Risultato della ricerca:

Uno stato libero emette moneta propria, Ricerca spirituale laica, Forsetroppo e Palindroma, una storia sufi su Gesù, Cison di Valmarino: marcia contro i pesticidi, Auser: Conferenza Nazionale di Organizzazione, attenzione alla scuola pubblica, Treia: collettivo bioregionale ecologista…

Il Giornaletto di Saul del 10 maggio 2019 – Uno stato libero emette moneta propria, Ricerca spirituale laica, Forsetroppo e Palindroma, una storia sufi su Gesù, Cison di Valmarino: marcia contro i pesticidi, Auser: Conferenza Nazionale di Organizzazione, attenzione alla scuola pubblica, Treia: collettivo bioregionale ecologista…

Care, cari,  tutti i paesi dove lo stato dispone di una propria banca centrale e di moneta sovrana le crisi sono state superate gestendo in prima persona l’emissione di moneta e l’eliminazione dei debiti, dei fallimenti e dei titoli tossici senza ricorrere al “mercato” esterno, cioè a finanziatori esterni, come invece sono costretti a fare i paesi dell’Eurozona essendo vincolati ad una moneta unica e privati della sovranità monetaria, come l’Italia. Un sistema quest’ultimo che impedisce ai paesi di trovare soluzioni autonome e li rende schiavi del mercato e quindi delle élite finanziarie mondiali il cui scopo oltre che di speculare è anche quello di assoggettare i governi ai loro interessi… (Claudio Martinotti Doria)

La ricerca spirituale laica inizia e finisce nel Sé – Un aspirante maturo può anche non aver bisogno di incontrare un maestro in una forma fisica, ma può trarre insegnamento e guida dalle situazioni vissute e da ispirazioni interiori. Tali cercatori sono talmente rari da poter affermare che la “realizzazione finale” non è possibile senza la Grazia di un vero Maestro realizzato. Pertanto occorre perfezionarsi nella propria ricerca con sincerità, onestà e perseveranza finché non si possa ricevere la Grazia di un tale Maestro. Dopodiché la ricerca prosegue spontaneamente secondo le proprie predisposizioni e destino. Per quanto riguarda la frequentazione di altri devoti può essere utile per mantenere accesa la fiamma della “ricerca”, sapendo che il lavoro è sempre svolto all’interno dalla persona direttamente interessata… – Continua: https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2018/05/la-ricerca-spirituale-laica-inizia-e.html

P.S. Ho voluto riprendere questo scritto sulla funzione del Guru nella spiritualità laica perché proprio ieri mi ha telefonato il responsabile delle Edizioni OM per fare una chiacchierata sulla via spirituale e sulle esperienze lungo il percorso. Tempo fa attraverso l’amico Giuseppe Moscatello gli avevo fatto pervenire un libro su Bhagawan Nityananda, il mio nonno spirituale, da me tradotto nel lontano 1974. E lui l’aveva molto apprezzato così parlando ne è sortito un progetto per un nuovo libro sugli incontri da me avuti e gli insegnamenti ricevuti attraverso il rapporto diretto od indiretto con vari santi. Così ho cominciato a lavorare a questa nuova raccolta, ancora senza un titolo preciso, forse “Compagni di viaggio nella via spirituale laica”, vedremo…

Treia. Forsetroppo e Palindroma – Scrive Ferdinando Renzetti: “….era arrivato a Treia accompagnato da una sua amica, gli era subito piaciuto molto quel paese di mattoni e quella bella casa grande che si affaccia sul vuoto. Aveva conosciuto tutti in poco tempo,  aveva ascoltato con cura e raccontato molto durante quella strana “festa dei precursori”, dedicata al tramando. Lì aveva conosciuto quella  strana  ragazza con i capelli ricci gli occhi scuri e quel rossetto lilla sulle labbra che… – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2015/05/06/forsetroppo-e-palindroma-ed-altri-fantastici-personaggi-alla-festa-dei-precursori-di-treia/?

Passo di Treia. Incontro per il volontariato solidale – “Le associazioni di volontariato che si fanno promotrici di un servizio sociale a favore della Comunità, hanno organizzato un incontro promozionale che si terrà, con inizio alle ore 21:00, il 10 maggio 2019 nella parrocchia di Passo di Treia. A illustrare i progetti in corso saranno presenti i responsabili di Avis Treia, Adesso Yoga e Auser Treia.  Le adesioni sono aperte a tutte le persone volenterose che risiedono nella nostra comunità e che intendono collaborare alla Rete di solidarietà sociale che si sta creando a Treia.”

Treia (Borgo). Archetipi psichici – Scrive Barbara Rossetti: “Incontro su Archetipi psichici, I Ching e Zodiaco cinese al Centro “Adesso Yoga” in Via Bellamore 1 – Treia (Borgo). Domenica 2 Giugno 2019 – Ore 17 – Ingresso Libero. Info: 338.3125143″

Una storia sufi su Gesù… – Scrisse Osho: “I Sufi hanno alcune belle storie su Gesù che mancano nel Vangelo. Una delle storie è che Gesù andò a meditare sulle montagne. Incontrò un uomo molto anziano che viveva senza tetto, senza riparo, seduto sotto un albero. Gesù si stupì e chiese al vecchio…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2018/05/una-storia-sufi-su-gesu-raccontata-da.html

Villa Potenza RACI – Scrive Letizia Carducci: “Prosegue il programma per raccontare i nostri contadini all’interno dello spazio fieristico dedicato alle Radici Agricoltura Cibo ed Innovazione. Saremo presenti nello spazio Eventi, alla Fiera di Villa Potenza con 2 appuntamenti, alle ore 17. Sabato 11: Matteo Mancini  con il libro “Agricoltura organica e rigenerativa” (Terra Nuova edizioni). Domenica 12: Debora Iannacci con “Un anno da vergara” (Giaconi Editore) – Info: 3495239761″

Cison di Valmarino. Marcia contro i pesticidi – Scrive Gianluigi Salvador: “La  “moltitudine in movimento” bioregionale, a tutela dei valori fondamentali della salute e della biodiversità, continuerà, ancora più determinata, nonostante le denunce  e le condanne, la sua battaglia in favore dell’ambiente e della salute dell’uomo. La difesa delle nostre vite e del nostro ambiente potrà dar fastidio ad alcuni che curano solo interessi di profitto a breve, ma è innegabile affermare che i pesticidi di sintesi inquinano e distruggono la vita…” – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/05/cison-di-valmarino-e-follina-in-marcia.html

Serra S. Abbondio. Scopri la Via – Scrive Sonia Baldoni: ” Scopri la Via di Santa Ildegarda, maestra di vita per il III millennio. Evento a Fonte Avellana di Serra S. Abbondio, con laboratori esperenziali e cucina vegetariana, dal 7 al 9 giugno 2019. Info: 371.1178292″

Roma. Auser: Conferenza Nazionale di Organizzazione – Scrive Giusy Colmo: “Il 9 maggio 2019 si sono aperti  a Roma presso il Centro  Congressi Frentani i lavori della  Conferenza di Organizzazione dell’Auser. Al centro dei lavori  le nuove sfide dettate dall’entrata in  vigore del  Codice Unico del Terzo Settore. Il 10 maggio Tavola Rotonda con Maurizio Landini e Ivan Pedretti…” – Continua: https://auser-treia.blogspot.com/2019/05/auser-9-e-10-maggio-2019-avviata-la.html

L’universo è una proiezione olografica? – Scrive Marco Bracci a commento dell’articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2019/05/08/l%E2%80%99universo-e-una-illusione-olografica/ -: “La spiegazione, terra terra, del perché le percezioni di cui parla l’articolista di T.N. avvengono istantaneamente, la si può dare semplicemente pensando che Dio è onnipresente, quindi qualunque avvenimento accada in una qualsiasi parte o punto infinitesimale del “Suo Corpo” (la Creazione tutta), Egli lo “percepisce” istantaneamente…” – Continua in calce al link

Roma. Attenzione alla scuola pubblica – Scrive Coordinamento: “Il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale promuove un confronto con esponenti del mondo della scuola per affrontare gli effetti dell’autonomia differenziata che può rappresentare un serio pericolo per il sistema di istruzione pubblico nazionale…” – Continua: https://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2019/05/coordinamento-per-la-democrazia.html

Cafaggio. Bene Comune – Scrive CIR: “L’incontro si svolge a Valle del Chioma Cafaggio. È una valle dopo valle benedetta, Monti a sud di Livorno Un luogo di tanta bellezza e con un cuore pulsante. Uscita Livorno Montenero si segue lo Stillo, poi il Gabbro. Si sale qualche km e si svolta a sinistra in Valle del Chioma (c’è una casa Bianca stile anni 70) si scende fino a Cafaggio 1 c’è il cartello. Poi si sale a piedi. Info: cir.informa@gmail.com”

Treia. Collettivo bioregionale ecologista – Il Comune di Treia ha concesso il Patrocinio Morale per la manifestazione, inoltre abbiamo ricevuto ulteriori adesioni all’evento. Qui gli aggiornamenti sul programma del prossimo Incontro Collettivo Bioregionale Ecologista che si tiene il 22 e 23 giugno 2019  a Treia, Passo Treia e Moje di Treia: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/03/treia-e-moje-incontro-bioregionale.html

Ciao, Paolo/Saul  

………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Quando scorgiamo il volto di Dio torniamo a vederlo in tutti coloro che incontriamo” (Deng Ming Dao)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

“Unite in Babylon”, no all’avvelenamento sistematico dei campi, Verbicaro: progetto di comunità intenzionale, lo zen apparente, panspermia, resoconto della Festa dei Precursori 2019, bioregionalismo come soluzione…

Il Giornaletto di Saul del 6 maggio 2019 – “Unite in Babylon”, no all’avvelenamento sistematico dei campi, Verbicaro: progetto di comunità intenzionale, lo zen apparente, panspermia, resoconto della Festa dei Precursori 2019, bioregionalismo come soluzione…

Care, cari, al Circolo di canti “Unite in Babylon” l’idea è di ritrovarsi in un luogo aperto al pubblico e cantare canzoni a cui tutti possono unirsi e cantare. Non è necessario conoscere bene una canzone o i testi. Devi solo unirti alle poche o tante persone che ci saranno per cantare insieme come una cosa sola. In Italia l’esperimento viene fatto quest’anno, il 2 giugno, a Roma ed a Livorno… – Continua: https://retedellereti.blogspot.com/2019/05/livorno-e-roma-2-giugno-2019-cerchio-di.html

Commento di Gaudio: “L’evento non ha nessuna finalità di lucro ed è esclusivamente finalizzato a portare la bellezza del canto in tutte le sue sfumature di colore nel cuore di questa società così confusa e disarmonica. Per intercettare tutte quelle anime che altrimenti non avrebbero accesso a questo sentire. Non occorre essere musicisti per partecipare e contribuire, anzi, ogni apporto è fondamentale alla sua riuscita…”

No all’avvelenamento sistematico dei campi – Scrive Giuseppe Altieri: “L’Europa minaccia di rendere legali i danni provocati dai pesticidi agli esseri umani…  mentre i ricchi mangiano biologico.  Non si sa nemmeno dove cominciare, si annega in pessime notizie. Oggi che i danni da pesticidi sono illegali, nessuno o pochissimi fa le cause per il risarcimento, né tantomeno blocca la vendita e l’uso di pesticidi cancerogeni e distruttori endocrini…” Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/05/terre-deuropa-no-allavvelenamento.html

Treia Comunità ideale. Sostegno a distanza – Scrive Maria Bignami a commento dell’articolo https://treiacomunitaideale.blogspot.com/2018/05/treia-comunita-ideale-comitato-civico.html -: “Grande Paolo! è tempo che tu scenda in pista per esibirti nella tua danza di Fratellanza, Giustizia, Unione = Amore.  D’accordo, NO politica. Che questi intenti siano molto contagiosi! Ti sostengo con entusiasmo!  Con Amore fraterno…”

Verbicaro. Progetto di comunità intenzionale – Scrive Jisoleji: “Hola! Siamo Lingam, Sole e il piccolo Suami. Finalmente abbiamo trovato una terra grande in Calabria, a Verbicaro (Cs), che può accogliere noi ed altre famiglie. Inizia la fase pionieristica del nostro progetto comunitario. Se avete camper, roulotte o tenda e grande spirito di adattamento e volete fare un’esperienza nel verde, venite a visitarci ed aiutarci!..” – Continua con testo bilingue: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/05/verbicaro-progetto-di-comunita.html

Fu vera gloria? – Scrive Sabrina Pessina: “Ogni cinque maggio, in modo del tutto puntuale e sorprendentemente involontario, sorgono nella nostra mente sempre quelle due brevi parole, quattro lettere in tutto, che sanno sprigionare una forza storica e poetica incommensurabile: Ei fu siccome immobile… – Ei, lui – ovvero Napoleone Bonaparte (Ajaccio, 15 agosto 1769 – Isola di Sant’Elena, 5 maggio 1821)…”

Lo zen dell’apparenza – Scrive Ferdinando Renzetti: “Il maestro zen convocò i suoi discepoli, pose una brocca sul pavimento e disse loro: “Sceglierò chi saprà descrivere questa brocca senza nominarla”. Allora si alzò un semplice inserviente. Egli prese la brocca in mano e la mostrò a tutti senza dire nulla. Una sera di plenilunio, il maestro chiamò i suoi allievi e disse loro: chi ha capito l’insegnamento zen dev’essere in grado di spiegare che cos’è la luna senza nominarla…” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2019/05/05/simboli-didattica-empatica-e-viceversa-di-ferdinando-renzetti/

Commento di Sritha Lakshmi: “It is good to be with those who smile; we feel loved. Life is too short. Let not our life be spent in aimless uncomfortable numb affairs. Strenght is life, will power and intellectual power. Let us be heroic…”

Panspermia? – Scrive Giuseppe Moscatello: “Per quelli aggrappati alla razionalità positivista, che riescono a rigare gli specchi con i polpastrelli pur di rimanere aggrappati a formulazioni fisico razionali dalle quali non osano scostarsi, impiegati della scienza col posto fisso (una speranza resta nel dubbio e nella ricerca), le risposte le dà Reich: “la vita può essersi originata come generazione spontanea…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/05/panspermia-bioni-allorigine-della-vita.html

Tuscania. Lotta contro la pioggia – Scrive M5S: “Malgrado la pioggia torrenziale che si è abbattuta su Tuscania nel pomeriggio di ieri, il Movimento 5 stelle ha presentato la sua lista per le prossime elezioni comunali, spostando la location dall’esterno all’interno dello chalet di Venturino nel giardino comunale. La candidata Sindaco Miriam Vitangeli ha presentato  il suo gruppo composto da persone normali che hanno deciso di mettersi in gioco per il bene del proprio paese…”

Grecia. Fubini tace sui bambini morti… – Scrive Adriano Colafrancesco: “…“C’è un articolo che non ho voluto scrivere sul Corriere della sera guardando i dati sulla mortalità infantile in Grecia. Non l’ho scritto perché il dibattito in Italia è avvelenato tra gli anti-europeisti, pronti a usare qualunque materiale come una clava contro l’Europa e ciò che rappresenta”. Federico Fubini, vice direttore del Corriere della sera ha ammesso in un’intervista a TV 2000 che lui era venuto a sapere per certo che, a causa della crisi, in Grecia, erano morti 700 bambini, ma aveva deciso di non dare questa notizia per paura che essa venisse strumentalizzata dagli euroscettici…”

Resoconto della Festa dei Precursori 2019 – Scrive Caterina Regazzi: “Quest’anno, dal 25 al 28 aprile 2019, la Festa dei Precursori del Circolo vegetariano VV.TT., è stata “condita ” da una novità: dopo un periodo di molto travagliata amministrazione del Comune di Treia, che è stato anche commissariato (e ringraziamo il Commissario, Salvatore Angieri, che si è dimostrato degna persona), ci saranno a breve (il 26 maggio 2019) le elezioni comunali, oltre a quelle europee e il mio caro Paolo ha deciso di candidarsi nella Lista Civica “Democratici per Treia”. Per cui ci sono state riunioni, raccolta adesioni alla lista, raccolta firme, insomma tanta attività che, per me che andrei a Treia per rilassarmi non è il massimo, ma si sa, io vado dalla necessità di riposo a quella di rendermi utile in qualche modo, per cui, è stato un bel darsi da fare!” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2019/05/05/treia-resoconto-della-festa-dei-precursori-tenutasi-dal-25-al-28-aprile-2019/

Una memoria del 24 agosto 2009 su come ebbi l’ispirazione di visitare Treia e poi di trasferirmici. Scrivevo a Caterina: “Cara caterina, oggi mentre stavo al Tempio a fare un po’ di siesta nella grotticella e poi mentre tagliavo qualche ramaglia sul sentiero mi è venuta in mente la descrizione della tua casa di Treia. Ho rivisto nella fantasia i particolari di questa casa su più piani simile ad una torre, ma c’è una porta anche nel piano più basso o si entra solo da quello alto? Non credo che potrò mai spostarmi da Calcata ma intanto mi è venuta la curiosità di conoscere meglio quel tuo posto. Magari una volta che hai una settimana libera puoi venire qui, stare uno o due giorni e poi anche andare assieme uno o due giorni a Treia. Che ne dici?…” – Il 2 gennaio del 2010 in effetti andammo a Treia. E vista la città e la casa di Caterina sentii che questo è il mio posto!”

Bioregionalismo come soluzione planetaria – Scrive Stefano Panzarasa: “Sia la società capitalistica, sia ciò che rimane della società del cosiddetto “socialismo reale”, sia le società percorse da movimenti a carattere religioso-integralista, stanno mettendo terribilmente in luce tutti i loro limiti ambientali, sociali e economici. Il pericolo planetario di una catastrofe nucleare, la guerra, l’inquinamento, l’ingiustizia sociale, sono solo tra i più eclatanti aspetti che stanno lì ad incrinare profondamente il mito di dominio e di sviluppo che sembrerebbe abbia sempre guidato queste società di tipo gerarchico-dominatore nei loro pensieri e nelle loro azioni…” – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2016/05/bioregionalismo-come-soluzione-alla.html

Ciao, Paolo/Saul

…………………………

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

“Tanto è il bene che mi aspetto che ogni pena mi è diletto” (Giovanni di Pietro di Bernardone, San Francesco)

“Quando un popolo, divorato dalle sete della libertà, si trova ad avere a capo dei coppieri che gliene versano quanta ne vuole, fino ad ubriacarlo, accade allora che, se i governanti resistono alle richieste dei sempre più esigenti sudditi, son dichiarati tiranni, e avviene pure che chi si dimostra disciplinato nei confronti dei superiori è definito un uomo senza carattere, servo; che il padre impaurito finisce per trattare il figlio come suo pari, e non è più rispettato. Che il maestro non osa rimproverare gli scolari e costoro si fanno beffe di lui. Che i giovani pretendono gli stessi diritti, la stessa considerazione dei vecchi, e questi, per non parer troppo severi, danno ragione ai giovani. In questo clima di libertà, nel nome della medesima, non vi è più riguardo né rispetto per nessuno. In mezzo a tanta licenza nasce e si sviluppa una mala pianta: La Tirannia” (Platone)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Treia. Resoconto della Festa dei Precursori tenutasi dal 25 al 28 aprile 2019

Quest’anno, dal 25 al 28 aprile 2019, la Festa dei Precursori del Circolo vegetariano VV.TT., è stata “condita ” da una novità: dopo un periodo di molto travagliata amministrazione del Comune di Treia, che è stato anche commissariato (e ringraziamo il Commissario, Salvatore Angieri, che si è dimostrato degna persona), ci saranno a breve (il 26 maggio 2019) le elezioni comunali, oltre a quelle europee e il mio caro Paolo ha deciso di candidarsi nella Lista Civica “Democratici per Treia”. Per cui ci sono state riunioni, raccolta adesioni alla lista, etc., insomma tanta attività che, per me che andrei a Treia per rilassarmi non è il massimo, ma si sa, io vado dalla necessità di riposo a quella di rendermi utile in qualche modo, per cui, è stato un bel darsi da fare! Anch’io ho fatto la mia parte, se non altro di connessione tra Paolo (che è tutt’ora privo di cellulare) e gli altri del team.

La Festa è stata una riunione familiare; avevo già scritto e detto che mi sento parte della faamiglia del Circolo Vegetariano e così è stato. Certo, la nostra è una famiglia “allargata” e chiunque, volendo, può entrare ed entra a farne parte, ed è una situazione fluida, c’è che viene e c’è chi va. C’è anche chi c’è ma non fisicamente: alcune persone amiche non sempre possono essere presenti ma noi li abbiamo nel cuore e ci sono persone che se ne sono andate magari sbattendo la pora, ma noi le teniamo comunque nel cuore e speriamo che un dì quella porta possano riaprirla. Ecco queste cose difficilmente mi viene da dirle a parole, mentre scrivo,, non so com’è, escono da sole.

E allora via con una piccola descrizione degli eventi: il 25 aprile una bella passeggiata-escursione in una meravigliosa giornata di sole, a Pitino, dopo la riunione all’Auser per la modifica dello statuto, con Giampaolo (Piero) che ci ha ospitato nella sua auto ed ha fatto tante bellissime foto, Orietta, la sua amica Giusy, sua sorella Margherita, Mara, l’immancabile (evviva Mara!), Silvana, Liana (le due attrici), Simonetta e Fernando.

Il 26 non avevamo alcun programma particolare, solo aspettare l’arrivo di alcuni amici da Vignola: Maria, Peppino e Grazia – che poi ha dato forfait, e che dovevano passare a prendere a Riccione, Upahar e Venu, con i loro mille strumenti, e Kamin ed Ettore da Follonica. Amici che ormai sono come fratelli. La sera siamo andati al centro Adesso Yoga per la prova finale della recita zen “Il teatro delle Immagini Parlanti”, spettacolo previsto per il 28 aprile.

Il 27, al mattino, una micropasseggiata per Treia, io e pochi coraggiosi. Intanto che eravamo in piazza, vedevamo vari gruppi di candidati delle varie liste che si muovevano. Era l’ultimo giorno per la presentazione delle liste, comprese le firme. Ho così avuto modo di chiacchierare un po’ con Mozzoni e con Patassini (che non conoscevo), sostenitori di una delle due liste avversarie. Al pomeriggio ci siamo riuniti al Circolo, con alcuni altri partecipanti, tra cui il fedele prof. Meriggi, che ci ha edotto delle storie di alcuni santi e beati treiesi. Infatti l’argomento principale di questa edizione era la Spiritualità. Ha fatto seguito Peppino Moscatello con una dissertazione su Ramana Maharshi, avendo appena tradotto e pubblicato un testo su di questo grande maestro indiano, che viveva sull’Arunachala, la montagna sacra, a Tiruvannamalai, dove io, nel mese di febbraio u.s. mi sono recata ed ho soggiornato per circa due settimane, con le amiche e sorelle Mara e Tina. E così ho anch’io raccontato la mia vita spirituale, che è culminata proprio con questo mio soggiorno in India. Upa e Venu hanno condito il tutto con i loro bellissimi canti anche durante il dopo cena ed Upa a sua volta ha parlato della sue esperienza spirituale. Upa, speriamo di averti presto ancora con noi!

Al mattino del 28, domenica, alcuni amici venuti da fuori hanno cominciato a ripartire, prima Maria, Peppino, Upa, Venu e Mara, poi, dopo una lunga chiacchierata durante la quale Paolo ha fatto un riassunto delle sue esperienze spirituali del suo incontro con Muktananda, molto forti, e sempre molto interessanti per me da ascoltare, anche Ettore e Kamin ci hanno salutato con abbracci, baci e promesse di rivederci presto. Dopo pranzo e riposino necessario, verso le 16 io e Paolo siamo andati a piedi, ma per fortuna abbiamo incontrato Nunzio che andava in auto nella stessa direzione (aveva iniziato a piovere) al Centro Adesso Yoga, dove era stata programma la piece teatrale zen, pensata e coordinata da Paolo, basandosi su alcune storielle tratte dal libro “101 Storie zen” ed altri racconti inventati. Storie di monache cristiane e zen, e un aneddoto su un maestro zen e di come era avvenuta la sua conversione, da ubriacone a santo. Gli attori erano tutti amici treiesi o dei dintorni: Liana, Maurizio Angeletti, Nunzio, Morena Oro, Orietta, Silvana, e Paolo stesso. La performance è stata molto molto carina, penso che tutti gli spettatori ed anche gli attori stessi abbiamo apprezzato ed anche recepito i messaggi di determinazione, modestia, semplicità, verità, che le storie volevano trasmettere e che sono insegnamenti validi per tutti, di qualsiasi religione si sia, o anche per chi non segue nessuna religione, ma tutti accomunati da una spiritualità “laica” che va al di là delle credenze per le quali ci sentiamo più in sintonia.

Piccola postilla: mentre ero a Treia, in attesa dell’edizione 2019 (mi pare la 34esima) della Festa dei Precursori ho ricevuto inaspettatamente e graditamente una richiesta di amicizia su Fb da parte di un vecchio amico di Roma di quando avevo 14 anni col quale abbiamo iniziato una piccola corrispondenza. L’ultima mail che gli ho inviato dice così (e non so se dopo questa penserà di lasciar perdere): “Ciao, G.. Non sapevo neanche che quel sito (Politicamentecorretto) aveva pubblicato quell’ articolo che tu hai letto, a mia firma, grazie al quale ti è venuta la curiosità di cercarmi su FB. Era un semplice resoconto di un evento che facciamo tutti gli anni a Treia, intorno al 25 aprile, quello dell’anno scorso (la Festa ei Precursori), condito di qualche semplice considerazione, anche un po’ intima. E’ stata, l’anno scorso, l’ultima volta che la mia cagnetta Magò è venuta a Treia con me, fra un po’ sarà un anno che non c’è più .

Anche quest’anno lo abbiamo fatto (l’evento), ero a Treia proprio quando tu mi hai scritto! Nonostante non sia una brillante scrittrice, spinta da Paolo,mi sono un po’ lanciata: serve anche a guardare meglio dentro se stessi e poi ad esprimere meglio anche con gli altri (intendo anche a parole) i propri pensieri, i propri sentimenti, che a volte ci fanno un po’ paura, o vergogna. Serve, a me è servito, ad accettarmi un po’ di più. Non mi sono mai piaciuta molto, avevo esempi attorno a me che mi parevano molto più interessanti (Raffaella, Denise, Miriam, Tiziana, ecc.ecc.) dal punto di vista estetico e soprattutto perché le trovavo molto più spregiudicate di me. Chissà esattamente cosa significa la parola “spregiudicata”… a naso direi “che se ne infischia del giudizio”, mentre invece io sono sempre stata molto succube del giudizio che pensavo che gli altri potessero avere di me (i miei genitori in primis, poi gli amici, l’eventuale “moroso”, ecc.).

Ora lo sono molto meno, anche se fatico ancora un po’ ad accettarmi completamente, ma queste “autoanalisi”, più che i due anni e mezzo di psicoterapia, mi pare mi facciano bene. Almeno provo la soddisfazione, il “gusto” di conoscermi meglio. Si dice “fino alla bara sempre si impara” ed io questo detto lo applico a me stessa. Come leggi (se sei arrivato fino a qui) forse sono un po’ cambiata, ma neanche tanto. Sono andata a riguardarmi, a Treia, dei quaderni che scrivevo intorno a quegli anni, dei diari, che in parte ho distrutto, in parte ho tenuto e mi sono vergognata da quanto ero sciocca… e forse un po’ lo sono ancora!…”

E la vita continua!

Caterina Regazzi

Album fotografici:

https://www.facebook.com/caterina.regazzi/media_set?set=a.10217751350685974&type=3

https://www.facebook.com/giampaolo.damiani.142/media_set?set=a.118625682660880&type=3

https://www.facebook.com/giampaolo.damiani.142/media_set?set=a.119566222566826&type=3

https://www.facebook.com/giampaolo.damiani.142/media_set?set=a.120055382517910&type=3

………………………

Una memoria del 24 agosto 2009 su come ebbi l’ispirazione di visitare Treia e poi di trasferirmici. Scrivevo a Caterina: “Cara caterina, oggi mentre stavo al Tempio a fare un po’ di siesta nella grotticella e poi mentre tagliavo qualche ramaglia sul sentiero mi è venuta in mente la descrizione della tua casa di Treia. Ho rivisto nella fantasia i particolari di questa casa su più piani simile ad una torre, ma c’è una porta anche nel piano più basso o si entra solo da quello alto? Non credo che potrò mai spostarmi da Calcata ma intanto mi è venuta la curiosità di conoscere meglio quel tuo posto. Magari una volta che hai una settimana libera puoi venire qui, stare uno o due giorni e poi anche andare assieme uno o due giorni a Treia. Che ne dici?…” – Il 2 gennaio del 2010 in effetti andammo a Treia. E vista la città e la casa di Caterina sentii che questo è il mio posto!”

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Il Giornaletto di Saul del 28 aprile 2019 – Treia: al teatro delle immagini parlanti, la pienezza dell’Assoluto, petrolio libico e guerre, il mondo nasce con l’ “io sono”, la mente filogenetica…

Il Giornaletto di Saul del 28 aprile 2019 – Treia: al teatro delle immagini parlanti, la pienezza dell’Assoluto, petrolio libico e guerre, il mondo nasce con l’ “io sono”, la mente filogenetica…

Care, cari, il 28 aprile 2019 a Treia si conclude la Festa dei Precursori. In scena uno “spettacolo teatrale”. La parola spettacolo evoca l’esibizione di lustri, lumi e fanfare, il nostro “teatro delle immagini parlanti” invece è simbolo di povertà e semplicità, nell’imitazione di atti quotidiani, immaginati o rivissuti, senza pretese di perfezione e di completezza. Insomma sono flash, immagini parlanti riferite ad un qualcosa di assurdamente serio, ma proprio per questo ridicolo, la “religione”. – Continua: https://treiacomunitaideale.blogspot.com/2019/04/treia-al-teatro-delle-immagini-parlanti.html

Vercelli. Animalisti – Scrive Silvia Premoli: “Il  26 aprile intorno alle 12.30 un gruppo di attivisti per i diritti degli animali ha occupato pacificamente gli uffici comunali di Caresana (Vercelli) srotolando dalle finestre uno striscione con frasi di condanna verso la anacronistica corsa dei buoi che si tiene il 28 aprile 2019 in occasione dei festeggiamenti patronali. Info: animalpress@animalpress.it”

La pienezza dell’assoluto – Credo che una foglia d’erba non sia meno di un giorno di lavoro delle stelle, ugualmente è perfetta la formica, un granello di sabbia, l’uovo dello scricciolo; una ragnatela è un capolavoro dei più alti e il rovo rampicante potrebbe adornare i salotti del cielo e la più stretta linea della mia mano se la può ridere di ogni meccanismo, e la vacca che rumina a testa bassa supera ogni statua… (Franco Libero Manco) – Continua: https://retedellereti.blogspot.com/2019/04/la-pienezza-dellassoluto.html

Roma. Oltre la terza dimensione – Scrive AVA: “Alle ore 18,00 in piazza Asti 5/a Roma, Conferenza del 2 maggio 2019, con Paolo Guido, insegnante di Hatha Yoga: “DA BUDDHA A EINSTEIN. VIAGGIO OLTRE LA TERZA DIMENSIONE” – Info: francoliberomanco@fastwebnet.it”

Libia. Lite tra Italia e Francia – Scrive Michele Rallo: “Che ci fanno i francesi in Libia a soffiare sul fuoco di una guerra civile che potrebbe tornare a incendiare il paese? Nulla, almeno ufficialmente. Sono di passaggio e, se per caso vengono sorpresi a contrabbandare armi, si tratta soltanto di un’innocente scampagnata ecologica. É quel che si conviene per una brava democrazia, per un paese amico e alleato dell’Italia, di quelli che non si sognerebbero nemmeno di farci uno sgarbo…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2019/04/27/libia-italia-e-francia-si-litigano-il-petrolio/

Commento di Marinella Correggia: “Adesso in Libia il più pulito ha la rogna e anzi direi che il più rognoso è Serraj. Basta dire che è protetto da quei criminali odiosi di Misurata. razzisti, colpevoli di aver DEPORTATO i neri libici di Tawergha; islamisti e terroristi. Coinvolti, credo già all’epoca di Gheddafi, nel commercio dei migranti.” Continua in calce al link soprastante

Antisionisti uguale antisemiti è come antifascisti uguale antitaliani – Scrive Fulvio Grimaldi: “Il teorema anti-sionismo uguale antisemitismo, uno dei pilastri della mobilitazione tesa a oscurare lo strisciante genocidio dei palestinesi, è abusivo e ricattatorio per due ragioni inconfutabili. La stragrande maggioranza degli ebrei in Palestina e nel mondo non è semita, ma eurocaucasica (vedi Shlomo Sand “L’invenzione del popolo ebraico”). Semiti sono gli arabi e…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2018/04/antisionista-e-uguale-ad-antisemita.html

Marche. Luogo non menzionato – Scrive Felice: “Mercatino dell’autoproduzione e dell’usato il 12 Maggio 2019.  Fabrizio ci tiene a farvi sapere che dopo pranzo, prima della ripresa del mercato ci sarà la proiezione di un video realizzato alla Tribù delle Noci Sonanti. Ci vediamo dunque là… Allegria e Salute.  Info: 338.8685427″

Il mondo nasce con l’ “io sono” – Qual è il meccanismo concettuale dietro alla creazione del mondo? A questa domanda Nisargadatta Maharaj rispose in modo lucido e chiaro: la creazione del mondo, come apparizione nella coscienza, ha un decuplo aspetto: – Purusha (maschile o mente) e Prakriti (femminile o natura), il materiale psichico e fisico. – L’essenza dei cinque elementi fondamentali (stati energetici): etere, aria, fuoco, acqua e terra, in continua e mutua frizione. – I tre attributi (o qualità): satva (armonia), rajas (attività), tamas (inerzia) Un individuo può pensare di essere lui stesso ad agire in realtà il suo nome e forma non sono altro che l’espressione combinata dell’incontro fra questi fattori… – Continua con testo bilingue: https://bioregionalismo.blogspot.com/2019/04/il-mondo-nasce-con-la-nascita-dell-io.html

Mio commentino: “non nego il valore dell’io sono, in quanto ego, poiché è l’aspetto che consente al mondo di assumere una parvenza di realtà… è il potere di Maya”

La mente filogenetica – Scrive Michele Trimarchi: “Ciò che ha illuminato e illumina il mio cammino di scienziato, oltre alla “curiosità”, è la ricerca continua delle cause dei fenomeni esistenti. Tutti i bambini, filogeneticamente, sono “scienziati”, poiché oltre al desiderio intrinseco di Amore subentra quello di capire, di conoscere, che è molto forte fin dalla nascita; e se le risposte fossero nella Verità…” – Continua: https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2019/04/la-mente-filogenetica-di-michele.html

Ciao, Paolo/Saul

………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Ogni giorno è un bel giorno” (Detto Zen)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Treia: entra nel vivo la Festa dei precursori, spiritualità laica, cronaca di un 25 aprile, economia bioregionale, ma se sei un uomo?

Il Giornaletto di Saul del 27 aprile 2019 – Treia: entra nel vivo la Festa dei precursori, spiritualità laica, cronaca di un 25 aprile, economia bioregionale, ma se sei un uomo?

Care, cari, entra nel vivo la Festa dei Precursori, alle ore 10 del 27 aprile 2019, Caterina Regazzi vi aspetta nella sede dell’Auser, in via Lanzi 20, per accompagnarvi in una visita dei ricordi nei luoghi di Treia. Al ritorno chi vorrà esserci potrà partecipare al picnic nel giardino del Circolo Vegetariano (ognuno porta qualcosa da condividere), alle ore 16, in Via Sacchette 15/a (vicino la casa di Don Vittorio) si tiene un incontro per parlare delle fedi e dei santi di Treia, con relazione di Alberto Meriggi, segue presentazione del libro “Ramana Maharshi. Meditazione Olistica” a cura del traduttore Giuseppe Moscatello con interventi del pubblico a rotazione e recita di poesie spirituali. La sera nella sala di meditazione del Circolo, il solista Upahar Anand guiderà una sessione di Bhajan con accompagnamento di strumenti indiani. La manifestazione è libera ed aperta a tutti ma per questioni di spazio ed organizzative è necessario comunicare la propria presenza. Info: 0733/216293 – 333.6023090 – circolovegetariano@gmail.com

Spiritualità Laica – La coscienza non può essere spiegata solo in termini di funzionamento fisiologico e sicuramente  possiede una sua propria natura e realtà. L’osservato non è mai scisso dall’osservatore,  l’immagine non può sostituirsi alla sostanza. L’individuazione mentale delle forme e dei nomi non basta a completare il quadro della vita dandogli un’interezza. Perciò alla ricerca di una matrice comune, a se stante ed allo stesso tempo onnicomprensiva, mi sono interrogato ed ho indagato sulla natura di colui che si interroga. Ho chiamato questo riflettere: Spiritualità Laica…. – Continua: https://bioregionalismo.blogspot.com/2018/04/physiological-consciousness-and.html

Agricoltura Contadina – Scrive Elisabetta Monti: “In Trentino Alto Adige ho partecipato ad una conferenza l’11 aprile u.s. dal titolo: sviluppo sostenibile ed accesso alla terra.  In  quell’ambito ho parlato della nostra campagna per l’agricoltura contadina presentandole linee della proposta di legge per l’agricoltura contadina. Pregherei chi altri si trovi in incontri pubblici a parlare dell’agricoltura Contadina di comunicarlo  per una migliore condivisione. Info: agricolafonte@gmail.com”

San Benedetto del Tronto (Marche). Cronaca di un 25 Aprile – Scrive Sara Di Giuseppe: “Per il terzo anno consecutivo dell’era Piunti, per espresso diktat del sindaco la banda cittadina non ha suonato, nel celebrare la Liberazione dal nazi-fascismo, quello che ne è l’Inno intramontabile, ufficiale, universalmente conosciuto e riconosciuto. Così, durante la cerimonia tenuta a San Benedetto del Tronto, presso il monumento in centro città, Bella ciao ce la siamo suonata e cantata solo noi: gruppetti auto-convocati separatamente e ritrovatisi insieme senza saperlo…” – Continua: https://retedellereti.blogspot.com/2019/04/san-benedetto-del-tronto-bella-ciao.html

Eolico pesante – Scrive Guido Dalla Casa a commento dell’articolo https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/01/eolico-pesante-se-le-rinnovabili.html -: “L’energia eolica è una follia: le pale sono orribili e uccidono gli uccelli, esseri altamente senzienti. L’unico modo di “produrre” o meglio “utilizzare”, energia in modo accettabile è quello solare diretto, cioè i pannelli solari termici per riscaldamento e acqua calda (posizionati sui tetti). Qualcosa può venire dal geotermico, ma si tratta di quantità molto piccole. Naturalmente bisogna consumare molto, ma molto di meno. “L’unico introito legittimo di energia del nostro pianeta è costituito dall’irraggiamento solare, e ogni crescita economica che consumi più energia di quella che riceviamo dal sole, irretisce l’economia mondiale in una spirale debitoria, che ci consegnerà a un creditore spietato…” (Konrad Lorenz). Il Creditore Spietato, evocato da Lorenz, non è un fantasma del futuro, ma ogni giorno si porta via della vita vivente, però ci lascerà fino all’ultimo lo sviluppo….”

L’economia bioregionale – Scrive Leonardo Boff: “L’economia bioregionale si propone di soddisfare i bisogni umani (in contrasto con la soddisfazione dei desideri) e realizzare il ben vivere e convivere, rispettando le possibilità e i limiti di ogni eco-sistema locale. Innanzitutto dobbiamo interrogarci sul senso della ricchezza e del suo uso. Invece di avere come obiettivo l’accumulazione materiale al di là di ciò che è necessario e decente, dobbiamo cercare un altro tipo di ricchezza, questa sì umana veramente, come il tempo per la famiglia e i figli, per gli amici, per sviluppare la creatività, per godersi incantati lo splendore della natura, per dedicarsi alla meditazione e al tempo libero. Il senso originario dell’economia non è l’accumulazione di capitale ma creazione e ri-creazione della vita…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2018/04/leconomia-bioregionale-secondo-leonardo.html

Il vantaggio dello scambio a mercato nero – Scrive C.M.D.: “Con l’economia sommersa si garantiscono anche un minimo di rispetto e sicurezza, diminuendo il rischio di rivolte violente da parte delle classi deboli. Tramite il mercato e il lavoro nero, in quelle circostanze particolari, si garantisce la distribuzione della ricchezza dalle classi agiate a quelle povere tramite transazioni private e volontarie, cosa che evidentemente lo stato non è riuscito a fare…”

Ma se sei un uomo? – Come un giovane leone che viene scacciato dal branco in cui è nato,  quando ha raggiunto l’età matura. Poi, dopo un periodo di girovagare senza scopo, in cui si aggrega ad altri leoni nella sua stessa condizione, la natura  lo spinge a sfidare  il vecchio  capo di un branco, usurpare il  suo posto ed appropriarsi delle femmine, generare una propria prole ed il ciclo si ripete…  Un intermezzo, una soddisfazione fugace derivata dal senso di potere  nell’ottenimento delle  “necessità”  di vita: sesso, cibo e compagnia.  Non c’è molto da fare se questo è il sistema dei leoni, se sei un leone, ma se sei un  uomo?… – Continua con testo bilingue: https://bioregionalismo.blogspot.com/2019/04/baba-muktananda-calls-it-freedom-baba.html

Ciao, Paolo/Saul

……………………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“La primavera è il tempo delle dichiarazioni spavalde. In autunno è difficile trovare qualcosa di assoluto. La vita è mistero e ambiguità…” (Deng Ming Dao)

Commenti disabilitati