti – Scrive Paul Craig Roberts: “Sullo sfondo della riunione di Putin-Trump al G20 del 7 luglio 2017 ad Amburgo ci sono le aspirazioni di Israele e dei neocon. Sono queste che guidano la politica estera americana. Perché Washington si impegna così tanto a rovesciare il presidente siriano? Come si spiega l’improvvisa apparizione nel 21° secolo della “minaccia musulmana”? La preoccupazione su tale minaccia come fa ad essere coerente con le guerre fatte contro Saddam, Gheddafi ed Assad, leader che hanno soppresso il jihadismo? Come si spiega l’improvvisa apparizione della “minaccia russa”, pompata fino a farla diventare una pericolosa russofobìa priva di fondamento?” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/07/10/g20-quel-che-putin-e-trump-si-son-detti-e-quel-che-non-si-sono-detti/

Commento di Claudio Martinotti Doria: “Paul Craig Roberts, giornalista indipendente americano, esprime i suoi punti di vista senza remore e senza padroni cui dover rendere conto. La cruda sintesi che emerge lascia pochi spazi ai dubbi e ancor meno speranze per il futuro, che non sarà certo di pace. Con un humus di corruzione ed ignoranza come quello che si evince da parte dei media e dell’opinione pubblica amorfa, è assai improbabile che si possa pervenire ad una massa critica sufficiente di persone consapevoli che possa influire sulle decisioni politiche e strategiche in favore della pace” – Continua in calce al link sopra segnalato

Terremotati per sempre… e la sagacia dei professori – Continuo a leggere messaggi disperati di terremotati di varie parti del Centro Italia, che si trovano ancora in tenda, mentre le promesse di rapide soluzioni rimbalzano governo dopo governo. Il pallonaro renzie, all’epoca del sisma di agosto ed ottobre dello scorso anno, aveva detto “i terremotati sono nei miei pensieri”, ma passata la mano a Gentiloni i pensieri si sono fatti sempre più oscuri, ed a parte le incursioni delle camicie gialle impegnate a farsi fotografare con la scopa in mano nei luoghi disastrati, le soluzioni celeri sono di là da venire. Sempre colpa -ovviamente- dell’Europa, una buona scusa per mascherare l’incapacità operativa. Ricordo però che nel 2012… – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/07/terremotati-per-sempre-e-le-doti-di.html

Potenza Picena. Seminasogni – Scrive Giovanni Dellacasa: “Siete invitati al mercatino estivo del Seminasogni che si tiene il 29 e 30 luglio 2017. Saremo ospiti di Casa Galeone a Potenza Picena (Mc). Info: prehistoricfuture@hotmail.com”

Serve un amico spirituale – Per conoscere se stessi -come diceva lo stesso Ramana Maharshi- non c’è bisogno di alcuna istruzione o azione, “il Guru può solo indicare la strada ma non può darti quello che già sei”. Ma c’è da dire che per le tendenze inveterate a rivolgersi verso l’esterno non siamo in grado di affondare e ricongiungerci nel Sé. Perciò sentiamo il bisogno di un aiuto, perlomeno un esempio, un gesto di simpatia e di amore che ci incoraggi verso la meta…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/07/10/spiritualita-laica-un-guru-per-amico/

Ciao ed a domani, forse, Paolo/Saul

………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Amo il partito degli eroi
quello che non si presenta alle elezioni
ma lo trovi ovunque
negli occhi di chi ama”
(Paolo Mario Buttiglieri)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Spiritualità Laica – Un guru per amico…

Molto spesso parlando con amici del concetto di Spiritualità Laica mi
son trovato a dover difendere quella che è la funzione del Guru in
questo percorso. Solitamente, come spesso dichiarato dai due
Kishnamurti (Jiddu e U.G.), sicuramente esponenti di un filone
“anti-religioso”, si intende che la ricerca spirituale debba essere
indirizzata unicamente all’auto-conoscenza, intendendo che ciò che è
fuori di noi è sicuramente anche dentro di noi, quindi non serve
cercare all’esterno quel che abbiamo già all’interno.

Per conoscere se stessi -come diceva lo stesso Ramana Maharshi- non
c’è bisogno di alcuna istruzione o azione, “il Guru può solo indicare
la strada ma non può darti quello che già sei”. Ma c’è da dire che
per le tendenze inveterate a rivolgersi verso l’esterno non siamo in
grado di affondare e ricongiungerci nel Sé. Perciò sentiamo il bisogno
di un aiuto, perlomeno un esempio, un gesto di simpatia e di amore che
ci incoraggi verso la meta.

La mia esperienza in tal senso, vissuta con Baba Muktananda, un maestro realizzato, può forse risultare significativa per l’accorto lettore.

Il mio rapporto Guru / Discepolo rappresentava una relazione molto “animale”.
Poco o nulla appariva sul piano dell’insegnamento “formale”. Mi sentivo
stimolato ad avvicinarmi a lui con un approccio silenzioso, rivolto
all’osservazione, alla mimica, alle azioni compiute, alla leggerezza,
al calore dimostrato. In effetti era solo un gioco al “nascondino” in
cui spiavo da dietro l’angolo ogni suo gesto e movimento. In alcuni
momenti, quelli più intimi, mi sembrava che la conoscenza mi venisse
trasmessa attraverso queste forze giocose.

Mi viene in mente, per analogia, l’immagine di una mamma gatta che
gioca con il suo micio. Attraverso il gioco, le leccate, le zampate,
il rotolarsi, il ringhiare, il miagolare, la mamma gatta trasmette
conoscenza di sé… Ed il gattino scopre la sua natura felina,
istintivamente, in quel gioco amoroso. Altrettanto è avvenuto per il
risveglio interiore che si è manifestato spontaneamente al contatto
con il mio Guru.

Tutto succedeva senza pensarci, come effetto della presenza nello
stesso luogo e nello stesso tempo, vivendo situazioni comuni. La
conoscenza trasmessa in tal modo è intrisa di varie emozioni, talvolta
ribellione, talvolta affetto, gestualità, sguardi, odori, leggeri
tocchi, persino ironia e senso del ridicolo.. Alla fine il risultato
di quel fantastico rapporto, potrei definirlo d’amore, è la conoscenza
per sottile “induzione” (o intuizione?), per risveglio della memoria
ancestrale.. Il Guru non faceva altro che rappresentare quel che
anch’io sono.. E’ come guardarsi allo specchio, una volta
riconosciuta la propria immagine non serve null’altro da aggiungere..
poiché “l’immagine” dello spirito è permanente, non è mutevole come
quella di un volto che invecchia, lo spirito.. è eternamente giovane.

Questo il mio sentire… Infatti la spiritualità laica è un percorso
che supera ogni concetto di religione e di comportamento, sta al di
fuori degli indirizzi morali ed anche di quelli immorali.

Ciò potrebbe dar adito a dubbi ed anche a fraintendimenti. In effetti
per come è stata descritta e giudicata, soprattutto nelle religioni di
matrice giudeo/cristiana, l’amoralità e l’immoralità vengono spesso
equiparate alla mancanza di coscienza spirituale. Ma questo pensiero è
dovuto al fatto che si è sovrimposta una norma di comportamento,
basata sull’etica e sulla morale religiosa, sullo stato naturale
dell’uomo e sulla sua genuina espressione spirituale.

La spiritualità laica non può essere un “atteggiamento” od il
risultato di un conformarsi alle norme scritte da qualcuno,
spiritualità laica è semplicemente essere consapevolmente quello che
si è, senza vergogna e senza modelli di sorta. Perciò la capacità del
Guru di “insegnare” attraverso la vita quotidiana, in termini
spirituali laici, sta nell’abilità intrinseca di “trasmettere” la
“verità” in tutto ciò che noi manifestiamo o che a noi si manifesta.

Il Guru non è una persona, quindi, o perlomeno non soltanto una
persona visto che comunque può apparire in ogni forma, bensì
l’intelligenza illuminante che ci libera dalle sovrastrutture mentali
e dalle finzioni religiose o morali.

Paolo D’Arpini

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Sii ciò che sei, vita universale e spiritualità della natura, la natura ama le differenze, Macerata: l’orto che vorrei, ONU contro le bombe, il dr. Hamer osteggiato anche da morto…

Il Giornaletto di Saul del 9 luglio 2017 – Sii ciò che sei, vita universale e spiritualità della natura, la natura ama le differenze, Macerata: l’orto che vorrei, ONU contro le bombe, il dr. Hamer osteggiato anche da morto…

Care, cari, circa un mese fa credo di aver sperimentato questo stato. Mi sono ritrovato in una situazione dove non avevo più domande, dove addirittura in qualche momento facevo fatica ad articolare una frase compiuta. Successivamente mi sono ritrovato in una condizione di estrema gratitudine,  di profonda commozione e compassione, con una profonda pace. Tutto in quei momenti era perfetto, e ho guardato fuori in un modo mai sperimentato prima,  dove l’osservazione di un semplice fiore mi faceva toccare una gioia sconosciuta. Questo stato con momenti altalenanti è durato circa due giorni. Poi le mie vasana sollecitate dal periodo che sto vivendo, hanno ripreso il controllo della macchina. Due giorni dopo che quello stato non era più percepito, ho avuto un lampo, dove ho visto l’osservatore,  l’osservato e l’osservazione fuori da quello che sono. Ho perso la spinta alla ricerca, ma non riesco ne a osservare ne a meditare, le vasana sono scatenate in un momento delicatissimo della mia vicenda sentimentale. Non riesco a mollare tutto e stare con “questo”. Se chiudo gli occhi lo vedo, ma il pensiero arriva subito ad oscurarlo. In questa mia fase dovrei mollare “tutto” ma sono chiamato a fare delle scelte e so che quelle più giuste provengono da quello stato (da lì poi non sono manco scelte). Sento di dover essere immobile ma la vita mi chiama a delle decisioni importanti. E la nostalgia per quella condizione è tanta… Per questo tempo fa ti dissi che avevo bisogno di un maestro, ma dovrò arrangiarmi. Se oltre alle indicazioni di Ramana M. Hai qualcosa da indicarmi da poter fare te ne sarei grato… (un amico)

Mia rispostina: “caro amico, proprio oggi parlando con Caterina le riferivo le parole di Nisargadatta, relative alla sua persona: “Ho lasciato che la mia natura umana si sviluppi, nel modo in cui il suo destino lo vuole, io rimango come sono.”. E questa era la sensazione vissuta di fronte a lui, si osservava un uomo che dal comportamento non differiva assolutamente da chiunque altro, nell’esprimere ciò che era, senza remore o aggiustamenti. D’altronde cosa c’è da aggiustare? Cosa può oscurare la consapevolezza di sé una volta ottenuta quell’esperienza? A cosa serve quell’esperienza? Forse semplicemente a ricordarci chi siamo veramente:  pura consapevolezza. Ed una volta avuta quell’esperienza, quel satori, dovremmo lasciare che “la natura umana si sviluppi, nel modo in cui il suo destino lo vuole”. D’altronde se è il destino a volerlo come potremmo opporci, possiamo solo arrovellarci e rifiutare ciò che stiamo vivendo. Nel rifiuto c’è sofferenza. Nell’accettazione c’è pace. Dici di non poter osservare ma non è corretto poiché sei in grado di descrivere ciò che hai osservato, anche se la tua osservazione è macchiata di “pregiudizio”, insomma non ti piace il panorama, il film di questa esistenza che incarni. Ma le cose succedono, malgrado tutto e aldilà della nostra volontà. Diceva Sai Baba di Shirdi che l’unica libertà che abbiamo è accettare ciò che ci è dato vivere o rifiutarlo,  è da questo diverso  atteggiamento che sorge la propensione a vivere un nuovo “karma”. Ed infine cosa scegliere? Non esiste una scala di valori, tutto si manifesta contemporaneamente e nella stessa condizione, quel che ci piace e quel che non ci piace, quel che siamo nella carne e quel che siamo nello spirito. Perché, come dicono i buddhisti “il buddha è presente nei dieci mondi della manifestazione, dagli inferi alla buddhità”. C’è un Io superiore da conquistare, un io inferiore da perdere?… Non c’è nulla in verità che si “perde”, nemmeno l’io individuato che è pur sempre un aspetto della Realtà. Pertanto, come disse il vate: “ama il tuo sogno se pur ti tormenta!” – P.S. Nisargadatta riferisce che Siddarameshwar Maharaj,  il suo maestro, gli disse: “Tu sei l’assoluto, credi alle mie parole ed agisci di conseguenza”, io stetti alle sue parole con fede e perseveranza e infine realizzai la loro verità”

La vera spiritualità è sempre “laica” – …anche il grande saggio Ramana Maharshi restò “laico” per tutta la vita, gettò via il cordone da bramano ma non si fece mai monaco, Ramana era uno stretto vedantino-advaita, che rifiutò sino all’ultimo di entrare in un qualsiasi ordine religioso. L’advaita, lo zen ed il taoismo sono sentieri spirituali laici. Ma anche lo Shivaismo, nella forma più pura, può essere inteso come una via laica. Non vedo sostanziali differenze tra la via laica nonduale e lo Shivaismo, soprattutto nella sua forma kashmiri. Ed anche i tedeschi hanno diritto alla conoscenza della spiritualità laica, non si dica che li trascuriamo: “Ich möchte die Bedeutung des Ausdrucks „laizistisch” wörtlich, etymologisch und konzeptionell klären… – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/07/uber-die-laizistische-spiritualitat.html

Bologna. Pane, alfabeto e socialismo – Scrive Torepanu: “All’Epiteatro della Certosa di Bologna, “Zanardi: pane, alfabeto e socialismo”. 15 luglio 2017 ore 21.00, repliche il 5 e 26 settembre 2017. In scena l’attrice Simona Sagone e il fisarmonicista Salvatore Panu. Lo spettacolo avrà luogo anche in caso di maltempo. Ritrovo ore 20:30 presso l’ingresso principale in via della Certosa 18. Info. torepanu@tiscali.it”

Vita universale e spiritualità della natura – Dal punto di vista emozionale, perché non considerare anche la vita di un albero come espressione spirituale della natura? Innegabilmente l’albero è vivo e si esprime attraverso le sue funzioni biologiche e manifesta desideri e repulsioni, come noi umani, sia pur in misure diverse. Se accettiamo questa premessa come un presupposto di condivisione della stessa qualità di “coscienza ed intelligenza”, ecco che improvvisamente possiamo riconoscere in tutto ciò che esiste la qualità “spirituale”. Dalla sua potenzialità nella materia cosiddetta inerte alla manifestazione graduale in piante, animali ed umani… – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/07/bioregionalismo-e-spiritualita-della.html

Modena. Gurupurnima – La celebrazione del Guru Purnima del 9 luglio 2017, proposta dal Circolo vegetariano VV.TT., in collaborazione con il gruppo di canti Aria di Stelle, si tiene quest’anno presso il Centro Borgo Shanti nella campagna modenese. Inizio alle ore 19, la manifestazione è gratuita – Info: 335.6830555

La natura ama le differenze – Scrive Subramanyam: “Perdere o eliminare le differenze è come mescolare tutti i colori: si ottiene il grigio, ovvero il massimo dell’indistinzione, del brutto e dell’angoscia. Ne parla Michael Ende in “Momo”, tratteggiando l’immagine di “uomini grigi”, ladri di tempo. Significativo è rilevare come negli Stati Uniti l’integrazione razziale non sia ancora avvenuta, almeno non in profondità. Anzi, si sa che tale società è tra le più violente esistenti sul pianeta. L’uguaglianza indiscriminata tra tutti gli uomini è un’utopia di stampo illuministico da cui sono scaturite e continuano a scaturire le peggiori ingiustizie…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/07/la-natura-ama-le-differenze-esiste-una.html

Mio commentino: “Ricordo la storia del re Janaka…. Tanto tempo fa alcuni preti vollero mettere alla prova la realizzazione dell’Uno professata da Janaka, un re che viveva l’unitarietà di tutte le cose. Essi inviarono alla sua reggia un gruppo composto da un bramino (casta sacerdotale), un intoccabile, una vacca, un elefante ed un cane. Quando il gruppo giunse davanti al re, egli inviò il bramino nel posto dove sedevano gli altri sacerdoti, l’intoccabile in mezzo agli altri intoccabili, la vacca fu mandata nella stalla, l’elefante nella rimessa degli elefanti ed il cane nel branco reale dei cani e diede istruzioni affinché di ognuno venisse presa cura nel modo dovuto…” – Continua in calce al link segnalato

Auser. L’orto che vorrei – L’Auser della Provincia di Macerata ha indetto un concorso intitolato “L’orto che vorrei”. L’obiettivo è quello di un incontro fra generazioni sul tema della natura e delle coltivazioni. Proprio l’orto può essere un punto d’incontro: i più giovani, incuriositi da come si semina e come cresce una pianta, riallacciano rapporti e relazioni intergenerazionali con i loro nonni, zii o padri realizzando una rete di coesione sociale tale da dare senso al termine di comunità…” – Continua: https://auser-treia.blogspot.it/2017/07/auser-macerata-al-via-il-concorso-lorto.html

Migranti politici (in vendita al miglior offerente) – Scrive Roberto Tumbarello: “È ormai abituale la trasmigrazione di deputati e senatori da un partito all’altro, alla ricerca delle migliori condizioni d’ingaggio. Lo chiamano con ironia turismo parlamentare. Non c’è dignità, ma neppure scandalo. Infatti, nessuno protesta. C’è una logica istituzionale, purtroppo consentita dagli sleali custodi della Costituzione. Non essendo più eletti dal popolo, ma designati dal leader, i poco onorevoli legislatori si rivolgono giustamente a chi gli dà maggiori garanzie per la candidatura successiva. Perché stupirsi non essendo il mandato deciso dal voto dei cittadini? Quando una squadra acquista o cede un giocatore, i tifosi non vengono mica consultati. Lo stesso accade ora alle elezioni…”

Il bene comune nella comunità ideale – …solo una personalità debole ha bisogno di simulacri in cui identificarsi, e questo è proprio ciò che avviene in quelli che, speranzosi, si rispecchiano  solo nell’ideale specifico e limitato che essi  amano! Tale atteggiamento, spesso, è passivamente e acriticamente imitativo, e può attecchire in uomini di spirito debole, con vocazione forte all’identificazione esteriore,  che vogliono realizzare un proprio disegno. E l’interesse comune? Dal punto di vista della sintesi dovrebbe trovarsi nell’adesione al concetto di “bene comune”. A questo proposito mi sovviene il pensiero di Goethe da Dio e Mondo: Per orientarsi nell’Infinito / distinguer devi e poscia unire” – Continua: http://treiacomunitaideale.blogspot.it/2016/07/treia-comunita-ideale-lavorare-in-modo.html

Commento di Lisa Jyotishmati Frassi: “Non diciamo nulla di nuovo noi. Siamo la copia di miliardi di altri pensieri, di altri tentativi. Siamo innamorati della vita. Però osiamo, perché finché c’è vita vale la pena berla fino in fondo…”

ONU. Contro le bombe atomiche – Scrive Alfonso Navarra: “Il 7 luglio 2017 all’ONU si è varato un Trattato per proibire gli ordigni nucleari, alle ore 10 i governi, circa 140, che si sono riuniti a New York in una Conferenza ONU hanno deciso un passo storico: varare un Trattato per proibire gli ordigni nucleari. Le armi nucleari, dichiarate ufficialmente fuori legge (da quando ovviamente sará completato il processo di ratifica con almeno 50 Stati depositanti), questa la sostanza del testo adottato, ora dovranno essere effettivamente eliminate…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/07/08/onu-contro-le-bombe-varato-un-trattato-per-proibire-gli-ordigni-nucleari/

Commento di Vincenzo Brandi: “Perbacco! L’era atomica sta per finire! Quando è stato fissato l’inizio della distruzione delle bombe USA? E di quelle israeliane? Niente affatto paradossale la posizione della Corea Popolare: “quando comincerete a distruggere le vostre bombe, anche noi cominceremo a distruggere le nostre ….”

Commento di F.B.: “L’italia ha votato come conviene agli Usa! Gentiloni ha giustificato il boicottaggio della votazione da parte dell’Italia dicendo che il trattato era troppo “divisivo.”… “

Commento di Giorgio Stern: “Anni fa, all’Università di Trieste, nel corso di una sua conferenza, al dott. Sergio Romano già  ambasciatore della Repubblica Italiana, venne chiesto come mai nel suo giro d’orizzonte geopolitico, non si fosse soffermato sull’allora costruenda bomba atomica coreana. Sergio Romano rispose che non c’era molto da dire, se una nazione vuole discutere alla pari con  gli Stati Uniti, deve avere l’atomica…”

Commento di Jure: “L’italia come altri cialtroni che conosciamo NON HA partecipato all’assemblea. Sembra di capire che il voto contrario sia dei Paesi Bassi, che almeno ha avuto la dignità di metterci la faccia, mentre l’astenuto non so ancora chi sia…”

Il Dr. Hamer osteggiato anche da morto – Scrive Paola Botta Beltramo: “I media hanno divulgato la notizia della morte del dr. Ryke Geerd Hamer, corredandola con le solite falsità. Questi  divulgatori dovrebbero invece interessarsi all’attività di quei medici che consigliano da anni alle persone abbienti una cura chemioterapica più evoluta di quella mutuata.  Ho conosciuto alcune di queste persone che si sono curate in tal modo, invano, dilapidando patrimoni familiari. E’ la cura che l’ex governatore dell’Emilia-Romagna Vasco Errani voleva rendere mutuabile…” – Continua:
http://retedellereti.blogspot.it/2017/07/dipartita-del-dr-ryke-geerd-hamer-e-la.html

Vi saluto con affetto, Paolo/Saul

……………………………..

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

“Il Buddha diceva e lo ripeté continuamente per quarant’anni, che si diventa qualsiasi cosa si pensa. Il pensiero determina tutto ciò che sei. Se sei finito dipende dal tuo punto di vista: abbandona questa opinione e diventa infinito.” (Osho)

……………………………..

“Realizzazione è la nostra vera natura.
Non c’è nulla di nuovo da acquisire.
Ciò che è nuovo non può essere eterno.”
(Sri Ramana Maharishi)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Il cristianesimo delle origini e i dubbi sull’esistenza fisica di Gesù

category Lunario Paolo D'Arpini 19 giugno 2017


Nascita Iesus

..ho sentito l’esigenza di riportare qui alcune ragioni su un argomento scottante, che già in passato fu per me motivo di discussione, si tratta della “Favola di Cristo”, una ricerca storica sulla non esistenza fisica di Gesù di Nazareth. Esiste un libro così intitolato scritto alcuni anni fa dal compianto amico viterbese Luigi Cascioli, e -dopo averlo letto- compresi come fosse importante ripristinare una verità storica su fatti alquanto nebulosi, che vengono in realtà confermati dalla sola voce ecclesiastica dei papi e del vaticano. La storia si sa è solo convenzione ma quando una religione come quella cattolica pretende di essere detentrice di una verità salvifica incontrovertibile occorre una certa cautela ed un’analisi approfondita sulle origini di questo messaggio…

Personalmente sono cresciuto in seno ad uno spirito agnostico, la mia origine essendo ebraica, ma “convertitosi” i miei nonni paterni al cristianesimo (per ovvi motivi) durante il ventennio fascista, il risultato fu quello di cancellare di fatto all’interno della mia famiglia ogni credenza religiosa. Formalmente cristiano e persino ex allievo dei Salesiani pian piano portai avanti la mia ricerca sino a considerare la superiore validità di filosofie alquanto atee, come ad esempio il Buddhismo, l’Advaita Vedanta od il Taoismo. Infine smisi di interessarmi di qualsiasi religione abbracciando consapevolmente la via sincretica della Spiritualità Laica, di cui mi son fatto anche portatore.
Ciò avvenne in seguito alla diretta esperienza della veridicità e realtà del Sé interiore che supera, pur integrandolo, qualsiasi concetto di Dio o di separazione fra gli esseri. Comunque per amore di “verità” speculativa e storica non ho mai tralasciato di occuparmi di “santi” (nell’accezione laica del termine) anticamente vissuti come Gesù, Lao Tze, Buddha, o personalmente conosciuti come Swami Muktananda, Karmapa, Nisargadatta Maharaj e numerosi altri…
Non ho mai voluto cancellare l’uomo, per me la capacità dell’uomo di manifestare il “divino” e la saggezza è motivo di grande “orgoglio” per la comune appartenenza alla specie umana. Per questa ragione ho sempre cercato -o forse desiderato- l’esistenza di santi del calibro di Gesù, Maometto e Buddha…
E qui ritorno al libro di Luigi Cascioli… Infatti Cascioli nega l’esistenza fisica di Gesù… o per lo meno la inquadra in un contesto ed in una manifestazione diversa da quella propugnata dal vaticano e dalle varie chiese cristiane.
Beh, non voglio negare libertà di espressione e ricerca. Pertanto qui di seguito riporto uno stralcio del libro di Luigi Cascioli seguito da uno stralcio degli Atti degli Apostoli (che ne conferma la sostanza)

Paolo D’Arpini – Comitato per la Spiritualità Laica
Via Mazzini, 27 – Treia (Mc) -

Commenti disabilitati