Risultato della ricerca:

Economia circolare per legge, salviamo il paesaggio, Treia: il destino della fierucola bioregionale, Lilli crocerossina, origine del natale “cristiano”, la mia opinione sulla canapa…

Il Giornaletto di Saul del 14 dicembre 2019 – Economia circolare per legge, salviamo il paesaggio, Treia: il destino della fierucola bioregionale, Lilli crocerossina, origine del natale “cristiano”, la mia opinione sulla canapa…

Care, cari, l’Italia ha recepito il pacchetto U.E. sull’economia circolare. Il termine per il recepimento delle direttive è il 5 luglio 2020. Tra le novità nuovi obbiettivi per la raccolta ed il riciclo dei rifiuti urbani ed imballaggi, un ampliamento dei rifiuti domestici da recuperare, limiti al conferimento in discarica, responsabilità estesa dei produttori, interventi per ridurre gli sprechi alimentari ed il marine litter… – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/12/economia-circolare-per-legge.html

Gran Bretagna. Laburisti sconfitti – Scrive Mauro Gemma: “Significativa la sconfitta del Labour filo UE. I britannici (che al referendum avevano votato per il Brexit, compresi moltissimi lavoratori laburisti), sono evidentemente rimasti sconcertati dall’ambiguità del Labour e hanno, purtroppo, preferito votare per il mostro conservatore diretto dall’attuale premier Boris Johnson, che sull’uscita dall’Unione Europea ha giocato tutte le sue carte…”

Salviamo il paesaggio – Scrive Alessandro Mortarino: “In molti ci hanno chiesto come mai il Forum nazionale Salviamo il Paesaggio (al quale aderiscono anche il Circolo VV.TT. e la Rete Bioregionale Italiana ndr) quest’anno non abbia promosso iniziative per celebrare la Giornata mondiale per il suolo, del 5 dicembre. A tutti abbiamo risposto con ferma cortesia che quest’anno proprio non ci pareva il caso…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2019/12/13/salviamo-il-paesaggio-il-suolo-si-salva-tutto-lanno-non-solo-il-5-dicembre/

Cantori stonati – Scrive Luigi Caroli: “Ciao Paolo, nell’isola di Pasqua ci furono sicuramente coloro che continuarono a sostenere che gli alberi si potevano tagliare senza problemi. Sarebbero sicuramente ricresciuti. Non è stato così. Erano anche loro an nebbia ti? PS: le elucubrazioni sui difetti del MES sono perfettamente inutili. Contiamo poco. Quasi niente e ciò avviene ormai da lunga pezza…”

Mio commentino: “Caro Luigi, ci sarebbe parecchio da aggiungere e commentare  ma non voglio far polemiche inutili… lasciamo che il mondo vada dove deve andare!”

Treia. Il destino della Fierucola bioregionale… – Scrive Ferdinando Renzetti: “…ho letto il commento dispiaciuto di Caterina sulla Fierucola bioregionale di Treia, strano che un posto così bello come il vecchio mercato coperto, in quella bella piazza, non attragga neanche i frikkettoni dei paraggi, ci sarebbe da parlarne più diffusamente. Posso dire che già la Festa dei Precursori, di fine aprile, è poco frequentata dai treiesi… – Continua: https://treiacomunitaideale.blogspot.com/2019/12/treia-passata-la-festa-gabbatu-lu-santu.html

Marche. Documento unione contadina USI CIT – Scrive Seminasogni: “Ciao sono Marco, vi sottopongo il caso segnalato dall’Unione Contadina delle Marche sulla vicenda che sta coinvolgendo 140 famiglie di lavoratori di una ditta di Porto Sant’Elpidio, di fatto licenziati per aver rivendicato condizioni dignitose di lavoro. Se qualcuna/o volesse maggiori informazioni o a partecipare ai prossimi incontri può contattarmi senza problemi. Info: 3387687874 – manimarco82@gmail.com”

Lilli nel ruolo di crocerossina… – Scrive Maria Bignami: “Una cara amica mi ha raccontato questa sua esperienza, e desidero condividerla. Negli anni 1942-43 Lilli lavorava a Milano in zona Porta Vigentina e Porta Romana, in quel periodo gestiva un negozio di parrucchiera. Poco distante era stato ristrutturato uno stabile in economia, ma decoroso. Questo veniva utilizzato come infermeria, per accogliere e curare i feriti in guerra. Nella pausa pranzo, Lilli…” – Continua: https://retedellereti.blogspot.com/2019/12/lilli-nel-ruolo-di-crocerossina.html

Montecorone. Incontro con Enrico Manicardi – Domenica 15 dicembre 2019, ore 15.30, incontro a Ca’ Lamari di Montecorone di Zocca con Enrico Manicardi, autore di “Liberi dalla Civiltà” (http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2014/12/liberi-dalla-civilta-di-enrico.html). Durante l’incontro verranno proposte soluzioni ecologiste. Seguirà dibattito con i presenti. Info: 059.989639”

Ascoli Piceno. Libraria – Scrive Anna Casini: “Ho il piacere di invitarVi alla presentazione del volume “Aborigeni Mezzadri” – storie di economia circolare, che si terrà Venerdì 20/12/2019 alle ore 18.00 ad Ascoli Piceno presso la Bottega del Terzo Settore in corso Trento e Trieste 18. Info: anna.casini@regione.marche.it”

Origine del natale “cristiano” – Scrive Filippo Mariani: “Siamo ormai vicini alla festività di Natale, fervono i preparativi per la vigilia, cene, pranzi luculliani ci aspettano e poi brindisi e regali, ecc. ecc. E per i cattolici anche funzioni religiose. Ma aldilà dell’attesa del Natale quanti di voi si sono mai chiesti l’origine di questa festa, chi è stato ad inventarla e quando è comparsa per la prima volta? In questo breve servizio cercheremo di dare qualche risposta, di sfatare luoghi comuni e sconfessare fake news storiche, il tutto -come sempre- in nome della verità…” – Continua: https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2019/12/solstizio-invernale-lavvento-del.html

Canapa “leggera”, approvata alla Camera: “Un emendamento notturno dell’ 11 dicembre 2019  alla manovra economica 2020 approva la legalizzazione della Cannabis light, esulta il deputato del M5s Luca Merola, promotore dell’iniziativa. Emendamento alla prova del Senato. (https://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2019/12/la-camera-approva-la-legalizzazione.html)
Lo scorso mercoledì notte, forse per sfinimento, Luca Merola, deputato del M5s, riesce a far passare il suo emendamento per far legalizzare la commercializzazione della cannabis con contenuto di Thc al di sotto dello 0,5%….”

La mia opinione sulla canapa – Sia la “cannabis indica” che la “canapa sativa” fra di loro si fecondano e si mescolano. Un po’ come succede nell’accoppiamento fra un nero ed una donna bianca. Possono prolificare  e ciò dimostra che sono della stessa specie. Esiste la selezione naturale e la selezione artificiale ma se la natura è lasciata a se stessa alla fine la canapa si adatta semplicemente al clima ed alla latitudine. Infatti la canapa coltivata in Italia per centinaia o migliaia di anni era una pianta completamente adattata al clima ed alla latitudine dell’Italia… – Continua: http://paolodarpini.blogspot.com/2018/03/canapa-o-cannabis-le-piante-si-adattano.html

Ciao, Paolo/Saul

……………………..

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

“Quasi mai realizziamo che possiamo tagliare via qualunque cosa dalla nostra vita, in qualunque momento, in un istante!” (Carlos Castaneda)

……………..

“Ritengo che la Verità sia una terra senza sentieri e che non si possa raggiungere attraverso nessuna via, nessuna religione, nessuna scuola. Questo è il mio punto di vista, e vi aderisco totalmente e incondizionatamente. Poiché la Verità è illimitata, incondizionata, irraggiungibile attraverso qualunque via, non può venire organizzata, e nessuna organizzazione può essere creata per condurre o costringere gli altri lungo un particolare sentiero” (Jiddu Krishnamurti)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Saluti da Tiruvannamalai, ILVA che fare?, nonviolenza e diritti dell’infanzia, Mondeggi è innocente!, la guerra d’Europa, l’ultima domanda di Lorenzo Merlo…

Il Giornaletto di Saul del 16 novembre 2019 – Saluti da Tiruvannamalai, ILVA che fare?, nonviolenza e diritti dell’infanzia, Mondeggi è innocente!, la guerra d’Europa, l’ultima domanda di Lorenzo Merlo…

Care, cari, ciao a tutti sono stata alla tribù delle noci sonanti anni fa per una bellissima esperienza e ho partecipato a qualche mercatino. Ora mi è un po’ difficile perché vivo in india a Tiruvanammalai (Tamil Nadu) più di sei mesi l’anno. Mi piace avere vostre notizie e rimanere in contatto con le vostre idee e progetti, sperando che un giorno possa anche rincontrarvi…” (Claudia)

Mia rispostina: “Claudia, se sei a Tiruvannamalai ti prego di portare i miei saluti agli amici Upahar Anand e sua moglie Venu, che vivono lì 6 mesi all’anno e quando sono in Italia abitano a Riccione. Qui nel video a Treia, con Stefano Panzarasa, alla Festa dei Precursori: https://www.youtube.com/watch?v=LL7HVSJXc2U

Libraria – Scrive Arrigo Colombo: “Segnalo l’uscita del mio ultimo libro “La società fraterna”, il progetto dell’umanità nella sua fase più avanzata. Il volume si aggiunge alla “Trilogia della Nuova Utopia”. La società fraterna si profila lontana. Il principio fraterno è però già affermato nella Dichiarazione dei diritti del 1948, come un dovere: l’uomo deve rapportarsi a ogni altro uomo come a un fratello. Info: arribo@libero.it”

ILVA. Soluzione 1, 2 o 3…? – Scrive Michele Rallo: “…Come si può rimediare? In due modi: o con i soliti pannicelli caldi, o nazionalizzando l’ex Ilva. Io, ovviamente, sono per la seconda soluzione, ma a precise condizioni. Mi spiego: se nazionalizziamo, i 4 miliardi che aveva messo Arcelor dobbiamo metterceli noi. E ovviamente, non avendo i 4 miliardi, dovremmo farceli prestare dai “mercati”, facendo lievitare fortemente il nostro già altissimo debito pubblico. Ergo, con le attuali “regole” anche quella della nazionalizzazione diventa una strada difficilmente praticabile. Ma la soluzione c’è. Buttare a mare le regole dell’Unione Europea, del Fondo Monetario Internazionale e della mafia dei mercati, ed emettere titoli di Stato infruttiferi di libera circolazione – cioè moneta parallela – per un ammontare corrispondente a quanto necessario per nazionalizzare l’Ilva…” – Continua: https://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2019/11/ilva-soluzione-1-2-o-3.html

Sundance… Mysterious Traveller. Recensione – Scrive Ferdinando Renzetti: “Storie di culture senza frontiere, racconti che intercettano rotte migratorie di gente in movimento verso luoghi dove ricostituire una nuova appartenenza; parole originali e occasionali di compagni di strada aggregati nella diversità lungo linee di confine in continuo movimento. voci di solitudine e di emarginazione sofferenza e alienazione, tracce di una geografia costante e variabile.”

Nonviolenza e diritti dell’infanzia – Scrive Mao Valpiana: “E’ uscito il nuovo numero di “Azione nonviolenta”, monografico sui “Diritti dell’infanzia”, in occasione del 20 novembre giornata dedicata ai 30 anni della Convenzione ONU sui diritti delle bambine e dei bambini di tutto il mondo. Dove c’è guerra muoiono i diritti…” – Continua: https://retedellereti.blogspot.com/2019/11/azione-non-violenta-ed-i-diritti.html

Commento di Thich Nhat Hanh: “…siamo restati fedeli alla non violenza, senza cedere all’odio. Non avendo preso partito, eravamo perseguitati da tutte le fazioni. Chi lavora per la pace non può vedere nessuno come nemico né fare distinzioni.”

Mondeggi è innocente! – Mondeggi bene comune è una comunità che si contrappone al tentativo di svendita della tenuta di Mondeggi, attraverso un progetto di agricoltura contadina, gestione comunitaria e condivisione dei saperi basato sui principi di autogestione, cooperazione e mutualismo. Si è riappropriata collettivamente della terra nel giugno 2014, dopo anni di degrado e abbandono, fatto che l’ha portata molto rapidamente nelle aule dei tribunali. L’8 novembre 2019 si è svolta l’udienza che sanciva la sentenza di primo grado del processo per occupazione e furto di elettricità e d’acqua, i cui imputati erano 17 presidianti del progetto. Il dispositivo della sentenza emessa prevede la piena assoluzione di tutti gli imputati “perché il fatto non sussiste“…” – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/11/mondeggi-la-comune-senza-padroni-e.html

Fermento “paesaggistico” – Scrive Forum: “Gran fermento all’interno del nostro Forum nazionale Salviamo Il Paesaggio, dopo l’assemblea nazionale di Milano (12 ottobre scorso), è infatti stato avviato il percorso operativo con i Gruppi di Lavoro in corso di formazione, che avranno il compito di trasformare in azioni quotidiane la nostra linea strategica. Per aderire scrivere a: redazione@salviamoilpaesaggio.it”

La guerra d’Europa – Scrive Piero Pagliani: “…ci troviamo in mezzo a correnti che si contrastano e si incrociano: di qua un malessere popolare e un rancore verso l’Europa (giustificatissimi) che in mancanza di proposte alternative di emancipazione, si stanno fascistizzando; di là gli Stati Uniti, sempre più occupati a leccarsi le proprie ferite e le proprie lacerazioni interne e che non hanno mai accettato l’UE come un’entità politica…” – Continua: https://paolodarpini.blogspot.com/2019/11/il-caos-sistemico-e-la-guerra-deuropa.html?showComment=1573815619937#c3203092761143476191

Commento di Fulvio Grimaldi: “Molte cose condivisibili, altre meno. Drammatizzi il pericolo fascista, un po’ come quelli di Liliana Segre, ma trascuri il pericolo mortale vero: le piattaforme digitali dei Google & co., rispetto alle quali i destri polacchi sono come una zanzara rispetto a un avvoltoio…” – Continua in calce al link segnalato

L’ultima domanda – Scrive Eva: “Gentile Paolo, mi manca solo una risposta alle domande di Lorenzo Merlo che forse le è sfuggita: “Senza il supporto di una motivazione, quindi passionale, una consapevolezza resta certamente limitata al povero ambito intellettuale. Se ne potrà parlare ma non la si ricreerà spontanea nel quotidiano. Significa che l’io, i suoi interessi sono necessari all’evoluzione?”

Mia rispostina: “Qui l’uso del termine “consapevolezza” secondo me non è appropriato, la consapevolezza è intelligenza-coscienza, definita dal punto di vista etimologico come un fenomeno estremamente intimo, la radice del senso dell’io (in quanto presenza). Non è un superficiale essere informati né un semplice sapere – e si distingue anche dalla conoscenza intellettuale o dalla capacità di discernimento. In questo caso mi sembra più consono usare la parola “opinione”… – Continua con testo bilingue: https://bioregionalismo.blogspot.com/2019/11/the-last-evas-question-which-i-missed.html

Ciao, Paolo/Saul

……………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Un maestro zen mostra un grande foglio bianco con una piccola macchia di inchiostro: cosa vedete qui? ‘una macchia d’inchiostro’ risponde qualcuno, ‘bene’ continua il maestro ‘vediamo le macchie, anche le più piccole e non il grande foglio bianco’…” (F.R.)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Erbe, alberi e magia… con Sonia Baldoni

La parola ecologia deriva dal greco oikos che significa casa, ha cioè la stessa radice di economia, e questa filiazione etimologica mi ha sempre affascinato. Infatti attraverso l’ecologia, soprattutto quella profonda, ho appreso a considerare la natura come la mia vera casa cercando inoltre di trarre da essa il mio sostentamento.

Finché un bel dì conobbi Sonia Baldoni di Jesi ed appresi attraverso le passeggiate fatte assieme a lei, o per mezzo di semplici cerimonie, a collegare l’ecologia e l’economia con la magia. Infatti quello che apprezzai maggiormente, dell’esempio fornito da Sonia, è stata la sua spontanea passione per la riscoperta e per la trasmissione dei misteri naturali, quelli che solo le piante sanno conservare. Le piante indubbiamente sono gli esseri viventi più vicini allo spirito primordiale e sono le depositarie del potere magico della vita.

Ma andiamo per ordine. Il mio primo maestro in erbe fu un pastore conosciuto a Calcata nei primi anni ‘70 del secolo scorso. Si chiamava Irmo, era diventato orbo in seguito ad un incidente di percorso nelle sue continue esplorazioni nei boschi. Irmo era originario di Amelia (in Umbria) e finché gli fu possibile era solito continuare la tradizione della transumanza. Con le sue bestie ogni anno, in primavera inoltrata, se ne partiva lungo la via Amerina sino a raggiungere le colline umbre. Gli ultimi anni, non potendo più percorrere le strade di campagna, si spostava con tutti gli armenti su un camion preso a nolo. Infine, avendo ormai messo su famiglia e non potendo più spostarsi per l’età e gli acciacchi si limitò a pascere le greggi nella valle del Treja.

Quando lo conobbi mi parlava spesso delle piante della valle e mi spiegava di aver appreso a conoscerle osservando le capre e le pecore al pascolo. Dal loro comportamento, dai gusti stagionali, dalla qualità del latte prodotto, etc. aveva imparato quali fossero le loro proprietà.

Ovvio che restai molto intrigato da questi suoi racconti e volli anch’io seguire il suo esempio e comprai qualche pecora e qualche capra per vedere se avessero avuto qualcosa da insegnarmi. Ed in verità molto mi insegnarono… Imparai da loro a riconoscere quasi tutte le erbe commestibili della valle. Tra l’altro scoprii come anche gli ovini ed i caprini fossero dediti allo sballo.. Non so se era l’aria di Calcata, che induceva un po’ tutti ad eccedere con sostanze alteranti, ma scoprii come in primavera anche gli armenti si dilettassero con i germogli freschi di cicuta, una pianta psicotropa famosa sin dall’antichità, persino dedicandosi allo stramonio ed altre pianticelle “psichiche”..

Ricordo addirittura una pecora che era talmente assuefatta allo sballo che addirittura morì di overdose, con gli occhi strabuzzanti e la bava alla bocca. Ma in questo non seguii mai quel cattivo esempio e mi limitai a raccogliere le piante selvatiche buone in cucina, cotte e crude. Non conoscevo nemmeno il loro nome, le chiamavo con nomi di fantasia. In seguito li conobbi attraverso le lezioni ricevute sul campo dal mio secondo maestro, Giuseppe Roveri, che era un erborista diplomato all’Università di Camerino e socio co-fondatore del Circolo vegetariano VV.TT..

Egli accompagnava spesso me ed altri appassionati in giro per la valle e ci raccontava tante storielle popolari sulle varie piante e sul significato dei loro nomi. Infine, trascorsi diversi anni, verso i primi di questo nuovo millennio, cominciai anch’io ad accompagnare neofiti alla ricerca di erbe e scrissi diversi articoli sulle proprietà e sul significato della forma, del colore, dell’odore di erbe e fiori e frutti.

Infine giunse la mia terza istruttrice, Sonia Baldoni e lei mi insegnò i significati magici delle piante e degli alberi, che sino a quel punto avevo trascurato. Ontano, lauro, agrifoglio, quercia… e le costellazioni collegate e gli spiriti benigni incarnati.

Il mio primo incontro con Sonia avvenne a Calcata, forse nel 2009, ad una festa di luna piena di luglio. Dopo la consueta passeggiata nella valle del Treja, avevamo predisposto una cerimonia sotto la luna, attorno al fuoco, e lì essa apparve, introdotta dall’amico psicologo Ciro Aurigemma. Dopo aver mangiato le erbe da noi raccolte, e avendo iniziato il giro di condivisione sulle esperienze karmiche con la luna piena, ecco che Sonia propose di fare un’offerta rituale al fuoco.. e diede ad ognuno di noi una manciatella di erbe e fiori da lei precedentemente mescolati affinché li offrissimo alla fiamma girando intorno al falò. E fu così che iniziai a conoscere anche le virtù magiche delle piante.

Fatalità, dopo qualche anno, mi ritrovai a Treia (in provincia di Macerata) in visita alla casa della mia compagna Caterina, era il 2010, e pensai subito di organizzarvi un primo evento, un’altra festa della luna piena ma stavolta di agosto, e chiamai Sonia a partecipare. Dall’anno seguente mi trasferii stabilmente a Treia e lì iniziò una collaborazione più fitta ed intensa fra lei e me.

Organizzammo la prima cerimonia della vigilia di Ognissanti (Samhain) in occasione dell’incontro annuale della Rete Bioregionale del 2010, che si tenne nel podere di Lucilla Pavoni (a San Severino Marche), la cerimonia fu ripetuta anche nel 2011… Nel frattempo c’era stata anche la Festa dei Precursori del maggio 2011, con riti dedicati al mondo femminile ed alla raccolta di rose e bacche di rosa canina, con preparazione di fiori di Bach, che si ripeterà anche quest’anno (2012).

Insomma sembra che con Sonia si siano ormai stabiliti due importanti appuntamenti marchigiani, uno in primavera ed uno in autunno.. I momenti migliori della natura, quelli in cui la natura prorompe in bellezza di fioriture e frutti.

Paolo D’Arpini

Articoli sulla presenza di Sonia Baldoni agli eventi del Circolo Vegetariano VV.TT.: http://www.circolovegetarianocalcata.it/page/2/?s=sonia+baldoni

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

Uno stato libero emette moneta propria, Ricerca spirituale laica, Forsetroppo e Palindroma, una storia sufi su Gesù, Cison di Valmarino: marcia contro i pesticidi, Auser: Conferenza Nazionale di Organizzazione, attenzione alla scuola pubblica, Treia: collettivo bioregionale ecologista…

Il Giornaletto di Saul del 10 maggio 2019 – Uno stato libero emette moneta propria, Ricerca spirituale laica, Forsetroppo e Palindroma, una storia sufi su Gesù, Cison di Valmarino: marcia contro i pesticidi, Auser: Conferenza Nazionale di Organizzazione, attenzione alla scuola pubblica, Treia: collettivo bioregionale ecologista…

Care, cari,  tutti i paesi dove lo stato dispone di una propria banca centrale e di moneta sovrana le crisi sono state superate gestendo in prima persona l’emissione di moneta e l’eliminazione dei debiti, dei fallimenti e dei titoli tossici senza ricorrere al “mercato” esterno, cioè a finanziatori esterni, come invece sono costretti a fare i paesi dell’Eurozona essendo vincolati ad una moneta unica e privati della sovranità monetaria, come l’Italia. Un sistema quest’ultimo che impedisce ai paesi di trovare soluzioni autonome e li rende schiavi del mercato e quindi delle élite finanziarie mondiali il cui scopo oltre che di speculare è anche quello di assoggettare i governi ai loro interessi… (Claudio Martinotti Doria)

La ricerca spirituale laica inizia e finisce nel Sé – Un aspirante maturo può anche non aver bisogno di incontrare un maestro in una forma fisica, ma può trarre insegnamento e guida dalle situazioni vissute e da ispirazioni interiori. Tali cercatori sono talmente rari da poter affermare che la “realizzazione finale” non è possibile senza la Grazia di un vero Maestro realizzato. Pertanto occorre perfezionarsi nella propria ricerca con sincerità, onestà e perseveranza finché non si possa ricevere la Grazia di un tale Maestro. Dopodiché la ricerca prosegue spontaneamente secondo le proprie predisposizioni e destino. Per quanto riguarda la frequentazione di altri devoti può essere utile per mantenere accesa la fiamma della “ricerca”, sapendo che il lavoro è sempre svolto all’interno dalla persona direttamente interessata… – Continua: https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2018/05/la-ricerca-spirituale-laica-inizia-e.html

P.S. Ho voluto riprendere questo scritto sulla funzione del Guru nella spiritualità laica perché proprio ieri mi ha telefonato il responsabile delle Edizioni OM per fare una chiacchierata sulla via spirituale e sulle esperienze lungo il percorso. Tempo fa attraverso l’amico Giuseppe Moscatello gli avevo fatto pervenire un libro su Bhagawan Nityananda, il mio nonno spirituale, da me tradotto nel lontano 1974. E lui l’aveva molto apprezzato così parlando ne è sortito un progetto per un nuovo libro sugli incontri da me avuti e gli insegnamenti ricevuti attraverso il rapporto diretto od indiretto con vari santi. Così ho cominciato a lavorare a questa nuova raccolta, ancora senza un titolo preciso, forse “Compagni di viaggio nella via spirituale laica”, vedremo…

Treia. Forsetroppo e Palindroma – Scrive Ferdinando Renzetti: “….era arrivato a Treia accompagnato da una sua amica, gli era subito piaciuto molto quel paese di mattoni e quella bella casa grande che si affaccia sul vuoto. Aveva conosciuto tutti in poco tempo,  aveva ascoltato con cura e raccontato molto durante quella strana “festa dei precursori”, dedicata al tramando. Lì aveva conosciuto quella  strana  ragazza con i capelli ricci gli occhi scuri e quel rossetto lilla sulle labbra che… – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2015/05/06/forsetroppo-e-palindroma-ed-altri-fantastici-personaggi-alla-festa-dei-precursori-di-treia/?

Passo di Treia. Incontro per il volontariato solidale – “Le associazioni di volontariato che si fanno promotrici di un servizio sociale a favore della Comunità, hanno organizzato un incontro promozionale che si terrà, con inizio alle ore 21:00, il 10 maggio 2019 nella parrocchia di Passo di Treia. A illustrare i progetti in corso saranno presenti i responsabili di Avis Treia, Adesso Yoga e Auser Treia.  Le adesioni sono aperte a tutte le persone volenterose che risiedono nella nostra comunità e che intendono collaborare alla Rete di solidarietà sociale che si sta creando a Treia.”

Treia (Borgo). Archetipi psichici – Scrive Barbara Rossetti: “Incontro su Archetipi psichici, I Ching e Zodiaco cinese al Centro “Adesso Yoga” in Via Bellamore 1 – Treia (Borgo). Domenica 2 Giugno 2019 – Ore 17 – Ingresso Libero. Info: 338.3125143″

Una storia sufi su Gesù… – Scrisse Osho: “I Sufi hanno alcune belle storie su Gesù che mancano nel Vangelo. Una delle storie è che Gesù andò a meditare sulle montagne. Incontrò un uomo molto anziano che viveva senza tetto, senza riparo, seduto sotto un albero. Gesù si stupì e chiese al vecchio…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2018/05/una-storia-sufi-su-gesu-raccontata-da.html

Villa Potenza RACI – Scrive Letizia Carducci: “Prosegue il programma per raccontare i nostri contadini all’interno dello spazio fieristico dedicato alle Radici Agricoltura Cibo ed Innovazione. Saremo presenti nello spazio Eventi, alla Fiera di Villa Potenza con 2 appuntamenti, alle ore 17. Sabato 11: Matteo Mancini  con il libro “Agricoltura organica e rigenerativa” (Terra Nuova edizioni). Domenica 12: Debora Iannacci con “Un anno da vergara” (Giaconi Editore) – Info: 3495239761″

Cison di Valmarino. Marcia contro i pesticidi – Scrive Gianluigi Salvador: “La  “moltitudine in movimento” bioregionale, a tutela dei valori fondamentali della salute e della biodiversità, continuerà, ancora più determinata, nonostante le denunce  e le condanne, la sua battaglia in favore dell’ambiente e della salute dell’uomo. La difesa delle nostre vite e del nostro ambiente potrà dar fastidio ad alcuni che curano solo interessi di profitto a breve, ma è innegabile affermare che i pesticidi di sintesi inquinano e distruggono la vita…” – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/05/cison-di-valmarino-e-follina-in-marcia.html

Serra S. Abbondio. Scopri la Via – Scrive Sonia Baldoni: ” Scopri la Via di Santa Ildegarda, maestra di vita per il III millennio. Evento a Fonte Avellana di Serra S. Abbondio, con laboratori esperenziali e cucina vegetariana, dal 7 al 9 giugno 2019. Info: 371.1178292″

Roma. Auser: Conferenza Nazionale di Organizzazione – Scrive Giusy Colmo: “Il 9 maggio 2019 si sono aperti  a Roma presso il Centro  Congressi Frentani i lavori della  Conferenza di Organizzazione dell’Auser. Al centro dei lavori  le nuove sfide dettate dall’entrata in  vigore del  Codice Unico del Terzo Settore. Il 10 maggio Tavola Rotonda con Maurizio Landini e Ivan Pedretti…” – Continua: https://auser-treia.blogspot.com/2019/05/auser-9-e-10-maggio-2019-avviata-la.html

L’universo è una proiezione olografica? – Scrive Marco Bracci a commento dell’articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2019/05/08/l%E2%80%99universo-e-una-illusione-olografica/ -: “La spiegazione, terra terra, del perché le percezioni di cui parla l’articolista di T.N. avvengono istantaneamente, la si può dare semplicemente pensando che Dio è onnipresente, quindi qualunque avvenimento accada in una qualsiasi parte o punto infinitesimale del “Suo Corpo” (la Creazione tutta), Egli lo “percepisce” istantaneamente…” – Continua in calce al link

Roma. Attenzione alla scuola pubblica – Scrive Coordinamento: “Il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale promuove un confronto con esponenti del mondo della scuola per affrontare gli effetti dell’autonomia differenziata che può rappresentare un serio pericolo per il sistema di istruzione pubblico nazionale…” – Continua: https://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2019/05/coordinamento-per-la-democrazia.html

Cafaggio. Bene Comune – Scrive CIR: “L’incontro si svolge a Valle del Chioma Cafaggio. È una valle dopo valle benedetta, Monti a sud di Livorno Un luogo di tanta bellezza e con un cuore pulsante. Uscita Livorno Montenero si segue lo Stillo, poi il Gabbro. Si sale qualche km e si svolta a sinistra in Valle del Chioma (c’è una casa Bianca stile anni 70) si scende fino a Cafaggio 1 c’è il cartello. Poi si sale a piedi. Info: cir.informa@gmail.com”

Treia. Collettivo bioregionale ecologista – Il Comune di Treia ha concesso il Patrocinio Morale per la manifestazione, inoltre abbiamo ricevuto ulteriori adesioni all’evento. Qui gli aggiornamenti sul programma del prossimo Incontro Collettivo Bioregionale Ecologista che si tiene il 22 e 23 giugno 2019  a Treia, Passo Treia e Moje di Treia: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/03/treia-e-moje-incontro-bioregionale.html

Ciao, Paolo/Saul  

………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Quando scorgiamo il volto di Dio torniamo a vederlo in tutti coloro che incontriamo” (Deng Ming Dao)

Commenti disabilitati

Risultato della ricerca:

“Unite in Babylon”, no all’avvelenamento sistematico dei campi, Verbicaro: progetto di comunità intenzionale, lo zen apparente, panspermia, resoconto della Festa dei Precursori 2019, bioregionalismo come soluzione…

Il Giornaletto di Saul del 6 maggio 2019 – “Unite in Babylon”, no all’avvelenamento sistematico dei campi, Verbicaro: progetto di comunità intenzionale, lo zen apparente, panspermia, resoconto della Festa dei Precursori 2019, bioregionalismo come soluzione…

Care, cari, al Circolo di canti “Unite in Babylon” l’idea è di ritrovarsi in un luogo aperto al pubblico e cantare canzoni a cui tutti possono unirsi e cantare. Non è necessario conoscere bene una canzone o i testi. Devi solo unirti alle poche o tante persone che ci saranno per cantare insieme come una cosa sola. In Italia l’esperimento viene fatto quest’anno, il 2 giugno, a Roma ed a Livorno… – Continua: https://retedellereti.blogspot.com/2019/05/livorno-e-roma-2-giugno-2019-cerchio-di.html

Commento di Gaudio: “L’evento non ha nessuna finalità di lucro ed è esclusivamente finalizzato a portare la bellezza del canto in tutte le sue sfumature di colore nel cuore di questa società così confusa e disarmonica. Per intercettare tutte quelle anime che altrimenti non avrebbero accesso a questo sentire. Non occorre essere musicisti per partecipare e contribuire, anzi, ogni apporto è fondamentale alla sua riuscita…”

No all’avvelenamento sistematico dei campi – Scrive Giuseppe Altieri: “L’Europa minaccia di rendere legali i danni provocati dai pesticidi agli esseri umani…  mentre i ricchi mangiano biologico.  Non si sa nemmeno dove cominciare, si annega in pessime notizie. Oggi che i danni da pesticidi sono illegali, nessuno o pochissimi fa le cause per il risarcimento, né tantomeno blocca la vendita e l’uso di pesticidi cancerogeni e distruttori endocrini…” Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/05/terre-deuropa-no-allavvelenamento.html

Treia Comunità ideale. Sostegno a distanza – Scrive Maria Bignami a commento dell’articolo https://treiacomunitaideale.blogspot.com/2018/05/treia-comunita-ideale-comitato-civico.html -: “Grande Paolo! è tempo che tu scenda in pista per esibirti nella tua danza di Fratellanza, Giustizia, Unione = Amore.  D’accordo, NO politica. Che questi intenti siano molto contagiosi! Ti sostengo con entusiasmo!  Con Amore fraterno…”

Verbicaro. Progetto di comunità intenzionale – Scrive Jisoleji: “Hola! Siamo Lingam, Sole e il piccolo Suami. Finalmente abbiamo trovato una terra grande in Calabria, a Verbicaro (Cs), che può accogliere noi ed altre famiglie. Inizia la fase pionieristica del nostro progetto comunitario. Se avete camper, roulotte o tenda e grande spirito di adattamento e volete fare un’esperienza nel verde, venite a visitarci ed aiutarci!..” – Continua con testo bilingue: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/05/verbicaro-progetto-di-comunita.html

Fu vera gloria? – Scrive Sabrina Pessina: “Ogni cinque maggio, in modo del tutto puntuale e sorprendentemente involontario, sorgono nella nostra mente sempre quelle due brevi parole, quattro lettere in tutto, che sanno sprigionare una forza storica e poetica incommensurabile: Ei fu siccome immobile… – Ei, lui – ovvero Napoleone Bonaparte (Ajaccio, 15 agosto 1769 – Isola di Sant’Elena, 5 maggio 1821)…”

Lo zen dell’apparenza – Scrive Ferdinando Renzetti: “Il maestro zen convocò i suoi discepoli, pose una brocca sul pavimento e disse loro: “Sceglierò chi saprà descrivere questa brocca senza nominarla”. Allora si alzò un semplice inserviente. Egli prese la brocca in mano e la mostrò a tutti senza dire nulla. Una sera di plenilunio, il maestro chiamò i suoi allievi e disse loro: chi ha capito l’insegnamento zen dev’essere in grado di spiegare che cos’è la luna senza nominarla…” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2019/05/05/simboli-didattica-empatica-e-viceversa-di-ferdinando-renzetti/

Commento di Sritha Lakshmi: “It is good to be with those who smile; we feel loved. Life is too short. Let not our life be spent in aimless uncomfortable numb affairs. Strenght is life, will power and intellectual power. Let us be heroic…”

Panspermia? – Scrive Giuseppe Moscatello: “Per quelli aggrappati alla razionalità positivista, che riescono a rigare gli specchi con i polpastrelli pur di rimanere aggrappati a formulazioni fisico razionali dalle quali non osano scostarsi, impiegati della scienza col posto fisso (una speranza resta nel dubbio e nella ricerca), le risposte le dà Reich: “la vita può essersi originata come generazione spontanea…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/05/panspermia-bioni-allorigine-della-vita.html

Tuscania. Lotta contro la pioggia – Scrive M5S: “Malgrado la pioggia torrenziale che si è abbattuta su Tuscania nel pomeriggio di ieri, il Movimento 5 stelle ha presentato la sua lista per le prossime elezioni comunali, spostando la location dall’esterno all’interno dello chalet di Venturino nel giardino comunale. La candidata Sindaco Miriam Vitangeli ha presentato  il suo gruppo composto da persone normali che hanno deciso di mettersi in gioco per il bene del proprio paese…”

Grecia. Fubini tace sui bambini morti… – Scrive Adriano Colafrancesco: “…“C’è un articolo che non ho voluto scrivere sul Corriere della sera guardando i dati sulla mortalità infantile in Grecia. Non l’ho scritto perché il dibattito in Italia è avvelenato tra gli anti-europeisti, pronti a usare qualunque materiale come una clava contro l’Europa e ciò che rappresenta”. Federico Fubini, vice direttore del Corriere della sera ha ammesso in un’intervista a TV 2000 che lui era venuto a sapere per certo che, a causa della crisi, in Grecia, erano morti 700 bambini, ma aveva deciso di non dare questa notizia per paura che essa venisse strumentalizzata dagli euroscettici…”

Resoconto della Festa dei Precursori 2019 – Scrive Caterina Regazzi: “Quest’anno, dal 25 al 28 aprile 2019, la Festa dei Precursori del Circolo vegetariano VV.TT., è stata “condita ” da una novità: dopo un periodo di molto travagliata amministrazione del Comune di Treia, che è stato anche commissariato (e ringraziamo il Commissario, Salvatore Angieri, che si è dimostrato degna persona), ci saranno a breve (il 26 maggio 2019) le elezioni comunali, oltre a quelle europee e il mio caro Paolo ha deciso di candidarsi nella Lista Civica “Democratici per Treia”. Per cui ci sono state riunioni, raccolta adesioni alla lista, raccolta firme, insomma tanta attività che, per me che andrei a Treia per rilassarmi non è il massimo, ma si sa, io vado dalla necessità di riposo a quella di rendermi utile in qualche modo, per cui, è stato un bel darsi da fare!” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2019/05/05/treia-resoconto-della-festa-dei-precursori-tenutasi-dal-25-al-28-aprile-2019/

Una memoria del 24 agosto 2009 su come ebbi l’ispirazione di visitare Treia e poi di trasferirmici. Scrivevo a Caterina: “Cara caterina, oggi mentre stavo al Tempio a fare un po’ di siesta nella grotticella e poi mentre tagliavo qualche ramaglia sul sentiero mi è venuta in mente la descrizione della tua casa di Treia. Ho rivisto nella fantasia i particolari di questa casa su più piani simile ad una torre, ma c’è una porta anche nel piano più basso o si entra solo da quello alto? Non credo che potrò mai spostarmi da Calcata ma intanto mi è venuta la curiosità di conoscere meglio quel tuo posto. Magari una volta che hai una settimana libera puoi venire qui, stare uno o due giorni e poi anche andare assieme uno o due giorni a Treia. Che ne dici?…” – Il 2 gennaio del 2010 in effetti andammo a Treia. E vista la città e la casa di Caterina sentii che questo è il mio posto!”

Bioregionalismo come soluzione planetaria – Scrive Stefano Panzarasa: “Sia la società capitalistica, sia ciò che rimane della società del cosiddetto “socialismo reale”, sia le società percorse da movimenti a carattere religioso-integralista, stanno mettendo terribilmente in luce tutti i loro limiti ambientali, sociali e economici. Il pericolo planetario di una catastrofe nucleare, la guerra, l’inquinamento, l’ingiustizia sociale, sono solo tra i più eclatanti aspetti che stanno lì ad incrinare profondamente il mito di dominio e di sviluppo che sembrerebbe abbia sempre guidato queste società di tipo gerarchico-dominatore nei loro pensieri e nelle loro azioni…” – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2016/05/bioregionalismo-come-soluzione-alla.html

Ciao, Paolo/Saul

…………………………

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

“Tanto è il bene che mi aspetto che ogni pena mi è diletto” (Giovanni di Pietro di Bernardone, San Francesco)

“Quando un popolo, divorato dalle sete della libertà, si trova ad avere a capo dei coppieri che gliene versano quanta ne vuole, fino ad ubriacarlo, accade allora che, se i governanti resistono alle richieste dei sempre più esigenti sudditi, son dichiarati tiranni, e avviene pure che chi si dimostra disciplinato nei confronti dei superiori è definito un uomo senza carattere, servo; che il padre impaurito finisce per trattare il figlio come suo pari, e non è più rispettato. Che il maestro non osa rimproverare gli scolari e costoro si fanno beffe di lui. Che i giovani pretendono gli stessi diritti, la stessa considerazione dei vecchi, e questi, per non parer troppo severi, danno ragione ai giovani. In questo clima di libertà, nel nome della medesima, non vi è più riguardo né rispetto per nessuno. In mezzo a tanta licenza nasce e si sviluppa una mala pianta: La Tirannia” (Platone)

Commenti disabilitati